Per la segnalazione di titoli clicca qui


Allega un file
(Formato .pdf/.doc/.txt)

* Denota campo obbligatorio

Acconsento alla Privacy Policy



AGRIGENTO 

L.M.CALIÒ ET ALII (eds.), Agrigento. Nuove ricerche sull’area pubblica centrale, Roma 2017.

D.PALERMO, Agrigento arcaica, Falaride e le città sicane dell’entroterra, in: L.Cicala – B.Ferrara (eds.), Kithon Lydios. Studi di storia e archeologia con Giovanna Greco, Quaderni del Centro Studi Magna Grecia 22, Napoli 2017, 557-565.

E.DE MIRO, L’Iseo di Agrigento nel contesto mediterraneo, in: R.Giglio Cerniglia (ed.), Il culto di Iside nel Mediterraneo tra Lilibeo e Alessandria d’Egitto, Atti del Convegno, Marsala, 13-14 maggio 2011, vol. II, Mare Internum 8, 2016[2017], 57-75.

M.SILVESTRINI, Colonia Septima Augusta Agrigentinorum, in: R.Giglio Cerniglia (ed.), Il culto di Iside nel Mediterraneo tra Lilibeo e Alessandria d’Egitto, Atti del Convegno, Marsala, 13-14 maggio 2011, vol. II, Mare Internum 8, 2016[2017], 51-56.

G.BOFFA, La rifondazione timoleontea di Agrigento e lo Zeus Exakester, Studi di Antichità 13, 2015, 87-100.

M.KAJAVA, Two Greek documents on bronze (IG XIV 954; IG XIV 955 = IGUR 4), Arctos 48, 2014, 205-209.

G.MANGANARO, Rivangando iscrizioni siceliote e monete imperiali con contromarche e incisioni, Epigraphica 76, 2014, 63-80.

E.DE MIRO, Akragas. Genesi e svolgimento dell’attività costruttiva e religiosa sotto Terone, in: Hesperìa 30, L’indagine e la rima. Scritti per Lorenzo Braccesi, Roma 2013, 469-484.

G.MANGANARO, Tre iscrizioni di Agrigento, il culto dei Caesares nipoti di Augusto e la diffusione della gens Annia, Sicilia Antiqua 10, 2013, 247-252.

G.ADORNATO, Phalaris. Literary myth or historical reality? Reassessing archaic Akragas, AJA 116, 2012, 483-506.

F.BATTISTONI – P.ROTHENHÖFER, Caesars Sohn und die Annii von Agrigent. Eine wirtschaftliche Liaison?, ASNP serie 5, 4.1, 2012, 103-115.

E.DE MIRO, Agorai e forum in Agrigento, in: C.Ampolo (ed.), Agora greca e agorai di Sicilia, Giornate Internazionali di Studi, Erice, 12-15 ottobre 2009, Pisa 2012, 101-110.

C.MARCONI, Altari e potere, in: M.Castiglione – A.Poggio (eds.), Arte – Potere. Forme artistiche, istituzioni, paradigmi interpretativi, Atti del Convegno di Studio, Pisa, Scuola Normale Superiore, 25 – 27 novembre 2010, Milano 2012, 195-205.

G.ADORNATO, Akragas arcaica. Modelli culturali e linguaggi artistici di una città greca d’Occidente, Milano 2011.

E.DE MIRO – G.FIORENTINI (eds.), Agrigento romana. VI. Gli edifici pubblici civili, Pisa – Roma 2011.

B.GAROZZO, Bolli su anfore e laterizi in Sicilia (Agrigento, Palermo, Trapani), Pisa 2011.

M.SILVESTRINI, Colonia Septimia Augusta Agrigentinorum, in: S.Cagnazzi et alii (eds.), Scritti di storia per Mario Pani, Bari 2011, 455-468.
The A. is concerned with a dedicatory inscription found in 2008 at excavations at Capo Boeo, Marsala, which provides us with the name of the Severian colony of Agrigentum. By comparing the inscriptions with parallels the A. comes to the conclusion that the inscription may deal with the dedication to a patron of Agrigentum, who had this statue erected at his estate in Lilybaeum [pp.455-459]. Then the A. connects the elevation of Agrigent to a colony with the politics of Septimius Severus, who favoured certain territories like Mesopotamia and Africa as well as communities, which had stayed loyal to him during the civil war [pp.459-461]. Sicily too, where Severus had been proconsul in 189/190, flourished under his reign, which is attested by archaeological and epigraphical sources [pp.461-463]. Looking for a suitable patron the A. suggests that the prominent Stertinii family could have been present in Lilybaeum and that a member of this family may be considered as being the honoured patron [pp.462-465]. [N. Rafetseder]

G.F.LA TORRE, La tirannide di Falaride e la politica territoriale di Agrigento, in: M.Caccamo Caltabiano – C.Raccuia – E.Santagati (eds.), Tyrannis, basileia, imperium. Forme, prassi e simboli del potere politico nel mondo greco e romano, Atti delle giornate seminariali in onore di S. Nerina Consolo Langher, Messina, 17-19 dicembre 2007, Messina 2010, 73-88.

C.MICCICHÈ, Siracusa e Akragas nel V secolo a.C. fra symmachìai e philotimìai, in: D.Bonanno et alii (eds.), Alleanze e parentele. Le “affinità elettive” nella storiografia sulla Sicilia antica, Atti del convegno internazionale, Palermo, 14-15 aprile 2010, Caltanissetta – Roma 2010, 61-73.

M.PAVLOU, Pindar Olympian 3. Mapping Acragas on the periphery of the earth, CQ 60.2, 2010, 313-326.

A.DE MIRO, Agrigento in età arcaica, in: R.Panvini – L.Sole (eds.), La Sicilia in età arcaica. Dalle apoikiai al 480 a.C. Contributi dalle recenti indagini archeologiche, Palermo 2009, 245-249.

G.FIORENTINI, Il ginnasio di Agrigento, Sicilia Antiqua 6, 2009, 71-109.

G.PUGLIESE CARRATELLI – G.FIORENTINI, Akragas, colonia d’oltremare. Il museo, in: D.Alessi (ed.), Nel tempo degli dei. Le collezioni dei Musei archeologici in Sicilia, Palermo 2009, 52-75.

M.C.CARDETE DEL OLMO, La construction idéologique du passé agrigentin. Théron et les ossements de Minos, DHA 34, 2008, 9-26.

G.ADORNATO, L’Efebo di Agrigento. Cultura figurativa e linguaggi artistici ad Akragas in età tardoantica e protoclassica, Prospettiva 128, 2007, 2-25.

U.WESTERMARK, Some Ancient Forgeries of Dekadrachms of Akragas, NAC 36, 2007, 77-88.

G.ADORNATO, Monumenti per una vittoria. Agrigento e Siracusa tra alleanze e rivalità, in: M.A.Vaggioli – C.Michelini (eds.), Guerra e pace in Sicilia e nel Mediterraneo antico (VIII-III sec.a.C.). Arte, prassi e teoria della pace e della guerra, Atti delle quinte giornate internazionali di studi sull’area elima e la Sicilia occidentale nel contesto mediterraneo, Erice, 12-15 ottobre 2003, I-II, Pisa 2006, 447-460.

  1. MICCICHÈ, Ducezio fra Akragas e Siracusa, in: C.Miccichè – S.Modeo – L.Santagati (eds.), Diodoro Siculo e la Sicilia indigena, Atti del Convegno di Studi, Caltanissetta, 21-22 maggio 2005, Palermo 2006, 121-134.

G.FIORENTINI, Le agorai e gli edifici civili di Agrigento, in: P.Minà (ed.), Urbanistica e architettura nella Sicilia greca, Catalogo della Mostra, Agrigento, 14 novembre 2004 – 31 ottobre 2005, Palermo 2005, 61-63.

S.GARRAFFO, Un nuovo statere corinzio riconiato ad Akragas, in: R.Gigli (ed.), Μεγαλαι νησοι. Studi dedicati a Giovanni Rizza per il suo ottantesimo compleanno, II, Palermo 2005, 375-380.

G.ADORNATO, I guerrieri di Agrigento, Prospettiva 110-111, 2003, 2-17.

R.ARENA, Problemi inerenti alla documentazione epigrafica di Gela ed Agrigento, Acme 56, 2003, 245-250.

G.FIORENTINI, L’età dionigiana a Gela e Agrigento, in: N.Bonacasa – L.Braccesi – E.De Miro (eds.), La Sicilia dei due Dionisî, Atti della settimana di studio, Agrigento, 24-28 febbraio 1999, Roma 2002, 147-167.

T.FISHER-HANSEN, Reflections on Native Settlements in the Dominions of Gela and Akragas – as Seen from the Perspective of the Copenhagen Polis Centre, in: T.Heine Nielsen (ed.), Even More Studies in the Ancient Greek Polis, Papers from the Copenhagen Polis Centre 6, Stuttgart 2002, 125-186.

A.STAZIO, Moneta, economia e società, in: N.Bonacasa – L.Braccesi – E.De Miro (eds.), La Sicilia dei due Dionisî, Atti della settimana di studio, Agrigento, 24-28 febbraio 1999, Roma 2002, 219-229.

G.TAGLIAMONTE, Mercenari italici ad Agrigento, in: N.Bonacasa – L.Braccesi – E.De Miro (eds.), La Sicilia dei due Dionisî, Atti della settimana di studio, Agrigento, 24-28 febbraio 1999, Roma 2002, 501-518.

A.CUTRONI TUSA, La zecca di Agrigento durante la seconda guerra punica, Scienze dell’Antichità 11, 2001-2002, 305-318.

E.DE MIRO, Siracusa, Gela, Akragas nel periodo dionigiano: fonti storiche e nuovi dati archeologici, in: S.Bianchetti (ed.), Ποίκιλμα. Studi in onore di Michele R. Cataudella in occasione del 60° compleanno, La Spezia 2001, 361-367.

E.ZAMBON, Le tirannidi nella Sicilia post-agatoclea. Il caso di Agrigento, Hesperìa 14, 2001, 179-189.

L.G.LO PRESTI, Gela e l’entroterra tra il VII e VI secolo a.C., Kokalos 46, 2000, 365-380.

G.MILLINO, La caduta delle tirannidi ad Agrigento, Gela e Imera, Hesperìa 12, 2000, 235-256.

C.CASERTA, Gli Emmenidi e le tradizioni poetiche e storiografiche su Akragas fino alla battaglia di Himera, Palermo 1999.

E.DE MIRO, Da Akragas ad Agrigentum, Kokalos 42, 1996, 15-29.

G.FIORENTINI, Il ginnasio di Agrigento, Kokalos 42, 1996, 9-13.

F.GHINATTI, Assemblee greche d’Occidente, Torino 1996.

F.P.RIZZO, Il bouleuterion e la synkletos dei Centodieci, Kokalos 42, 1996, 75-81.

D.VERA, Augusto, Plinio il Vecchio e la Sicilia in età imperiale. A proposito di recenti scoperte epigrafiche e archeologiche ad Agrigento, Kokalos 42, 1996, 31-58.

A.FRESCHI, Un giacimento di ancore antiche nelle acque agrigentine, Bollettino di archeologia subacquea 2-3, 1995-1996, 357-364.

P.GRIFFO, Akragas-Agrigento. La storia, la topografia, i monumenti, gli scavi, Agrigento 1995.

R.ARENA, Le iscrizioni antiche di Gela e Agrigento. Problemi di lettura, Acme 48, 1994, 5-14.

G.NENCI, Agrigento e la Sicilia nel quadro dei rifornimenti granari del mondo greco, ASNP 23, 1993, 1-7.

R.ARENA, Iscrizioni greche arcaiche di Sicilia e Magna Grecia, II. Iscrizioni di Gela e Agrigento, Milano 1992.

D.ASHERI, Agrigento libera: rivolgimenti interni e problemi costituzionali, c. 471-446 a.C., in: L.Braccesi – E.De Miro (eds.), Agrigento e la Sicilia greca, Atti della Settimana di Studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992, 95-111.

N.BONACASA, Da Agrigento a Himera: la proiezione culturale, in: L.Braccesi – E.De Miro (eds.), Agrigento e la Sicilia greca, Atti della Settimana di Studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992, 133-150.

L.BRACCESI – E.DE MIRO (eds.), Agrigento e la Sicilia greca, Atti della Settimana di Studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992.

E.DE MIRO, L’urbanistica e i monumenti pubblici, in: L.Braccesi – E.De Miro (eds.), Agrigento e la Sicilia greca, Atti della Settimana di Studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992, 151-156.

D.MUSTI, Le tradizioni ecistiche di Agrigento, in: L.Braccesi – E.De Miro (eds.), Agrigento e la Sicilia greca, Atti della Settimana di Studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992, 27-45.

G.FIORENTINI (ed.), Gli edifici pubblici civili di Agrigento antica, Agrigento 1990.

E.DE MIRO, Agrigento: la necropoli greca di Pezzino, Messina 1989.

T.VAN COMPERNOLLE, Architecture et tyrannie: à propos de la datation des temples A, B, C, E et I d’Agrigente, du temple C de Géla, de l’Athènaion dorique de Syracuse et du temple dite de la Victoire ò Himère, AC 58, 1989, 44-70.

E.DE MIRO, Architettura civile in Agrigento ellenistico-romana e rapporti con l’Anatolia, Quaderni dell’Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina 3, 1988, 63-72.

E.DE MIRO, Akragas. Città e necropoli nei recenti scavi, in: Veder greco: le necropoli di Agrigento, Mostra Internazionale Agrigento, 2 maggio – 31 luglio 1988, Roma 1988, 235-252.

L.POLACCO, Alcune osservazioni sui culti nel santuario presso S.Nicola ad Agrigento, Quaderni dell’Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia della Università di Messina 3, 1988, 59-62.

Veder greco: le necropoli di Agrigento, Mostra Internazionale Agrigento, 2 maggio – 31 luglio 1988, Roma 1988.

S.BIANCHETTI, Falaride phármakon degli Agrigentini, Sileno 12, 1986, 101-109.

P.J.BICKNELL, The date of the fall of the Eumenid tyranny at Akragas, CCC 7, 1986, 29-35.

A.M.BUONGIOVANNI, Una tradizione filoemmenide sulla fondazione di Akragas, ASNP 15, 1985, 493-499.

S.CALDERONE, Frammento di decreto onorifico agrigentino, Quaderni dell’Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina 11, 1985-1986, 13-18.

E.DE MIRO, Il bouleuterion di Agrigento, Quaderni dell’Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina 1, 1985-1986, 7-12.

P.GRIFFO, Ancora su due epigrafi agrigentine, Sicilia Archeologica 18, 1985, 53-64.

G.CASTELLANA, La Neapolis nella chora acragantina e la colonizzazione dionisiana della Sicilia. Proposta di identificazione di una città antica con nota sul sito di Caltafaraci presso Agrigento, PP 39, 1984, 375-383.

M.LOMBARDO, s.v. Agrigento, in: BTCGI III, Pisa – Roma 1984, 66-128.

A.SIRACUSANO, Il santuario rupestre di Agrigento, Roma 1983.

S.VASSALLO, La circolazione della moneta bronzea di Agrigento nel V sec. a.C., RIN 85, 1983, 17-34.

W.ALZINGER, Akragas und Kerkyra, Fixpunkte der früharchaischen Chronologie?, in: M.L.Gualandi – L.Massei – S.Settis (eds.), Aparchai. Nuove ricerche e studi sulla Magna Grecia e la Sicilia antica in onore di P.E.Arias, I-II, Pisa 1982, 113-120.

J.A.DE WAELE, I frontoni dell’Olympion agrigentino, in: M.L.Gualandi – L.Massei – S.Settis (eds.), Aparchai. Nuove ricerche e studi sulla Magna Grecia e la Sicilia antica in onore di P.E.Arias, I-II, Pisa 1982, 271-278.

L.LACROIX, Acragas ou Hélios sur les décadrachmes d’Agrigente, in: S.Scheers – J.Quaegebeur (eds.), Studia Paulo Naster oblata, I. Numismatica antiqua, Leuven 1982, 13-20.

S.VASSALLO, La circolazione della moneta bronzea di Agrigento nel V sec. a.C., Palermo 1982.

M.BELL, Stylobate and Roof in the Olympieion at Akragas, AJA 84, 1980, 359-372.

J.A.DE WAELE, La popolazione di Akragas, in: Φιλίας χάριν. Miscellanea di studi classici in onore di Eugenio Manni, Roma 1980, 747-760.

F.SARTORI, Storia costituzionale della Sicilia antica, Kokalos 26-27, 1980-1981, 263-284.

U.WESTERMARK, The fifth century bronze coinage of Akragas, in: Le origini della monetazione di bronzo in Sicilia e Magna Grecia, Atti del VI Convegno del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 17-22 aprile 1977, Roma 1979, 3-17.

U.WESTERMARK, Overstrikes of Taras on Didrachms of Acragas, in: O.Mørkholm – N.M.Waggoner (eds.), Greek numismatics and archaeology. Essays in honor of Margaret Thompson, Wetteren 1979, 287-293.

A.BRUGNONE, A proposito di una lamina di piombo da Agrigento, Kokalos 24, 1978, 63-68.

E.DE MIRO, Nuovi santuari ad Agrigento e a Sabucina, Cronache di Archeologia 16, 1977, 94-104.

L.MORETTI, Epigraphica, 14. Un ginnasio per Agrigento, RFIC 104, 1976, 182-186.

C.BOEHRINGER, Die barbarisierten Münzen von Akragas, Gela, Leontinoi und Syrakus im 5. Jahrhundert v. Chr., in: Le emissioni dei centri siculi fino all’epoca di Timoleonte e i loro rapporti con la monetazione delle colonie greche di Sicilia, Atti del IV Convegno del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 9-14 aprile 1973, Roma 1975, 157-190.

G.GORINI, Riconiazioni di Crotone su didracme di Agrigento, in: Studi per Laura Breglia, BNum 4, Suppl. I, 1975, 63-68.

I.CAZZANIGA, Un’ipotesi sul significato dell’emblema del granchio nella monetazione di Akragas sicula, NAC 1, 1972, 27-31.

J.A.K.E.DE WAELE, Acragas Graeca. Die historische Topographie des griechischen Akragas auf Sizilien, I. Historischer Teil, ‘s-Gravenhage 1971.

D.ASHERI, I coloni elei ad Agrigento, Kokalos 16, 1970, 79-88.

D.ASHERI, Nota sul senato di Agrigento, RFIC 97, 1969, 268-272.

F.P.RIZZO, Akragas e la fondazione di Minoa, Kokalos 13, 1967, 117-142.

P.GRIFFO, Contributi epigrafici agrigentini, Kokalos 9, 1963, 163-184.

E.DE MIRO, La fondazione di Agrigento e l’ellenizzazione del territorio fra il Salso e il Platani, Kokalos 8, 1962, 122-152.

V.LA BUA, Agrigento dalla morte di Agatocle alla conquista romana, Kokalos 6, 1960, 98-109.

E.GABBA, Sui senati delle città siciliane nell’età di Verre, Athenaeum 37, 1959, 304-320.
Partendo dall’analisi dei paragrafi 120-125 del secondo libro dell’actio secunda in Verrem, l’A. svolge alcune considerazioni relative all’accesso ai senati locali in tre città siciliane menzionate da Cicerone nei passi citati, Agrigentum, Halaesa e Heraclea. L’A. mette in risalto come Cicerone, pur specificando quali siano i fattori che possono impedire o favorire l’accesso al senato, non spieghi in realtà le relative modalità di ammissione ai senati locali [pp. 305-307]. In altre parole, non è chiaro se l’ammissione al senato avvenisse per cooptatio, lectio censoria o suffragium popolare. L’A. esclude che l’accesso avvenisse per lectio censoria, poiché il censimento, in Sicilia, avrebbe avuto uno scopo esclusivamente fiscale [p. 306]. La cooptatio e il suffragium sono testimoniati da Cicerone nei passi analizzati; l’A. vuole dimostrare che l’applicazione di questi due diversi metodi di ammissione al senato doveva dipendere dalla forma giuridica delle città in questione [p. 308]. I primi due casi presi in esame sono quelli di Agrigentum e Heraclea, che all’A. appaiono per molti versi analoghi [p. 310]. Le leges de senatu cooptando furono verosimilmente date agli Agrigentini da L. Cornelio Scipione Asiageno, pretore di Sicilia nel 193 a.C., e prevedevano un assetto tale da preservare per gli Agrigentini una posizione di favore all’interno del senato rispetto ai nuovi coloni. In base a quanto si può desumere da Cicerone [p. 311], l’A. ipotizza che spettasse al pretore cooptare i nuovi senatori (sebbene nel caso specifico si abbia traccia di una pressione, commendatio, di Verre sul pretore). Il caso di Heraclea è analogo a quello di Agrigento, con la differenza che le norme de cooptando senatu risalivano alle lex Rupilia del cos. P. Rupilio, del 132 a.C. Un fatto importante, nella ricostruzione dell’A., è che sia Agrigentum che Heraclea fossero civitates decumanae [p. 311]. Differente sarebbe il caso di Halaesa, poiché per l’ammissione al senato locale non era prevista cooptatio [p. 312]. Halaesa era una delle cinque città sine foedere liberae et immunes della Sicilia e, in quanto tale, godeva senza dubbio di uno status particolare nonché di una notevole indipendenza. Nel 95 a.C., gli Halaesini chiesero, suo iure, al senato romano di dirimere la controversia de senatu cooptando. Il senato decise che fosse il pretore C. Claudius Pulcro a stabilire delle leggi in merito. Il contenuto di tali leges viene ricostruito dall’A. [pp. 312-313] sulla base della lex Iulia municipalis e delle accuse di broglio elettorale rivolte da Cicerone a Verre. Di particolare importanza è che la cooptatio dei nuovi senatori avvenisse a Halaesa grazie ad un suffragium popolare; in questo centro dunque, a differenza di Agrigentum e Heraclea, il termine cooptatio avrebbe assunto un significato non tecnico, dal momento che l’ammissione al senato veniva decisa su base popolare. Non è un caso, a detta dell’A., che la cooptatio fosse in vigore per civitates decumanae e il suffragium per una civitas libera [p. 313]. Si passa poi ad analizzare un altro aspetto del problema [p. 314], che emerge proprio in relazione alle difficoltà sorte nel completamento dei senati locali delle tre città: i rapporti tra veteres e coloni (novi). Secondo una prima lettura del par. 123 delle Verrine, si potrebbe affermare che la legge introdotta da L. Cornelio Scipione volesse in qualche modo privilegiare i veteres, impedendo ai novi di ottenere la maggioranza in senato. E tuttavia, analizzando in dettaglio la fonte, l’A. fa notare come tale interpretazione, accolta anche da Cicerone, sia in realtà particolarmente problematica, soprattutto volendo applicare questo sistema all’età di Verre [pp. 314-316]. Per l’A. sarebbe risultato difficile distinguere, a distanza di decenni, tra veteres e novi, e ciò anche ipotizzando che rientrasse tra i compiti dei censori locali proprio quello di stabilire tale condizione [p. 316]. L’A. si pone poi un’ulteriore domanda, se cioè tale rigida ripartizione tra vecchi e nuovi cittadini valesse anche in altri campi della vita civica di Agrigento, come ad es. nell’elezione alle magistrature locali [p. 317]. La compresenza nella stessa città di due distinti gruppi di cittadini, spesso con diritti e doveri differenti, non è documentata solo nelle città siciliane menzionate, e l’A. infatti estende l’analisi ad altri casi analoghi, come ad es. le colonie sillane [pp. 317-318]. Cicerone (Pro Sull. 21) testimonia per Pompei una situazione di disparità, nella gestione della città, tra coloni sillani e cittadini veteres. Tale disparità avrebbe portato anche a tensioni espresse al momento delle elezioni locali. L’analisi dell’A. offre dunque importanti considerazioni su diversi aspetti della vita pubblica locale delle città siciliane al tempo di Verre, contribuendo nel contempo ad una migliore comprensione di problematiche analoghe in comunità italiche (ad es. la richiesta avanzata dai Latini nel 340 a.C. di avere un console latino e metà senato composto da Latini: p. 319). [F. Russo]

F.GHINATTI, Synkletoi italiote e siceliote, Kokalos 5, 1959, 119-144.

P.MARCONI, Agrigento, Roma 1956.

E.DE MIRO, Agrigento arcaica e la politica di Falaride, PP 11, 1956, 256-273.

P.MARCONI, Agrigento. Topografia ed arte, Firenze 1929.


ANCONA

G.PACI, Un bollo su Lamb.2 da Ancona e un ceppo d’ancora iscritto da Fos, Picus 33, 2013, 145-162.

S.FORTI, Le anfore Lamboglia 2 del porto romano di Ancona. Problemi e prospettive di ricerca, Ocnus 19, 2011, 231-238.

G.PACI – G.PIGNOCCHI, Frammento d’epigrafe romana dal poggio di Ancona e note sulla frequentazione dell’area del Conero in età romana, in: G.Paci – G.De Marinis (eds.), Omaggio a Nereo Alfieri. Contributi all’archeologia marchigiana. Atti del Convegno di Studi, Loreto, 9-11 maggio 2005, Tivoli 2009, 381-410.

M.C.PROFUMO, Una peschiera romana al Monte Conero (Ancona), in: S. Pesavento Mattioli – M.B. Carre (eds.), Olio e pesce in epoca romana. Produzione e commercio nelle regioni dell’Alto Adriatico, Atti del Convegno, Padova, 16 febbraio 2007, Roma 2009, 113-119.

M.SALVINI, Ancona, scavi urbani, il porto, in: G.Paci – G.De Marinis (eds.), Omaggio a Nereo Alfieri. Contributi all’archeologia marchigiana. Atti del Convegno di Studi, Loreto, 9-11 maggio 2005, Tivoli 2009, 531-559.

F.COLIVICCHI, Hellenism and Romanization at Ancona. A case of “invented tradition”, JRA 21, 2008, 31-46.

C.GOBBI, Un gruppo di monete dagli scavi di via Barilari e via Podesti di Ancona, Picus 28, 2008, 9-39.

S.M.MARENGO, Materiali iscritti e vita economica del porto romano di Ancona, Picus 27, 2007, 165-179.

S.FORTI – G.PACI, Le anfore Lamboglia 2 dal porto romano di Ancona, Notizie preliminari, Rei Cretariae Romanae Fautorum Acta 40, 2006[2008], 315-323.

J.-Y.GUILLAUMIN, La notice sur l’ager Anconitanus dans le Liber coloniarum: texte d’origine e gloses, in: A.Gonzales – J.-Y.Guillaumin (eds.), Autour des Libri coloniarum. Colonisation et colonies dans le monde romain, Actes du Colloque International, Besançon, 16-18 octobre 2003, Besançon 2006, 23-29.

G.MANGANARO, Delfi, Brindisi e Ancona, ZPE 142, 2003, 134-138.

A.ARNALDI, Nymphae ad Ancona, Picus 22, 2002, 244-250.

L.BRACCESI, Dorica Ancon e problemi connessi, in: M.Landolfi (ed.), Adriatico tra IV e III secolo a.C. Vasi alto-adriatici tra Piceno, Spina e Adria, Atti del Convegno di Studi, Ancona, 20-21 giugno 1997, Roma 2000, 3-9.

M.LUNI, Greci nell’Italia medioadriatica, in: Hesperìa 12, Studi sulla grecità di Occidente, Roma 2000, 151-170.

M.LUNI, I Greci nel Kolpos adriatico, Ankon e Numana, in: Hesperìa, 18, Studi sulla grecità di Occidente, I Greci in Adriatico 2, Roma 1999, 11-56.

M.ASOLATI, Per la storia di Ancona greca: elementi di datazione della monetazione, Hesperìa 9, 1998, 141-154.

Adriatico tra IV e III secolo a.C. Vasi alto-adriatici tra Piceno, Spina e Adria, Atti del Convegno di studi, Ancona, 20-21 giugno 1997, Roma 1997.

M.LILLI, Il porto di Ancona in età romana. Documentazione archeologica e dati di archivio, Rivista di Topografia Antica 7, 1997, 49-76.

A.COPPOLA, I due templi greci di Ancona. Per l’iconografia della Colonna Traiana, in: Hesperìa, 3, Studi sulla grecità di Occidente, Roma 1993, 189-191.

F.CORDANO, Due note adriatiche, in: Hesperìa, 3, Studi sulla grecità di Occidente, Roma 1993, 145-153.

F.CORDANO, I bolli rodii di Ancona, Picus 12-13, 1992-1993, 189-193.

M.LANDOLFI, Dalle origini alla città del Tardo Impero, in: M.Perrucci – V.Spinsanti (eds.), Ankon. Una civiltà tra Oriente ed Europa, 1, Ancona 1992, 15-36.

S.M.MARENGO, Da Eraclea ad Ancona. Nota a SEG XXVI 1132, Picus 12-13, 1992-1993, 195-204.

M.PERRUCCI – V.SPINSANTI (eds.), Ankon, Una civiltà tra Oriente ed Europa, 1, Ancona 1992.

M.LUNI, Il porto di Ancona nell’antichità, Accademia Marchigiana di Scienze, Lettere ed Arti. Memorie 30, 1991-1992, 119-132.

L.BACCHIELLI, Il tempio greco sull’acropoli di Ancona, Picus 3, 1983, 219-223.

S.SEBASTIANI, Sulle fasi urbane di Ancona antica, ArchClass 35, 1983, 287-296.


AMITERNUM

S.SEGENNI, Problemi istituzionali e amministrativi nella regio IV: il caso di Amiternum, in: C.Ricci – S.Evangelisti (eds.), Evoluzione dell’organizzazione istituzionale cittadina in Italia e nelle province occidentali: dalla tarda Repubblica all’epoca severiana, Atti XXI Rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain, Campobasso, 24-26 settembre 2015.

M.HEINZELMANN –D.JORDAN, Amiternum and the Upper Aterno Valley. Approaching a Sabine-Roman town and its territory, in: F.Vermeulen – G.J.Burgers – S.Keay (eds.), Urban landscape survey in Italy and the Mediterranean, Oxford 2012, 23-33.

M.HEINZELMANN – D.JORDAN – M.BUESS, Amiternum. Eine archäologische Regionalstudie zum zentralen Abruzzenraum. Vorbericht zur Sommerkampagne, KuBA 1, 2011, 77-86.

M.BUONOCORE, Spigolature Epigrafiche. IV. Amiternina, Epigraphica 72, 2010, 370-383.

M.HEINZELMANN, Amiternum (San Vittorino, AQ). Prospezioni e scavi 2010, QuadAA 2, 2010, 484-487.

R.TUTERI, Nell’Abruzzo antico, Amiternum, terra Sabina e città dell’impero, SCO 56, 2010, 163-189.

R.TUTERI – A.FAUSTOFERRI-M.HEINZELMANN, Dall’urbanizzazione premunicipale alla città romana, QuadAA 2, 2010, 27-64.

M.HEINZELMANN, Amiternum (San Vittorino, AQ). Prospezioni e scavi (2006-2009), QuadAA 1, 2009, 172-175.

M.TORELLI, Il ciclo di ritratti dei Mucii Scaevolae da Foruli (Amiternum). Un paradigma indiziario di prosopografia tra repubblica e impero, in: P.B.Jr Harvey – C.Conybeare (eds.), Maxima debetur magistro reverentia. Essays on Rome and the Roman tradition in honor of Russel T. Scott, Como 2009, 207-229.

R.TUTERI, Amiternum (San Vittorino, AQ), antica città di potere, QuadAA 1, 2009, 170-172.

R.TUTERI, Ritorno ad Amiternum. Terra sabina, la città dell’impero, FormaUrbis 14, 2009, 39-43.

W.GEOMINY, Amor patriae. A cult statue from Amiternum, San Vittorino, L’Aquila, Italy, in: G.Lock – A.Faustoferri (eds.), Archaeology and Landscape in central Italy. Papers in memory of John A. Lloyd, Archaeologia e territorio nell’Italia centrale. In ricordo di John A. Lloyd, Oxford 2008, 177-189.

S.SEGENNI, La praefectura amiternina e l’ottovirato, in: M.L.Caldelli – G.L.Gregori – S.Orlandi (eds.), Epigrafia 2006, Atti della XIVe Rencontre sur l’épigraphie in onore di S.Panciera con altri contributi di colleghi, allievi e collaboratori, Roma 2008, 711-723.

M.TRIPODI, Catacombs Lamps: nuove prospettive dallo studio delle lucerne di Amiternum, Rivista di Archeologia Cristiana 84, 2008[2009], 439-471.

M.HEINZELMANN – D.JORDAN, Amiternum. Eine sabinisch-römische Landstadt im oberen Aterno-Tal. Vorbericht zur ersten Kampagne 2006, HASB 20, 2007, 79-92.

S.SEGENNI, Iscrizioni funerarie amiternine, in: M.Pani (ed.), Epigrafia e territorio, politica e società. Temi di antichità romane, VIII, Bari 2007, 239-250.

L.A.HUGHES, Centurions at Amiternum. Notes on the Apisius family, Phoenix 59, 2005, 77-91.

S.SEGENNI, Frontino, gli archivi, la cura aquarum e l’acquedotto tardo repubblicano di Amiternum (CIL I2, 1853 = ILLRP, 487), Athenaeum 93, 2005, 603-618.

E.RODRÍGUEZ-ALMEIDA, Breve nota sulla lex di una furcatio aquaria, MEFRA 112, 2000, 231-236.

S.ZENODOCCHIO, Memoria di un antico acquedotto della città di Amiternum di età repubblicana, Bullettino della Deputazione Abruzzese di Storia Patria 88, 1998[2000], 21-36.

M.BUONOCORE, Fra topografia ed epigrafia. L’acquedotto di Amiternum (L’Aquila), Journal of Ancient Topography 4, 1994, 185-194 [= ID., L’Abruzzo e il Molise in età romana tra storia ed epigrafia, II, L’Aquila 2002, 793-808].

M.KLEIJWEGT, The Salii from Amiternum and the role of the praetextati in municipal councils, Historia 42, 1993, 110-117.

S.SEGENNI, Amiternum – Ager Amiterninus, SuppIIt 9, Roma 1992.

R.G.LEWIS, Inscriptions of Amiternum and Catilina’s last stand, ZPE 74, 1988, 31-42.

M.BUONOCORE, Iscrizioni latine pagane reimpiegate nella catacomba e nella chiesa di S. Vittorino ad Amiternum, ZPE 58, 1985, 219-230.

S.SEGENNI, Amiternum e il suo territorio in età romana, Pisa 1985.

S.SEGENNI, Nuove iscrizioni da Amiternum, Epigraphica 42, 1980, 65-84.

S.SEGENNI, Credenze orientali ad Amiternum. La pompa funebris e la dea Syria, Prospettive 19, 1979, 39-41.

A.LA REGINA, Monumento funebre di un triumviro augustale al Museo di Chieti, in: R.Bianchi Bandinelli (ed.), Sculture municipali dell’area sabellica tra l’età di Cesare e quella di Nerone, Roma 1966, 39-53.


AREZZO

C.AGOSTINI – F.SANTI, La strada Flaminia militare del 187 a.C. Tutto il percorso Bologna-Arezzo. Nuove ricerche e rinvenimenti. La strada Flaminia minore, un tracciato immaginario, Bologna 2012.

P.GIULIERINI, I centri etruschi dall’Arno al Clanis. Fiesole, Arezzo e Cortona, in: P.Bruschetti et alii (eds.), Gli Etruschi dall’Arno al Tevere. Le collezioni del Louvre a Cortona, Mostra, Cortona, MAEC-Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona, 5 marzo-3 luglio 2011, Milano 2011, 117-141.

L.AGOSTINIANI, Aspetti epigrafici e linguistici delle iscrizioni etrusche di Arezzo, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 135-141.

M.BUONOCORE, Istituzioni e famiglie di Arretium romana, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 187-196.

G.CAMPOREALE, Arezzo in età etrusca. Profilo storico in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 55-82.

G.CAMPOREALE – C.CAGIANELLI – S.FARALLI, Per una storia delle scoperte e delle ricerche su Arezzo antica, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 1-32.

G.CAMPOREALE – G.FIRPO (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009.

A.CHERICI, Genesi e sviluppo di Arezzo etrusca e romana, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 151-168.

G.FIRPO, Lo status di Arretium in età tardorepubblicana e imperiale, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 177-185.

D.MALFITANA, Archeologia della produzione e diritto romano. Il marchio ARRETINVM: copyright, falsificazione o messaggio pubblicitario?, MEP 12-15, 2009-2012, 201-212.

A.NOCENTINI, Il nome di Arezzo, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 49-54.

M.SORDI, Roma, l’Etruria e Arretium nel I secolo a.C., in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 169-175.

F.M.VANNI, Una zecca ad Arezzo in epoca etrusca?, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 143-149.

S.VILUCCHI, Indagini archeologiche recenti nel territorio provinciale aretino. Il Valdarno superiore, Arezzo e il suo territorio, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 255-261.

S.VILUCCHI, Indagini archeologiche recenti nel territorio provinciale aretino. Il Museo archeologico nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” di Arezzo, in: G.Camporeale – G.Firpo (eds.), Arezzo nell’antichità, Roma 2009, 272-277.

P.ZAMARCHI – R.CORCHIA – C.ZACCAGNINO, Recenti contributi di ricerca al quadro topografico di Arezzo antica, in: R.Bertini Conidi – F.Longo (eds.), Ex adversis fortior resurgo. Miscellanea in ricordo di Patrizia Sabbatini Tumolesi, Ospedaletto 2008, 325-374.

B.ANDREAE, Mecenate e Terenzia. Due teste-ritratto romane ad Arezzo, Annali Aretini 15-16, 2007-2008, 19-27.

J.-Y.GUILLAUMIN, Sur quelques notices des arpenteurs romains, Besançon 2007.

B.ANDREAE, Riccioli profumati. Due teste ritratto romane ad Arezzo. Mecenate e Terenzia?, FormaUrbis 11, 2006, 4-14.

G.TRAINA, Des affranchis arméniens à Arretium?, in: V.I. Anastasiadis – P.N. Doukellis (eds.), Esclavage antique et discriminations socio-culturelles. Actes du XXVIIIe Colloque international du Groupement international de recherche sur l’esclavage antique, Mytilène, 5-7 décembre 2003, Bern 2005, 259-267.

A.CHERICI, Insediamenti e strutture rurali nel territorio di Arretium, RTopAnt 14, 2004, 25-34.

L.AGOSTINIANI – G.GIANNECCHINI, Sulla iscrizione di Larthi Cilnei, SE 55-58, 2002, 205-213.

A.CHERICI, Per una storia della viabilità nell’Aretino e una nota sul tratto Arezzo-Firenze della Tabula Peutingeriana, RTopAnt 10, 2000, 7-22.

D.H.STEINBAUER, Zur Grabinschrift der Larthi Cilnei aus Aritim/Arretium/Arezzo, ZPE 121, 1998, 263-281.

F.PATURZO, Arezzo antica. La città dalla preistoria alla fine del mondo romano, Cortona 1997.

G.POMA, Civis Romanus nell’Arezzo di Mecenate, RSA 25, 1995, 157-167.

A.CHERICI, La carta archeologica di Arezzo e dell’Aretino. Alcuni appunti di metodo, RTopAnt 4, 1994, 129-156.

A.GOTTARELLI, Le viae publicae romane dell’Appenino bolognese e i cippi miliari di M.Emilio Lepido. Nuove ipotesi sul tratto terminale della Bologna-Arezzo in età repubblicana, Il Carrobbio 15, 1989, 179-190.

A.MAGGIANI – A.CHERICI, Cilnium genus. La documentazione epigrafica etrusca, SE 54, 1986, 171-196.

G.COLONNA, Santuari d’Etruria. Arezzo, sottochiesa di San Francesco, Museo archeologico C.Cilnio Mecenate, 19 maggio -20 ottobre 1985, Milano 1985.

H.HALFMANN, Die Inschrift des Senators C.Clinius Proculus aus Arezzo, ZPE 61, 1985, 239-250.

M.DONDIN PAYRE, Firmus d’Arretium. Légat préquestorien?, ZPE 52, 1983, 236-240.

G.MAETZKE, Il santuario etrusco italico di Castelsecco (Arezzo), RPAA 55-56, 1982-1984, 35-53.

D.MAZZOLENI, Iscrizioni inedite da Arezzo, RAC 55, 1979, 89-98.

M.G.MORGAN, The defeat of L.Metellus Denter at Arretium, CQ 22, 1972, 309-325.


ARPINO

M.MOGETTA – J.A.BECKER, Archaeological Research at Gabii, Italy: The Gabii Project Excavations, 2009–2011, AJA 118, 2014, 171-188.

G.CAMODECA, Fufidia Clementiana, c(larissima) p(uella), e i suoi avi consolari in una nuova iscrizione da Teanum del tempo di M. Aurelio, ZPE 179, 2011, 231-238.

S.E.CARVER, Urban real estate in late republican Rome, MAAR 55, 2010, 135-158; E.LYASSE, Communis ou publicus? D’Irni à Arpinum, MEFRA 122, 2010, 7-14.

C.LUNDGREEN, Geheim(nisvoll)e Abstimmung in Rom. Die leges tabellariae und ihre Konsequenzen für die Comitien und die res publica, Historia 38, 2009, 36-70.

L.BRESSANELLO, Arpino: indagini archeologiche nel centro storico, in: L.Quilici – S.Quilici Gigli – P.Carfora – G.Cera (eds.), Edilizia pubblica e privata nelle città romane, Roma 2008, 191-204.

V.LEONI, La forma antica di Arpinum, in: L.Quilici – S.Quilici Gigli – P.Carfora – G.Cera (eds.), Edilizia pubblica e privata nelle città romane, Roma 2008, 127-190.

J.F.RODRÍGUEZ NEILA, Los comitia municipales y la experiencia institutional romana, in: C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni – L.Lamoine (eds.), Le quotidien municipal dans l’Occident romain, Actes du Colloque tenu à Clermont-Ferrand, du 19 au 21 octobre 2007, Clermont-Ferrand 2008, 301-315.

H.MOURITSEN, The Civitas Sine Suffragio: Ancient Concepts and Modern Ideology, Historia 56, 2007, 141-158.

G.SAURON, Un amaltheum dans la villa d’Oplontis/Torre Annunziata, RSP 18, 2007, 41-46.

C.MOLLE, Un seviro tra Arpinum, Cereatae Marianae e Sora, MEP 9, 2006, 173-180.

H.MOURITSEN, Caius Gracchus and the “Cives Sine Suffragio”, Historia 55, 2006, 418-425.

H.MOURITSEN, Freedmen and Decurions: Epitaphs and Social History in Imperial Italy, JRS 95, 2005, 38-63.

R.BIUNDO, Agri ex alienis territoriis sumpti. Terre in provincia di colonie e municipi in Italia, MEFRA 116, 2004, 376-431.

R.SOSCIA, Il voto segreto ad Arpino in un accenno ciceroniano, in: F.Salerno (ed.), Cicerone e la politica. Atti del convegno di diritto romano, Arpino 2004, Napoli 2004, 157-170.

J.COELLO MUÑIZ, La Italia de la reforma agraria de Cesar. Casos Cotidianos, Athenaeum 91, 2003, 469-487.

R.BIUNDO, Terre di pertinenza di colonie e municipi fuori del loro territorio: gestione e risorse, CCG 14, 2003, 131-142.

E.M.ORLIN, Foreign Cults in Republican Rome: Rethinking the Pomerial Rule, MAAR 47, 2002, 1-18.

A.YAKOBSON, Secret Ballot and Its Effects in the Late Roman Republic, Hermes 123, 1995, 426-442.

H.GALSTERER, Regionen und Regionalismus im römischen Italien, Historia 43, 1994, 306-323.

J.S.ARKENBERG, Licinii Murenae, Terentii Varrones, and Varrones Murenae: I. A Prosopographical Study of Three Roman Families, Historia 42, 1993, 326-351.

A.GARLAND, Cicero’s ‘Familia Urbana’, G&R 39, 1992, 163-172.

R.G.LEWIS, Inscriptions of Amiternum and Catilina’s Last Stand, ZPE 74, 1988, 31-42.

D.JOHNSTON, Munificence and Municipia: Bequests to Towns in Classical Roman Law, JRS 75, 1985, 105-125.

J.G.F.HIND, Whatever Happened to the ‘Agri Decumates’?, Britannia, 15, 1984, 187-192.

A.C.BROOKES, Minturnae: The Via Appia Bridge, AJA 78, 1974, 41-48.

C.NICOLET, Cicéron, Platon et le vote secret, Historia 19, 1970, 39-66.

C.NICOLET, Arpinum, Aemilius Scaurus et les Tullii Cicerones, REL 45, 1967, 276-304.

E.MANNI, Per la storia dei municipii fino alla guerra sociale, Roma 1947.


ASSISI

F.BOLDRIGHINI, La gens Propertia e l’edilizia di età augustea ad Assisi: il caso della Domus Musae, in: G.Bonamente – R.Cristofoli – C.Santini (eds.), Properzio e l’età augustea. Cultura, storia, arte, Proceedings of the Nineteenth International Conference on Propertius, Assisi – Perugia, 25-27 May 2012, Turnhout 2014, 51-74.

R.CRISTOFOLI, Properzio e Mecenate, in: G.Bonamente – R.Cristofoli – C.Santini (eds.), Properzio e l’età augustea. Cultura, storia, arte, Proceedings of the Nineteenth International Conference on Propertius, Assisi – Perugia, 25-27 May 2012, Turnhout 2014, 181-220.

M.L.MANCA – F.GIORGI, Domus assisiate di età augustea: la Domus del Lararium, in: G.Bonamente – R.Cristofoli – C.Santini (eds.), Properzio e l’età augustea. Cultura, storia, arte, Proceedings of the Nineteenth International Conference on Propertius, Assisi – Perugia, 25-27 May 2012, Turnhout 2014, 15-50.

F.-H.MASSA-PAIRAULT, Properzio tra l’Etruria e Roma, in: G.Bonamente – R.Cristofoli – C.Santini (eds.), Properzio e l’età augustea. Cultura, storia, arte, Proceedings of the Nineteenth International Conference on Propertius, Assisi – Perugia, 25-27 May 2012, Turnhout 2014, 147-180.

F.MARCATTILI, Templum Castorum et Minervae (Chron. 354, P. 146 M). Il tempio di Minerva ad Assisi e il culto romano dei Dioscuri, ArchClass 64, 2013, 263-294.

N.BRUNI – S.CAPANELLI – M.CAPPELLETTI, La Domus lararium in Assisi, Assisi 2012.

M.L.MANCA (ed.), La domus del Lararium in Assisi, Perugia 2012.

R.DE RUBERTIS, Rilievi archeologici in Umbria. Perugia, Assisi, Orvieto, Otricoli, Spoleto, Napoli 2011.

L.TEMPERINI, Il sentimento del sacro nella città romana di Assisi, Analecta TOR 185, 2011, 345-394.

F.BOLDRIGHINI, Assisi. La domus Musae e il teatro dei Properzi, ArchClass 59, 2008, 113-131.

F.BOLDRIGHINI, La “casa di Properzio” ad Assisi. Nota preliminare sugli apparati decorativi, MEFRA 120, 2008, 139-148.

A.CALDERINI, L’iscrizione CIL XI 5449 da Assisi ed il nominativo plurale latino del tipo Heisce Magistreis, in: G.M.Facchetti (ed.), Mlaχ mlakas. Per Luciano Agostiniani, Milano 2008, 61-93.

S.CRESCI, Il tempio “della Minerva” ad Assisi, Forma Urbis 13, 2008, 42-47.

E.SCIAMANNA, Asisium. Percorsi archeologici nel più importante municipio a nord di Roma, Assisi 2008.

G.ASDRUBALI PENTITI – M.C.SPADONI – E.ZUDDAS, Regio VI. Umbria. Asisium, Supplementa Italica 23, Roma 2007.

M.BARBANERA, Assisi. Acquedotti antichi. Ancient Aqueducts, in: A.Melelli – L.D. Venanti (eds.), Umbria sotterranea. Archeologia e idraulica urbana, Perugia 2007, 27-38.

F.BOLDRIGHINI, Le case di Properzio ad Assisi: schemi pittorici di quarto stile nell’Umbria romana, in: Circulaciòn de temas y sistemas decorativos en la pintura mural antigua, Actes du IX Colloque Intenational de l’AIPMA, Zaragoza – Calatayud 2004, Zaragoza 2007, 359-363.

F.MARCATTILI, “Agrum qui appellatur circus” (ILAfr, 527). Postilla sul circo di Assisi, Ostraka 16, 2007, 311-317.

A.BULLOCH, Iamus and Narcissus in the domus Musae, ZPE 156, 2006, 135-140.

A.CALDERINI – G.GIANNECCHINI, L’iscrizione umbra da S.Pietro di Assisi. Nuove evidenze, SE 72, 2006, 215-249.

M.L.MANCA, Abitare a colori. Le domus romane di Assisi, Perugia 2005.

M.L.MANCA, Resti di una domus romana rinvenuti in Assisi, all’interno di Palazzo Giampè, in: F.Morandini – F.Rossi (eds.), Domus romane: dallo scavo alla valorizzazione, Atti del Convegno di Studi, Brescia, 3-5 aprile 2003, Milano 2005, 177-186.

M.MATTEINI CHIARI – G.ASDRUBALI PENTITI – M.L.CIPRIANI (eds.), Raccolte comunali di Assisi. Materiali archeologici. Iscrizioni, sculture, pitture, elementi architettonici, Perugia 2005.

M.L.MANCA – L.CENCIAIOLI – L.SENSI, Iscrizioni dalla domus di S.Maria Maggiore in Assisi, in: M.G.Angeli Bertinelli – A.Donati (eds.), Epigrafia di confine, confine dell’epigrafia, Atti del colloquio AIEGL-Borghesi 2003, Faenza 2004, 321-346.

M.L.MANCA – L.SENSI – M.SENSI, Epigrafi romane di Assisi. Appunti, Bollettino Storico della città di Foligno 25-26, 2001-2002, 329-348.

L.SENSI, Damnatio memoriae ed una iscrizione di Asisium, in: G.Angeli Bertinelli – A.Donati (eds.), Varia epigraphica, Atti del Colloquio Internazionale di epigrafia, Bertinoro, 8-10 giugno 2000, Faenza 2001, 403-410.

F.COARELLI – G.BONAMENTE (eds.), Assisi e gli Umbri nell’antichità, Atti del Convegno internazionale, Assisi 18-21 dicembre 1991, Assisi 1997.

G.FORNI, Postilla all’iscrizione pavimentale nel cosiddetto Foro di Assisi, in: G.Forni (ed.), Scritti di storia, epigrafia e antichità romane, Roma 1994, 721-723.

G.FORNI, Un senatore romano misconosciuto, verosimilmente da Assisi, CIL XI 4647, in: G.Forni (ed.), Scritti di storia, epigrafia e antichità romane, Roma 1994, 509-513.

M.L.MANCA, Una stele funeraria da Asisium, Bollettino Storico della città di Foligno 17, 1993, 273-275.

E.TESTA, Una lapide romana di Assisi, LibAnt 43, 1993, 403-410.

F.COARELLI, Assisi repubblicana: riflessioni su un caso di autoromanizzazione, Atti dell’Accademia Properziana del Subasio, 19, 1991, 5-22.

G.GIANGRANDE, A proposito della domus Musae di Assisi, in: Studi di filologia classica in onore di Giusto Monaco, III, Palermo 1991, 1275-1277.

M.L.MANCA – A.TUFANI, Un’indagine conoscitiva di un tratto delle mura urbiche di Assisi, Bollettino Storico della città di Foligno 14, 1990, 437-454.

A.GROHMANN, Le città nella storia d’Italia. Assisi, Assisi 1989.

G.FORNI (ed.), Epigrafi lapidarie romane di Assisi, Perugia 1987.

P.GROS – D.THEODORESCU, L’“autel“ du forum d’Assise, MEFRA 99, 1987, 693-710.

S.M.MEDAGLIA, Postille ai Carmina Asisinatia, BollClass 8, 1987, 37-68.

G.BONAMENTE, Nuova epigrafe della gens Petronia in Assisi, AFLM 19, 1986, 389-406.

M.GUARDUCCI, Le epigrafi della Domus Musae ad Assisi e qualche osservazione nuova, ZPE 63, 1986, 161-167.

G.FORNI, I Properzi nel mondo romano: indagine prosopografica, RAL 40, 1985, 205-223.

P.GROS – D.THEODORESCU, Le mur nord du ‘forum” d’Assise. Ornamentation pariétale et spécialisation des espaces, MEFRA 97, 1985, 879-897.

M.GUARDUCCI, La casa di Properzio: nuove riflessioni sulla domus Musae di Assisi e sulle sue epigrafi, RAL s. VIII, 40, 1985, 163-181.

M.J.STRAZZULLA, Assisi romana, Assisi 1985.

A.AMBROGI, Monumenti funerari di età romana di Foligno, Spello ed Assisi, Xenia 8, 1984, 27-64.

P.GROS, Assise: le sanctuaire romain, MEFRA 96, 1984, 552-555.

E.LUNGHI, Assisi, in: G.Corbella (ed.), Città da scoprire. Guida ai centri minori, II. Italia centrale, Milano 1984, 206-215.

D.MONACCHI, Resti della stipe votiva del Monte Subasio di Assisi (Colle S. Rufino), SE 52, 1984, 77-89.

G.FORNI, Gaio Cesare, nipote e figlio adottivo di Augusto, onorato in Assisi, AFLM 16, 1983, 505-512.

G.FORNI, Un senatore romano misconosciuto, verosimilmente da Assisi (CIL XI 4647), Bollettino della Deputazione di Storia patria per l’Umbria 80, 1983, 275-280.

L.SENSI, Assisi: aspetti prosopografici, in: M.Cébeillac-Gervasoni (ed.), Les “bourgeoisies” municipales italiennes aux IIe et Ier siècles av.J.-C., Colloque internationaux, Naples 7-10 décembre 1981, Centre J.Bérard, Paris-Naples 1983, 165-173.

M.STOPPINI DE SANCTIS, Epigrafi di Assisi, Epigraphica 45, 1983, 139-144.

M.J.STRAZZULLA, Assisi: problemi urbanistici, in: M.Cébeillac-Gervasoni (ed.), Les “bourgeoisies” municipales italiennes aux IIe et Ier siècles av.J.-C., Colloque internationaux, Naples 7-10 décembre 1981, Centre J.Bérard, Paris-Naples 1983, 151-164.

G.BINAZZI, Alcune iscrizioni inedite di “Asisium”, Bollettino della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria 79, 1982, 17-20.

G.BINAZZI, Frammento scultoreo cristiano della Pinacoteca comunale di Assisi, RAC 5, 1982, 131-135.

M.ANGELI, Assisi pre-romana, Assisi 1981.

G.BINAZZI, Iscrizione pavimentale del c.d. Foro di Assisi, in: L.Gasperini (ed.), Scritti sul mondo antico in memoria di Fulvio Grosso, Roma 1981, 29-38.

G.FORNI, Due epigrafi romane di Assisi. Lettura e proposte d’integrazione, AFLM 14, 1981, 335-342.

S.M.MEDAGLIA, Per il testo degli epigrammi greci di Assisi, BollClass 2, 1981, 196-217.

G.BONAMENTE, Una nuova epigrafe della gens Vespria in Assisi, AFLM 12, 1979, 201-207.

L.GASPERINI, Nuovo epitafio asisinate in S. Maria degli Angeli, AFLM 12, 1979, 235- 241.

M.GUARDUCCI, Domus Musae. Epigrafi greche e latine in un’antica casa di Assisi, RAL 23, 1979, 269-296.

G.BONAMENTE, Epigrafe sepolcrale inedita al Colle della Trinità in Assisi, Bollettino della Deputazione di storia patria per l’Umbria 75, 1978, 381-383.

G.BINAZZI, Una nuova iscrizione nel Museo del Foro Romano di Assisi, ArchClass 29, 1977, 188-190.

M.GUARDUCCI, Epigrammi greci in una casa romana di Assisi, in: M.Bigaroni – F.Santucci (eds.), Atti del Colloquium Propertianum, Assisi, 26-28 marzo 1976, Assisi 1977, 123-129.

M.L.MANCA, Osservazioni sulle mura di Asisium, AFLPer 1.1, 1977-1978, 97-123.

B.BRUNO, Il tempio di Minerva in Assisi, Capitolium 34, 1959, 27-31.

F.CALDARI, Il tempio oracolare di Apollo e Sesto Properzio, Atti dell’Accademia Properziana del Subasio ser. V, 2, 1955, 17-22.

K.KERÉNYI, Griechisches aus Properz’ Heimat, SO 29, 1952, 110-113.

A.BRIZI, Tracce umbro-romane in Assisi, Atti dell’Accademia Properziana del Subasio, ser. II, 23, 1908, 405-434.


ATELLA

C.FERONE, Un problema storico. Le origini di Atella, in: A.Russi – F. Faizza – A. Zumbo (eds.), C.Ferone. Opuscola II. Scritti sulla Campania dall’antichità ai giorni nostri, San Severo 2013, 103-106.

E.DENIAUX, Les vectigales des cités et la Correspondance de Cicéron: recherches sur un aspect des ressources des cités d’Arpinum et d’Atella, in: L.Lamoine – C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni (eds.), Gérer les territoires, les patrimoines et les crises. Le quotidien municipal II, Clermont-Ferrand 2012, 115-126.

M.MONACO – A.MARZOCCHELLA – E.LAFORGIA (eds.), Il Museo archeologico dell’Agro Atellano, Succivo. Guida breve, Aversa 20102.

E.LAFORGIA, Il museo archeologico dell’Agro Atellano. Guida rapida, Napoli 2008.

F.PEZZELLA, Atella e gli Atellani nella documentazione epigrafica antica e medioevale, S.Arpino 2002.

C.SIMPSON, La villa romana di Atella. Sondaggi preliminari, in: M.Gualtieri (ed.), Lo scavo di S. Giovanni di Ruoti ed il periodo tardoantico in Basilicata, Atti della tavola rotonda, Roma, 4 luglio 1981, Bari 1983, 125-129.

C.SIMPSON, The Roman villa at Atella, South Italy, Preliminary sondages, EMC 1, 1982, 191-198.


AUFIDENA (CASTEL DI SANGRO)

R.TUTERI, I tempi della città: Aufidena dagli scavi al museo, tra ricerca e comunicazione, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011[2014], 195-204.

A.LA REGINA, Iscrizione osca rinvenuta a Castel di Sangro, in: E.Mattiocco (ed.), Frammenti del passato. Archeologia e archivistica tra Castel di Sangro e Sulmona, Lanciano 2010, 45-58.

M.R.SANZI DI MINO, La signora di Castel di Sangro. Il ruolo della donna nella società aufidenate, in: E.Mattiocco (ed.), Frammenti del passato. Archeologia e archivistica tra Castel di Sangro e Sulmona, Lanciano 2010, 59-62.

A.LA REGINA, Sannio. Castel di Sangro (Aufidena), SE 74, 2008[2011], 436-442.

M.BUONOCORE, Aufidena romana: storia, epigrafia, territorio, in: H.Solin (ed.), Le epigrafi della valle del Comino, Atti del Secondo Convegno Epigrafico Cominese, San Donato Val di Comino, 28 maggio 2005, Cassino 2006, 11-46.

E.MATTIOCCO, Centri fortificati sannitici in area aufidenate, in: D.Caiazza (ed.), Samnitice loqui. Studi in onore di A.L.Prosdocimi per il premio I Sanniti, I, Campobasso 2006, 11-87.

E.MATTIOCCO (ed.), Il Museo Aufidenate nel Convento della Maddalena in Castel di Sangro, Sulmona 2005.

R.TUTERI, Nota sui recenti scavi nell’area urbana di Castel di Sangro, in: E.Mattiocco (ed.), Il Museo Aufidenate nel Convento della Maddalena in Castel di Sangro, Sulmona 2005, 104-105.

M.BUONOCORE, Regio IV. Sabina et Samnium. Aufidena-Histonium-Teate Marrucinorum. Sulmo-Corfinium-Superaequum, Supplementa Italica 22, Roma 2004, 35-142.

M.BUONOCORE, L’epigrafia latina di Castel di Sangro dopo Theodor Mommsen, in: E.Mattiocco (ed.), Segni sulla pietra. Iscrizioni e araldica della terra di Castel di Sangro, Lanciano 2003, 23-72.

G.DE BENEDITTIS, Le iscrizioni sannitiche dell’alta valle del Sangro, in: E.Mattiocco (ed.), Segni sulla pietra. Iscrizioni e araldica della terra di Castel di Sangro, Lanciano 2003, 7-20.

E.MATTIOCCO (ed.), Segni sulla pietra. Iscrizioni e araldica della terra di Castel di Sangro, Lanciano 2003.

M.BUONOCORE, Per un censimento delle iscrizioni latine lapidarie nel Sannio settentrionale, Roma 1994.

G.DE BENEDITTIS, Castel di Sangro: Iscrizione Ve 141 (autopsia 1991), SE 58, 1992, 352-354.

M.BUONOCORE, Aufidena, Supplementa Italica 8, Roma 1991, 47-69.

M.BUONOCORE – G.FIRPO, Fonti latine e greche per la storia dell’Abruzzo antico, I, Città di Castello 1991, 541-556.

A.PELLEGRINO, L’area di Castel di Sangro dall’età arcaica alla romanizzazione, in: in: G.Bordone – G.Grossi (eds.), Il territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo nell’Antichità, Atti del I Convegno Nazionale di Archeologia, Villetta Barrea, 1-3 maggio 1987, Civitella Alfedena 1988, 179-195.

M.BUONOCORE, Note storiche epigrafiche su Aufidena, ZPE 63, 1986, 168-172.

M.BUONOCORE, Un’iscrizione latina inedita da S. Pietro Avellana (Isernia) pertinente al municipium di Aufidena, Archivio Storico Molisano 7, 1983-1984, 125-133.

E.SPLENDORE, Le antichità di Castel di Sangro. Guida illustrata alle epigrafi, Pescara 1983.

A.LA REGINA, Note sulla formazione dei centri urbani in area sabellica, in: Studi sulla città antica, Atti del Convegno di Studi sulla città etrusca e italica preromana, Bologna – Marzabotto – Ferrara – Comacchio, 31 maggio – 5 giugno 1966, Imola 1970, 191-207.

V.BALZANO, La vita di un comune del reame: Castel di Sangro, Pescara 1942.

V.BALZANO, Castel di Sangro (Aufidena). Iscrizioni, NSA 1932, 128-129.

V.BALZANO, Aufidena Caracenorum ai confini settentrionali del Sannio, Roma 1923.


AVELLA

R.ANTONINI, Abella. I testi monumentali in sannita. I. Spunti e disappunti dal recente incremento della serie, Considerazioni di Storia ed Archeologia 8, 2015, 53-118.

I.GENNARELLI – R.ANTONINI, Avella. Nuovo documento di Maio Vestirikio. Notizia preliminare, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzioni delle città campane, Napoli 2014, 207-209.

M.P.MARCHESE, Sakaraklúm e fíísnú: valori di testo e valori di lingua, in: R.Giacomelli – A.Robbiati Bianchi (eds.), Le lingue dell’Italia antica oltre il latino, Lasciamo parlare i testi, Incontro di Studio n. 50, Milano, 29 maggio 2007, Milano 2014, 139-149.

P.POCCETTI, Rilettura del cippo con iscrizione osca dal territorio nolano: nuovi dati topografici e istituzionali, Vesuviana 6, 2014, 145-176.

T.CINQUANTAQUATTRO, Ubicazione incerta. Hercules, sakaraklúm, fíísnú, in: T.Cinquantaquattro – G.Pescatori (eds.), Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell’Italia antica (FDT), 2, Regio I, Avella, Atripalda, Salerno, Roma 2013, 20-25.

T.CINQUANTAQUATTRO – G.PESCATORI (eds.), Fana, templa, delubra. Corpus dei luoghi di culto dell’Italia antica (FDT), 2, Regio I, Avella, Atripalda, Salerno, Roma 2013.

F.MURANO, La scoperta del Cippo Abellano e l’etruscheria. Notizie dal carteggio tra Gianstefano Remondini, Giambattista Passeri e Anton Francesco Gori, AATC 76, 2012, 267-324.

M.H.CRAWFORD (ed.), Imagines Italicae: a corpus of Italic inscriptions, I-III, London 2011.

M.P.MARCHESE, Un problema di lettura e di sintassi nel Cippo Abellano, in: G.Rocca (ed.), Le lingue dell’Italia antica. Iscrizioni, testi, grammatica. Die Sprachen Altitaliens. Inschriften, Texte, Grammatik. In memoriam Helmut Rix (1926-2004), Atti del Convegno Internazionale, Milano, 7-8 marzo 2011, Άλεξάνδρεια – Alessandria 5, 2011, 199-208.

T.SIRONEN, La ricerca degli imprestiti greci e latini nella lingua osca. Lo stato della ricerca, in: G.Rocca (ed.), Le lingue dell’Italia antica. Iscrizioni, testi, grammatica. Die Sprachen Altitaliens. Inschriften, Texte, Grammatik. In memoriam Helmut Rix (1926-2004), Atti del Convegno Internazionale, Milano, 7-8 marzo 2011, Άλεξάνδρεια – Alessandria 5, 2011, 303-311.

E.MAGNI, The Evolution of Latin Word (Dis)order, in: S.Scalise – E.Magni – A.Bisetto (eds.), Universals of Language Today, Dodrecht 2009, 225-251.

A.PALMENTIERI, Avella e l’imago clipeata di Lucio Sitrio Modesto. Un’indagine preliminare, AIIS 24, 2009, 21-45.

E.CAMPANILE, Note su una iscrizione osca da Avella, in: P.Poccetti (ed.), Latina e Italica. Scritti minori sulle lingue dell’Italia antica, Pisa 2008, 791-792.

H.SOLIN, Contributi sull’epigrafia abellana, in: C.Cascione – C.Masi Doria (eds.), Fides Humanitas Ius. Studi in onore di Luigi Labruna, Napoli 2007, 5315-5330.

D.CAIAZZA, A proposito del Cippo Abellano, in: D.Caiazza (ed.), Samnitice loqui. Studi in onore di A.L.Prosdocimi per il premio I Sanniti, I, Campobasso 2006, 311-338.

A.MANCO, Sull’osco *sla(a)gi, AION(ling) 28, 2006, 273-275.

L.A.SCATOZZA HÖRICHT, Materiali votivi e luoghi di culto nel territorio di Avella, Napoli 2001.

T.CINQUANTAQUATTRO, Abella, un insediamento della mesogaia campana: note di topografia, AION(arch) 7, 2000, 61-85.

A.LA REGINA, Il trattato tra Abella e Nola per l’uso comune del santuario di Ercole e di un fondo adiacente, in: Studi sull’Italia dei Sanniti, Milano 2000, 214-222.

A.LA REGINA, Istituzioni agrarie italiche, in: E.Petrocelli (ed.), La civiltà della transumanza. Storia, cultura e valorizzazione dei tratturi e del mondo pastorale in Abruzzo, Molise, Puglia, Campania e Basilicata, Isernia 1999, 3-18.

R.ANTONINI, Vestirikio e Abella: i documenti. Problemi vecchi e nuovi di interpretazione, ΚΛΑΝΙΟΝ/Clanius 7-8, 1997[2001], 5-64.

R.ANTONINI – G.MOLLO – A.SOLPIETRO (eds.), Il Cippus Abellanus e le epigrafi latine, Biblioteca Diocesana S. Paolino – Seminario Vescovile di Nola, Nola 1997.

S.DE CARO, Attività della Soprintendenza Archeologica di Napoli e Caserta nel 1996, in: ACSMG XXXVI, Taranto 1996, Napoli 1997, 403-433.

S.DE CARO, Acerra (NA) Bolli oschi su tegole, SE 63, 1997, 459-461.

R.ANTONINI, Iscrizione del Foro (?) di Abella, in: L.Del Tutto Palma (ed.), La tavola di Agnone nel contesto italico, Atti del Convegno di Studio, Agnone, 13-15 aprile 1994, Firenze 1996, 157-168.

L.A.SCATOZZA HÖRICHT, Ideologia funeraria e società ad Avella nel II secolo a.C., Incidenza dell’Antico 3, 1996, 489-519.

G.VECCHIO, Cimitile – Via Trivice d’Ossa – Area asilo nido, in: S.Cassani (ed.), I Greci in Occidente. La Magna Grecia nelle collezioni del Museo Archeologico di Napoli, Napoli 1996, 256.

E.CAMPANILE, Per l’interpretazione di osco prúffed, SE 61, 1995, 358-362.

M.P.MARCHESE, Sul prescritto del cippo abellano (Ve 1, 1-10), in: Studi in onore di C.A.Mastrelli. Scritti di allievi e amici fiorentini, Firenze 1994, 137-143.

R.ANTONINI, Irpinia. Avella, SE 58, 1993, 355-359.

M.P.MARCHESE, Rec. A.Franchi De Bellis, Il Cippo Abellano, Urbino 1988, SE 58, 1991, 465-471.

A.FRANCHI DE BELLIS, Il cippo abellano: il santuario di Ercole, in: M.Tagliente (ed.), Italici in Magna Grecia. Lingua, insediamenti e strutture, Atti del Convegno, Acquasparta, 30-31 maggio 1986, Venosa 1990, 111-115.

M.KAJAVA, A new city patroness?, Tyche 5, 1990, 27-36.

P.LUCIANO, Avella tra mito e storia. Dalla fondazione di Abella al periodo romano, in: Didattica e territorio. Corso di formazione per docenti in servizio, Atti del Convegno, Nola, 30 marzo – 8 giugno 1988, Nola 1990, 87-98.

P.POCCETTI, Due derivati da termini di parentela nell’Italia antica, in: D.Poli (ed.), Episteme. In ricordo di Giorgio Raimondo Carmona, Roma 1990, 145-170.

A.LANDI, In margine all’osco slaagi-, ILing 13, 1989-1990, 55-58.

M.FRANCHI DE BELLIS, Il Cippo Abellano, Urbino 1988.

A.L.PROSDOCIMI, Il meddix deketasio di Nola e il M.X. di Cuma, SE 48, 1980, 437-445.

A.L.PROSDOCIMI – L.DEL TUTTO PALMA, Cippo Abellano e lessico giuridico, in: A.L.Prosdocimi (ed.), Lingue e dialetti dell’Italia antica, PCIA VI, Roma 1978, 853-864.

G.GUADAGNO, Reperti dell’antica Abella nel Museo Irpino, Antiqua 2, 1977, 64-67.

E.PULGRAM, The Oscan Cippus Abellanus: a new interpretation, AJPh 81, 1960, 16-29.

J.UNTERMANN, Der Wortschatz des Cippus Abellanus und der Tabula Bantina, Diss. Tübingen 1954.

J.NYE, Notes on the Cippus Abellanus, CPh 10, 1915, 218.

L.WENGER, Zum Cippus Abellanus, München 1915.

F.BÜCHELER, De cippo Abellano quaestio epistolica, in: Commentationes philologae in honorem Theodori Mommseni scripserunt amici, Berolini 1877, 227-241.

R.GUARINI, In cippum osco-abellanum divinatio, Napoli 1839.


BANZI

E.LO CASCIO, Gli incensi della Tabula Bantina, in: La maturazione politica del mondo italico, Atti del Convegno Internazionale, Università di Napoli 10-12 febbraio 2000, c.s.

L.ROMANO, Ordinamenti oschi e diritto pubblico romano: tresviri capitales nella tavola bantina?, Index 44, 2016, 91-99.

L.CAPPELLETTI, L’elemento romano negli stati italici in età anteriore alla Guerra Sociale (90-88 a.C.), in: M.Aberson et alii (eds.), L’Italia centrale e la creazione di una koiné culturale? I percorsi della “romanizzazione”, Atti del Convegno, Roma, Istituto Svizzero di Roma – The British School at Rome – Koninklijk Nederlands Instituut Rome, 21-24 ottobre 2014, Berne 2016, 73-84.

M.H.CRAWFORD, Bantia and Tarentum, Athenaeum 104.2, 2016, 567-575.

R.DECORTE, Sine dolo malo: The influence and impact of Latin legalese on the Oscan law of the Tabula Bantina, Mnemosyne 69.2, 2016, 276-291.

L.AGOSTINIANI, Niumsis Tanunis, la Tabula Bantina e la flessione pronominale italica, SE 77, 2014[2015], 197-215.

A.CABALLOS RUFINO, Referencias a senados municipales en las leyes municipales y coloniales, in: E.Melchor Gil – A.D.Pérez Zurita – J.F.Rodríguez Neila (eds.), Senados municipales y decuriones en el Occidente romano, Sevilla 2013, 35-55.

L.CAPPELLETTI, Gli statuti di Banzi e Taranto nella Magna Graecia del I secolo a.C., Frankfurt am Main 2011.

L.CAPPELLETTI, Le magistrature italiche. Problemi e prospettive, Index 39, 2011, 323-338.

M.H.CRAWFORD, Tribunes in Italy, in: G.Rocca (ed.), Le lingue dell’Italia antica. Iscrizioni, testi, grammatica. Die Sprachen Altitaliens. Inschriften, Texte, Grammatik. In memoriam Helmut Rix (1926-2004), Atti del Convegno Internazionale, Milano, 7-8 marzo 2011, Άλεξάνδρεια – Alessandria 5, 2011, 45-48.
L’A. riesamina l’ipotesi normalmente accettata secondo cui il tribunato della plebe sarebbe stato introdotto nelle comunità italiche su imitazione delle colonie latine, le quali, a loro volta, lo avrebbero ereditato da Roma. Partendo dalla constatazione che il tribunato della plebe non è attestato nelle colonie latine, a differenza della questura, e che il termine plebs giuridicamente non si adatta al contesto delle comunità italiche, l’A. affronta la questione sulla base di una serie di iscrizioni in osco in cui si menzionano uno o più tribuni della plebe [p. 45]. Fermo restando che l’osco plífríks corrisponde all’equivalente latino *plebiscus, l’A. mostra come il termine tríbuf / tribúf, che ricorre variamente declinato nelle iscrizioni prese in analisi, non vada ricollegato al latino tribunus da tribus, poiché in tal caso la forma trif– sarebbe stata attesa, ma alla parola italica *trēb-, dal significato di “costruttore” [pp. 45-46]. L’A. collega quindi questa magistratura all’edilità romana e nega, nel contempo, che essa fosse collegata al tribunato della plebe romano [p. 46]. L’aggettivo plífríks sarebbe stato aggiunto per distinguere questa magistratura dal tribunato militare, che gli Italici dovevano ben conoscere, dato che servivano nell’esercito romano [p. 47]. Il caso in questione rientrerebbe sì perfettamente nel quadro della diffusione di magistrature romane in ambito italico (in ogni caso l’edilità e non il tribunato della plebe), ma dimostrerebbe anche e una volta in più la libertà con cui esse erano adattate in ambito italico [p. 48]. [F. Russo]

H.DI GIUSEPPE, Un Romanus Sacerdos evergete a Bantia. Contributi epigrafici e archeologici alla storia della città, ZPE 169, 2009, 231-244.

D.FASOLINI, La città di Bantia e la tribù Camilia, Epigraphica 71.1-2, 2009, 385-389.

L.M.MARCHI, Modi e forme dell’urbanizzazione della Daunia, in: M.Osanna (ed.), Verso la città. Forme insediative in Lucania e nel mondo italico fra IV e III sec. a.C., Atti delle Giornate di Studio, Venosa 13-14 maggio 2006, Venosa 2009, 327-367.

S.TAFARO, Considerazioni sulla Tabula Bantina (Osca), Diritto@Storia 8, 2009, 1-13.

A.BOTTINI, Ripensando il caso di Banzi, in: M.Osanna (ed.), Progetti di archeologia in Basilicata: Banzi e Tito, Bari 2008, 11-16.

M.L.MARCHI, Dinamiche insediative nel territorio di Banzi. I dati della ricognizione di superficie, in: M.Osanna (ed.), Progetti di archeologia in Basilicata: Banzi e Tito, Bari 2008, 51-59.

M.OSANNA, Per un progetto di archeologia a Banzi, in: M.Osanna (ed.), Progetti di archeologia in Basilicata: Banzi e Tito, Bari 2008, 61-65.

M.TORELLI, L’iscrizione musiva del balneum di Bantia, in: M.Osanna (ed.), Progetti di archeologia in Basilicata: Banzi e Tito, Bari 2008, 45-49.

M.CHELOTTI, La tribù dei cittadini romani di Bantia, in: M.Pani (ed.), Epigrafia e territorio. Politica e società. Temi di antichità romane VIII, Bari 2007, 137-147.

H.GALSTERER, Die römischen Stadtgesetze, in: L.Capogrossi Colognesi – E.Gabba (eds.), Gli Statuti Municipali, Pavia 2006, 31-56.

A.GOTTARELLI, Auguraculum, sedes inaugurationis e la limitatio virtuale della città fondata. Elementi di analogia tra le forme urbane della città etrusca di Marzabotto e il templum augurale di Bantia, Ocnus 11, 2003[2004], 133-148.

A.BOTTINI, Una spada da Banzi, Ostraka 8, 1999, 9-20.

E.FOLCANDO, Cronologia del cursus honorum municipale, in: M.Pani (ed.), Epigrafia e territorio, politica e società, Temi di antichità romane, V, Bari 1999, 63-75.
Starting from a new analysis of an excerpt of Modestinus (Dig. 50.4.11) and of some passages of the Lex Malacitana, the A. proposes a new interpretation of the problem of the cursus honorum in Roman municipia. A fragment from the Lex Malacitana, which amply describes the election of local magistrates, does not mention the necessity for the candidates to the duovirate iure dicundo of having been already appointed the quaestorship or the aedilship [p. 63-64]. In contrast to modern scholarly hypothesis that a complete cursus honorum was described in some lost parts of the Lex Malacitana, the A. stresses the fact that the Lex Malacitana itself prescribes a minimum of age of 25 years to be appointed either as an aedilis or as a quaestor [p. 65-66], which means that both appointments were accessible regardless of the age of the candidate. This would prove, according to the A., that the Lex Malacitana did not prescribe any rule concerning the succession of appointments in the local cursus honorum. Epigraphic evidence from Venosa further confirms the A.’s hypothesis. The analysis of the names of local magistrates in the period 35 BC – 28 BC has revealed that all those who reached the highest municipal magistracy had not been previously appointed as aediles [pp. 65-67]. Even in consideration of the fragmentary conditions of the studied evidence, the A. considers this fact to be consistent with the absence of rules concerning the cursus honorum in the Lex Malacitana. Further data come from the analysis of a corpus of 586 funerary inscriptions [p. 67] from various parts of Italy. While most inscriptions up to the age of Antoninus Pius only mention the highest magistracy [p. 68], the inscriptions dating back to Antoninus Pius’ principate or immediately afterwards mention complete examples of cursus honorum. The A. connects the shift in the studied epigraphic evidence to the above-mentioned passage from Modestinus [p. 69]: according to Modestinus, Antoninus Pius prescribed a specific order in the municipal cursus honorum. Such a prescription was later confirmed by Marcus Aurelius [p. 69]. Regardless of the causes of Antoninus Pius’ intervention (the A. thinks to a provision possibly concerning a specific municipium), in Septimius Severus’ days this was established as a regular law as a passage from the De muneribus et honoribus of Callistratus shows [p. 70]. In this respect, the A. also emphasizes [p. 70-71] that the canonical Republican cursus honorum was not regulated by the Lex Villia Annalis (180 BC), which only prescribed the minimum age to access each magistracy (Liv. 40.44.1). It was only with Sulla that the succession of the various magistracies in the cursus honorum was clearly defined [p. 71]. According to the A., the absence of specific rules concerning the cursus honorum, apart from the age required of the candidates, would have been also reflected in the municipia, as the Lex Malacitana suggests [p. 72]. Only gradually did Roman municipia abide by the rules that Sulla introduced for the city of Rome [p. 73]; in any case, up to Antoninus Pius’ prescriptions, to abide by such rules was not mandatory. The presence of detailed rules concerning the local cursus honorum and access to magistracies in the Tabula Bantina is viewed by the A. as consequence of the Social war, in contrast to a part of the modern scholarship that attributes it to the pre-Roman status of the city [p. 72-73]. [F. Russo]

C.MASSERIA, “Et Venerem et proelia destinat” (Hor., Carm.III, 13, 5). Riti di passaggio in un santuario di Banzi, Ostraka 8, 1999, 469-490.

L.DEL TUTTO PALMA, Forme della romanizzazione nell’epigrafia lucana, in: Nomen Latinum. Latini e Romani prima di Annibale, I, Il Latino e le lingue italiche, Atti del Convegno Internazionale, Roma, Accademia di S.Luca 24-26 ottobre 1995, Eutopia 4. 1, 1995[1997], 151-187.

M.TAGLIENTE, Banzi, in: M.Salvatore (ed.), Basilicata. L’espansione romano nel sud-est d’Italia. Il quadro archeologico, Atti del Convegno, Venosa, 23-25 aprile 1987, Venosa 1990, 71-77.

M.TAGLIENTE–A.BOTTINI, Due casi di acculturazione nel mondo indigeno della Basilicata. Banzi. Una tomba infantile e le anthesterie. Lavello. Una rilettura dell’askos “Cantarinella”, PP 45, 1990, 206-231.

L.DEL TUTTO PALMA, Tavola bantina 1-8: il contenuto istituzionale alla luce dell’analisi testuale e delle fonti romane, SE 56, 1989-1990[1991], 217-251.

L.DEL TUTTO PALMA, Bantia. Sulla nuova epigrafe pubblicata da M.Torelli, SE 53, 1985[1987], 280-284.

A.BOTTINI, s.v. Banzi, in: BTCGI III, 1984, 390-402.

L.DEL TUTTO PALMA, La tavola Bantina (sezione osca): proposte di rilettura, Padova-Urbino 1983.

M.TORELLI, Una nuova epigrafe di Bantia e la cronologia dello statuto municipale bantino, Athenaeum 51, 1983, 252-257.

A.BOTTINI, Osservazioni sulla topografia di Banzi preromana, AION(archeol) 2, 1980, 69-82.

H.GALSTERER, Die Lex Osca Tabulae Bantinae. Eine Bestandsaufnahme, Chiron 1, 1971, 191-214.

D.ADAMESTEANU – M.TORELLI, Il nuovo frammento della Tavola Bantina, ArchClass 21, 1969, 1-17.

M.TORELLI, Un templum augurale di età repubblicana a Bantia, RAL s.VIII, 21, 1966, 293-315.

J.UNTERMANN, Der Wortschatz des Cippus Abellanus und der Tabula Bantina, Diss. Tübingen 1954.


BENEVENTO

G.CAMODECA, Il censorium di Beneventum: un nuovo vocabolo del lessico latino, in: F.Mainardis (ed.), Scritti per Claudio Zaccaria, Antichità Altoadriatiche 85, Trieste 2016, 119-126.

G.CAMODECA, Senatori beneventani da Silla alla tetrarchia, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 233-262.

P.CARUSO (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013.

M.CHELOTTI, Il ceto decurionale a Benevento tra la fondazione della colonia latina e l’età augustea e giulio-claudia, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 317-330.

G.CORAZZA, Gli Augustales di Benevento, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 331-360.

A.DE CARLO, Il ceto equestre di Benevento romana, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 263-316.

L.MAIO – H.SOLIN, Quando Socrate era un piccolo schiavo ed altre epigrafi in territorio beneventano, P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 471-486.

M.PAGANO, Qualche osservazione sull’urbanistica di Benevento, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 53-77.

M.ROTILI, Ricerche archeologiche a Benevento – Arco del Sacramento: il contesto di rinvenimento dell’epigrafe di Fullonius, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 35-52.

H.SOLIN, Dalla nutrice all’imperatore: nuove iscrizioni di Benevento, in: P.Caruso (ed.), Antiqua Beneventana. La storia della città romana attraverso la documentazione epigrafica, Benevento 2013, 417-450.

E.BIANCHI, L’interregnum fuori di Roma: origine e funzioni dell’istituto nelle città italiche, RIL 145, 2011, 57-78.
Scopo dell’articolo è l’analisi della documentazione epigrafica da Ostia, Cumae, Fundi e Formiae relativa alla figura dell’interrex ed all’istituto dell’interregnum. L’A. parte dall’ipotesi del Mommsen (Römisches Staatsrecht, Leipzig 1887, vol. 3, 570-823), universalmente accettata negli studi moderni, secondo cui l’interrex fu introdotto nei centri locali per volontà di Roma, mettendone in risalto però la debolezza, poiché Mommsen stesso non spiegava in che modo Roma avesse contribuito alla sua diffusione [p. 58]. L’A. denuncia poi lo scarso interesse degli studiosi moderni per questa carica: a differenza di altre magistrature attestate in area italica, di origine italica o romana, che sono state a più riprese e ormai da anni oggetto di numerosi studi, l’interrex non ha mai ricevuto l’attenzione che pure merita, essendo rimasto nell’ombra della spiegazione mommseniana [p. 59]. Criticando l’approccio moderno, che analizza le attestazioni di interreges indipendentemente dalla forma giuridica delle città di provenienza, l’A. ritiene che la differenza tra colonie di diritto latino, colonie di diritto romano e municipi – appunto le tre categorie in cui rientrano le comunità dove è presente un interrex o un interregnum – sia un elemento di fondamentale importanza nella comprensione dell’origine e della funzione dell’interrex [pp. 59-60]. Mentre nel caso di colonie, anche quelle di diritto latino, si dovrà tenere presente una più stretta aderenza, anche dal punto di vista delle istituzioni, al modello romano, per i municipi anteriori alla Guerra Sociale si dovrà presupporre un maggior grado di indipendenza: nel primo caso sarà forse più probabile che l’introduzione dell’interrex vada attribuita ad un’azione del governo centrale; nel secondo caso, si tratterà più verosimilmente di un’adozione spontanea del modello romano. La prima iscrizione analizzata proviene da Benevento (CIL 12, 1729), dove è menzionato un C. Oppio Capitone, interrex, oltre che quaestor, praetor e censor. L’A. attribuisce l’iscrizione, sulla base del cursus honorum, al periodo in cui Benevento era ancora colonia di diritto latino, prima cioè del processo di municipalizzazione successivo alla guerra sociale, e ipotizza l’esistenza di precise analogie tra le istituzioni beneventane e quelle di altre colonie latine, quali Ariminum e Venusia [pp. 62-63]. La seconda attestazione proviene da Ostia, è del 49 a.C. e vi ricorre il termine interregnum (CIL 14, 4531). Il fatto che qui sia menzionato un Cn. Pompeius, generalmente identificato con Pompeo Magno, ha indotto alcuni studiosi a riferire l’interregnum non ad Ostia, ma a Roma. L’A., tuttavia, muove argomenti contrari a tale lettura, tra cui il fatto che l’ultimo interrex attestato per Roma risalga al 52 a.C. [pp. 64-65]. Allo studio unitario delle due attestazioni di interrex da Fondi e Formia, degli inizi del I sec. d.C. è allegata una breve storia istituzionale delle due città dalla conquista romana all’età imperiale [pp. 66-68], con particolare riguardo al loro peculiare assetto magistratuale, la cd. “costituzione dei tre edili’”; secondo l’A. qui l’interrex sarebbe una magistratura non romana, ma epicoria, sopravvissuta alla fondazione municipale e con funzione equivalente al rex sacrorum [p. 69]. Per cui gli interreges di questi due municipi di antica fondazione avevano una funzione religiosa, diversamente da quelli delle colonie di Benevento e Ostia, dove avrebbero svolto il loro ruolo in caso di vacanza magistratuale [p. 70]. L’ultimo caso di interrex in ambito italico è dato da un’iscrizione molto frammentaria di Cuma del I sec. d.C. (EDR 105898); dall’analisi della storia istituzionale del centro emerge la persistenza delle magistrature locali anche durante le fasi di integrazione nella civitas romana e tra esse, secondo l’A., andrebbe incluso anche l’interrex risalente al periodo greco della città (sulla base di Plut. Mor. 291 F-292) [pp. 71-76]. Si conclude affermando che l’istituto dell’interrex fu senza dubbio introdotto da Roma nelle colonie; in altri casi, essenzialmente municipali, l’interrex sarebbe stata invece una magistratura epicoria, con funzioni diverse nei diversi luoghi di attestazione [p. 77]. [F. Russo]

M.-M.PAGÉ, Le cadastre de la colonie latine de Beneventum (268 av. J.-C.), Agri Centuriati 8, 2011[2012], 37-51.

U.SCARINZI, Benevento romana. Vita pubblica e privata attraverso il lapidario del Museo del Sannio, Göttingen 2011.

G.GUADAGNO, Minerva paracentia e Ceres: persistenza ed assimilazione di culti preromani nella Beneventum romana, Epigraphica 72, 2010, 91-110.

G.CAMODECA, Una carriera senatoria di metà III secolo da Beneventum, Samnium 81-82, 2009, 103-129.

A.E.FELLE, Una novità epigrafica beneventana, ZPE 168, 2009, 278-282.

I.MILANO, Saxa loquuntur. Omaggi straordinari per una famiglia esemplare a Benevento (CIL IX, 1783; una rilettura), Samnium 81-82, 2009, 151-164.

M.SILVESTRINI, Una nuova dedica imperiale della colonia di Benevento, Samnium 81-82, 2009, 131-150.

G.CAMODECA, Una nuova carriera senatoria di metà III secolo da Beneventum, in: M.L.Caldelli – G.L. Gregori – S. Orlandi (eds.), Epigrafia 2006, Atti della XIVe Recontre sur l’épigraphie in onore di Silvio Panciera con altri contributi di colleghi, allievi e collaboratori, Roma 2008, 937-954.

L.MAIO, Benevento. Iscrizioni latine inedite del circondario beneventano, NSA 19-20, 2008-2009[2011], 341-357.

M.SILVESTRINI, Una nuova dedica imperiale della colonia di Benevento, in: M.L.Caldelli – G.L. Gregori – S. Orlandi (eds.), Epigrafia 2006, Atti della XIVe Recontre sur l’épigraphie in onore di Silvio Panciera con altri contributi di colleghi, allievi e collaboratori, Roma 2008, 725-739.

A.ZUMBO, Osservazioni su CIL IX, 1655 e AE 1914, 164. L.Staius L. fil. Stel. Scrateius Manilianus, supremo magistrato quinquennale e figlio di un archiater della città di Benevento, in: G.De Sensi Sestito (ed.),L’arte di Asclepio. Medici e malattie in età antica, Atti della giornata di studio sulla medicina antica, Università della Calabria, 26 ottobre 2005, Soveria Mannelli 2008, 105-128.

I.M.IASIELLO, Considerazioni su pagi e vici nelle comunità dell’Italia appenninica, in: E.Lo Cascio – G.D. Merola (eds.), Forme di aggregazione nel mondo romano, Bari 2007, 81-96.

I.IASIELLO, La città dei miti. Uso e abuso dell’antico a Benevento, Samnium 79, 2006, 51-61.

J.R.PATTERSON, Landscapes and cities. Rural settlement and civic transformation in early imperial Italy, Oxford 2006.

R.PIRELLI, Il culto di Iside a Benevento, in: S.De Caro (ed.), Egittomania. Iside e il mistero, Milano 2006, 129-136.

G.GUADAGNO, Il ruolo della donna nel culto della Magna Mater. La documentazione epigrafica di Benevento, in: A.Buonopane – F.Cenerini (eds.), Donna e vita cittadina nella documentazione epigrafica, Atti del II seminario sulla condizione femminile nella documentazione epigrafica, Verona, 25-27 marzo 2004, Faenza 2005, 183-197.

D.GIAMPAOLA, Benevento. Dal centro indigeno alla colonia latina, in: Studi sull’Italia dei Sanniti, Milano 2000, 36-46.

M.R.TORELLI, Benevento romana, Roma 2002.

L.GUERRIERO, L’arco di Traiano a Benevento nel XIX secolo: un restauro archeologico tra ripristino e conservazione, in: G.Fiengo (ed.), Tutela e restauro dei monumenti in Campania. 1860-1900, Napoli 1993, 338-355.

A.CRISTOFORI, Note prosopografiche su personaggi di età tardorepubblicana, ZPE 90, 1992, 137-146.

D.GIAMPAOLA, Benevento. Il processo di aggregazione di un territorio, in: M.Salvatore (ed.), Basilicata. L’espansionismo romano nel sud-est d’Italia, Il quadro archeologico, Atti del convegno, Venosa 1990, 281-299.

E.GALASSO, Tra i Sanniti in terra beneventana, Benevento 1983.

M.ROTILI, Traiano a Benevento, Salerno 1982.

P.CAVUOTO, Iscrizioni inedite di Benevento, Epigraphica 30, 1968, 126-155.

M.ROTILI, Il Museo del Sannio nell’abbazia di Santa Sofia e nella Rocca dei rettori di Benevento, Roma 1967.


BEVAGNA

M.ALBANESI – M.R.PICUTI – M.SCARPIGNATO, Un luogo di culto di epoca romana all’Aisillo di Bevagna, in: M.R.Trabalza – R.Colacicchi (eds.), Comune di Bevagna. Invito al Parco, Foligno 2007, 157-210.

P.CAMERIERI, Il catasto di Mevania. Primi studi sull’assetto territoriale della città romana, in: M.R.Trabalza – R.Colacicchi (eds.), Comune di Bevagna. Invito al Parco, Foligno 2007, 147-156.

M.SALVATORE, Sulla scoperta di un’area sacra a Bevagna, in: M.R.Trabalza – R.Colacicchi (eds.), Comune di Bevagna. Invito al Parco, Foligno 2007, 145-147.

M.R.TRABALZA – R.COLACICCHI (eds.), Comune di Bevagna. Invito al Parco, Foligno 2007.

F.CATALLI, Un ripostiglio monetale da Bevagna, in: R.Martini – N.Vismara (eds.), Ermanno A. Arslan studia dicata, II, Milano 1991, 311-338.

A.E.FERUGLIO – L.BONOMI PONZI – D.MANCONI (eds.), Mevania: da centro umbro a municipio romano, Perugia 1991.

L.BRUNETTI, Una domus di Mevania, Bollettino Storico della città di Foligno 12, 1988, 463-466.

M.BERGAMINI, Necropoli di età romana a Bevagna. Prima campagna di scavo (1977), AFLPer 7.1, 1983-1984, 53-114.

D.MANCONI, Il territorio di Bevagna. Inquadramento storico-topografico, AFLPer 7.1, 1983-1984, 115-123.

A.L.PROSDOCIMI, Questura italica e questura romana. I cvestur farariur “questori del farro” di Mevania e gli homonus duir puri far eiscurent “i due uomini che faranno la questua del farro” di Gubbio, AIV 113, 1983-1984, 169-190.

P.POCCETTI, Iscrizione umbra su meridiana, AION(ling) 1, 1979, 73-79.

C.PIETRANGELI, Mevania (Bevagna). Regio VI – Umbria, Italia romana: municipi e colonie, I. XIII, Roma 1953.


BRINDISI

E.FERRANDINI TROISI, Iscrizioni greche d’Italia, 6. Puglia, Roma 2015.

M.SILVESTRINI, Quale questura nel municipio di Brindisi? A proposito di AEp 2006, 320-321, in: M.Chiabà (ed.), Hoc quoque laboris praemium. Scritti in onore di Gino Bandelli, Trieste 2014, 477-493.

K.MANNINO, Nuovi dati per una messa a punto su Artemide a Brindisi, in: L.Giardino – G.Tagliamonte (eds.), Archeologia dei luoghi e delle pratiche i culto, Atti del convegno, Cavallino, 26-27 gennaio 2012, Bari 2013, 257-266.

M.L.MARCHI, Deduzioni coloniali e interventi urbani di età augustea nella Regio II (Apulia et Calabria), Paideia 68, 2013, 327-347.

M.L.LAZZARINI, Su un’iscrizione greca di Brindisi, AION(archeol) 19-20, 2012-2013[2016], 271-275.

B.DE NICOLO, Revisioni brindisine: CIL IX, 34, e IX, 76*, Epigraphica 72, 2010, 428-443.

C.MARANGIO, Nuovi decreti decurionali da Brundisium, in: C.Marangio – G.Laudizi (eds.), Παλαιὰ Φιλία. Studi di topografia antica in onore di G.Uggeri, Galatina 2009, 225-234.

M.APROSIO, Archeologia dei paesaggi a Brindisi dalla romanizzazione al Medioevo, Bari 2008.

C.MARANGIO, Nuovo patronus municipalis di Brindisi, ZPE 167, 2008, 201-203.

P.POCCETTI, Un case study per l’identificazione di un santuario messapico. Il materiale epigrafico dalla grotta di S. Maria di Agnano (Ostuni, Brindisi), in: X.Dupré Raventos – S.Ribichini – S.Verger (eds.), Saturnia Tellus. Definizioni dello spazio consacrato in ambiente etrusco, italico, fenicio-punico, iberico e celtico. Atti del convegno internazionale, Roma, 10-12 novembre 2004, Roma 2008, 233-249.

C.ROMANO, Due iscrizioni greche su tabulae ansatae da Brindisi, in: M.Meyer i Olivé – G.Baratta – A.Guzman Almagro (eds.), XII Congressus Internationalis Epigraphiae Graecae et Latinae: Provinciae Imperii Romani inscriptionibusdescriptae, Barcelona, 3-8 septembris 2002, Barcellona 2007, II, 1243-1246.

A.COCCHIARO – C. MARANGIO, Brindisi. Epigrafi di età romana dallo scavo di via Osanna, Epigraphica 68, 2006, 337-387.

C.MARANGIO, Brundisina epigraphica, ZPE 152, 2005, 263-268.

G.MANGANARO, Delfi, Brindisi e Ancona, ZPE 142, 2003, 134-138.

J.D.MUCCIGROSSO, The Brindisi elogium and the rejected lectio senatus of Appius Claudius Caecus, Historia 52, 2003, 496-501.

C.ROMANO, Oxos. A proposito di un titulus pictus su di un frammento d’anfora da Brindisi, un addendum, Rudiae 15, 2003, 159-163.

M.SILVESTRINI, I decreti decurionali di Brindisi, CGG 14, 2003, 187-199.

M.APROSIO, I Fabii di Brindisi, Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia, Università di Siena 22, 2001, 39-52.

D.NONNIS, Appunti sulle anfore adriatiche d’età repubblicana. Aree di produzione e di commercializzazione, in: C.Zaccaria (ed.), Strutture portuali e rotte marittime nell’Adriatico di età romana, Atti della XXIX Settimana di studi aquileiesi, 20-23 maggio 1998, Antichità altoadriatiche, 46, Trieste 2001, 467-500.

C.ROMANO, Oxos. A proposito di un titulus pictus su di un frammento d’anfora da Brindisi, in: S.Alessandrì – F.Grelle (eds.), Dai Gracchi alla fine della Repubblica. Atti del V Convegno di Studi sulla Puglia Romana, Mesagne, 9-10 aprile 1999, Galatina 2001, 171-184.

P.ONGARO, Note su una rara frazione bronzea della zecca di Brundisium, Annotazioni Numismatiche 9, 1999, 20-21.

G.LAUDIZI, Brindisi dall’età messapica all’età romana. Osservazioni sulla tradizione letteraria, in: M.Lombardo – C.Marangio (eds.), Il territorio brundisino dall’età messapica all’età romana, Atti del IV Convegno di Studi sulla Puglia romana, Mesagne, 19-20 gennaio 1996, Galatina 1998, 27-40.

M.LOMBARDO, Il Brindisino tra Messapi, Greci e Romani. Memorie storiche e valorizzazione, in: M.Lombardo – C.Marangio (eds.), Il territorio brundisino dall’età messapica all’età romana, Atti del IV Convegno di Studi sulla Puglia romana, Mesagne, 19-20 gennaio 1996, Galatina 1998, 159-176.

M.LOMBARDO – C.MARANGIO (eds.), Il territorio brundisino dall’età messapica all’età romana, Atti del IV Convegno di Studi sulla Puglia romana, Mesagne, 19-20 gennaio 1996, Galatina 1998.

M.SILVESTRINI, Le gentes di Brindisi romana, in: M.Lombardo – C.Marangio (eds.), Il territorio brundisino dall’età messapica all’età romana, Atti del IV convegno di studi sulla Puglia romana, Mesagne 19-20 gennaio 1996, Galatina 1998, 81-103.

D.MANACORDA, Produzione agricola, produzione ceramica e proprietà della terra nella Calabria romana tra Repubblica e Impero, in: Epigrafia della produzione e della distribuzione, Actes de la VIIe Rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain, Rome, 5-6 juin 1992, Rome 1994, 3-59.

D.MANACORDA – F.CAMBI, Recherches sur l’ager Brundisinus à l’époque romaine, in: P.N.Doukellis – L.G.Mendoni (eds.), Structures rurales et sociétés antiques, Actes du colloque de Corfou, 14-16 mai 1992, Paris 1994, 283-292.

M.SILVESTRINI – P.PALAZZO, I Marci Fabii su anfore brindisine, QS 38, 1993, 167-173.

V.A.SIRAGO, Anche Barium e Brundisium erano bagnate dall’Adriatico, ASP 46, 1993, 203-212.

M.SILVESTRINI, Culti orientali a Brindisi, CIL IX, 6099, Ricerche e studi. Museo Francesco Ribezzo di Brindisi 13, 1987, 175-185.

S.CATALDI, s.v. Brindisi, in: BTCGI IV, 1985, 149-171.

R.DEVELIN, Appius Claudius Caecus and the Brindisi Elogium, Historia 25, 1976, 484-487.

U.FANTASIA, Le leggende di fondazione di Brindisi e alcuni aspetti della presenza greca nell’Adriatico, ANSP 2, 1972, 115-139.

G.VITUCCI, À propos de l’élogium de Brindisi (AÉp. 1954, n° 216), in: Studi Annibalici, Atti del Convegno svoltosi a Cortona – Tuoro sul Trasimeno – Perugia, Ottobre 1961, Cortona 1964, 57-69.

F.CASSOLA, Ancora sull’elogio di Brindisi, Labeo 8, 1962, 307-316 [= in: F.CASSOLA, Scritti di storia antica. Istituzioni e politica, Roma 1994, 91-101].

E.GABBA, L’elogio di Brindisi, Athenaeum 36, 1958, 90-105.

C.PICARD, Brundisium. Notes de topographie et d’histoire, REL 35, 1957, 285-303.

G.VITUCCI, Intorno ad un nuovo frammento di elogium, RFIC 31, 1953, 44-61.

F.RIBEZZO, Su un nuovo elogium a Q. Fabio Massimo scoperto a Brindisi per la ripresa di Taranto, Brindisi 1951.


CANOSA DI PUGLIA

M.S.MONTECALVO, Una nuova attestazione dei Calvisii a Canosa (Regio II) in un manoscritto inedito di A.-L. Millin, in: M.L.Caldelli – G.Gregori (eds.), Epigrafia e ordine senatorio 30 anni dopo, Actes de la XIXe Rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain, tenu à Rome du 21 au 23 mars 2013, I-II, Roma 2014, 287-298.

M.SILVESTRINI, I Baebii di Canusium. Un aggiornamento, in: M.L.Caldelli – G.Gregori (eds.), Epigrafia e ordine senatorio 30 anni dopo, Actes de la XIXe Rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain, tenu à Rome du 21 au 23 mars 2013, I-II, Roma 2014, 277-286.

M.CHELOTTI, Trasformazione del ceto dirigente di Canosa alla luce dell’albo dei decurioni del 223 d.C., in: E.Melchor Gil – A.D.Pérez Zurita – J.F.Rodríguez Neila (eds.), Senados municipales y decuriones en el Occidente romano, Sevilla 2013, 375-388.

C.POUZADOUX, Eloge d’un prince daunien. Mythes et images en Italie méridionale au IVe siècle av. J.-C., Rome 2013.

E.LIPPOLIS, Cultura e manifestazioni dell’aristocrazia canosina, Scienze dell’Antichità 18, 2012, 301-323.

P.PENSABENE, Da Minerva a San Leucio. Problematiche storiche e storico-architettoniche alla luce dei recenti scavi, Scienze dell’Antichità 18, 2012, 219-246.

P.PENSABENE, Nota introduttiva su Canosa nel quadro della Puglia romana, tardoantica e altomedievale, Scienze dell’Antichità 18, 2012, 189-217.

R.GOFFREDO, Persistence and change in settlement patterns in the Ofanto valley near Canusium and Cannae (Apulia) (late 4th c.B.C. – 1st c.A.D.), JRA 23, 2010, 7-33.

M.CORRENTE, La formazione della città di Canusium, in: M.Osanna (ed.), Verso la città. Forme insediative in Lucania e nel mondo italico fra IV e III sec. a.C., Atti delle giornate di studio, Venosa, 13-14 maggio 2006, Venosa 2009, 391-413.

M.L.MARCHI, Modi e forme dell’urbanizzazione della Daunia, in: M.Osanna (ed.), Verso la città. Forme insediative in Lucania e nel mondo italico fra IV e III sec. a.C., Atti delle Giornate di studio, Venosa, 13-14 maggio 2006, Venosa 2009, 327-367.

A.R.PARENTE, Canosa. La monetazione antica, in: La monetazione pugliese dall’età classica al Medioevo. La monetazione della Daunia. Le monete normanne dell’Italia meridionale, Atti del I Congresso di Numismatica, Bari, 21-22 novembre 2008, Bari 2009-2010, 91-115.

V.POLITO, Ricomporre una storia. L’iscrizione dipinta di Ponte della Lama a Canosa tra archeologia e restauro, VetChr 46, 2009, 113-125.

G.VOLPE, L’iniziativa vescovile nella trasformazione dei paesaggi urbani e rurali in Apulia. I casi di Canusium e di San Giusto, in: R.Farioli Campanati – C.Rizzardi – P.Porta (eds.), Ideologia e cultura artistica tra Adriatico e Mediterraneo orientale (IV – X secolo). Il ruolo dell’autorità ecclesiastica alla luce di nuovi scavi e ricerche, Atti del Convegno Internazionale, Bologna – Ravenna, 26-29 novembre 2007, Bologna 2009, 405-423.

G.VOLPE, Città apule fra destrutturazione e trasformazione. I casi di Canusium ed Herdonia, in: A.Augenti (ed.), Le città italiane tra la tarda antichità e l’alto medioevo, Atti del Convegno, Ravenna, 26-28 febbraio 2004, Firenze 2006, 559-587.

M.CORRENTE – C.ROBBE, Il dio con la folgore. Percorsi e immagini del sacro a Canusium, Catalogo della Mostra, Canosa di Puglia, Palazzo Iliceto, 18 maggio – 18 ottobre 2005, Canosa di Puglia 2005.

M.CORRENTE – G.SABBATINI, Dall’arcaismo all’età romana. Daunia. Canosa di Puglia (Bari), in: Notiziario delle attività di tutela, Soprintendenza per i Beni archeologici della Puglia 1, gennaio 2004 – dicembre 2005[2010], 67-81.

L.BERTOLDI LENOCI, Canosa, Ricerche storiche 2003, Convegno di studio, 14 dicembre 2002, Fasano 2003.

M.SILVESTRINI – E.BARCHETTA – F.D’ALOIA, Un negotians Canusinarius in una nuova epigrafe di Canosa, in: A.M.Corda (ed.), Cultus splendore. Studi in onore di Giovanna Sotgiu, Senorbi 2003, 893-907.

O.DALLY, Canosa, località San Leucio. Untersuchungen zu Akkulturationsprozessen vom 6. bis zum 2. Jh. v.Chr. am Beispiel eines daunischen Heiligtums, Heidelberg 2000.

B.SALWAY, Prefects, patroni, and decurions. A new perspective on the album of Canusium, in: A.Cooley (ed.), The Epigraphic Landscape of Roman Italy, London 2000, 115-171.

R.COMPATANGELO – SOUSSIGNAN, Centuriazione senza coloni? Il caso di Canosa nel quadro della Regio Apulia et Calabria, in: A.Gravina (ed.), La Daunia romana: città e territorio dalla romanizzazione all’età imperiale, XVII Convegno nazionale sulla preistoria, protostoria, storia della Daunia, San Severo, 6-7-8 dicembre 1996, San Severo 1999, 167-183.

M.CORRENTE, Canosa. Il municipio, in: A.Gravina (ed.), La Daunia romana: città e territorio dalla romanizzazione all’età imperiale, XVII Convegno nazionale sulla preistoria, protostoria, storia della Daunia, San Severo, 6-7-8 dicembre 1996, San Severo 1999, 41-68.

O.DALLY, Il santuario in località San Leucio di Canosa di Puglia, in: A.Gravina (ed.), Atti del 17° Convegno Nazionale sulla preistoria, protostoria, storia della Daunia, La Daunia romana. Città e territorio dalla romanizzazione all’età imperiale, San Severo, 6-8 dicembre 1996, San Severo 1999, 329-341.

M.SILVESTRINI, Epigraphica. Luceria, Canusium, Cannae, Silvium, i Bitontini in Sardegna, in: M.Pani (ed.), Epigrafia e territorio. Politica e società. Temi di antichità romane, 5, Bari 1999, 117-158.

M.SILVESTRINI – M.DE FINO, Un itinerario epigrafico lungo la via Traiana: Aecae, Herdonia, Canusium, Bari 1999.

H.MOURITSEN, The album from Canusium and the town councils of Roman Italy, Chiron 28, 1998, 229-254.

F.FERRANDINI TROISI, Due epigrafi vascolari da Canosa, Taras 17, 1997, 375-378.

M.CHELOTTI, Nuove iscrizioni latine dal territorio di Canosa, Taras 14, 1994, 465-472.

R.COMPATANGELO, Recherches sur l’occupation du sol et les cadastrations antiques du territoire de Canosa, DHA 20, 1994, 199-243.

R.COMPATANGELO-SOUSSIGNAN, Canosa e la Puglia settentrionale. Produzione agricola e catasti rurali, in: Le ravitaillement en blé de Rome et des centres urbains des débuts de la République jusqu’au Haut-Empire, Naples, 14-16 février 1991, Naples – Rome 1994, 167-175.

F.FERRANDINI TROISI, Una piramidetta iscritta da Canosa, Epigraphica 56, 1994, 196-199.

M.CHELOTTI, Proprietari e patroni tra Canosa e Venosa, in: A.Calbi – A.Donati – G.Poma (eds.), L’epigrafia del villaggio, Atti del Colloquio Borghesi, Forlì, 27-30 settembre 1990, Faenza 1993, 445-455.

F.GRELLE – A.GIARDINA, Canosa romana. In appendice: la tavola di Trinitapoli, Roma 1993.

E.LIPPOLIS, La monumentalizzazione di età imperiale a Canosa, Il ninfeo di Rella, Taras 13, 1993, 171-216.

R.CASSANO (ed.), Principi imperatori vescovi. Duemila anni di storia a Canosa, Catalogo della Mostra, Bari, 27 gennaio – 17 maggio 1992, Bari 1992.

G.DE BONFILS, I governatori provinciali, in: R.Cassano (ed.), Principi imperatori vescovi. Duemila anni di storia a Canosa, Catalogo della Mostra, Bari, 27 gennaio – 17 maggio 1992, Bari 1992, 835-839.

F.GRELLE, Il municipio e la colonia, in: R.Cassano (ed.), Principi imperatori vescovi. Duemila anni di storia a Canosa, Catalogo della Mostra, Bari, 27 gennaio – 17 maggio 1992, Bari 1992, 683-691.

G.VOLPE, Il porto, le merci, in: R.Cassano (ed.), Principi imperatori vescovi. Duemila anni di storia a Canosa, Catalogo della Mostra, Bari, 27 gennaio – 17 maggio 1992, Bari 1992, 582-584.

M.CHELOTTI, Mobilità sociale e legami familiari alla luce dell’albo dei decurioni di Canosa, CIL IX 338, MEFRA 102, 1990, 603-609.

M.CHELOTTI ET ALII, Le epigrafi romane di Canosa, I-II, Bari 1990.

E.M.DE JULIIS, Canosa, in: M.Tagliente (ed.), Italici in Magna Grecia. Lingua, insediamenti e strutture, Venosa 1990, 69-76.

G.VOLPE, Canosa. Due anfore tardo-imperiali con iscrizioni, VetChr 22, 1985, 215-226.

H.HORSTKOTTE, Magistratur und Dekurionat im Lichte des Albums von Canusium, ZPE 57, 1984, 211-224.

M.SILVESTRINI, Presentazione del corpus epigrafico di Canosa, in: A.Tuttavilla – A.Masciulli (eds.), Canosa e S.Sabino, l’uomo, il tempo e la città, Atti del Convegno, Canosa, 29-30 marzo 1982, Canosa 1984, 1-13.

M.CHELOTTI – R.GAETA – V.MORIZIO, Nuovi contributi epigrafici alla conoscenza delle gentes senatorie canusine, in: Epigrafia e ordine senatorio, 1, Atti del Colloquio internazionale AIEGL, Roma 14-20 maggio 1981, Roma 1982, 559-568.

C.CARLETTI, Iscrizione metrica rubro picta da Canosa, VetChr 18, 1981, 173-187.

F.GRELLE – R.MORENO CASSANO, Canosa, le istituzioni, la società. I dati archeologici, 1, in: A.Giardina – A.Schiavone (eds.), Società romana e produzione schiavistica, 1. L’Italia. Insediamenti e forme economiche, Bari 1981, 189-241.

M.A.BIRARDI, Strati sociali a Canusium nella documentazione del CIL IX. Ricerca onomastica, AFLB 23, 1980, 197-219.

M.CHELOTTI, Nuove testimonianze di Augustali a Canosa, in: P.Moreno (ed.), Canosa, 1, Bari 1980, 67-78.

F.GRELLE, Una carriera municipale a Canusium, Labeo 26, 1980, 327-335.

P.MORENO (ed.), Canosa, 1, Bari 1980.

H.VAN HESBERG, Ein Monument des Kaiserkultes aus Canosa di Puglia, RhM 87, 1980, 349-354.

S.PANCIERA, Note in margine alle iscrizioni paleocristiane di Canosa, VetChr 11, 1974, 153-165.

L.MORETTI, Epigraphica, RFIC 100, 1972, 172-182.

F.TOMMASO, Iscrizioni latine inedite di Canusium, Epigraphica 34, 1972, 149-158.

G.ANDREASSI, Un ritratto romano repubblicano da Canosa, ArchClass 23, 1971, 77-87.


CAPENA

G.C.L.M.BAKKUM, The Latin Dialect of the Ager Faliscus. 150 Years of Scholarship. Part I, Amsterdam 2009.

C.FERRANTE, Inventario dei luoghi di culto dell’area falisco-capenate, Tesi di Dottorato, Univ. Trieste 2008.

F.CAMBI, Le campagne di Falerii e di Capena dopo la romanizzazione, in: H.Patterson (ed.), Bridging the Tiber. Approaches to regional archaeology in the Middle Tiber Valley, London 2004, 75-101.

G.CAMPOREALE, Greci a Veio e nell’agro falisco-capenate ai primordi della storia etrusca, in: G.M.Della Fina (ed.), I Greci in Etruria, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 11, Roma 2004, 47-67.

G.L.GREGORI, Un cursus honorum mal compreso?: a proposito di AEp 1954, 167 da Capena, in: A.M.Corda (ed.), Cultus splendore: studi in onore di Giovanna Sotgiu, Sassari 2003, 523-536.

A.CAMILLI – B.VITALI ROSATI, Nuove ricerche nell’agro capenate, in: N.Christie (ed.), Settlement and economy in Italy, 1500 B.C.-A.D. 1500. Papers of the Fifth Conference of Italian Archaeology, Oxford 1995, 403-412.

A.CAMILLI ET ALII, Attività di scavo e ricognizione sul Colle della Civitucola-Capena (Roma). Relazione preliminare, Archeologia Uomo Terra 13, 1994, 13-39.

E.PAPI, Un’attestazione del culto imperiale a Capena in un’epigrafe mal conosciuta, MEFRA 106, 1994, 139-166.

S.PANCIERA, Ficolenses foederati, RSA, 6-7, 1976-1977, 195-213.

D.BRIQUEL, Sur des faits d’écriture en Sabine et dans l’ager Capenas, MEFRA, 84, 1972, 789-845.

J.KAIMIO, The nominative singular in -i of Latin gentilicia, Arctos 6, 1969, 32-42.

G.D.B.JONES, Capena and the Ager Capenas. Part II, PBSR, 31, 1963, n. s. 18, 1963, 100-158.

G.D.B.JONES, Capena and the Ager Capenas. Part I, PBSR, 30, 1962, n. s. 17, 1962, 116-212.


CAPRI

E.FEDERICO, Dalle antichità neglette alle antichità nostrane. Capri antica prima e dopo il Campanien, in: F.Senatore (ed.), Karl Julius Beloch da Sorrento nell’antichità alla Campania, Atti del Convegno storiografico in memoria di Claudio Ferone, Piano di Sorrento, 28 marzo 2009, Roma 2011, 173-199.

D.BOOMS, The vernae Caprenses. Traces of Capri’s imperial history after Tiberius, PBSR 78, 2010, 133-143.

R.CIARDIELLO, Abitare a Capri in età romana. Il complesso residenziale di Gradola, Annali Università degli Studi Orsola Benincasa, 2010, 447-468.

E.SCOGNAMIGLIO, Prime ricognizioni lungo la costa settentrionale dell’Isola di Capri, Archeologia marittima mediterranea 7, 2010, 117-128.

M.DELLA CORTE, Augustus in his last visit to Campania. Capri and Apragopolis, Octavianum and Summa Villa, in: G.F. De Simone – R.T. Macfarlane (eds.), Apolline Project, 1. Studies on Vesuvius’ north slope and the bay of Naples, Roma 2009, 144-156.

C.GIARDINO, Capri. Duemila anni prima di Tiberio, Archeo 21, 2005, 78-85.

C.KRAUSE, Villa Jovis. L’edificio residenziale, Napoli 2005.

R.ESPOSITO, Le Sirene di Capri: metamorfosi di un mito, in: M.Amitrano – A.Cafiero – C.Fiorentino (eds.), Conoscere Capri 2, Atti del 2° ciclo di conferenze sulla storia e la natura dell’isola di Capri, Capri – Anacapri, novembre 2003 – febbraio 2004, Capri 2004, 129-137.

E.FEDERICO, Sull’isola dei Teleboi. Nella preistoria scientifica di Giulio Beloch, in: F.Senatore (ed.), Pompei, Capri e la Penisola Sorrentina, Atti del quinto ciclo di conferenze di geologia, storia e archeologia, Pompei, Anacapri, Scafati, Castellammare di Stabia, ottobre 2002 – aprile 2003, Capri 2004, 11-42.

F.SENATORE (ed.), Pompei, Capri e la Penisola Sorrentina. Atti del quinto ciclo di conferenze di geologia, storia e archeologia, Pompei, Anacapri, Scafati e Castellammare di Stabia, ottobre 2002 – aprile 2003, Capri 2004.

F.SENATORE, Il recupero dell’elemento italico di Capri attraverso l’onomastica e la toponomastica, in: F.Senatore (ed.), Pompei, Capri e la Penisola Sorrentina, Atti del quinto ciclo di conferenze di geologia, storia e archeologia, Pompei, Anacapri, Scafati, Castellammare di Stabia, ottobre 2002 – aprile 2003, Capri 2004, 43-49.

E.FEDERICO, Note storiche sull’onomastica caprese. Per la storia di Capri preromana… e non solo, in: E.Federico – A.Tafuri – M.Amitrano (eds.), Conoscere Capri I, Atti del 1° ciclo di conferenze sulla storia e la natura dell’isola di Capri, Capri – Anacapri, novembre 2002 – aprile 2003, Capri 2003, 13-29.

A.PELOSI, Percorsi archeologici dell’isola di Capri, Capri 2003.

M.C.CASABURI, Chaldaei e mathematici a Capri. Sopravvivenze di Mesapotamia nell’Occidente greco-romano, in: M.C.Casaburi – G.Lacerenza (eds.), Lo specchio d’Oriente. Eredità afroasiatiche in Capri antica, Atti del Convegno, Capri, 3 novembre 2001, Napoli 2002, 25-40.

M.C.CASABURI – G.LACERENZA (eds.), Lo specchio d’Oriente. Eredità afroasiatiche in Capri antica, Atti del Convegno, Capri, 3 novembre 2001, Napoli 2002.

E.SAVINO, Flavio Giuseppe, Agrippa I e la Capri di Tiberio, in: M.C.Casaburi – G.Lacerenza (eds.), Lo specchio d’Oriente. Eredità afroasiatiche in Capri antica, Atti del Convegno, Capri, 3 novembre 2001, Napoli 2002, 41-54.

E.FEDERICO, Del buon uso del privato. Alcune note sulla tradizione di Augusto a Capri, in: F.Senatore (ed.), Pompei tra Sorrento e Sarno. Atti del terzo e quarto ciclo di conferenze di geologia, storia e archeologia, Pompei, gennaio 1999 – maggio 2000, Roma 2001, 175-183.

H.KESEL, Capri. Biographie einer Insel, Capri 20002.

P.LOMBARDI, Un frammento di iscrizione attica ritrovato a Capri, in: Atti dell’ XI Congresso internazionale di epigrafia greca e latina, Roma, 18-24 settembre 1997, Roma 1999, 345-350.

E.FEDERICO – E.MIRANDA (eds.), Capri antica. Dalla preistoria alla fine dell’età romana, Capri 1998.

H.KESEL, Einige Inschriften von der Insel Capri, ZPE 71, 1988, 195-198.

V.SAMPAOLO, Appunti su di una nuova base augusteo-tiberiana di Capri, Prospettiva 44, 1986, 46-57.

G.W.HOUSTON, Tiberius on Capri, G&R 32, 1985, 179-196.

F.AMARELLI, Capri, realtà e leggenda d’un “consilium principis”, in: Sodalitas, Scritti in onore di Antonio Guarino, Napoli 1984-1985, 1149-1157.

S.PANCIERA, Epigrafe di un soldato della Legio II Parthica a Capri, Epigraphica 29, 1967, 59-61.


CAPUA

M.BIANCHINI – H.J.BESTE, L’uso strutturale del laterizio nell’Anfiteatro Campano, in: E.Bukowiecki – R.Volpe – U.Wulf-Rheidt (eds.), Il laterizio nei cantieri imperiali. Roma e il Mediterraneo, Atti del I Workshop “Laterizio”, Roma, 27-28 novembre 2014, Archeologia dell’Architettura 20, 2015, Firenze 2016, 90-96.

L.CHIOFFI, Il sociorum Sisapone(n)sium vilicus e l’argentum da Sisapo(n) a Capua, in: F.Mainardis (ed.), Scritti per Claudio Zaccaria, Antichità Altoadriatiche 85, Trieste 2016, 173-182.

L.AGOSTINIANI, Niumsis Tanunis, la Tabula Bantina e la flessione pronominale italica, SE 77, 2014[2015], 197-215.

L.CAPPELLETTI, Le disposizioni statutarie dall’Italia centrale e meridionale sul finanziamento dei ludi locali (I sec. a.C.), Index 42, 2014, 523-543.

L.CAPPELLETTI, Die Finanzierung von Spielen in Italien und Hispanien gemäß den lokalen Stadtgesetzen (1. Jh. v.Chr. – 1. Jh. n.Chr.), in: K.Harter Uibopuu – T.Kruse (eds.), Sport und Recht in der Antike, 2. Internationales Wiener Kolloquium zur Antiken Rechtsgeschichte, Wien 27.-28. 10. 2011, Wien 2014, 167-193.

B.VAN DER MEER, Some Comment on the Tabula Capuana, SE 77, 2014[2015], 149-175.

M.BONGHI JOVINO, Mobilità nella Campania preromana. Il caso di Capua tra Bronzo finale e Primo ferro. Uomini e ambiente, AnnFaina 20, 2013, 117-138.

L.CERCHIAI, Tra Capua e Pontecagnano, La Valle del Sarno e la Campania interna tra il Ferro e l’Orientalizzante, in: S.Rafanelli (ed.), Vetulonia, Pontecagnano e Capua. Vite parallele di tre città etrusche, Roma 2013, 30-32.

A.GALLO, Le tre stagioni dei Magii ‘campani’, BIDR 107, 2013, 91-114.

A.GALLO, Sulla ‘lex de equitibus Campanis’ (Liv. 23, 31, 10-11), in: M.Chelotti – M.Silvestrini (eds.), Epigrafia e territorio, politica e società. Temi di antichità romane, IX, Bari 2013, 227-238.

S.RAFANELLI, Vetulonia, Pontecagnano e Capua. Vite parallele di tre città etrusche, Roma 2013.

F.SIRANO, Formazione di una capitale. Capua e la pianura campana dall’età del ferro all’età arcaica, in: S.Rafanelli (ed.), Vetulonia, Pontecagnano e Capua. Vite parallele di tre città etrusche, Roma 2013, 44-50.

F.SIRANO, Le rose di Capua. Per l’archeologia del profumo campano dal III secolo a.C., in: A.Campanelli (ed.), Rosantico. Natura, bellezza, gusto, profumi tra Paestum, Padula e Velia, Napoli 2013, 69-75.

T.D.STEK, Questions of cult and continuity in late Republican Roman Italy: ‘Italic’ or ‘Roman’ sanctuaries and the so-called pagus-vicus system, in: M.Jehne – B.Linke – J.Rüpke (eds.), Religiöse Vielfalt und soziale Integration. Die Bedeutung der Religion für die kulturelle Identität und politische Stabilität im republikanischen Italien, Heidelberg 2013, 137-162.

M.CUOZZO, Gli Etruschi in Campania, in: G.Bartoloni (ed.), Introduzione all’etruscologia, Milano 2012, 189-226.

O.SACCHI, Settlement Structures and Institutional ‘Continuity’ in Capua until the Deductio Coloniaria of 59 BC, in: S.T.Roselaar (ed.), Processes of Integration and Identity Formation in the Roman Republic, Leiden 2012, 273-288.

H.SOLIN, On the Use of Greek in Campania, in: M.Leiwo – H.Halla-Aho – M.Vierros (eds.), Variation and Change in Greek and Latin, Helsinki 2012, 97-114.

M.BONGHI JOVINO, Capua preromana e dintorni. Lineamenti della ricerca storico-archeologica, in: Gli Etruschi e la Campania settentrionale. Atti del XXVI convegno di studi etruschi ed italici, Caserta, Santa Maria Capua Vetere, Capua, Teano, 11-15 novembre 2007, Pisa 2011, 19-38.

L.CERCHIAI, L’agguato di Hamae, in: D.F.Maras (ed.), Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio all’opera di Giovanni Colonna, Pisa – Roma 2011, 29-32.

S.FORESTA, Il capitolium dell’antica Capua. Osservazioni sulle testimonianze antiquarie e archeologiche, Orizzonti 12, 2011, 11-23.

M.MINOJA, Tra Curti e Capua. Riflessioni sul limite orientale della città, in: L.Falcone (ed.), Curti tra storia e archeologia, Atti della giornata di studio, Venerdì 26 febbraio 2010, Biblioteca comunale, Curti (Caserta), Caserta 2011, 13-21.

F.SENATORE, La cosiddetta “lega campana”. Karl Julius Beloch e la “nascita storiografica” di un Gauverband, in: F.Senatore (ed.), Karl Julius Beloch da Sorrento nell’antichità alla Campania, Atti del Convegno storiografico in memoria di Claudio Ferone, Piano di Sorrento, 28 marzo 2009, Roma 2011, 333-362.

S.SISANI, In pagis forisque et conciliabulis. Le strutture amministrative dei distretti rurali in Italia tra la media Repubblica e l’età municipale, Roma 2011.

M.BONGHI JOVINO, Gli aspetti controversi della storia di Capua preromana. Ricerche attuali e problemi aperti, Orizzonti 11, 2010, 129-132.

C.CAPALDI, Una nuova attestazione dell’evergetismo edilizio di Augusto a Capua, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 95-118.

L.CHIOFFI, Congressus in venalicio. Spazi urbani e mercato degli schiavi a Capua e a Roma, MEFRA 122.2, 2010, 503-524.

K.KORHONEN, Copiate, non inventate: le falsificazioni epigrafiche di Capua, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 131-144.

L.PEDRONI, Capys, Telephus, Romulus. Storia e mitologia dei rapporti tra Roma e Capua, in: Kampanos, Formia 2010, 137-150.

V.SAMPAOLO, Il quartiere degli anfiteatri: l’espansione di Capua verso le mura occidentali, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 73-94.

H.SOLIN, Nuove iscrizioni di Capua, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 119-130.

L.AGOSTINIANI – G.M.FACCHETTI, Il vaso di Niumsis Tanunis, SE 75, 2009[2012], 107-130.

R.ANTONINI, Testi di Capua preromana. Qualche aggiornamento, Oebalus 4, 2009, 153-217.

M.H.CRAWFORD, The Fondo Patturelli Sanctuary at Capua: excavation and interpretation, CCG 20, 2009, 29-56.

L.CERCHIAI, La Campania. I fenomeni di colonizzazione, AnnFaina 15, 2008, 401-421.

L.CHIOFFI, Capua romana. Immagini di storia, istituzioni e vita sociali, Roma 2008.

L.CHIOFFI, Epigrafi di Capua. Museo provinciale campano. Magazzini. Città di Capua, Strade, cortili, palazzi, Capua 2008.

M.P.FRONDA, Hegemony and rivalry. The revolt of Capua revisited, Phoenix 61, 2007, 83-108.

V.BELLELLI, La tomba “principesca” dei Quattordici Ponti nel contesto di Capua arcaica, Roma 2006.

S.QUILICI GIGLI, Tifata, imminentes Capuae colles, nella Tabula Peutingeriana, Orizzonti 7, 2006, 85-93.

A.RAGGI, Le norme sui sacra nelle leges municipales, in: L.Capogrossi Colognesi – E.Gabba (eds.), Gli Statuti Municipali, Pavia 2006, 701–721.

A.VENTRIGLIA, Quali Etruschi a Capua e quando. Fra dati linguistici e dati storico-archeologici, in: D.Caiazza (ed.), Samnitice Loqui. Studi in onore di A.L.Prosdocimi per il premio I Sanniti, I-II, Piedimonte Matese 2006, I, 185-204.

A.ZAVARONI, Le iuvilas di Capua, Anna Perenna e gli Argei romani, DHA 32, 2006, 43-58.

L.CHIOFFI, Museo provinciale campano. La raccolta epigrafica. Le iscrizioni latine. Cortili, sale, depositi, Capua 2005.

M.W.BALDWIN BOWSKY, Of two tongues: Acculturation at Roman Knossos, in: G.Salmeri – A.Raggi – A.Baroni (eds.), Colonie romane nel mondo greco, Roma 2004, 95-150.

B.DÍAZ ARIÑO, Heisce Magistreis. Aproximación a los collegia de la Hispania republicana a través de sus paralelos italianos y delios, Gerión 22, 2004, 447-478.

O.SACCHI, L’Ager Campanus Antiquus. Fattori di trasformazione e profili di storia giuridica del territorio dalla ΜΕΣΟΓΕΙΑ arcaica alla centuriatio romana, Napoli 2004.

L.CHIOFFI, Capuanae, in: A.Buonopane – F.Cenerini (eds.), Donna e lavoro nella documentazione epigrafica, Atti del I seminario sulla condizione femminile nella documentazione epigrafica, Bologna, 21 novembre 2002, Faenza 2003, 163-192.

D.NONNIS, Le implicazioni socio-politiche della produzione e della distribuzione nell’Italia repubblicana: per un repertorio prosopografico, in: C.Zaccagnini (ed.), Mercanti e politica nel mondo antico, Roma 2003, 245-274.

L.CAPOGROSSI COLOGNESI, Pagi sanniti e centuriatio romana, in: G.Franciosi (ed.), Ager Campanus, Atti del Convegno Internazionale “La storia dell’ager Campanus. I problemi della limitatio e sua lettura attuale”, Real sito di S. Leucio, 8-9 giugno 2001, Napoli 2002, 77-93.

A.MANZO, L’ager Campanus. Dalla deditio di Capua alla redazione della forma agri Campani di Publio Cornelio Lentulo, in: G.Franciosi (ed.), La romanizzazione della Campania antica, Napoli 2002, 125–159.

L.MINIERI, La colonizzazione di Capua tra l’84 e il 59 a.C., in: G.Franciosi (ed.), La romanizzazione della Campania antica, 1, Napoli 2002, 249-267.

M.TARPIN, Vici et pagi dans l’Occident romain, Roma 2002.

D.BRIQUEL, L’image des Calavii de Capoue, in: D.Briquel – J.-P.Thuillier (eds.), Le censeur et les Samnites. Sur Tite-Live, livre IX, Paris 2001, 117-133.

M.POBJOY, The decree of the pagus Herculaneus and the Romanisation of ‘Oscan’ Capua, Arctos 32, 1998, 175-195.

P.POCCETTI, L’iscrizione osca su lamina plumbea Ve 6: maledizione o preghiera di giustizia? Contributo alla definizione del culto del Fondo Patturelli a Capua, in : I culti della Campania antica, Atti del Convegno Internazionale di Studi in ricordo di N.Valenza Mele, Napoli, 15-17 maggio 1995, Roma 1998, 175-184.

W.JOHANNOWSKY, Aggiornamenti sulla prima fase di Capua, AION(archeol) 3, 1996, 59-65.

V.SAMPAOLO, Osservazioni sul sistema viario a nord di Capua, BA 39-40, 1996[2001], 1-6.

F.COARELLI, Venus Iovia, Venus Libitina. Il santuario del Fondo Patturelli a Capua, in: L.Breglia Pulci Doria (ed.), L’incidenza dell’antico. Studi in memoria di E.Lepore, Atti del Convegno Internazionale, Anacapri 24-28 marzo 1991, II, Napoli 1995, 377-389.

M.CRISTOFANI, Tabula Capuana. Un calendario festivo di età arcaica, Firenze 1995.

G.URSO, La deportazione dei Capuani nel 211 a.C., in M.Sordi (ed.), Coercizione e mobilità umana nel mondo antico, Milano 1995, 161-176.

S.PATON, Roman Knossos and the Colonia Julia Nobilis Cnossus, in: D.Eveley et alii (eds.), Knossos: a Labyrinth of History, Papers in Honour of Sinclair Hood, Oxford 1994, 141-155.

G.D’ISANTO, Capua romana. Ricerche di prosopografia e storia sociale, Roma 1993.

G.GUADAGNO, Pagi e vici della Campania, in: A.Calbi – A.Donati – G.Poma (eds.), L’epigrafia del villaggio, Faenza 1993, 407-444.

G.ALESSIO, Capua e l’etnico Campani, in: La Campania fra il VI e il III secolo a.C., Atti del Convegno di Studi Etruschi e Italici, Benevento 24-28 giugno 1981, Galatina 1992, 149-154.

M.BEDELLO TATA, Botteghe artigiane a Capua, in: La Campania fra il VI e il III secolo a.C., Atti del XIV Convegno di Studi Etruschi e Italici, Benevento, 24-28 giugno 1981, Galatina 1992, 238-246.

P.POCCETTI, Ancora su osco patir (a proposito dell’epigrafia di un sepolcro gentilizio sannitico da Capua), AION(ling) 14, 1992, 241-252.

E.GROPPO MORETTI, Un maestro di bottega del quarto secolo a.C. a Capua, in: M.Bonghi Jovino (ed.), Artigiani e botteghe nell’Italia preromana, Studi sulla coroplastica di area etrusco-laziale-campana, Roma 1990, 147-161.

F.QUARANTINI ZANELLI, Raffigurazioni di guerrieri a Capua: spunti per una riflessione, in: M.Bonghi Jovino – M.Bedello Tata (eds.), Artigiani e botteghe nell’Italia preromana: studi sulla coroplastica di area etrusco-laziale-campana, Roma 1990, 163-178.

H.SOLIN, Republican Capua, in: H.Solin – M.Kajava (eds.), Roman Eastern policy and other studies in Roman History, Proceedings of a Colloquium at Tvärminne, 2-3 october 1987, Helsinki 1990, 151-162.

C.FERONE, Un’iscrizione inedita dei magistrati campani, in: IX Miscellanea Greca e Romana, Roma 1984, 151-154.

M.W.FREDERIKSEN, Campania, Rome 1984.

M.PAGANO, Nuovi cippi anepigrafi della centuriazione romana da Allifae, Capua, Puteoli e Setia, RAAN 59, 1984, 173-188.

R.PALMIERI, Nuovo documento epigrafico capuano di T.Clodius Marcellus, in: IX Miscellanea Greca e Romana, Roma 1984, 163-169.

J.-L.VOISIN, Tite-Live, Capoue et les Bacchanales, MEFRA 94, 1984, 600-653.

J.-M.FLAMBARD, Les collèges et les élites locales à l’époque républicaine d’après l’exemple de Capoue, in: M.Cébeillac Gervasoni (ed.), Les “bourgeoisies” municipales italiennes aux IIe et Ier siècles av.J.-C., Colloque Internationaux, Naples, 7-10 décembre 1981, Paris – Naples 1983, 75-89.

G.PICCALUGA, Urbs trunca. Passato mitico ed espansionismo contro la Capua del “dopo Hannibal”, RSA 13-14, 1983-1984, 103-125.

S.FERRARO, Di Capua ed i suoi interessi archeologici su Stabiae e le altre città vesuviane, VetChr 18, 1981, 195-203.

M.FRANCHI DE BELLIS, Le iovile capuane, Firenze 1981.

P.POCCETTI, Una struttura familiare arcaica nella Capua sannitica, RAAN 56, 1981, 75-82.

F.CANTARELLI, La via Regio-Capuam: problemi storici e topografici, L’Universo 60, 1980, 929-968.

R.PALMIERI, Ricerche sull’augustalità capuana. A proposito di nuovo augustalis Capuae, in: VII Miscellanea Greca e Romana, Roma 1980, 447-458.

R.PALMIERI, Nuove iscrizioni di Capua, Sinuessa, Suessa e revisione di “Ephemeris epigraphica VIII” 566, in: V Miscellanea Greca e Romana, Roma 1977, 315-338.

F.SARTORI, I praefecti Capuam Cumas, in: I Campi Flegrei nell’archeologia e nella storia, Atti del Convegno Internazionale, Roma, 4-7 maggio 1976, Roma 1977, 149–171, 164 [= in: F.SARTORI, Dall’Italìa all’Italia, Padova 1993, 503–531.

C.BENCIVENGA, Un nuovo contributo alla conoscenza della centuriazione dell’ager Campanus, RAAN 51, 1976, 79-89.

K.J.RIGSBY, Cnossus and Capua, TAPhA 106, 1976, 313-330.

G.BARBIERI, Nuove iscrizioni di Capua, in: III Miscellanea Greca e Romana, Roma 1971, 291-305.

D.CURRERI, Capua e l’ager Campanus nella legislazione agraria e coloniaria di Gaio Cracco, Epigraphica 33, 1971, 33-48.

P.M.MARTIN, A propos d’une notice de Denys d’Halicarnasse (A.R. I, 73, 3), Latomus 30, 1971, 23-44.

M.BONGHI JOVINO, Una tabella capuana con ratto di Ganimede ed i suoi rapporti con l’arte tarantina, in: J.Bibauw (ed.) Hommages à Marcel Renard, III, Bruxelles 1969, 66-78.

C.VENTURINI, La repressione degli abusi dei magistrati romani ai danni delle popolazioni soggette fino alla lex Calpurnia del 149 a.C., BIDR 72, 1969, 19-87.

V.PANEBIANCO, Il commercio italiota dalla colonizzazione focea di Velia alla fondazione etrusca di Capua, PP 21, 1966, 241-254.

S.PANCIERA, Sylloge inscriptionum latinarum potissimum Capua repertarum, Epigraphica 22, 1960, 20-36. [= ID., Epigrafi, epigrafia, epigrafisti. Scritti vari e inediti (1956-2005) con note complementari e indici, I, Roma 2006, 599-611]

M.W.FREDERIKSEN, Republican Capua: A Social and Economic Study, PBSR 27, 1959, 80-130.

M.PALLOTTINO, Il filoetruschismo di Aristodemo e la data della fondazione di Capua, PP 11, 1956, 81-88.

J.HEURGON, Les magistri des collèges et le relèvement de Capoue de 111 à 71 avant J.-C., MEFRA 56, 1939, 5-27.

A.E.R.BOAK, The Magistri of Campania and Delos, CPh 11, 1916, 25-45.

E.KORNEMANN, Polis und Urbs, Klio 5, 1905, 72-92.

A.SCHULTEN, Die Landgemeinden im römischen Reich, Philologus 53, 1894, 629-686.


CARSULAE

E.ROSCINI, Nuove epigrafi da Carsulae (Regio VI – Umbria), ZPE 189, 2014, 287-292.

S.SISANI, Fenomenologia della conquista: la romanizzazione dell’Umbria tra il IV sec.a.C. e la guerra sociale, Roma 2007.

S.SISANI, Umbria – Marche, Roma – Bari 2006.

L.QUILICI GIGLI – S.QUILICI GIGLI (eds.), Città dell’Umbria, Atlante Tematico di Topografia Antica 11, Roma 2002.

P.BRUSCHETTI, Iscrizioni inedite da Carsulae (Terni), Epigraphica 62, 2000, 261-272.

A.MORIGI, Carsulae: topografia e monumenti, Roma 1997.

P.BRUSCHETTI, Carsulae, Roma 1995.

M.GAGGIOTTI, Considerazioni sull’iscrizione rupestre di Capo d’Acqua (Carsulae), in: L.Gasperini (ed.), Rupes Loquentes, Atti del Convegno Internazionale di Studio sulle iscrizioni rupestri di età romana in Italia, Roma – Bomarzo 13-15.10.1989, Roma 1992, 253-274.

S.DIEBNER, Cippi carsulani, ArchClass 38-40, 1986-1988, 33-66.

U.CIOTTI, Un trovamento fortuito nel territorio di Carsulae agli inizi del secolo, Bollettino della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria 80, 1983, 267-274.

U.CIOTTI, Carsulae, in: U.Ciotti – A.Campana – U.Nicolini (eds.), San Gemini e Carsulae, Milano – Roma 1976, 9-80.

U.CIOTTI – A.CAMPANA – U.NICOLINI (eds.), San Gemini e Carsulae, Milano – Roma 1976.

G.BECATTI, Tuder – Carsulae, Roma 1938.


CASTIGLIONE DI PALUDI

E.BRIENZA – L.CALIÒ – E.LIPPOLIS, Castiglione di Paludi: nuove ricerche nel sito della città antica, in: G.De Sensi Sestito – S.Mancuso (eds.), Enotri e Brettii in Magna Grecia. Modi e forme di interazione culturale, Soveria Mannelli 2011, 235-286.

M.PAOLETTI – D.NOVELLIS, Castiglione di Paludi e i Brettii, in: G.De Sensi Sestito – S.Mancuso (eds.), Enotri e Brettii in Magna Grecia. Modi e forme di interazione culturale, Soveria Mannelli 2011, 191-223.

A.POLOSA, Castiglione di Paludi: la circolazione monetaria, in: G.De Sensi Sestito – S.Mancuso (eds.), Enotri e Brettii in Magna Grecia. Modi e forme di interazione culturale, Soveria Mannelli 2011, 287-293.

M.PAOLETTI – S.LUPPINO, Il centro fortificato di Castiglione di Paludi, Rende 2007.

P.G.GUZZO, Brezi o Italioti a Castiglione di Paludi?, Klearchos 31, 1989, 85-89.

M.PAGANO, Una proposta di identificazione del centro fortificato di Castiglione di Paludi, MEFRA 98, 1986, 91-99.

P.G.GUZZO, Paludi (Cosenza): località Castiglione. Necropoli dell’età del Ferro, Klearchos 17, 65-68, 1975, 97-177.


CATANIA

S.FREY-KUPPER, Cimelia entellina. Coin finds from the Rocca dl’Entella and the coinage of its Campani. Reflections on Sicilian events in the late fifth century BC, Journal of Archaeological Numismatics 7, 2017, 23-58.

W.FISCHER-BOSSERT, Leontinoi, Selinus, Katane. Zwei Überprägungen, in: L.Sole – S.Tusa (eds.), Nomismata. Studi in numismatica offerti ad Aldina Cutroni Tusa per il suo novantatreesimo compleanno, Ragusa 2016, 107-123.

S.FREY-KUPPER, Due monete di Katane da Rocca d’Entella e la prima monetazione dei Campani entellini, in: L.Sole – S.Tusa (eds.), Nomismata. Studi di numismatica offerti ad Aldina Cutroni Tusa per il suo novantatreesimo compleanno, Ragusa 2016, 194-222.

P.G.GUZZO, Caronda e coloro che si nutrono dallo stesso granaio. Ipotesi sulle strutture circolari di Megara Hyblea, Selinunte e Himera, MDAI(R) 119, 2013, 33-42.

M.F.VYSOKII, Ancient Greek legislation on Sicily. The laws of Charondas, in: A.Mehl – A.V.Makhlayuk – O.Gabelko (eds.), Ruthenia classica aetatis novae. A collection of works of Russian scholars in ancient Greek and Roman history, Stuttgart 2013, 31-44.

S.AMARI, Importazione e produzione a Κατάνη della ceramica calcidese non figurata, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 119-134.

M.G.BRANCIFORTI, Da Katane a Catina, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 135-258.

E.F.CASTAGNINO BERLINGHIERI – C.MONACO, Paesaggio costiero e variazioni della linea di costa: nuovi risultati interdisciplinari sul porto di Catania antica, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 27-44.

R.CRISTOFOLINI, Per una storia delle eruzioni etnee dalla Preistoria al Medioevo, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 15-26.

M.FRASCA, Il periodo protostorico e le prime fasi della colonia, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 101-108.

V.LA ROSA – M.G.BRANCIFORTI (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010.

A.MARLETTA, L’edificio termale di Piazza Dante, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 259-288.

G.PAGNANO, Ultra Catinam: il Teatro e il suo quartiere, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 427-468.

A.PAUTASSO, Santuari lungo le rotte: per una storicizzazione della stipe votiva di Piazza S.Francesco, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 109-118.

F.PRIVITERA, I disiecta membra delle età più antiche, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 45-62.

F.TOMASELLO, La viabilità suburbana in età imperiale, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 289-318.

E.TORTORICI, Ulteriori osservazioni sulla topografia di Catania antica, in: V.La Rosa – M.G.Branciforti (eds.), Tra lava e mare. Contributi all’archaiologhia di Catania, Atti del Convegno, Catania, 22-23 novembre 2007, Catania 2010, 319-336.

M.VINCI, Katane-Aitna e la spartizione territoriale siculo-siracusana: una nuova proposta interpretativa di Diod. XI 76, 3, Mediterraneo Antico 13.1-2, 2010, 207-217.

S.PRIVITERA, Lo sviluppo urbano di Catania dalla fondazione dell’apoikia alla fine del V secolo d.C., in: L.Scalisi (ed.), Catania. L’identità urbana dall’antichità al Settecento, Catania 2009, 37-71.

L.SCALISI (ed.), Catania. L’identità urbana dall’antichità al Settecento, Catania 2009.

C.BOEHRINGER, Über Münzen von Katane im letzten Jahrzehnt des V. Jahrhunderts v.Chr., SNR 87, 2008, 5-22.

M.G.BRANCIFORTI – G.PAGNANO (eds.), Il complesso archeologico del Teatro e dell’Odeion di Catania, Palermo 2008.

M.SGARLATA, Catania. Dalla città pagana alla città cristiana, in: Agata Santa. Storia, arte, devozione, Catalogo della Mostra, Catania, 29 gennaio – 4 maggio 2008, Milano 2008, 159-167.

E.TORTORICI, Osservazioni e ipotesi sulla topografia di Catania antica, in: L.Quilici – S.Quilici Gigli (eds.), Edilizia pubblica e privata nelle città romane, ATTA 17, Roma 2008, 91-124.

M.G.BRANCIFORTI, Catania, in: F.Privitera – U.Spigo (eds.), Dall’Alcantara agli Iblei. La ricerca archeologica in provincia di Catania, Guida alla Mostra, Catania, Chiesa di S.Francesco Borgia, 22 ottobre 2005 – 31 gennaio 2006, Catania 2005, 175-199.

M.G.BRANCIFORTI, Gli scavi archeologici nell’ex Reclusorio della Purità di Catania, in: R.Gigli (ed.), Mεγαλαι νησoι. Studi dedicati a Giovanni Rizza per il suo ottantesimo compleanno, II, Palermo 2005, 47-77.

F.PRIVITERA – U.SPIGO (eds.), Dall’Alcantara agli Iblei. La ricerca archeologica in provincia di Catania, Guida alla Mostra, Catania, Chiesa di S.Francesco Borgia, 22 ottobre 2005 – 31 gennaio 2006, Catania 2005.

K.KORHONEN, Le iscrizioni del Museo Civico di Catania. Storia delle collezioni – Cultura epigrafica – Edizione, Helsinki 2004.

K.KORHONEN, La cultura epigrafica della colonia di Catina nell’Alto Impero, in: G.Salmeri – A.Raggi – A.Baroni (eds.), Colonie romane nel mondo greco, Roma 2004, 233-253.

M.G.BRANCIFORTI, Quartieri di età ellenistica e romana a Catania, in: G.Fiorentini – M.Caltabiano – A.Calderone (eds.), Archeologia del Mediterraneo. Studi in onore di Ernesto De Miro, Roma 2003, 95-120.

C.SPOSITO, L’anfiteatro romano di Catania: analisi e prospettive, Dioniso 1, 2002, 180-207.

E.TORTORICI, Contributi per una carta archeologica subacquea della costa di Catania, Archeologia Subacquea. Studi, ricerche, documenti 3, 2002, 275-333.

B.GENTILI (ed.), Catania antica, Atti del Convegno della S.I.S.A.C., Catania, 23-24 maggio 1992, Pisa – Roma 1996.

S.LAGONA, Catania: il problema del porto antico, in: B.Gentili (ed.), Catania antica, Atti del Convegno della S.I.S.A.C., Catania, 23-24 maggio 1992, Pisa – Roma 1996, 223-230.

G.MANGANARO, Per una storia della chora Katanaia, in: B.Gentile (ed.), Catania antica, Atti del Convegno della S.I.S.A.C., Catania, 23-24 maggio 1992, Pisa – Roma 1996, 19-59.

G.MANGANARO, La monetazione di Katane dal V al I sec. a.C., in: B.Gentile (ed.), Catania antica, Atti del Convegno della S.I.S.A.C., Catania, 23-24 maggio 1992, Pisa – Roma 1996, 303-321.

G.RIZZA, Catania in età greca: l’evidenza archeologica, in: B.Gentili (ed.), Catania antica, Atti del Convegno della S.I.S.A.C., Catania, 23-24 maggio 1992, Pisa – Roma 1996, 11-18.

R.J.A.WILSON, La topografia della Catania romana. Problemi e prospettive, in: B.GentilI (ed.), Catania antica, Atti del Convegno della S.I.S.A.C., Catania, 23-24 maggio 1992, Pisa – Roma 1996, 149-174.

S.LINK, Zur archaischen Gesetzgebung in Katane und im Epizephyrischen Lokroi, in: H.-J.Gehrke (ed.), Rechtskodifizierung und soziale Normen im interkulturellen Vergleich, Tübingen 1994, 165-177.

R.P.A.PATANÈ, Saggi di scavi all’interno del Castello Ursino di Catania, Kokalos 39-40, 1993-1994, 901-907.

L.DUFOUR, Atlante storico della Sicilia. Le città costiere nella cartografia manoscritta 1500-1823, Palermo – Siracusa – Venezia 1992.

E.PROCELLI, Appunti per una topografia di Catania pregreca, Kokalos 38, 1992, 69-78.

R.SORACI, Catania in età tardoantica, QC 3, 1991, 257-279.

C.CASTELLO, Sulla legislazione attribuita a Caronda nel secondo Mimiambo di Eroda, in: G.Nenci – G.Thür (eds.), Symposion 1988, Vorträge zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte, Siena – Pisa, 6.-8. Juni 1988, Köln 1990, 361-368.

E.PROCELLI, Aspetti e problemi dell’ellenizzazione calcidese nella Sicilia orientale, MEFRA 101, 1989, 679-689.

E.PROCELLI, Modi e tempi della ellenizzazione calcidese ai margini della Piana di Catania, Kokalos 34-35, 1988-1989, 121-124.

G.RIZZA, Leontini e Katane nell’VIII e nel VII secolo a.C., ASAA 59, 1981, 313-317.

M.GIUFFRIDA, Leontini, Catane e Nasso dalla I spedizione ateniese al 403, in: Φιλίας χάριν. Miscellanea di studi classici in onore di Eugenio Manni, Roma 1980, 1137-1156.

C.BOEHRINGER, Die frühen Bronzemünzen von Leontinoi und Katane, in: Le origini della monetazione di bronzo in Sicilia e Magna Grecia, Atti del VI Convegno del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 17-22 aprile 1977, Roma 1979, 145-176.

F.GIUDICE ET ALII, Catania: scavo all’interno del muro di cinta del Monastero dei Benedettini, Cronache di Archeologia 18, 1979, 129-141.

F.CORDANO, Leggi e legislatori calcidesi, Miscellanea Greca e Romana 6, 1978, 89-98.
Pp. 90-95: Datazione, contenuto e diffusione della legislazione attribuita a Caronda e adottata in poleis siceliote e italiote (Reggio). Pp.91-93 e 96: su Androdamas e altri legislatori di Reggio. Pp. 95-97: contenuto di alcune norme vigenti a Locri Epizefiri. [L. Cappelletti]

S.LAGONA, L’acquedotto romano di Catania, Cronache di Archeologia e di Storia dell’Arte 3, 1964, 69-86.

G.RIZZA, Stipe votiva di un santuario di Demetra a Catania, BA 45, 1960, 247-261.

G.MANGANARO, Epigrafi frammentarie di Catania, Kokalos 5, 1959, 145-158.

M.MÜHL, Die Gesetze des Zaleukos und Charondas, Klio 22, 1929, 105-124; 432-463.

A.HOLM, Catania antica, trad. e note di G.Libertini, Catania 1925.

P.ORSI, Catania. Scoperte varie di antichità negli anni 1916-1917, NSA, 1918, 53-71.


CAULONIA

M.I.IANNELLI – F.A.CUTERI, Caulonia-Monasterace Marina. Hellenistic baths in the building near the “Casamatta”, in: K.Lucore – M.Trumper (eds.), Greek Bath and Bathing Culture. New discoveries and approaches, Leuven 2013, 131-141.

A.FACELLA, Appunti sul popolamento antico nella Kauloniatide, tra Enotri, Greci e Brettii, in: F.Berlinzani (ed.), Convivenze etniche, scontri e contatti di culture in Sicilia e Magna Grecia, Atti del Seminario di Studi, Università degli Studi di Milano, 23-24 novembre 2009, Aristonothos. Scritti per il Mediterraneo antico 7, 2012, Trento 2012, 393-422.

V.GAGLIARDI, Ceramica fine e anfore a Kaulonia in età arcaica: alcune note, in: F.Berlinzani (ed.), Convivenze etniche, scontri e contatti di culture in Sicilia e Magna Grecia, Atti del Seminario di Studi, Università degli Studi di Milano, 23-24 novembre 2009, Aristonothos. Scritti per il Mediterraneo antico 7, 2012, Trento 2012, 365-392.

M.C.PARRA, Tra approdo preurbano e stanziamento brettio: due note su Caulonia, in: F.Berlinzani (ed.), Convivenze etniche, scontri e contatti di culture in Sicilia e Magna Grecia, Atti del Seminario di Studi, Università degli Studi di Milano, 23-24 novembre 2009, Aristonothos. Scritti per il Mediterraneo antico 7, 2012, Trento 2012, 347-364.

V.ANGELETTI, La coroplastica votiva dal santuario di Punta Stilo, in: M.C. Parra – A. Facella (eds.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Indagini topografiche nel territorio, III, Pisa 2011, 139-160.

M.C.PARRA – A. FACELLA (eds.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Indagini topografiche nel territorio, III, Pisa 2011.

B.CARÈ, L’astragalo nel sepolcro μειρακιων τε και παρθένων παιγνιoν? Riflessioni per la rilettura di un costume funerario. I casi di Locri e Caulonia, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 459-469.

M.CORRADO, Immagini di delfini e “delfinieri” da Caulonia e Crotone, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 165-171.

D.ELIA, Osservazioni sulla circolazione della ceramica figurata italiota a Caulonia, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 471-476.

G.GARGANO, La monetazione di bronzo della zecca di Caulonia, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 173-184.

G.GARGANO, Una “moneta di terracotta” dall’antica Caulonia, GNS 60, 2010, 3-8.

E.GRILLO, Antefisse con Gorgoneion tra Locri e Caulonia, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 363-374.

M.T.IANNELLI – B.MINNITI – F.A.CUTERI, Hipponion, Medma e Caulonia, Nuove evidenze archeologiche a proposito della fondazione, in: Alle origini della Magna Grecia. Mobilità, migrazioni, fondazioni. Atti del L Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 1 – 4 ottobre 2010, Taranto 2010, 855 – 911.

M.L.LAZZARINI, Tra Kroton e Kaulonia: la documentazione epigrafica, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 273-278.
L’A. si concentra sull’esiguo patrimonio epigrafico proveniente dai centri di Crotone e Caulonia, facendo particolare riferimento a due testi. La prima iscrizione (SEG 51, 2001, 1407) di carattere sacro, datata al VI sec. a.C., è incisa su un cippo trovato all’interno dell’area sacra del tempio dell’antica Caulonia. L’alfabeto usato è quello corinzio e non acheo, come ci si aspetterebbe [p. 274]. Il cattivo stato di conservazione del testo compromette ogni interpretazione. L’A. propone di leggervi ΑΜΒΑ, forme sincopata di ΑΝΑΒΑ, e non Ἀνεμιᾶν. La seconda iscrizione in alfabeto acheo su tabella bronzea è attribuita a Caulonia (SEG 4, 1929, 71), anche se non si conosce il luogo esatto di ritrovamento. Si tratta di un atto di donazione con la menzione del demiurgo al genitivo. Il confronto con un’altra iscrizione frammentaria (M.L.LAZZARINI, L’eponimia a Crotone. A proposito di una nuova laminetta bronzea iscritta, in: Epigraphica. Atti delle Giornate di Studio di Roma e di Atene in memoria di M. Guarducci (1902-1999), Opuscula Epigraphica 10, Roma 2003, 81-90) su tabella bronzea, databile tra la fine del IV e l’inizio del III sec. a.C., rinvenuta nell’area del santuario di Hera Lacinia presso Crotone, chiarisce la funzione del demiurgo come magistrato eponimo [p. 274]. Stesse considerazioni sono valide anche per un’iscrizione frammentaria (M.L.LAZZARINI, Una nuova lamina bronzea iscritta dal territorio lametino, ArchClass 56, 2005, 453-460) proveniente da Terina, nell’area di influenza crotoniate [p. 275]. Altri elementi interessanti nella seconda iscrizione cauloniate sono le sigle che precedono i nomi del demiurgo e dei garanti a indicare l’esistenza di suddivisioni civiche, proprie di Crotone e della madrepatria achea. [J. Piccinini]

L.LEPORE – P.TURI (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010.

M.LOMBARDO, Caulonia: tradizioni letterarie e problemi storici, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 7-16.

M.R.LUBERTO, Nota sulla ceramica di VIII e VII secolo a.C. dallo scavo di San Marco nord-est a Caulonia, in: Alle origini della Magna Grecia. Mobilità, migrazioni, fondazioni, Atti del L Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 1- 4 ottobre 2010, Taranto 2010, 913-926.

V.MEIRANO, Tra Locri e Caulonia, Appunti a margine di alcuni manufatti in bronzo, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 375-380.

G.PERRI, Crotone e Caulonia: aspetti e problemi della monetazione incusa, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 299-306.

P.TURI – P.PALLECCHI, Osservazioni sulla composizione e sulla tecnica di fabbricazione di alcune classi ceramiche di San Marco nord-est a Caulonia, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 115-133.

M.T.IANNELLI – S.MARIOTTINI, Rinvenimenti subacquei nel territorio di Caulonia, in: M.Paoletti (ed.), Relitti, porti e rotte nel Mediterraneo, Cosenza 2009, 133-135.

E.GIANNICO, Magistrature di Crotone e di centri sotto la sua influenza, Incidenza dell’Antico 6, 2008, 215-240.
L’A. raccoglie le testimonianze epigrafiche da Crotone (SEG 53, 2003, 1077), Petelia (IG XIV, 636), Crimisa, Caulonia e Terina (SEG 4, 1929, risp. 75, 71, 73) [pp. 215-227], inoltre quelle letterarie, i.e. Ateneo XII 522a (= Tim. FGrHist 566 F 44) [pp. 227-232], utili a tracciare un quadro delle istituzioni di Crotone e di alcuni centri sotto la sua influenza. Particolare attenzione è data alle magistrature della pritania e della demiurgia, che trovano spiegazione della loro esistenza a Crotone nel rapporto tra metropoli e colonia, secondo una tesi già sviluppata negli anni ‘60 da S. Mazzarino [pp. 233-237]. [J. Piccinini]

G.ADORNATO, Χαρακτήρ: note iconografiche sugli stateri di Kaulonia, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 333-349.

C.AMPOLO, Iscrizioni greche dal santuario di Punta Stilo. Addendum: Nota preliminare sulla nuova iscrizione osca, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 43-54.

L.CANNATA, Le campagne di scavo 1971 e 1984-1985 in proprietà Zaffino: analisi dei materiali, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 535-587.

M.CORRADO, La villa romana in località Fontanelle: primo esame dei materiali, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 297-308.

G.DE SENSI SESTITO, Il paesaggio di Caulonia tra mito, storia e culti, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 317-332.

D.ELIA, Un frammento del Gruppo di Locri dall’area del tempio di Punta Stilo. Contributo alla conoscenza della circolazione di manufatti tra Caulonia e Locri Epizefiri, Orizzonti 8, 2007, 121-120.

A.FACELLA, Ricognizioni archeologiche di superficie nel territorio kauloniate dal 2001 al 2003, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 181-289.

A.FACELLA, Rassegna bibliografica kauloniate con aggiornamenti e integrazioni, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 621-643.

V.GAGLIARDI, Il “Keraimeikos” di contrada Lupa: per una revisione dei dati, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II Pisa 2007, 493-533.

V.GAGLIARDI, La ceramica a vernice nera dalla vasca cultuale a nord-ovest del tempio, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 129-138.

V.GAGLIARDI, La ceramica arcaica fine dal santuario di Punta Stilo, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 55-92.

G.GARGANO, La collezione numismatica “Rodolfo Cimino” di Monasterace Marina (RC): nuovi dati sulla circolazione monetaria a Kaulonia, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 589-604.

M.GARGINI, Kaulonia: la vasca cultuale a nord-ovest del tempio, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 93-127.

M.T.IANNELLI, La villa romana in località Fontanelle: note preliminari, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 291-296.

L.LAZZARINI, L’identificazione dei marmi rinvenuti nel santuario di Punta Stilo, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 161-164.

C.MANTELLO, Le tombe della villa romana in località Fontanelle: analisi antropologica, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 309-314.

B.MINNITI, Contributo allo studio della ceramica arcaica di Kaulonia (scavi in proprietà Zaffino, casa Gazzera, sottopasso Contrada Lupa, sottopasso S.S. 106 e proprietà ANAS, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 431-491.

M.MOGGI, I proxenoi come testimoni, in: P.Desideri – M.Moggi – M.Pani (eds.), Antidoron. Studi in onore di B.Scardigli Forster, Pisa 2007, 305-316.

D.PALOMBA, La necropoli del Vallone Bernardo a Caulonia, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 351-430.

M.C.PARRA (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007.

M.C.PARRA, Ancora sul santuario di Punta Stilo, con Paolo Orsi e altri dopo le campagne di scavo 2001-2005, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 3-42.

J.D.STANLEY – M.P.BERNASCONI – T.TOTH, Kaulonia (Calabria, Italia): sommersione, migrazione laterale e sfruttamento come fonti di materiale da costruzione, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonía, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, II, Pisa 2007, 605-619.

M.C.PARRA, Armi per una dea, in Magna Grecia: alcune considerazioni, a proposito di nuove testimonianze kauloniati, in: M.A.Vaggioli (ed.), Guerra e pace in Sicilia e nel Mediterraneo Antico (VIII-III sec. a.C.): arte, prassi e teoria della pace e della guerra, I, Pisa 2006, 227-241.

M.T.IANNELLI, Caulonia. Note di topografia urbana, in: R.Belli Pasqua – R.Spadea (eds.), Kroton e il suo territorio tra VI e V secolo a.C. Aggiornamenti e nuove ricerche. Atti del Convegno di Studi, Crotone, 3-5 marzo 2000, Crotone 2005, 223-243.

M.SIMONETTI, Gli altarini fittili da Caulonia. Una presentazione preliminare, in: R.Belli Pasqua – R.Spadea (eds.), Kroton e il suo territorio tra VI e V secolo a.C. Aggiornamenti e nuove ricerche. Atti del Convegno di studi, Crotone, 3-5 marzo 2000, Crotone 2005, 253-260.

M.MARCHINI, Cleta, l’Amazzone di Caulonia, Patavium 24, 2004, 3-14.

M.C.PARRA, Primizie cauloniati. Nuove indagini al tempio di Punta Stilo, in: S.Bruni – T.Caruso – M.Massa (eds.), Archeologia Pisana. Scritti per Orlanda Pancrazzi, Pisa 2004, 300-309.

R.ZELNICK ABRAMOVITZ, The proxenoi of Western Greece, ZPE 147, 2004, 93-106.

G.PERRI, Nuovi dati per una riedizione del ripostiglio di Curinga, RIN 104, 2003, 57-115.

I.CAVAZZUTI, Ceramica arcaica del santuario di Punta Stilo, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 249-265.

F.A.CUTERI – B.ROTUNDO, Il territorio di Kaulonia fra tardoantico e medioevo: insediamenti, risorse, paesaggi, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 117-158.

G.DE SANCTIS, Caulonia nelle fonti classiche, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 499-510.

S.DE VIDO, Caulonia nelle fonti letterarie: una raccolta, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 1-12.

A.FACELLA, Note sul territorio kauloniate in età ellenistica e romana, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 59-101.

A.FACELLA, Capo Cocinto (Punta Stilo) nella geografia della Calabria antica, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 103-116.

A.FACELLA – C.FIORAVANTI – D.ZIRONE, Prima campagna di ricognizioni archeologiche di superficie nell’area kauloniate: note preliminari, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 159-162.

C.FIORAVANTI, Note su alcuni problemi storico-topografici relativi al territorio di Kaulonia in età arcaica e classica, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 27-57.

M.I.GULLETTA, Gli Itinera nei Bruttii: un progetto di ricerca dagli antichi percorsi al diario di viaggio, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 477-498.

M.T.IANNELLI, Nuove acquisizioni a proposito della presenza dei Brettii a Caulonia, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 319-336.

M.T.IANNELLI, Le campagne di scavo al tempio dorico di Caulonia attraverso i taccuini nn. 86 e 88 di Paolo Orsi e gli atti di archivio della Soprintendenza ai beni archeologici della Calabria, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 163-218.

M.C.PARRA (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001.

M.C.PARRA, Con Paolo Orsi ed altri nel santuario di Punta Stilo: campagne di scavo 1999-2001, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 225-258.

M.C.PARRA, Contributi per Kaulonia, tra vecchie e nuove ricerche: una premessa, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, XI-XVI.

M.SIMONETTI, Le arulae da Caulonia, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 337-415.

M.SIMONETTI, I bolli da Caulonia, in: M.C.Parra (ed.), Kaulonia, Caulonia, Stilida (e oltre). Contributi storici, archeologici e topografici, I, Pisa 2001, 417-463.

D.SCACCHI, Statere incuso della zecca di Sybaris riconiato su uno statere incuso di Caulonia (?), AnnotNum 8, 1998, 691-692.

V.DE NITTIS – T.CRESCENZI – F.COSTABILE, L’architettura samia di Occidente dalla cava al tempio. Siracusa, Locri, Caulonia, Soveria Mannelli 1997.

F.BARELLO, Architettura greca a Caulonia: edilizia monumentale e decorazione architettonica in una città della Magna Grecia, Firenze 1995.

M.S.PISAPIA, La casa del drago a Caulonia, in: J.-P.Darmon – A.Rebourg (eds.), La mosaïque gréco-romaine, IV. IVe Colloque international pour l’étude de la mosaïque antique, Trèves, 8-14 août 1984, Paris 1994, 69-74.

F.BARELLO, Terracotte architettoniche da Sibari e Caulonia, in: Sibari e la Sibaritide, Atti del XXXII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Sibari, 7-12 ottobre 1992, Taranto 1993, 643-647.

E.MONTANI PERTOSA, L’Apollo degli incusi di Caulonia. Un’eco della grande bronzistica arcaica?, XeniaAnt 2, 1993, 5-12.

G.MANGANARO, Due studi di numismatica greca, ASNP 20, 1990, 409-427.

G.GUZZETTA, Il tesoretto di età classica da Montegranaro di Taranto (IGH, 1895), BNum V.8, 1987, 45-72.

M.S.PISAPIA, La Casa del drago a Caulonia, Klearchos 29, 1987, 5-15.

R.AGOSTINO, Testa fittile da contrada Focà presso Caulonia, Klearchos 28, 1986, 69-75.

A.DE FRANCISCIS, Caulonia e Locri. A proposito di una tabella votiva, RivStorCal 6, 1985, 209-219.

R.FUDA, Insediamenti e circolazione monetaria nella Valle del Torbido. Contributo alla storia economica del territorio fra Locri e Caulonia, RivStorCal 6, 1985, 175-198.

I.LOFARO, Nota su un tesoretto brettio-punico rinvenuto a Caulonia, RivStorCal 6, 1985, 317-320.

R.FUDA, Una nuova moneta in bronzo di Caulonia, Klearchos 26, 1984, 87-89.

H.TRÉZINY, Caulonia, in: Crotone, Atti del XXIII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 7-10 ottobre 1983, Taranto 1984, 177-182.

C.SABBIONE, Le aree di colonizzazione di Crotone e Locri Epizefiri nell’VIII e VII sec. a.C., ASAAtene 44, 1982, 251-299.

C.M.KRAAY, The chronology of Caulonia, once again, AnnIstItNum 25, 1978, 9-21.

L.H.JEFFERY, Demiourgoi in the Archaic Period, ArchClass 25-26, 1973-1974, 319-330.

I.CAZZANIGA, L’olympionikes Dikon da Cauloniate a Siracusano (Pausan. VI 3,5), in: Studia Fiorentina Alexandro Ronconi sexagenario oblata, Roma 1970, 77-80.

S.PEMBROKE, Locres et Tarente. Le rôle des femmes dans la fondation de deux colonies grecques, Annales(ESC) 25, 1970, 1240-1270.

I.CAZZANIGA, Il dio e la cerva nella monetazione di Caulonia, RIN 17, 1969, 9-29.

G.MARZANO, Il tesoretto di incusi detto della Direttrice, StudSal 33-36, 1969, 343-346.

G.SCHMIEDT – R.CHEVALLIER, Photographie aérienne et urbanisme antique en Grande-Grèce, Caulonia, Métaponte, RA 1, 1969, 1-31.

B.VIRGILIO, I πρόξενοι testimoni in alcuni documenti epigrafici di Magna Grecia, BIDR 11, 1969, 9-17 [= ID., Epigrafia e storiografia. Studi di Storia Antica, I, Pisa 1988, 13-22]

L.BREGLIA, Della monetazione di Caulonia, AIIN 15, 1968, 243-251.

I.CAZZANIGA, Il dio e la cerva nella monetazione di Caulonia e la tradizione ecistica cauloniate, PP 23, 1968, 371-390.

R.RAGO, Osservazione su Caulonia e le sue monete, RIN 9, 1961, 5-13.

A.BERTINO, Il rilievo arcaico e la prospettiva, Numismatica 1, 1960, 55-60.

A.DE FRANCISCIS, Monasterace Marina, antica Caulonia. Bolli di mattoni, NSc 14, 1960, 416-418.

C.M.KRAAY, Caulonia and South Italian problems, NumChron 20, 1960, 53-82.

G.PROCOPIO, Ripostigli monetali nel Museo di Reggio Calabria, AIIN 7-8, 1960-1961, 59-71.

L.LACROIX, L’Apollon de Caulonia, RBN 55, 1959, 5-24.

G.SCHMIEDT – R.CHEVALLIER, Caulonia e Metaponto: applicazioni della fotografia aerea in ricerche di topografia antica nella Magna Grecia, Firenze 1959.

S.P.NOE, The coinage of Caulonia, New York 1958.

A.DE FRANCISCIS, Monasterace Marina (Caulonia), NSc 11, 1957, 184-190.

V.CASAGRANDI, Caulonia e i suoi rapporti con Crotone e con Locri, Archivio storico della Sicilia orientale, 1920, 419-429.


CERVETERI

M.P.BAGLIONE – L.M.MICHETTI (eds.), Le lamine d’oro a cinquant’anni dalla scoperta. Dati archeologici su Pyrgi nell’epoca di Thefarie Velianas e rapporti con altre realtà del Mediterraneo, Scienze dell’Antichità 21.2, 2015.

B.BELELLI MARCHESINI – M.C.BIELLA – L.M.MICHETTI, Il santuario di Montetosto sulla via Caere-Pyrgi, Roma 2015.

V.BELLELLI – P.XELLA (eds.), Le lamine di Pyrgi. Nuovi studi sulle iscrizioni in etrusco e in fenicio nel cinquantenario della scoperta, SEL-Studi epigrafici e linguistici sul Vicino Oriente antico 32-33, 2015-2016.

J.MARTÍNEZ-PINNA, Del zilacato de Thefarie Velianas a la realeza de Orgolnio. Algunas reflexiones sobre la magistratura ceretana, in: V.Bellelli – P.Xella (eds.), Le lamine di Pyrgi. Nuovi studi sulle iscrizioni in etrusco e in fenicio nel cinquantenario della scoperta, SEL-Studi epigrafici e linguistici sul Vicino Oriente antico 32-33, 2015-2016, 223-237.

V.BELLELLI (ed.), Caere, 6. Caere e Pyrgi. Il territorio, la viabilità e le fortificazioni, Atti della Giornata di Studio, Roma, Consiglio delle Ricerche, 1 marzo 2012, Pisa-Roma 2014.

V.BELLELLI, Iscrizioni e graffiti su ceramiche grezze di uso domestico. Il caso di Cerveteri, in: E.Benelli (ed.), Per Mariastella Pandolfini cên zic zikuke, Pisa 2014, 43-57.

M.R.CIUCCARELLI, Porte della città e viabilità connessa, in: V.Bellelli (ed.), Caere, 6. Caere e Pyrgi. Il territorio, la viabilità e le fortificazioni, Atti della Giornata di Studio, Roma, Consiglio delle Ricerche, 1 marzo 2012, Pisa-Roma 2014, 141-171.

R.COSENTINO, Caere e il suo territorio. Lavori in corso, in: V.Bellelli (ed.), Caere, 6. Caere e Pyrgi. Il territorio, la viabilità e le fortificazioni, Atti della Giornata di Studio, Roma, Consiglio delle Ricerche, 1 marzo 2012, Pisa-Roma 2014, 13-33.

L.PETACCO, La viabilità in uscita da Cerveteri. Osservazioni sulla via Caere-Pyrgi, in: V.Bellelli (ed.), Caere, 6. Caere e Pyrgi. Il territorio, la viabilità e le fortificazioni, Atti della Giornata di Dtudio, Roma, Consiglio delle Ricerche, 1 marzo 2012, Pisa-Roma 2014, 175-196.

C.ANTONETTI – S.DE VIDO – L.DRAGO TROCCOLI, Lithoi, Semata, Anathemata. Connotare lo spazio sacro: contesti esemplari tra Grecia ed Etruria, in: A.Inglese (ed.), Epigrammata, 2. Definire, descrivere, progettare lo spazio. In ricordo di André Laronde, Atti del Convegno di Roma, Roma, 26-27 ottobre 2012, Tivoli 2013, 1-37.

M.P.BAGLIONE – M.D.GENTILI (eds.), Riflessioni su Pyrgi. Scavi e ricerche nelle aree del santuario, Supplementi e Monografie della rivista Archeologia Classica 11. Roma 2013.

B.BELELLI MARCHESINI, I santuari urbani. L’architettura monumentale di Cerveteri in epoca arcaica, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 154-155.

V.BELLELLI, Cerveteri arcaica. La città arcaica, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, 2013, 142-148.

V.BELLELLI, I principi di Cerveteri. I principi di Cerveteri e il loro mondo, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 88-94.

E.BENELLI, L’epigrafia di Cerveteri in epoca orientalizzante, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 131.

D.BRIQUEL, La nascita di una città. I nomi della città, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 75-76.

D.BRIQUEL, La nascita di una città. Le origini di Cerveteri fra mito e storia, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 72-74.

R.COSENTINO, Cere in età romana. Le testimonianze archeologiche, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 314-316.

F.DELPINO, La nascita di una città. Da Agylla a Caere, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 77-79.

F.ENEI, Pyrgi sommersa, Milano 2013.

F.GAULTIER – L.HAUMESSER (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013.

P.LIVERANI – P.SANTORO, Il teatro e il ciclo statuario giulio-claudio, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 324-326.

A.M.MORETTI SGUBINI, Cerveteri, in: A.M.Moretti Sgubini – F.Boitani (eds.), Etrusques. Un hymne à la vie, Catalogue de l’exposition, Paris, Fondation Dina Vierny – Musée Maillol, 18 septembre 2013 – 9 février 2014, Paris 2013, 203-205.

L.PETACCO, La nascita di una città. Il quadro topografico, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 70-71.

L.PROIETTI – M.SANNA (eds.), Tra Caere e Volsinii. La Via Ceretana e le testimonianze archeologiche lungo il suo percorso, Viterbo 2013.

P.SANTORO – P.BAGLIONE, Cerveteri arcaica. Caere e Pyrgi. La figura di Thefarie Velianas, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 149-150.

M.TORELLI, Cerveteri romana, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 268-272.

P.VALOIS, Cerveteri. Dans le coeur des Etrusques, Archeologia 516, 2013, 19-25.

G.VAN HEEMS, La latinizzazione di Cerveteri, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 319-320.

S.VERGER, Cerveteri e il Mediterraneo in età arcaica, in: F.Gaultier – L.Haumesser (eds.), Gli Etruschi e il Mediterraneo. La città di Cerveteri, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 15 aprile – 20 luglio 2014, Lens 2013, 224-226.

V.BELLELLI, Caere e il mondo greco. Appunti di archeologia e di storia, IncidAntico 10, 2012, 137-166.

D.BRIQUEL, La tradition pélasgique à Caere, in: V.Bellelli (ed.), Le origini degli Etruschi. Storia, archeologia, antropologia, Roma 2012, 279-293.

G.COLONNA, Il pantheon degli Etruschi – “i più religiosi degli uomini” – alla luce delle scoperte di Pyrgi, RAL 29.3, 2012, 557-595.

F.DELPINO, Postilla, Mediterranea 9, 2012, 259-260.

L.DRAGO TROCCOLI, Ancore litiche, ancore in piombo e altri “oggetti del sacro” in metallo dal santuario meridionale di Pyrgi, in: V.Nizzo – L.La Rocca (eds.), Antropologia e archeologia a confronto: rappresentazioni e pratiche del sacro, Atti dell’Incontro Internazionale di Studi, Roma, Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”, 20-21 maggio 2011, Roma 2012, 827-840.

D.M.TOTTEN, Tarquinia and Cerveteri, the best of Etruria. Etruscan heritage and place-making in contemporary Italy, in: D.M.Totten – K.L.Samuels (eds.), Making Roman places, past and present. Papers presented at the first Critical Roman Archaeology Conference held at Stanford University in March 2008, Portsmouth 2012, 131-144.

A.TUCK, The performance of death. Monumentality, burial practice and community in central Italy’s urbanizing period, in: M.L.Thomas – G.E. Meyers – I.E.M. Edlund-Berry (eds.), Monumentality in Etruscan and early Roman architecture. Ideology and Innovation, Austin 2012, 41-60.

A.MAGGIANI, Tluschva, divinità ctonie, in: D.F.Maras (ed.), Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio all’opera di Giovanni Colonna, Pisa 2011, 138-149.

G.COLONNA, Cerveteri, in: S.Bruni (ed.), Gli Etruschi delle città. Fonti, ricerche e scavi, Cinisello Balsamo 2010, 182-193.

L.AIGNER FORESTI, Forme di organizzazione politica nella Caere arcaica, in: S.Bruni (ed.), Etruria e Italia preromana. Studi in onore di Giovannangelo Camporeale, I-II, Pisa-Roma 2009, 9-16.

G.COLONNA, L’Apollo di Pyrgi, Śur/Śuri (il “Nero”) e l’Apollo Sourios, SE 73, 2009, 101-134.

A.MARZANO, “Agros coemendo et colendo in gloriam”. Villas and farms in the agrarian economy of the Republic, in: A.Keaveney – L.Earnshaw Brown (eds.), The Italians on the land. Changing perspectives on Republican Italy then and now, Newcastle upon Tyne 2009, 31-46.

L.AIGNER FORESTI, Sopravvivenza di istituzioni etrusche in età imperiale, in: G.Urso (ed.), Patria diversis gentibus una? Unità politica e identità etniche nell’Italia antica, Atti del Convegno Internazionale Cividale del Friuli, 20-22 settembre 2007, Pisa 2008, 99-114.

V.BELLELLI, Un’iscrizione greca dipinta e i culti della Vigna parrocchiale a Caere, SE 74, 2008[2011], 91-124.

O.CERASUOLO, All’origine di Caere. Un contributo alla conoscenza del processo formativo protourbano in un settore dell’Etruria meridionale, in: N.Negroni Catacchio (ed.), Paesaggi reali e paesaggi mentali. Ricerche e scavi, Atti dell’VIII Incontro di Studi, Valentano (VT) – Pitigliano (GR), 15-17 settembre 2006, Milano 2008, 683-694.

R.COSENTINO, Cerveteri. Profilo storico-topografico, in: M.Torelli – A.M. Moretti Sgubini (eds.), Etruschi. Le antiche metropoli del Lazio, Milano 2008, 70-77.

T.MITTERLECHNER, Die Entstehung etruskischer Kultfuntionäre im südlichen Etrurien, Tyche 23, 2008, 117-138.

D.MUSTI, Il ruolo di Caere nel Mediterraneo, Mediterranea 5, 2008, 23-51.

C.MARANGIO, Iscrizioni latine inedite da Cerveteri, in: M.Mayer i Olivé – G.Baratta – A.Guzman Almagro (eds.), XII Congressus internationlis epigraphiae Graecae et Latinae. Provinciae imperii Romanii inscriptionibus descriptae. Barcelona 3-8 septembris 2002, Barcellona 2007, 901-905.

H.MOURITSEN, The civitas sine suffragio: ancient concepts and modern ideology, Historia 56.2, 2007, 141-158.

A.NASO, Etruscan style of dying. Funerary architecture tomb groups and social range at Caere and its hinderland during the seventh-sixth centuries BC, in: N.Laneri (ed.), Performing death. Social analyses of funerary traditions in the ancient Near East and the Mediterranean, Chicago 2007, 141-162.

F.RONCALLI – N.SCALA – P-MOSCATI, Dinamiche di scambio nel Mediterraneo antico. Il caso di Cerveteri, Archeologia e calcolatori 18, 2007, 355-371.

L.DRAGO TROCCOLI – B.BELELLI MARCHESINI, Cerveteri, Roma 2006.

A.MORANDI, Ancora sull’Aequipondium etrusco inscritto da Caere, PP 61, 2006, 371-372.

J.CHRISTIANSEN, Disjecta membra reunited. Notes on a very remarkable workshop in Cerveteri, in: B.Adembri (ed.), ΛΕΙΜΝΗΣΤΟΣ. Miscellanea di Studi per M.Cristofani, Tomo II, Firenze 2006, 246-255.

P.LIVERANI, Il gruppo di ritratti imperiali da Caere. Una messa a punto, in: B.Adembri (ed.), ΛΕΙΜΝΗΣΤΟΣ. Miscellanea di Studi per M.Cristofani, Tomo II, Firenze 2006, 772-787.

M.BONGHI JOVINO, Città e territorio. Veio, Caere, Tarquinia, Vulci: appunti e riconsiderazioni, in: O.Paoletti (ed.), Dinamiche di sviluppo delle città nell’Etruria meridionale. Veio, Caere, Tarquinia, Vulci, Atti del XXIII Convegno di Studi Etruschi ed Italici, Pisa-Roma 2005, 27-58.

Dinamiche di sviluppo delle città nell’Etruria meridionale. Veio, Caere, Tarquinia, Vulci, Atti del XXIII Convegno di studi etruschi ed italici, Roma, Veio, Cerveteri-Pyrgi, Tarquinia, Tuscania, Vulci, Viterbo, 1-6 ottobre 2001, Pisa – Roma 2005.

A.ZIFFERERO, La formazione del tessuto rurale nell’agro cerite. Una proposta di lettura, in: Dinamiche di sviluppo delle città nell’Etruria meridionale. Veio, Caere, Tarquinia, Vulci. Atti del XXIII Convegno di studi etruschi ed italici, Roma, Veio, Cerveteri-Pyrgi, Tarquinia, Tuscania, Vulci, Viterbo, 1-6 ottobre 2001, Pisa 2005, 257-272.

L.AIGNER FORESTI, Vom zilaθ zum dictator: Das oberste Amt in Caere in etruskischer und römischer Zeit, in: H.Heftner – K.Tomaschitz (eds.), Ad Fontes! Festschrift für Gerhard Dobesch zum 65. Geburtstag, Wien 2004, 219-227.

V.BELLELLI, Maestranze greche a Caere. Il caso delle terrecotte architettoniche, in: I Greci in Etruria. Atti dell’XI Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 11, Roma 2004, 95-118.

G.M.FACCHETTI – K.WYLIN, Nuove letture sull’Aequipondium di Cere, PP 59, 2004, 389-396.

M.D.GENTILI, Osservazioni sulle iscrizioni greche dal tempio di Hera a Cerveteri, in: I Greci in Etruria. Atti dell’ XI Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 2003, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 11, Roma 2004, 309-339.

B.FEHER, Cult and its state financing in an Etruscan “res publica”, AAntHung 43, 2003, 37-46.

L.GASPERINI, Ancora sulla tribù Voltinia dei Ceriti, in: A.M.Corda (ed.), Cultus splendore. Studi in onore di Giovanna Sotgiu, Senorbi 2003, 499-515.

K.WYLIN, Esiste una seconda lamina A di Pyrgi?, PP 58, 2003, 61-65.

F.ENEI, Progetto Ager Caeretanus. Il litorale di Alsium. Ricognizioni archeologiche nel territorio dei comuni di Ladispoli, Cerveteri e Fiumicino (Alsium – Caere – Ad Turres – Ceri), Santa Marinella 2001.

A.M.MORETTI SGUBINI (ed.), Veio, Cerveteri, Vulci. Città d’Etruria a confronto, Roma 2001.

M.CRISTOFANI, I culti di Caere, Scienze dell’Antichità 10, 2000, 395-425.

R.CRISTOFOLI, Cere e l’esilio del tiranno: storia di Mezenzio in Virgilio e prima di Virgilio, AFLPer 34, 2000-2004, 181-195.

M.TORELLI, C.Genucio(s) Clousino(s) prai(fectos). La fondazione della praefectura Caeritum, in: Ch.Bruun (ed.), The Roman Middle Republic. Politics, religion, and historiography c.400-133 B.C., Papers from a conference at the Institutum Romanum Finlandiae, September 11-12 1998, Rome 2000, 141-176.

C.DE SIMONE, «Kaiseri»: in che forma il nome di Caere più antico?, AION(ling) 21, 1999, 211-222.

G.BREYER, Zu einem zentralen Begriff aus dem lateinischen Wortschatz der religiösen Sphäre, in: L.Aigner-Foresti (ed.), Die Integration der Etrusker und das Weiterwirken etruskischen Kulturgutes im republikanischen und kaiserzeitlichen Rom, Wien 1998, 313-335.

S.MARCHESINI, Studi onomastici e sociolinguistici sull’Etruria arcaica: il caso di Caere, Firenze 1997.

M.CRISTOFANI, Due testi dell’Italia preromana. 1. Per regna Maricae. 2. Aequipondium Etruscum, Roma 1996.

R.MARCONI COSENTINO – D.GALLAVOTTI – M.AIELLO (eds.), Cerveteri e il suo territorio, Roma 1995.

L.AGOSTINIANI, Per una riconsiderazione dell’iscrizione etrusca della Tomba dei Claudii a Cere, in: G.Del Lungo – F.Granucci – M.P.Marchese – R.Stefanelli (eds.), Studi in onore di Carlo Alberto Mastrelli. Scritti di allievi e amici fiorentini, Padova 1994, 9-19.

M.BLUMHOFER, Etruskische Cippi. Untersuchungen am Beispiel von Cerveteri, Köln-Weimar-Wien 1993.

M.A.RIZZO, Le anfore da trasporto e il commercio etrusco arcaico, 1. Complessi tombali dall’Etruria meridionale, Roma 1990.

M.P.BAGLIONE, Considerazioni sui santuari di Pyrgi e di Veio-Portonaccio, Scienze dell’Antichità, 3-4, 1989-1990, 651-667.

A.MAFFEI – F.NASTASI (eds.), Caere e il suo territorio da Agylla a Centumcellae, Roma 1990.

E.A.STANCO, Amministrazione e assetto del territorio in età romana, in: A.Maffei – F.Nastasi (eds.), Caere e il suo territorio da Agylla a Centumcellae, Roma 1990, 109-112.

D.BRIQUEL, A propos d’une inscription redécouverte au Louvre: remarques sur la tradition relative a Mézence, REL 67, 1989, 78-92.

M.CRISTOFANI, C.Genucio Clepsina pretore a Caere, in: G.Maetzke (ed.), Atti del Secondo Congresso Internazionale Etrusco, Firenze, 26 maggio – 2 giugno, Firenze 1989, 167-170.

J.CHAMPEAUX, Sur trois passages de Tite-Live (21, 62,5 et 8; 22, 1, 11). Les “sorts” de Caere et de Faleriis, Philologus 133, 1989, 63-74.

F.GAULTIER – D.BRIQUEL, Réexamen d’une inscription des collections du Musée du Louvre. Un Mézence à Caere au VIIe siècle av. J.-C., CRAI 1989, 99-113.

E.BENELLI, Una nuova iscrizione etrusca dalla Via degli Inferi (Cerveteri), Ricognizioni archeologiche 4, 1988, 5-11.

M.CRISTOFANI, C.Genucio Clepsina pretore a Caere, in: A.Emiliozzi Moratti – A.M.Sgubini Moretti (eds.), Archeologia della Tuscia, II, Roma 1988, 24-26.

M.CRISTOFANI – G.L.GREGORI, Di un complesso sotterraneo scoperto nell’area urbana di Caere, Prospettiva 49, 1987, 2-14.

F.ENEI, Cerveteri. Recupero nell’area della città antica, Ricognizioni archeologiche 3, 1987, 4-64.

H.BLANCK – G.PROIETTI, La tomba dei rilievi, Roma 1986.

A.W.J.HOLLEMAN, Considerations about the tomb of the Claudians at Cerveteri, Historia 33, 1984, 504-508.

L.GRIEVE, Tabulae Caeritum, in: C.Deroux (ed.), Studies in Latin Literature and Roman History, III, Coll.Latomus 180, Bruxelles 1983, 26-43.

G.PROIETTI, L’ipogeo monumentale dei Tamsnie: considerazioni sul nome etrusco di Caere e sulla magistratura cerite del IV secolo, SE 51, 1983[1985], 563-571.

Gli Etruschi e Cerveteri. Nuove acquisizioni delle civiche raccolte archeologiche. La prospezione archeologica nell’attività della Fondazione Lerici, Milano, Palazzo Reale, settembre 1980 – gennaio 1981, Milano 1980.

M.TORELLI, Elogia Tarquiniensia, Firenze 1975.

M.HUMBERT, L’incorporation de Caere dans la civitas romana, MEFRA 84, 1972, 231-268.

H.DONNER – W.RÖLLIG, Kananäische und aramäische Inschriften, Wiesbaden 1971-1976.

G.COLONNA, Una nuova iscrizione etrusca del VII secolo e appunti sull’epigrafia ceretana dell’epoca, MEFRA 82, 1970, 637-672.

M.DURANTE, Fenicio “šnt šlš”, etrusco “ci avil” nei testi di Pyrgi, PP 23, 1968, 270-279.

M.CRISTOFANI, Un cursus honorum di Cerveteri, SE 35, 1967, 609-618.

M.CRISTOFANI, Le iscrizioni della Tomba dei Rilievi di Cerveteri, SE 34, 1966, 221-238.

M.CRISTOFANI, La Tomba delle iscrizioni a Cerveteri, Firenze 1965.

G.COLONNA ET ALII, Scavi nel santuario etrusco di Pyrgi: relazione preliminare della settima campagna 1964, e scoperta delle tre lamine d’oro inscritte in etrusco e punico, ArchClass 16.1, 1964, 49-117.

M.SORDI, I rapporti romano-ceriti e l’origine della civitas sine suffragio, Roma 1960.

G.DE SANCTIS, La dittatura di Caere, in: Scritti in onore di Bartolomeo Nogara raccolti in occasione del suo LXX anno, Città del Vaticano 1937, 147-158.

D.ANZIANI, Caeritum Tabulae, MEFRA 31, 1911, 435-458.


CHIUSI

A.MAGGIANI, Magistrati e sacerdoti? Su alcuni monumenti funerari da Chiusi, in: M.-L.Haack (ed.), L’écriture et l’espace de la mort, Rencontres internationales École Française de Rome, March 5-7 2009, Roma 2015, 339-366.

L.TAYLOR, Performing the prothesis. Gender, gesture, ritual and role on the Chiusine reliefs from archaic Etruria, EtrStud 17, 2014, 1-27.

S.BATINO, Frammenti di memoria dell’ager Clusinus orientale. L’ipogeo dei Tetina di Sigliano, Roma 2014.

G.PAOLUCCI, Un artisan du groupe d’Orvieto à Chiusi. A propos de quelques amphores étrusques à figures noires, in: L.Ambrosini – V.Jolivet (eds.), Les potiers d’Etrurie et leur monde. Contacts, échanges, transferts. Hommages à Mario A.del Chiaro, Paris 2014, 279-284.

M.CAVALIERE, Destruction, transformation et refonctionnalisation. Le passage de l’antiquité au moyen-âge en Toscane entre les Ive et VIIe s.p.C.n., in: J.Driessen (ed.), Destruction. Archaeological, philological and historical perspective, Louvain 2013, 449-472.

M.SALVINI, Il Museo Nazionale Etrusco di Chiusi tra storia e collezioni, Siena 2012.

V.ACCONCIA, Paesaggi etruschi in terra di Siena. L’agro tra Volterra e Chiusi dall’età del ferro all’età romana, Oxford 2012.

M.CAVALIERI – S.LENZI – E.CANTISANI, Disiecta membra. I sectilia della villa tardoantica di Aiano-Torraccia di Chiusi (San Gimignano, Siena). Prima dati su litotipi, sistemi decorativi e reimpiego, in: F.Guidobaldi – G.Tozzi (eds.), Atti del XVII Colloquio dell’Associazione italiana per lo studio e la conservazione del mosaico, Teramo, 10-12 marzo 2011, Tivoli 2012, 119-131.

G.C.CIANFERONI, Il Museo Etrusco di Chiusi e gli altri musei, in: M.Salvini (ed.), Il Museo Nazionale Etrusco di Chiusi tra storia e collezioni, Siena 2012, 91-92.

G.PAOLUCCI, Donne di rango con balsamari per oli profumati nella Chiusi ellenistica, in: S.Rafanelli – P.Spaziani (eds.), Etruschi. Il privilegio della bellezza, Perugia 2011, 210-212.

G.PAOLUCCI, Un profumo per l’eternità. Rappresentazioni di pròthesis su alcuni cippi chiusini in pietra fetida, in: S.Rafanelli – P.Spaziani (eds.), Etruschi. Il privilegio della bellezza, Perugia 2011, 101-102.

G.PAOLUCCI, “Scopritore di tali magnificenze sepolcrali che renderanno immortale il di lui nome”. Nuovi dati sulla collezione Casuccini di Chiusi, in: G.M.Della Fina (ed.), La fortuna degli Etruschi nella costruzione dell’Italia unita, Atti del XVIII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 2010, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 18, Roma 2011, 333-358.

C.BALDUCCI – F.LO SCHIAVO – A.ZANINI, L’area chiusina fra la fine del mondo terramaricolo e i nuovi assetti medio-tirrenici. Lo scavo di Bagnolo, in: N.Negroni Catacchio (ed.), L’alba dell’Etruria. Fenomeni di continuità e trasformazione nei secoli XII-VIII a.C. Ricerche e scavi. Preistoria e protostoria in Etruria. Atti del IX incontro di studi, Milano 2010, 143-154.

E.BENELLI, Inscriptions on tiles from Chiusi, Archaeological and epigraphical notes, EtrStud 13, 2010, 123-130.

L.CAPPUCCINI, Dinamiche insediative a Chiusi nel VII e nel VI sec. a.C., in: P.Fontaine (ed.), L’Etrurie et l’Ombrie avant Rome. Cité et territoire. Actes du colloque international, Louvain-la-Neuve, Alles Universitaires, Sénat académique, 13-14 février 2004, Bruxelles 2010, 63-81.

N.LUBTCHANSKY, Chiusi étrusque et son territoire. Archéologie et historiographie, Perspective 2, 2010, 241-248.

M.SCIAFANI, Urne fittili chiusine e perugine di età medio e tardo ellenistica, Roma 2010.

E.BENELLI, Alla ricerca delle aristocrazie chiusine, in: M.L.Haack (ed.), Ecritures, cultures, sociétés dans les nécropoles d’Italie ancienne, Table-ronde des 14-15 décembre 2007, Mouvements et trajectoires dans la nécropoles d’Italie d’époque pré-républicaine et républicaine, ENS Paris, Bordeaux 2009, 135-159.

P.GASTALDI, Modelli di interazione fra le città dell’Etruria interna nel VI secolo, in: G.M.Della Fina (ed.), La colonizzazione etrusca in Italia, Atti del XV Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 2007, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 15, Roma 2008, 273-295.

C.BOSCHETTI – M.BUENO – D.BOCCACCINI, Un emblema con scena di caccia da Chiusi. Uno studio iconografico e archeometrico, in: C.Angelelli – A.Paribeni (eds.), Atti del XII colloquio dell’Associazione italiana per lo studio e la conservazione del mosaico, Padova, 14-15 e 17 febbraio, Brescia 16 febbraio, Tivoli 2007, 157-166.

S.BOURDIN, Les Gaulois à Chiusi: Réflexions sur les mouvements migratoires et sur l’activité diplomatique des Celtes en Italie, MEFRA 119.1, 2007, 17-24.

G.GIACHI – P.PALLECCHI, Chiusi (SI). Museo archeologico nazionale. Caratterizzazione della pittura su opere etrusche in pietra della collezione Bonci Casucci conservate presso il Museo archeologico regionale di Palermo, Notiziario della Soprintendenza per i Beni archeologici della Toscana 3, 2007, 842-845.

M.IOZZO, Osservazioni sulle più antiche importazioni di ceramica greca a Chiusi e nel suo territorio (circa 650-620 – 550-520 a.C.), in: J. De La Genière (ed.), Les clients de la céramique grecque, Actes du Colloque de l’Académie des inscriptions et belles-lettres, Paris, 30-31 janvier 2004, Paris 2006, 107-132.

J.SWADDLING – J.PRAG (eds.), Seianti Hanunia Tlesnasa. The story of an Etruscan noblewoman, London 20062.

C.BERRENDONNER, La società di Chiusi ellenistica e la sua immagine. Il contributo delle necropoli alla conoscenza delle strutture sociali, EtrStud 10, 2004-2007, 67-78.

N.MEZZETTI, Santuari collegati al culto delle acque in territorio chiusino. Il caso specifico del crescente lunare di Città della Pieve, in: Italia antiqua. La formazione della città in Etruria. Atti del I corso di perfezionamento (anno accademico 2002-2003), Orvieto 2004, 219-236.

M.NIELSEN, The three ages of man. Myth and symbol between Chiusi and Athens, in: S. Des Bouvrie (ed.), Myth and Symbol, 2. Symbolic phenomena in ancient Greek culture, Papers from the Second and Third International Symposia on Symbolism at the Norwegian Institute at Athens, September 21 – 24 2000 and September 9-22 2002, Bergen 2004, 25-41.

R.RAIMONDI, La viabilità romana a nord di Chiusi tra Chiana ed Arno, in L.Quilici – S.Quilici Gigli (eds.), Viabilità e insediamenti nell’Italia antica, Roma 2004, 157-172.

L.M.MICHETTI, Proceno. Un insediamento di confine tra i territori di Vulci, Orvieto e Chiusi, Annali della Fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 10, Roma 2003, 153-189.

G.MIGLIORATI, Forme politiche e tipi di governo nella Roma etrusca del VI sec.a.C., Historia 52.1, 2003, 39-66.
Pp.60-65: su Porsenna – da *pursna, da cui purthne, purthni – zilath purthne/magistrato supremo di Chiusi e della Lega etrusca.

G.PUCCI – C.MASCIONE, Manifattura ceramica etrusco-romana a Chiusi. Il complesso produttivo di Marcianella, Bari 2003.

R.BORGHI, Città romane, 6. Chiusi, Roma 2002.

E.BENELLI, Alfabeti chiusini di età arcaica, in: Chiusi dal Villanoviano all’Età antica. Atti del VII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 1999, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’, vol. 7, Roma 2000, 205-217.

G.CAMPOREALE, Da Chiusi al Medio-Adriatico facies villanoviana e orientalizzante, in: Chiusi dal Villanoviano all’Età antica. Atti del VII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 1999, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 7, Roma 2000, 101-124.

Chiusi dal Villanoviano all’Età arcaica, Atti del VII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 1999, Annali della Fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’, vol. 7, Roma 2000.

F.DELPINO, Considerazione intorno alla protostoria di Orvieto e di Chiusi, in: Chiusi dal Villanoviano all’Età antica. Atti del VII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 1999, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 7, Roma 2000, 79-100.

M.DI FAZIO, Porsenna e la società di Chiusi, Athenaeum 88, 2000, 393-412.

A.ZANINI, La nascita di Chiusi alla fine dell’età del bronzo nel quadro della protostoria italiana, in: Chiusi dal Villanoviano all’Età antica. Atti del VII Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 1999, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 7, Roma 2000, 25-40.

A.MAGGIANI, Una iscrizione paleoumbra da Chiusi, RdA 23, 1999, 64-71.

G.PAOLUCCI, Il confine settentrionale del territorio di Orvieto e i rapporti con Chiusi, in: Volsinii e il suo territorio. Atti del VI Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, Orvieto 1999, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 6, Roma 1999, 281-295.

E.BENELLI, Le iscrizioni funerarie chiusine di età ellenistica, SE 64, 1998[2001], 225-263.

A.CHERICI, Due cippi chiusini inediti, ArchClass 46, 1994, 319-329.

C.DE SIMONE, Le iscrizioni chiusine arcaiche, in: G.Maetzke (ed.), La civiltà di Chiusi e del suo territorio, Atti del XVII Convegno di Studi Etruschi e Italici, Chianciano Terme, 28 maggio – 1 giugno 1989, Firenze 1993, 25-38.

A.RASTRELLI, Santuari suburbani e di campagna nell’agro Chiusino, in: G. Maetzke (ed.), La coroplastica templare etrusca fra il IV e il II secolo a.C., Atti del XVI Convegno di Studi Etruschi e Italici, Orbetello, 25-29 aprile 1988, Firenze 1992, 301-317.

R.BLOCH, Réflexions sur la place de Chiusi-Clusium dans le cadre de la religion étrusque, ArchClass 43, 1991, 1195-1198.

A.RASTRELLI, Museo archeologico di Chiusi, Roma 1991.

M.SORDI, Il monumento di Porsenna a Chiusi e un errore di traduzione del Filarete, in: G.Allegri (ed.), Tradizione dell’antico nelle letterature e nelle arti d’Occidente. Studi in memoria di Maria Bellincioni Scarpat, Roma 1990, 235-239 [= in: M.Sordi, Prospettive di storia etrusca, Como 1995, 35-39].

M.CIARINI, Lettura delle preesistenze antiche. Ipotesi su Chiusi romana, in: G.Paolucci (ed.), I Romani di Chiusi. Rivisitazioni attraverso testimonianze epigrafiche, topografiche, archeologiche, Roma 1988, 119-129.
E.PACK, Clusium. Ritratto di una città romana attraverso l’epigrafia, in: G.Paolucci (ed.), I Romani di Chiusi. Rivisitazioni attraverso testimonianze epigrafiche, topografiche, archeologiche, Roma 1988, 11-104.

G.PAOLUCCI, Chiusi. Archeologia e topografia urbana, in: G.Paolucci (ed.), I Romani di Chiusi. Rivisitazioni attraverso testimonianze epigrafiche, topografiche, archeologiche, Roma 1988, 105-116.

F.FABRIZI, Chiusi. Il labirinto di Porsenna, leggenda e realtà, Cortona 1987.

J.R.JANNOT, Chiusi au Ve siècle. Des reliefs archaiques aux statues assises, Latomus 46, 1987, 37-51.

E.PACK – G.PAOLUCCI, Tituli Clusini, ZPE 68, 1987, 159-191.

A.D’AVERSA, Gli Etruschi di Chiusi, Brescia 1984.

E.DOVERE, Contributo alla lettura delle fonti su Porsenna, AAN 95, 1984, 69-126.

A.N.OIKONOMIDES, An Etruscan in Fifth Century Athens, AncW 10, 1984, 127-128.

M.CRISTOFANI, Appunti di epigrafia etrusca arcaica, 3. Le iscrizioni di Chiusi, SE 45, 1977, 192-204.

M.SORDI, La leggenda di Arunte chiusino e la prima invasione gallica in Italia, RSA 6-7, 1976-1977, 111-117 [= EAD., Prospettive di storia etrusca, Como 1995, 49-54].

L.BONOMI PONZI, Recenti scoperte nell’agro chiusino. La necropoli di Gioiella, in: M.Martelli – M.Cristofani (eds.), Caratteri dell’ellenismo nelle urne etrusche, Firenze 1977, 103-109.

A.J.PFIFFIG, Zur etruskischen Inschrift auf der Goldfibel von Chiusi, Glotta 52, 1974, 290-293.

C.CARDUCCI, Due cippi chiusini dell’Antiquarium di Monaco di Baviera, SE 3, 1929, 477-489.

R.BIANCHI BANDINELLI, Clusium: ricerche archeologiche e topografiche su Chiusi e il suo territorio in età etrusca, Monumenti Antichi dei Lincei 30, 1925, 209-552.


CIVITELLA D’ARNA

G.PROSPERI VALENTI, Storia e istituzioni del municipium di Arna, Bollettino della Deputazione di Storia Patria per l’Umbria, 97, 2000, 185-222.


CLAMPETIA

A.B.SANGINETO, Il cippo di Polella in comune di San Lucido (Cs). Un riesame del territorio di Clampetia fra IV a.C. e II d.C., in: G.De Sensi Sestito – S.Mancuso (eds.), Enotri e Brettii in Magna Grecia. Modi e forme di interazione culturale, Soveria Mannelli 2011, 403-413.

G.F.LA TORRE, Forma Italiae. 38, Blanda, Lavinium, Cerillae, Clampetia, Tempsa, Lucania et Bruttium, I, Firenze 1999.


CONZA

A.BUONOPANE, L’iscrizione con litterae caelatae del foro di Compsa (Italia, regio II), Sylloge Epigraphica Barcinonensis 13, 2015, 69-86.

G.COLUCCI PESCATORI – V.DI GIOVANNI, Compsa, gli Antistii e l’iscrizione plateale del foro, Oebalus 8, 2013, 69-107.

A.BUONOPANE – V.FRINO, Un sacello rupestre di Silvano a Pescopagno (Potenza), RdA 36, 2012, 91-96.

A.BUONOPANE, Iter epigraphicum Compsanum, RPAA 83, 2010-2011, 313-337.

L.LARICCIA, Epigrafi dell’antica Compsa, in: E.Ricciardi (ed.), Conza. Storia, arte, fede, Conza della Campania 2010, 71-108.

E.RICCIARDI (ed.), Conza. Storia, arte, fede, Conza della Campania 2010.

E.FOLCANDO, La Lex municipii Compsani, QS 43, 1996, 303-308.
L’epigrafe CIL IX 980 = ILS 5604 (fine II-III sec.d.C.) dall’antica Compsa, od. Conza della Campania (Prov. Avellino), relativa ad un’opera evergetica compiuta dal quattuorviro C. Umbrius Eudrastus Fortunatus, contiene il riferimento alla legge municipale locale (lex civitatis), in conformità alla quale il magistrato (probabilmente con potere giusdicente) ha operato [p. 303-304]. Utile elenco degli statuti municipali a noi pervenuti o citati indirettamente nelle fonti epigrafiche [p. 305-305]. [L. Cappelletti]

M.BARBERA – R.REA, Compsa e l’alta valle dell’Ofanto. Contributi per una carta archeologica dell’Irpinia, Roma 1994.

Conza alla ricerca del passato, Atti dell’incontro-dibattito tenuto a Conza, 11 agosto 1979, Conza 1982.


CORFINIO

A.DIONISIO, Caratteri dei culti femminili a Corfinio, ArchClass 64, 2013, 223-261.

C.RICCI – A.DI MEO, Culti orientali nella regio IV Italiae. Testimonianze epigrafiche e indizi archeologici, Veleia 30, 2013, 27-46.

M.H.CRAWFORD (ed.), Imagines Italicae: a corpus of Italic inscriptions, I-III, London 2011.

G.SORICELLI, Assegnazioni graccane e Libri coloniarum: il caso di Corfinium e Sulmo, in: G.Firpo (ed.), Fides amicorum. Studi in onore di Carla Fayer, Pescara 2011, 481-508.

E.TODISCO, I vici rurali nel paesaggio dell’Italia romana, Bari 2011.

S.ZENODOCCHIO, Antica viabilità in Abruzzo, L’Aquila 2008.

I.M.IASIELLO, Samnium. Aspetti e trasformazioni di una provincia dell’Italia tardoantica, Bari 2007.

M.H.CRAWFORD, Le iscrizioni dei Peligni e le necropoli di Corfinio, in: E.Mattiocco (ed.), Itinera archaeologica. Contributi di archeologia abruzzese, Rocca S.Giovanni 2006, 113-130.

M.BUONOCORE, Regio IV. Sabina et Samnium. Aufidena-Histonium-Teate Marrucinorum. Sulmo-Corfinium-Superaequum, SupplIt 22, 2004, 35-142.

A.PASQUALINI, Il pellegrinaggio a Fonte S. Ippolito: origini, sopravvivenze e percorsi di un culto centro-italico, in: G.Marucci (ed.), Il viaggio sacro. Culti pellegrini e santuari in Abruzzo, Colledara 2000, 65-78.

A.CAMPANELLI – V.ORFANELLI – P.RICCITELLI, Il Santuario di Ercole a Corfinio, in: M.Pacciarelli (ed.), Acque, grotte e Dei. 3000 anni di culti preromani in Romagna, Marche e Abruzzo, Imola 1997, 184-202.

M.BUONOCORE, Il santuario di Ercole a Corfinium (loc. S. Ippolito): prime acquisizioni epigrafiche, Xenia Antiqua 4, 1995, 179-198. [= M.BUONOCORE, L’Abruzzo e il Molise in età romana tra storia ed epigrafia, I-II, L’Aquila 2002, 601-626].

E.PERUZZI, La sacerdotessa di Corfinio, PP 50, 1995, 1-15.

G.FIRPO, Considerazioni sull’organizzazione degli Italici durante la guerra sociale, in: L.Aigner Foresti et alii (eds.), Federazioni e federalismo nell’Europa antica. Alle radici della casa comune europea. I., Bergamo, 21-25 settembre 1992, Milano 1994, 457-478.

M.BUONOCORE – E.MATTIOCCO, Riscoperte ed inediti epigrafici dai territori dei Peligni e dei Vestini, Miscellanea Greca e Romana 17, 1992, 159-196 [= M.BUONOCORE, L’Abruzzo e il Molise in età romana tra storia ed epigrafia, I-II, L’Aquila 2002, 361-396].

V.D’ERCOLE, Atri, Corfinio, Caporciano e Celano, Notiziario Scavi e Scoperte della Rivista di Scienze Preistoriche 42, 1992, 268-269.

M.BUONOCORE – G.FIRPO, Fonti latine e greche per la storia dell’Abruzzo antico, I, Città di Castello 1991.

H.DEVIJVER – F.VAN WONTERGHEM, A new reading of an inscription from Corfinium (CIL, IX, 3173-ILS 5642), ZPE 73, 1988, 104-106.

M.BUONOCORE, Regio IV. Sabina et Samnium. Corfinium, Supplementa Italica 3, 1987, 93-222.

M.BUONOCORE, Iscrizioni inedite da Corfinium, AC 54, 1985, 292-299. [= M.BUONOCORE, L’Abruzzo e il Molise in età romana tra storia ed epigrafia, I-II, L’Aquila 2002, 627-636].

F.VAN WONTERGHEM, Superaequum, Corfinium, Sulmo, Forma Italiae, IV, 1, Firenze 1984.

H.DEVIJVER – F. VAN WONTERGHEM, Un mundus (Cereris?) a Corfinium. Nuova lettura e interpretazione dell’iscrizione CIL IX 3173 = ILS 5642, Historia 32, 1983, 484-507.

F.VAN WONTERGHEM, Il “campus” nell’impianto urbanistico delle città romane: testimonianze epigrafiche e resti archeologici, Acta Archaeologica Lovaniensia 20, 1981, 49-57.

G.PACI, Nuovi documenti epigrafici della necropoli romana di Corfinio (con preambolo sulla scoperta di G.Messineo), Epigraphica 42, 1980, 31-64.

F.VAN WONTERGHEM, Note sulla topografia e l’urbanistica di Corfinium, BIBR 44, 1974, 641-650.

G.CIANFARANI, Cesare tra i Peligni, Abruzzo 1, 1963, 56-78.

G.ANNIBALDI, Regio IV (Abruzzi). Contributi al C.I.L. Iscrizioni inedite nei musei di Corfinio e di Sulmona, Epigraphica 20, 1958, 14-28.

H.D.MEYER, Die Organisation der Italiker im Bundesgenossenkrieg, Historia 7, 1958, 74-79.

N.COLELLA, Corfinium. Ricerche di topografia, Atti e Memorie del Convegno Storico Abruzzese-Molisano 2, 1931[1935], 435-445.

G.VEITH, Corfinium. Eine kriegsgeschichtliche Studie, Klio 13, 1913, 1-26.


CORTONA

M.GUALTIERI – H.FRACCHIA (eds.), La Villa di Ossaia. Il territorio di Cortona in età romana, Roma 2015.

P.GIULIERINI, I centri etruschi dall’Arno al Clanis. Fiesole, Arezzo e Cortona, in: P.Bruschetti et alii (eds.), Gli Etruschi dall’Arno al Tevere. Le collezioni del Louvre a Cortona, Mostra, Cortona, MAEC-Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona, 5 marzo-3 luglio 2011, Milano 2011, 117-141.

P.GIULIERINI, Un tumulo etrusco e i miti di Cortona antica. Una riflessione tra fonti e archeologia, AAEC 34, 2010-2011, 239-246.

D.JONES, Etruscan masterpieces in Cortona, Minerva 22, 2011, 12-14.

L.BOUKE VAN DER MEER, The Tabula Cortonensis and land transactions, SE 76, 2010-2013[2014], 157-182.

M.TORELLI, Cortona, in: S.Bruni (ed.), Gli Etruschi delle città. Fonti, ricerche e scavi, Cinisello Balsamo 2010, 78-83.

P.GIULIERINI, Un tumulo etrusco all’origine dei miti di Cortona antica. Una riflessione tra fonte e archeologia, AAEC 33, 2008-2010, 265-323.

P.GIULIERINI, Famiglie e proprietà a Cortona tra tardo ellenismo e romanizzazione, AAEC 32, 2006-2007, 183-214.

S.ROSSI, Il popolamento antico nella preistoria e nella protostoria del territorio cortonese. Lo stato dell’arte, AAEC 32, 2006-2007, 169-182.

K.WYLIN, The first chapter of the Cortona inscription, Etruscan News 5, 2006, 1-7. [www.umass.edu/etruscannews/articles]
Etr. cenu = “è ottenuto” in TCo e nel Cippus Perusinus (Pe 8.4, cl. III). Etr. scuna in Pe 8.4 = “uso/concessione”. Etr. pes in TCo = lat. fundus. Etr. rasna (in TCo) = “etrusco” – e non “popolo” – per qualificare un certo valore monetale stabilito per la proprietà ottenuta da Petru Sceva. [L. Cappelletti]

G.M.FACCHETTI, Some New Remarks on the Tabula Cortonensis (= TCo), in: Miscellanea Italica. Quaderni di Scienze del Linguaggio – Università IULM, 18, Milano 2005[2007], 71-80.
Sulla base della nuova interpretazione di etr. sparza = “tavoletta”/”tablet” rilettura delle clausulae V e VII (con zilacato eponimo) della TCo. [L. Cappelletti]

S.FORTUNELLI (ed.), Il Museo della città etrusca e romana di Cortona. Guida alle collezioni, Firenze 2005.

K.WYLIN, Venel Tamsnies, la Tomba degli Scudi e gli *epru di Cortona, SE 71, 2005[2007], 111-125.
Sul cursus honorum di Ta 5.4 (zilacato, cechasiethur = senatori, ecc.) [p. 115-121]. In particolare sulla radice etr. epr- = lat. pars. Nella Tabula Cortonensis eprus = parti/protagonisti della transazione giuridica. In Cr 1.161 eprial arus = tribunus (arus) della sua parte/sezione militare. In Ta 5.4 [ep]rialsm arusias = parte/competenza di tribunus [arusia = tribunicius, tribunatus] [p. 121-122]. Radice epr- anche in Ta 7.13 e in LL 3.2 [p. 122-123]. [L. Cappelletti]

M.TORELLI, La “Tanella Angori”, i “Cusu” e la “Tabula Cortonensis”, RPAA 77, 2004-2005, 163-187.

G.UGGERI, La tomba di Ulisse a Cortona. Nota topografica a Lycophr., Alex. 805-806, in: P.Defosse (ed.), Hommages à Carl Deroux, 4, Archéologie et histoire de l’art, Religion, Bruxelles 2003, 241-247.

K.WYLIN, Forme verbali nella Tabula Cortonensis, SE 65-68, 2002, 215-223.

A.ZAVARONI, Sigla del quattuorvirato nella tavola di Cortona, Athenaeum 90, 2002, 431-441.

P.BRUSCHETTI, Società e cultura a Cortona nel medio ellenismo, in: M.Pandolfini – A.Maggiani (eds.), La Tabula Cortonensis e il suo contesto storico-archeologico, Atti dell’Incontro di Studio, 22 giugno 2001, Roma 2002, 27-38.

H.FRACCHIA – M.GUALTIERI, La villa romana di Ossaia. Primi dati sul territorio di Cortona in età romana, in: C.Masseria (ed.), 10 anni di archeologia a Cortona, Roma 2001, 220-221.

C.MASSERIA (ed.), 10 anni di archeologia a Cortona, Roma 2001.

E.PERUZZI, Sulla tavola etrusca di Cortona, PP 56, 2001, 203-210.

M.PITTAU, Tabula Cortonensis, lamine di Pirgi e altri testi etruschi tradotti e commentati, Sassari 2000.

M.PITTAU, La Tabula Cortonensis: nuove acquisizioni ermeneutiche, ASGM 41-42, 2000-2001, 170-212.

L.BRACCESI, Cortona e la leggenda di Ulisse, in: F.Coarelli – G.Bonamente (eds.), Assisi e gli Umbri nell’antichità, Atti del Convegno Internazionale, Assisi, 18-21 dicembre 1991, Assisi 1997, 127-138.

H.FRACCHIA, Etruscan and Roman Cortona. New evidence from the southeastern Val di Chiana, in: J.F.Hall (ed.), Etruscan Italy. Etruscan influences on the civilizations of Italy from antiquity to the modern era, Provo Utah 1996, 190-215.

A.MORANDI, La lingua etrusca. Da Cortona a Tarquinia, AAEC 20, 1995-1996, 77-121.

A.MORANDI, Cortona e la questione dei confini etruschi, AAEC 16, 1987-1988, 7-37.

G.CATALDI-A.CHERICI-B.GIALLUCA, Cortona. Struttura e storia. Materiale per una conoscenza operante della città e del territorio, Cortona 1987.

P.BRUSCHETTI, Cortona. Guida archeologica, Roma 1985.

P.BRUSCHETTI, Nota sul popolamento antico del territorio cortonese, AAEC 11, 1979, 85-103.

A.NEPPI MODONA, Cortona etrusca e romana nella storia e nell’arte, Firenze 1977.

N.NOVELLI, Urbanismo italico a Cortona nel suo impianto umbro etrusco romano, Milano 1973.

A.DONATI, Epigrafia cortonese. Testi greci e romani, AAEC 6, 1965-1967, 91-231.


COSENZA

L.CAPPELLETTI, Lucani e Brettii. Ricerche sulla storia politica e istituzionale di due popoli dell’Italia antica (V-III sec.a.C.), Frankfurt am Main 2002.

F.BURGARELLA, Dalle origini al Medioevo, in: F.Mazza (ed.), Cosenza. Storia, cultura, economia, Soveria Mannelli 1991, 15-69.

F.MAZZA (ed.), Cosenza. Storia, cultura, economia, Soveria Mannelli 1991.

A.RUSSI, La stele greca di Cosenza, MiscStudStor 5, 1985-1986, 47-56.

G.E.RUBINO – M.A.TETI, Cosenza, Bari 1997.

V.ZUMBINI, Il Museo Civico di Cosenza, Cosenza 1988.

U.FANTASIA, s.v. Cosenza, in: BTCGI V, Pisa-Roma 1987, 431-441.

G.P.GIVIGLIANO, Documenti e note per una storia di Cosenza nell’antichità, Rivista Storica Calabrese 6, 1985, 259-280.

E.GRECO, Temesa e Cosentia, AION(archeol) 4, 1982, 57-62.

P.G.GUZZO, Epigrafi latine della provincia di Cosenza, Epigraphica 38, 1976, 129-143.

V.PANEBIANCO, Pandosia e Consentia: La capitale degli Enotri e la capitale dei Brettii, ASCL 41, 1973-74, 1-15.

L.CARUSO, Storia di Cosenza, I.1, Cosenza 1969.


COSILINUM (PADULA)

A.CAMPANELLI (ed.), Rosantico. Natura, bellezza, gusto, profumi tra Paestum, Padula e Velia, Napoli 2013.

V.BRACCO, Altro termine graccano dalla Valle del Tanagro, Epigraphica 72, 2010, 425-428.

L.GALLO, Una supposta testimonianza di Plinio su Cosilinum di Lucania, RSS 12, 1995, 263-269.

A.M.ARDOVINO, Un’olpe di bronzo con graffiti da Padula, Apollo 9, 1993, 3-13.


CRIMISA

D.COSTANZO, Il tempio arcaico di Punta Alice (Cirò Marina, CR), in: V.Nizzo – L.La Rocca (eds.), Antropologia e archeologia a confronto: rappresentazioni e pratiche del sacro, Atti dell’Incontro Internazionale di Studi, Roma, Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”, 20-21 maggio 2011, Roma 2012, 573-586.

E.GIANNICO, Magistrature di Crotone e di centri sotto la sua influenza, Incidenza dell’Antico 6, 2008, 215-240.
L’A. raccoglie le testimonianze epigrafiche da Crotone (SEG 53, 2003, 1077), Petelia (IG XIV, 636), Crimisa, Caulonia e Terina (SEG 4, 1929, risp. 75, 71, 73) [pp. 215-227], inoltre quelle letterarie, i.e. Ateneo XII 522a (= Tim. FGrHist 566 F 44) [pp. 227-232], utili a tracciare un quadro delle istituzioni di Crotone e di alcuni centri sotto la sua influenza. Particolare attenzione è data alle magistrature della pritania e della demiurgia, che trovano spiegazione della loro esistenza a Crotone nel rapporto tra metropoli e colonia, secondo una tesi già sviluppata negli anni ‘60 da S. Mazzarino [pp. 233-237]. [J. Piccinini]

M.MOGGI, I proxenoi come testimoni, in: P.Desideri – M.Moggi – M.Pani (eds.), Antidoron. Studi in onore di B.Scardigli Forster, Pisa 2007, 305-316.

M.G.AISA, La sacra Crimisa, Cirò Marina 2002.

G.GENOVESE, Culti apollinei, presenze epicorie e tradizioni filottetee al promontorio di Crimisa, RAL 12, 2001, 585-572.

F.MAZZA (ed.), Cirò, Cirò Marina: storia, cultura, economia, Soveria Mannelli, 1997.

J.DE LA GENIÈRE, L’area di Crimisa, in: M.L.Napolitano (ed.), Crotone e la sua storia tra IV e III secolo a.C., Atti del Seminario Internazionale, Napoli, 13-14 febbraio 1987, Napoli 1993, 81-91.

A.MELE, Crotone greca negli ultimi due secoli della sua storia, in: M.L.Napolitano (ed.), Crotone e la sua storia tra IV e III secolo a.C., Atti del Seminario Internazionale, Napoli, 13-14 febbraio 1987, Napoli 1993, 235-291.

D.MERTENS, Per l’architettura nel primo ellenismo. Il tempio ed il santuario di Apollo Aleo a Cirò, in: M.L.Napolitano (ed.), Crotone e la sua storia tra IV e III secolo a.C., Atti del Seminario Internazionale, Napoli, 13-14 febbraio 1987, Napoli 1993, 61-80.

M.L.NAPOLITANO (ed.), Crotone e la sua storia tra IV e III secolo a.C., Atti del Seminario Internazionale, Napoli, 13-14 febbraio 1987, Napoli 1993.

J.DE LA GENIÈRE, s.v. Cirò, in: BTCGI V, 1987, 311-318.

M.GIANGIULIO, s.v. Crimis(s)a, in: BTCGI V 1987, 460-462.

D.MERTENS, I santuari di Capo Colonna e Crimisa. Aspetti dell’architettura crotoniate, in: ACSMG XXIII 1983, Taranto 1984, 81-91.

L.H.JEFFERY, Demiourgoi in the Archaic Period, ArchClass 25-26, 1973-1974, 319-330.

B.VIRGILIO, I πρόξενοι testimoni in alcuni documenti epigrafici di Magna Grecia, BIDR 11, 1969, 9-17 [= ID., Epigrafia e storiografia. Studi di Storia Antica, I, Pisa 1988, 13-22]

P.ORSI, Templum Apollinis Alaei ad Crimisa-promontorium, Roma 1933 [rist.anast. Reggio Calabria 2004].


CROTONE

F.CRISTIANO, Espressioni di artigianato italico a Crotone: un bronzetto armato dallo scavo del nuovo teatro comunale, ASMG s. IV, 6, 2014-2015, Roma 2016, 109-130.

M.L.LAZZARINI, Documentazioni epigrafiche ed esperienze politiche e istituzionali, in: ACSMG LIII, Taranto 2013, Taranto 2016, 101-112.

A.CARUSO, Mouseia pitagorici in Magna Grecia: questioni topografiche e culturali, in: R.Spadea (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014, 529-553.

F.CRISTIANO, Note sui cinturoni italici dalla Crotoniatide, in: R.Spadea (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014, 489-505.

P.G.GUZZO, Doni ad Hera Lacinia, in: R.Spadea (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014, 509-517.

M.L.LAZZARINI, Nuovi documenti iscritti dal Capo Lacinio, in: R.Spadea (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014, 519-517.

C.LUPO, Aspetti della pratica musicale pitagorica a Crotone e a Taranto, in: A.Bellia (ed.), Musica, culti e riti nell’Occidente greco, Roma 2014, 175-183.

D.MERTENS, Erwartung und Wircklichkeit. Stadtplanung in den griechischen Kolonien, in: A.Dietl – W. Schöller – D. Steuernagel (eds.), Utopie, Fiktion, Planung. Stadtentwürfe zwischen Antike und Früher Neuzeit, Stuttgart 2014, 35-52.

A.RACHELI, Continuità e discontinuità nella struttura della
città. L’area meridionale dell’antica Kroton
, in: R.Spadea (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014, 13-65.

A.RUGA, Crotone romana. Dal promontorio Lacinio al sito “acheo”, in: R.Spadea (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014, 181-272.

R.SPADEA (ed.), Kroton. Studi e ricerche sulla polis achea e il suo territorio, ASMG s. IV, 5, 2011-2013, Roma 2014.

M.E.CAVALIERE, Dediche di Occidentali nel santuario di Apollo a Delfi (VI-IV a.C.), Oxford 2013.

O.DE CAZANOVE, Un sanctuaire de Grande Grèce dans une colonie romaine. L’Héraion du Lacinion après la 2ème Guerre Punique, in: M.Jehne – J.Rüpke (eds.), Religiöse Vielfalt und soziale Integration. Die Bedeutung der Religion für die kulturelle Identität und politische Stabilität im republikanischen Italien, Heidelberg 2013, 111-136.

L.E.BAUMER – D.MARINO – V.NOBS, Kroton. Etudes et travaux archéologiques
genevois en Calabrie. Rapport sur les activités de l’Unité d’archéologie classique de
l’Université de Genève en 2010 – 2011
, AntK 55, 2012, 152-160.

R.BELLI PASQUA, Hestiatoria nella tradizione rituale delle colonie d’Occidente, Thiasos 1, 2012, 19-27.

T.SAGGINI, Thesauroi de la Crotone grecque? Etude des deux structures dans les sanctuaires de Capo Colonna et Vigna Nuova, Genève 2012.

L.ZHMUD, Pythagoras and the Early Pythagoreans, Oxford 2012.

G.AVERSA, Riflessioni sulla fondazione di Crotone fra problematiche della colonizzazione e dinamiche di occupazione territoriale, Quaderni di Archeologia 1, 2011, 39-66.

A.RUGA, La presenza di moneta brettia tra Crotone e il Lacinio, in: G.De Sensi Sestito – S.Mancuso (eds.), Enotri e Brettii in Magna Grecia. Modi e forme di interazione culturale, Soveria Mannelli 2011, 477- 519.

R.SPADEA, Crotone tra i Dionisi ed Agatocle, in: R.Neudecker (ed.), Krise und Wandel. Süditalien im 4. und 3. Jahrhundert v.Chr., Internationaler Kongress anlässlich des 65. Geburtstages von Dieter Mertens, Rom 26. bis 28. Juni 2006, Wiesbaden 2011, 107-120.

A.STAZIO, La prima monetazione di Sibari e Crotone. Scritti di numismatica,
Foggia 2011.

L.E.BAUMER, Trois sanctuaires extra-urbains, in: Ô dieux de Crotone! Lieux e témoignages du sacré à l’intérieur d’une ville antique de Calabre, Catalogue d’Exposition des photographies archaéologique, Genève, 1er octobre -31 décembre 2010, Paris 2010, 20-27.

M.CORRADO – D.MARINO, Les sanctuaires urbains de Crotones sans la tradition littéraire et les sources antiquaires, in: Ô dieux de Crotone! Lieux e témoignages du sacré à l’intérieur d’une ville antique de Calabre, Catalogue d’Exposition des photographies archaéologique, Genève, 1er octobre -31 décembre 2010, Paris 2010, 71-77.

D.COSTANZO, Il tripode dei Crotoniati a Delfi. Un’offerta monumentale tra politica e ideologia apollinea, Forma Urbis 15, 2010, 4-11.

M.V.GARCÍA QUINTELA, La destrucción de Síbaris y la política pitagórica, Athenaeum 98.2, 2010, 365-388.

G.GENOVESE, Il mito di Filottete. Un modello antieroico e un archetipo interculturale tra Oriente e Occidente, Polis. Studi interdisciplinari sul mondo antico 3, 2010, 7-26.

M.L.LAZZARINI, Tra Kroton e Kaulonia: la documentazione epigrafica, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 273-278.
L’A. si concentra sull’esiguo patrimonio epigrafico proveniente dai centri di Crotone e Caulonia, facendo particolare riferimento a due testi. La prima iscrizione (SEG 51, 2001, 1407) di carattere sacro, datata al VI sec. a.C., è incisa su un cippo trovato all’interno dell’area sacra del tempio dell’antica Caulonia. L’alfabeto usato è quello corinzio e non acheo, come ci si aspetterebbe [p. 274]. Il cattivo stato di conservazione del testo compromette ogni interpretazione. L’A. propone di leggervi ΑΜΒΑ, forme sincopata di ΑΝΑΒΑ, e non Ἀνεμιᾶν. La seconda iscrizione in alfabeto acheo su tabella bronzea è attribuita a Caulonia (SEG 4, 1929, 71), anche se non si conosce il luogo esatto di ritrovamento. Si tratta di un atto di donazione con la menzione del demiurgo al genitivo. Il confronto con un’altra iscrizione frammentaria (M.L.LAZZARINI, L’eponimia a Crotone. A proposito di una nuova laminetta bronzea iscritta, in: Epigraphica. Atti delle Giornate di Studio di Roma e di Atene in memoria di M. Guarducci (1902-1999), Opuscula Epigraphica 10, Roma 2003, 81-90) su tabella bronzea, databile tra la fine del IV e l’inizio del III sec. a.C., rinvenuta nell’area del santuario di Hera Lacinia presso Crotone, chiarisce la funzione del demiurgo come magistrato eponimo [p. 274]. Stesse considerazioni sono valide anche per un’iscrizione frammentaria (M.L.LAZZARINI, Una nuova lamina bronzea iscritta dal territorio lametino, ArchClass 56, 2005, 453-460) proveniente da Terina, nell’area di influenza crotoniate [p. 275]. Altri elementi interessanti nella seconda iscrizione cauloniate sono le sigle che precedono i nomi del demiurgo e dei garanti a indicare l’esistenza di suddivisioni civiche, proprie di Crotone e della madrepatria achea. [J. Piccinini]

L.LEPORE – P.TURI (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010.

G.PERRI, Crotone e Caulonia: aspetti e problemi della monetazione incusa, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 299-306.

A.RUGA, Espressioni di eusèbia domestica a Crotone, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del convegno internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 209-226.

G.VERBICARO, Aree produttive a Crotone tra VII e III sec. a.C., in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del convegno internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 227-241.

D.ERDAS, Note preliminari sulla selezione dei frammenti della politeia aristotelica di Crotone, in: C.Braidotti – E.Dettori – E.Lanzillotta (eds.), οὐ πᾰν ἐφήμερον. Scritti in memoria di R.Pretagostini, I-II, Roma 2009, 965-978.

M.BUGNO, Qualche riflessione su Temesa nel Bruzio, Incidenza dell’Antico 6, 2008, 205-221.

B.CARROCCIO, Sulla valenza simbolica dei trampolieri nelle monetazioni antiche, MiscStudStor 15, 2008, 7-24.

M.GIANGIULIO (ed.), Giamblico. La vita pitagorica, Milano 20083.

E.GIANNICO, Magistrature di Crotone e di centri sotto la sua influenza, Incidenza dell’Antico 6, 2008, 215-240.
L’A. raccoglie le testimonianze epigrafiche da Crotone (SEG 53, 2003, 1077), Petelia (IG XIV, 636), Crimisa, Caulonia e Terina (SEG 4, 1929, risp. 75, 71, 73) [pp. 215-227], inoltre quelle letterarie, i.e. Ateneo XII 522a (= Tim. FGrHist 566 F 44) [pp. 227-232], utili a tracciare un quadro delle istituzioni di Crotone e di alcuni centri sotto la sua influenza. Particolare attenzione è data alle magistrature della pritania e della demiurgia, che trovano spiegazione della loro esistenza a Crotone nel rapporto tra metropoli e colonia, secondo una tesi già sviluppata negli anni ‘60 da S. Mazzarino [pp. 233-237]. [J. Piccinini]

M.L.LAZZARINI, Un’eminente famiglia di Crotone in età romana: i Futii, in: M.L.Caldelli – G.L.Gregori – S.Orlandi (eds.), Epigrafia 2006, Atti della XIVe Rencontre sur l’épigraphie in onore di S.Panciera con altri contributi di colleghi, allievi e collaboratori, Roma 2008, 869-878.

G.MARASCO, La società crotoniate, i Pitagorici e lo sviluppo delle scienze mediche, in: G.De Sensi Sestito (ed.), L’arte di Asclepio. Medici e malattie in età antica, Atti della giornata di studio sulla medicina antica, Università della Calabria, 26 ottobre 2005, Soveria Mannelli 2008, 7-28.

G.MILLINO, La fondazione di Pissunte, Micito di Reggio e Ierone di Siracusa, in: G.De Sensi Sestito (ed.), La Calabria tirrenica nell’antichità: nuovi documenti e problematiche storiche, Atti del Convegno, Rende, 23-25 novembre 2000, Soveria Mannelli 2008, 239-254.

J.G.ROYAL, Discovery of ancient harbour structures in Calabria, Italy, and implications for the interpretation of nearby sites, International Journal of Nautical Archaeology 37.1, 2008, 49-66.

G.SQUILLACE, I mali di Dario e Atossa. Modalità di intervento, tecniche terapeutiche, modelli di riferimento di Democede di Crotone (nota ad Erodoto III 129 – 134, 1), in: G.De Sensi Sestito (ed.), L’Arte di Asclepio. Medici e medicine in età antica, Atti della giornata di studio sulla medicina antica, Università della Calabria 26 ottobre 2005, Soveria Mannelli 2008, 29-62.

M.VALDÉS GUÍA, Zeus Eleutherios / Zeus Soter y la liberación de esclavos-dependientes en el Peloponneso, in: A Gonzales (ed.), La fin du statut servile? (affranchissement, libération, abolition…), 30e Colloque GIREA, Besançon, 15-17 décembre 2005, I, Hommage à J.Annequin, Besançon – Paris 2008, 77-88.

M.BUGNO, Pandosia tra Sibari, Crotone e la conquista brettia, Incidenza dell’Antico 5, 2007, 175-185.

S.HORNBLOWER, The Dorieus episode and the Ionian revolt (5.42-8), in E.Irving – E.Greenwood (eds.), Reading Herodotus. A Study of the Logoi in Book 5 of Herodotus’ Histories, Cambridge 2007, 168-178.

M.C.MONACO, Un’isolata presenza occidentale sull’acropoli di Atene. L’anathema di Faillo di Crotone, in: E.Greco – M.Lombardo (eds.), Atene e l’Occidente. I grandi temi. Le premesse, i protagonisti, le forme della comunicazione e dell’interazione, i modi dell’intervento ateniese in Occidente, Atti del Convegno Internazionale, Atene, 25-27 maggio 2006, Atene 2007, 155-189.

M.MUNGARI, L’arx fortificata di Croto, Orizzonti 8, 2007, 133-136.

E.A.ARSLAN, Archeologia urbana e moneta: il caso di Crotone, in: R.Belli Pasqua – R.Spadea (eds.), Kroton e il suo territorio tra VI e V secolo a.C. Aggiornamenti e nuove ricerche, Atti del Convegno di Studi, Crotone, 3-5 marzo 2000, Crotone 2005, 91-142.

R.BELLI PASQUA – R.SPADEA (eds.), Kroton e il suo territorio tra VI e V secolo a.C. Aggiornamenti e nuove ricerche, Atti del Convegno di Studi, Crotone, 3-5 marzo 2000, Crotone 2005.

G.F.LA TORRE, Temesa e l’impero di Crotone alla luce dei nuovi scavi, in: R.Belli Pasqua – R.Spadea (eds.), Kroton e il suo territorio tra VI e V secolo a.C. Aggiornamenti e nuove ricerche. Atti del Convegno di Studi, Crotone, 3-5 marzo 2000, Crotone 2005, 261-265.

D.MARINO, Kroton prima dei Greci. La prima età del Ferro nella Calabria centrale ionica, Rivista di Scienze Preistoriche 55, 2005, 439-465.

G.SQUILLACE, Le fonti di Teocrito per la Crotoniatide antica: (a proposito di «atymnon», «stomalimnon» e «Physkos» nell’Idillio IV vv. 17-25), MiscStudStor 13, 2005-2006, 53-104.

E.A.ARSLAN, Presenza e funzioni della moneta a Crotone e nella sua «chora», in: Presenza e funzioni della moneta nelle chorai delle colonie greche dall’Iberia al Mar Nero, Atti del XII Convegno, Napoli, 16-17 giugno 2000, Napoli 2004, 219-245.

A.TEJA – S.MARIANO (eds.), Agonistica in Magna Grecia. La scuola atletica di Crotone, Crotone 2004.

A.CAMPUS, Annibale ed Hera Lacinia, PP 58, 2003, 292-308.

M.L.LAZZARINI, L’eponimia a Crotone. A proposito di una nuova laminetta bronzea iscritta, in: Epigraphica. Atti delle Giornate di Studio di Roma e di Atene in memoria di M.Guarducci (1902-1999), Opuscola Epigraphica 10, Roma 2003, 81-90.
Testo molto frammentario di fine IV-inizi III sec.a.C. iscritto su lamina bronzea rinvenuta nella primavera del 2000 presso il santuario crotoniate di Hera Lacinia a Capo Colonna. Alla l. 1 demiurgo eponimo – ἐπὶ δαμιορ[γοῦ – la cui menzione serve a datare l’operazione finanziaria (prestito o deposito di stateri d’argento) condotta da magistrati pubblici – οἱ πρόδ[ικοι] – menzionati alla l. 2. [L. Cappelletti]

M.VALDÉS GUÍA, El culto a Zeus Eleutherios en época arcaica: liberación de esclavos/dependiendes y constitución de ciudadanías, in: M.Garrido Hory – A.Gonzalès (eds.), Histoire. Espaces et marges de l’Antiquité. Hommages à Monique Clavel-Lévêque, II, Besançon – Paris 2003, 291-324.

F.CROISSANT, Crotone et Sybaris: esquisse d’une analyse historique de la koinè culturelle achéenne, in: E.Greco (ed.), Gli Achei e l’identità etnica degli Achei in Occidente, Atti del Convegno Internazionale di Studi Paestum, 23-25 febbraio 2001, Paestum – Atene 2002, 397-423.

M.LOMBARDO, La norma e l’eccesso: la guerra tra Sibari e Crotone e alcuni aspetti della ‘greek way of war’ in età arcaica, in: M.Sordi (ed.), Guerra e diritto nel mondo greco e romano, Milano 2002, 43-67.

M.PETRUZZELLA, Attività politica ed esercizio della techne medica in Democede di Crotone: i modelli culturali pitagorici in Erodoto III 129-137, in: Erodoto e l’Occidente, Atti del Convegno, Palermo, 27-28 aprile 1998, Roma 1999, 343-372.

B.ROSSIGNOLI, Segesta, Crotone e il monumento a Filippo, in: Erodoto e l’Occidente, Atti del Convegno, Palermo, 27-28 aprile 1998, Supplementi a Kokalos 15, Roma 1999, 47-49.

M.VAGLIO, Democede il pitagorico, in: Erodoto e l’Occidente, Atti del Convegno, Palermo, 27-28 aprile 1998, Roma 1999, 455-460.

L.BRACCESI, Cronologia e fondazioni coloniarie, 2 (Miscello e le tre spedizioni a Crotone), Hesperìa 9, 1998, 9-18.

M.ROMANO, L’epigrafe ateniese a Phayllos (IG I3, 2, 823), ZPE 123, 1998, 105-116.

R.SPADEA, Santuari di Hera a Crotone, in: J.De La Genière (ed.), Héra. Images, espaces, cultes. Actes du Colloque International, Lille, 29-30 novembre 1993, Naples 1997, 235-259.

E.ARENA, Il responso delfico di fondazione di Crotone Parke – Wormell nr. 45. Per una riconsiderazione cronologica, StAnt 9, 1996, 217-234.

S.CAGNAZZI, Un atleta di Crotone a Salamina, MGR 20, 1996, 11-19.

G.MADDOLI, La dedica degli Ipponiati a Olimpia (SEG XI 1211) e il suo contesto storico, in: L.Breglia Pulci Doria (ed.), L’incidenza dell’antico. Studi in memoria di Ettore Lepore, II, Napoli 1996, 193-202 [= in: G.MADDOLI, Magna Grecia. Tradizioni, culti, storia, a cura di A.M.Biraschi – M.Nafissi – F.Prontera, Perugia 2013, 265-272].
L’A. prende in esame i problemi di restituzione testuale, storici e cronologici della dedica degli Ipponiati a Olimpia che, incisa su uno scudo bronzeo di tipo beotico, celebra la vittoria da questi riportata sui Crotoniati assieme ai Medmei e ai Locresi (SEG XI, 1950, nr. 1211). L’integrazione del testo, che presenta interessanti impronte osche, e i caratteri epigrafici dello stesso consentono di datare l’iscrizione ad un momento successivo alla battaglia di Imera (480 a.C.), quando Locri e le sue sub-colonie risultano alleate dei Dinomenidi, allora impegnati in un tentativo di espansione verso il Tirreno meridionale e centrale, trovando un naturale antagonista proprio in Crotone, oltre che nelle comunità etrusche meridionali. L’A. propone come datazione più attendibile della dedica il 475 a.C. (se non già l’anno precedente), nel contesto degli attacchi locresi (condotti a partire dalle colonie tirreniche, Ipponio in primis) contro gli avamposti tirrenici di Crotone, e degli intensi rapporti che l’ambito locrese intratteneva allora con Olimpia, sottolineati dalle vittorie di Eutimo nei giochi olimpici. [J. Piccinini]

L.MOSCATI CASTELNUOVO, Pausania e l’invio di coloni spartani a Crotone e a Locri, MGR 19, 1995, 85-100.

L.MOSCATI CASTELNUOVO, Filottete, Crotone e le origini di Segesta, Kokalos 41, 1995, 51-61.

L.MOSCATI CASTELNUOVO, Sparta e le tradizioni crotoniati e locresi sulla battaglia della Sagra, QUCC 51, 1995, 141-163.

L.MOSCATI CASTELNUOVO, Filippo di Crotone, figlio di Butacide: un eroe dei Segestani?, RBPh 72.1, 1994, 89-97.

E.SUÁREZ DE LA TORRE, Gli oracoli relativi alla colonizzazione della Sicilia e della Magna Grecia, QUCC 48, 1994, 7-37.

C.VANDERMERSCH, Les îles de Crotone. Légende ou réalité de la navigation grecque sur le littoral ionien du Bruttium?, PP 1994, 241-267.

A.MISSIOU, Δοῦλος τοῦ βασιλέως: the politics of translation, CQ 43, 1993, 377-391.

G.DE SENSI SESTITO – M.INTRIERI, Crotone in età greca e romana, in: F.Mazza (ed.), Crotone. Storia Cultura Economia, Soveria Mannelli 1992, 23-88.

A.MELE, Crotone e la sua storia dalle origini all’età romana, in: G.Pugliese Carratelli (ed.), Omaggio a Crotone, Roma 1992, 19-58 [= in: A.Mele (ed.), Magna Grecia. Colonie achee e pitagorismo, Napoli 2007, 109-184.

C.TALAMO, A proposito di Crotone arcaica, QUCC 70, 1992, 153-154.

M.GIANGIULIO, Filottete tra Sibari e Crotone: osservazioni sulla tradizione letteraria, in: J. de La Genière (ed.), Épéios et Philoctète en Italie: données archéologiques et traditions légendaires: Actes du Colloque International du Centre de recherches archéologiques de l’Université de Lille, 23-24 novembre 1987, Roma 1991, 37-53.

A.JACQUEMIN – D.LAROCHE, Une offrande monumentale à Delphes. Le trépied des Crotoniates, Bulletin de Correspondance Hellénique 114, 1990, 299-323.

N.F.PARISE, Moneta e società in Magna Grecia: l’esempio di Crotone, in: Crise et transformation des sociétés archaïques de l’Italie antique au Ve siècle J.-C., Actes de la table ronde de Rome, 19-21 novembre 1987, Roma 1990, 299-306.

T.SIRONEN, The Lucanians and the Bruttians and the rural population of Magna Graecia, 4th and 3rd centuries B.C., with special reference to the territories of Metaponto and Croton, in: H.Solin – M.Kajava (eds.), Roman Eastern policy and other studies in Roman History, Proceedings of a Colloquium at Tvärminne, 2-3 october 1987, Helsinki 1990, 143-150.

G.SPADEA NOVIERO, Documenti epigrafici dal santuario di Era Lacinia a Capo Colonna, PP 253, 1990, 289-312.

M.GIANGIULIO, Ricerche su Crotone arcaica, Pisa 1989.

O.MASSON, Myskellos, fondateur de Crotone, et le nom Μύσκελ(λ)ος, RPh 63, 1989, 61-65.

E.GHISELLINI, La statua di Milone di Crotone ad Olimpia, Xenia 16, 1988, 43-52.

M.GIANGIULIO, s.v. Crotone, in: BTCGI V 1987, 472-521.

G.DE SENSI SESTITO, L’evoluzione politico-costituzionale delle colonie greche della Calabria, MStudStor 5, 1985-86, 25-45.

W.GOEGEBEUR, Hérodote et la fondation achéenne de Crotone, AC 54, 1985, 116-150.

G.MADDOLI, I culti di Crotone, in: ACSMG XXIII, Taranto 1983, Taranto 1984, 313-342 [= in: G.MADDOLI, Magna Grecia. Tradizioni, culti, storia, a cura di A.M.Biraschi – M.Nafissi – F.Prontera, Perugia 2013, 211-229].

A.MELE, Crotone e la sua storia, in: ACSMG XXIII, Taranto 1983, Taranto 1984, 9-87.

G.DE SENSI SESTITO, Gli oligarchici sibariti, Telys e la vittoria crotoniate sul Traente, in: Miscellanea di Studi Storici, III, 1983, 37-56.

M.GIANGIULIO, Locri, Sparta, Crotone e le tradizioni leggendarie intorno alla battaglia della Sagra, MEFRA 95, 1983, 473-521.

G.DE SENSI SESTITO, Il santuario del Lacinio nella lega achea ed italiota, MStudStor 2, 1982, 13-33.

M.GIANGIULIO, Per la storia dei culti di Crotone antica. Il Santuario di Hera Lacinia. Structure e funzioni cultuali, origini storiche e mitiche, ASCL 49, 1982, 5-69.

C.SABBIONE, Le aree di colonizzazione di Crotone e Locri Epizefiri nell’VIII e VII sec. a.C., ASAA 44, 1982, 251-299.

G.DE SENSI SESTITO, I Dinomenidi nel basso e medio Tirreno fra Imera e Cuma, MEFRA 93, 1981, 617-642.

M.GIANGIULIO, Deformità eroiche e tradizione di fondazione. Batto, Miscello e l’oracolo delfico, ASNP 11, 1981, 1-24.

P.J.BICKNELL, The Tyranny of Kleinias at Kroton, Klearchos 18, 1976, 5-25.

P.GIANFROTTA, Le ancore votive di Sostrato di Egina e di Faillo di Crotone, PP 30, 1975, 311-318.

G.GORINI, Riconiazioni di Crotone su didracme di Agrigento, in: Studi per Laura Breglia, BNum 4, Suppl. I, 1975, 63-68.

F.SARTORI, Riflessioni sui regimi politici in Magna Grecia dopo la caduta di Sibari, PP 23, 1973, 117-156.

P.BICKNELL, The date of the battle of the Sagra river, Phoenix 20, 1966, 294-301.

V.MERANTE, Sulle date di fondazione di Sibari, Crotone e Siracusa, Klearchos 8, 1966, 105-119.

V.CASAGRANDI, Caulonia e i suoi rapporti con Crotone e con Locri, Archivio storico della Sicilia orientale, 1920, 419-429.


CUMA

P.G.GUZZO, De Pithécusses à Pompéi. Histoires de fondations. Quatre conferences au Collège de France (Paris 2014), Naples 2016.

P.POCCETTI, Note sulla nuova iscrizione osca da Cuma. Il nuovo teonimo nel contesto dei culti della città in fase di romanizzazione, in: A.Ancillotti – A.Calderini – R.Massarelli (eds.), Forme e strutture della religione nell’Italia mediana antica / Forms and Structures of Religion in Ancient Central Italy, Atti del III Convegno dell’Istituto di Ricerche e Documentazione sugli antichi Umbri (IRDAU), Perugia – Gubbio, 21-25 settembre 2011, Roma 2016, 573-592.

E.BIANCHI, Cuma e la tirannide di Aristodemo: aspetti politico-istituzionali, Erga-Logoi 3.1, 2015, 83-108.

M.D’ACUNTO, Cuma. Continuità e trasformazioni del quartiere residenziale tra il foro e le mura settentrionali, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzioni delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 164-167.

G.GRECO, Cuma arcaica. Ruolo e funzione nel rapporto con gli indigeni, in: L.Breglia – A.Moleti (eds.), Hespería. Tradizioni, rotte, paesaggi, Paestum 2014, 57-85.

G.GRECO, Cuma, da città greca a città italica, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzione delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 80-86.

A.MELE, Greci in Campania, Roma 2014.

P.MUNZI, Il santuario periurbano settentrionale di Cuma, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzione delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 140-143.

C.NOWAK, Bestattungsrituale in Unteritalien vom 5. bis 4. Jh. v.Chr. Überlegungen zur sogennanten Samnitiserung Kampanias, Wiesbaden 2014.

C.RESCIGNO, La fondazione di Cuma, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzione delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 88-92.

C.RESCIGNO, L’acropoli cumana, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzione delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 168-171.

C.RESCIGNO, Cuma. La città al tempo degli aristocratici, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzione delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 108-111.

M.J.STRAZZULLA, Modelli e archetipi di fondazione tra Greci, Italici e Romani, in: C.Rescigno – F.Sirano (eds.), Immaginando città. Racconti di fondazioni mitiche, forma e funzione delle città campane, Catalogo della Mostra, Santa Maria Capua Vetere – Paestum, Napoli 2014, 68-73.

N.BURKHARDT, Bestattungssitten zwischen Tradition und Modifikation. Kulturelle Austauschprozesse in den griechischen Kolonien in Unteritalien und Sizilien vom 8. bis zum 5. Jh. v.Chr., Wiesbaden 2013.

G.CAMODECA, Osco e latino nelle istituzioni pubbliche di Cuma nel II-I sec. a.C., in: C.Cascione – C.Masi Doria – G.D.Merola (eds.), Modelli di un multiculturalismo giuridico. Il bilinguismo nel mondo antico, Napoli 2013, 1-26.

F.CORAGGIO, Studi cumani, 4. Il tempio della Masseria del Gigante a Cuma, Pozzuoli 2013.

S.LAGONA, Viene dall’Italia l’atleta di Kyme?, Sicilia Antiqua 10, 2013, 223-227.

G.MADDOLI, Etruschi, Umbri e Dauni contro Cuma. A proposito di Dion.Hal. Ant. VII 3, 1, in: F.Raviola (ed.), L’indagine e la rima. Scritti per Lorenzo Braccesi, Hesperìa 30, Roma 2013, 931-938.

G.CAMODECA, La base con iscrizione osca posta da Maius Calovius Of(felli filius) e le istituzioni di Cuma nel II secolo a.C., in: B.D’Agostino – M.Giglio (eds.), Cuma. Le fortificazioni 3. Lo scavo 2004-2006, Napoli 2012, 238-245.

G.CAMODECA, La documentazione epigrafica e i templi dell’acropoli di Cuma romana, in: C.Rescigno (ed.), Cuma. Il tempio di Giove e la terrazza superiore dell’acropoli. Contributi e documenti, Venosa 2012, 66-84.

S.CASTAGNETTI, Le «leges libitinariae» flegree. Edizione e commento, Napoli 2012.

B.D’AGOSTINO – M.GIGLIO (eds.), Cuma. Le fortificazioni 3. Lo scavo 2004-2006, Napoli 2012.

A.ESPOSITO, La question des implantations grecques et des contacts précoloniaux en Italie du Sud. Entre emporia et apoikiai, Pallas 89, 2012, 97-121.

G.GRECO – A.TOMEO, Cuma e gli Etruschi. L’evidenza materiale dai nuovi scavi nel foro, in: C.Chiaramonte Treré – G.Bagnasco Gianni – F.Chiesa (eds.), Interpretando l’antico. Scritti di archeologia offerti a Maria Bonghi Jovino, Milano 2012, 511-547.

F.MERMATI, Studi cumani, 3. Le ceramiche arcaiche. La produzione pithecusano-cumana tra la metà dell’VIII e l’inizio del VI secolo a.C., Pozzuoli 2012.

M.PAGANO, Alcune nuove osservazioni su Cuma, in: C.Rescigno (ed.), Cuma, il tempio di Giove e la terrazza superiore dell’acropoli. Contributi e documenti, Venosa 2012, 135-148.

C.RESCIGNO (ed.), Cuma, il tempio di Giove e la terrazza superiore dell’acropoli. Contributi e documenti, Venosa 2012.

C.RESCIGNO, Il tempio di Giove sulla rocca cumana. Motivazioni di una ricerca, in: C.Rescigno (ed.), Cuma, il tempio di Giove e la terrazza superiore dell’acropoli. Contributi e documenti, Venosa 2012, 13-34.

R.SIRLETO – E.VOLLARO, Gli scavi storici dell’acropoli di Cuma. Contesti e materiali, in: C.Rescigno (ed.), Cuma, il tempio di Giove e la terrazza superiore dell’acropoli. Contributi e documenti, Venosa 2012, 35-61.

E.BIANCHI, L’interregnum fuori di Roma: origine e funzioni dell’istituto nelle città italiche, RIL 145, 2011, 57-78.
Scopo dell’articolo è l’analisi della documentazione epigrafica da Ostia, Cumae, Fundi e Formiae relativa alla figura dell’interrex ed all’istituto dell’interregnum. L’A. parte dall’ipotesi del Mommsen (Römisches Staatsrecht, Leipzig 1887, vol. 3, 570-823), universalmente accettata negli studi moderni, secondo cui l’interrex fu introdotto nei centri locali per volontà di Roma, mettendone in risalto però la debolezza, poiché Mommsen stesso non spiegava in che modi Roma avesse contribuito alla sua diffusione [p. 58]. L’A. denuncia poi lo scarso interesse degli studiosi moderni per questa carica: a differenza di altre magistrature attestate in area italica, di origine italica o romana, che sono state a più riprese e ormai da anni oggetto di numerosi studi, l’interrex non ha mai ricevuto l’attenzione che pure merita, essendo rimasto nell’ombra della spiegazione mommseniana [p. 59]. Criticando l’approccio moderno, che analizza le attestazioni di interreges indipendentemente dalla forma giuridica delle città di provenienza, l’A. ritiene che la differenza tra colonie di diritto latino, colonie di diritto romano e municipi – appunto le tre categorie in cui rientrano le comunità dove è presente un interrex o un interregnum – sia un elemento di fondamentale importanza nella comprensione dell’origine e della funzione dell’interrex [pp. 59-60]. Mentre nel caso di colonie, anche quelle di diritto latino, si dovrà tenere presente una più stretta aderenza, anche dal punto di vista delle istituzioni, al modello romano, per i municipi anteriori alla Guerra Sociale si dovrà presupporre un maggior grado di indipendenza: nel primo caso sarà forse più probabile che l’introduzione dell’interrex vada attribuita ad un’azione del governo centrale; nel secondo caso, si tratterà più verosimilmente di un’adozione spontanea del modello romano. La prima iscrizione analizzata proviene da Benevento (CIL 12, 1729), dove è menzionato un C. Oppio Capitone, interrex, oltre che quaestor, praetor e censor. L’A. attribuisce l’iscrizione, sulla base del cursus honorum, al periodo in cui Benevento era ancora colonia di diritto latino, prima cioè del processo di municipalizzazione successivo alla guerra sociale, e ipotizza l’esistenza di precise analogie tra le istituzioni beneventane e quelle di altre colonie latine, quali Ariminum e Venusia [pp. 62-63]. La seconda attestazione proviene da Ostia, è del 49 a.C. e vi ricorre il termine interregnum (CIL 14, 4531). Il fatto che qui sia menzionato un Cn. Pompeius, generalmente identificato con Pompeo Magno, ha indotto alcuni studiosi a riferire l’interregnum non ad Ostia, ma a Roma. L’A., tuttavia, muove argomenti contrari a tale lettura, tra cui il fatto che l’ultimo interrex attestato per Roma risalga al 52 a.C. [pp. 64-65]. Allo studio unitario delle due attestazioni di interrex da Fondi e Formia, degli inizi del I sec. d.C. è allegata una breve storia istituzionale delle due città dalla conquista romana all’età imperiale [pp. 66-68], con particolare riguardo al loro peculiare assetto magistratuale, la cd. “costituzione dei tre edili’”; secondo l’A. qui l’interrex sarebbe una magistratura non romana, ma epicoria, sopravvissuta alla fondazione municipale e con funzione equivalente al rex sacrorum [p. 69]. Per cui gli interreges di questi due municipi di antica fondazione avevano una funzione religiosa, diversamente da quelli delle colonie di Benevento e Ostia, dove avrebbero svolto il loro ruolo in caso di vacanza magistratuale [p. 70]. L’ultimo caso di interrex in ambito italico è dato da un’iscrizione molto frammentaria di Cuma del I sec. d.C. (EDR 105898); dall’analisi della storia istituzionale del centro emerge la persistenza delle magistrature locali anche durante le fasi di integrazione nella civitas romana e tra esse, secondo l’A., andrebbe incluso anche l’interrex risalente al periodo greco della città (sulla base di Plut. Mor. 291 F-292) [pp. 71-76]. Si conclude affermando che l’istituto dell’interrex fu senza dubbio introdotto da Roma nelle colonie; in altri casi, essenzialmente municipali, l’interrex sarebbe stata invece una magistratura epicoria, con funzioni diverse nei diversi luoghi di attestazione [p. 77]. [F. Russo]

G.CAMODECA, Sull’élite e l’amministrazione cittadina di Cuma romana, in: L.Lamoine – C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni (eds.), La Praxis municipale dans l’Occident romain, Clermont-Ferrand 2011, 219-244.

G.CAMODECA, Puteoli e Cumae in epoca romana nel Campanien di Beloch, in: F.Senatore (ed.), Karl Julius Beloch da Sorrento nell’antichità alla Campania, Atti del Convegno storiografico in memoria di Claudio Ferone, Piano di Sorrento, 28 marzo 2009, Roma 2011, 201-221.

G.CAMODECA – M.CÉBEILLAC GERVASONI, Une énigmatique inscription inédite de Cumes, in: C.Deroux (ed.), Corolla Epigraphica. Hommages au Professeur Y.Burnand, Bruxelles 2011, 392-400.

L.CERCHIAI, L’agguato di Hamae, in: D.F.Maras (ed.), Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio all’opera di Giovanni Colonna, Pisa – Roma 2011, 29-32.

B.D’AGOSTINO, Pithecusae e Cuma nel quadro della Campania di età arcaica, MDAI(R) 117, 2011, 35-53.

V.NIZZO, I materiali cumani del Museo Archeologico di Firenze. Nuovi dati su Cuma preellenica e sugli scavi Osta, in: Gli Etruschi e la Campania settentrionale, Atti del XXVI Convegno di Studi Etruschi e Italici, Caserta – Santa Maria Capua Vetere – Capua – Teano, 11-15 novembre 2007, Pisa 2011, 621-639.

F.SUDI-GUIRAL, À propos du décret des décurions de Cumes (AE 1927, 158), in: L.Lamoine – C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni (eds.), La Praxis municipale dans l’Occident romain, Clermont-Ferrand 2011, 245-256.

G.CAMODECA, Il patrimonio epigrafico latino e l’élite municipale di Cuma: parte prima, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 47-72.

A.DE CARLO, Due nuove iscrizioni da Cumae e da Puteoli, Epigraphica 72, 2010, 79-89.
Breve testo latino funerario inciso su un blocco marmoreo rinvenuto nella necropoli settentrionale di Cuma nel 1919, databile nella seconda metà del I sec.a.C.; esso è tra i rari esempi di carmina epigrafici restituiti dall’area flegrea [p. 80-83]. Su un testo latino di undici linee inciso verso la seconda metà del II-inizi del III sec.d.C. su lastra marmorea rinvenuta a Pozzuoli nel 1962. Esso ricorda la costituzione di un sepolcro familiare da parte del puteolano Ti. Claudio Fortunato per se stesso, sua moglie, i rispettivi liberti (ad eccezione di una di loro) e discendenti. Uso (maldestro) di formulario giuridico alle linn. 7-11 per definire la pertinenza esclusiva del sepolcro ai membri della famiglia e l’intrasmissibilità dello stesso ad eredi estranei [p. 83-89]. [L. Cappelletti]

C.GASPARRI, Cuma romana: novità da vecchi e nuovi scavi, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 23-46.

G.GRECO – A.TOMEO – A.CARANNANTE, Alimenti e pasti rituali nei contesti archeologici del foro di Cuma, in: M.R.Senatore – A.Ciarallo (eds.), Scienze naturali e archeologia. Il paesaggio antico. Interazione uomo-ambiente ed eventi catastrofici, Museo Archeologico Nazionale, Napoli, 14-16 ottobre 2010, Roma 2010, 151-158.

M.KAJAVA, “Hera non permette che … “: ancora sul dischetto bronzeo di Cuma, in: L.Chioffi (ed.), Il Mediterraneo e la storia. Epigrafia e archeologia in Campania: letture storiche, Incontro internazionale di studio, Napoli, 4-5 dicembre 2008, Napoli 2010, 7-22.

F.NAPOLITANO, Alcune note sulla ricezione e acquisizione di manufatti italici a Kyme nell’Orientalizzante medio e recente, Oebalus 5, 2010, 83-109.

S.TUCK, Lucretius at Cumae. Epicureanism in an early imperial epitaph, Epigraphica 72, 2010, 69-78.

A.ALESSIO – M.LOMBARDO – A.SICILIANO (eds.), Cuma, Atti del XLVIII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 27 settembre – 1 ottobre 2008, Taranto 2009.

M.BATS – J.P.BRUN – P.MUNZI, Ai margini della colonia greca di Kyme, in: ACSMG XLVIII, Taranto 2008, Taranto 2009, 523-552.

G.CASADIO, Dionysus in Campania. Cumae, in: G.Casadio – P.A.Johnston (eds.), Mystic cults in Magna Graecia, Austin 2009, 33-45.

B.D’AGOSTINO, Pithecusae e Cuma all’alba della colonizzazione, in: ACSMG XLVIII, Taranto 2008, Taranto 2009, 169-196.

C.GASPARRI – G.GRECO (eds.), Cuma. Indagini archeologiche e nuove scoperte, Atti della Giornata di Studi, Napoli, 12 dicembre 2007, Pozzuoli 2009.

L.BRACCESI – B.ROSSIGNOLI, Fra Imera e Cuma, fra Dioscuri e Dinomenidi, in: G.De Sensi Sestito – G.Squillace (eds.), La Calabria tirrenica nell’antichità. Nuovi documenti e problematiche storiche, Atti del Convegno, Rende, 23-25 novembre 2000, Soveria Mannelli 2008, 233-238.

A.MELE, I Campi Flegrei. Tra Cuma, Sanniti e Romani, in: F.Zevi – F.Demma – E.Nuzzo (eds.), Museo archeologico dei Campi Flegrei, Catalogo generale, 1. Cuma, Napoli 2008, 31-52.

C.CAPALDI, Una nuova attestazione da Cuma dei cosiddetti fasti imperiali, in: C.Gasparri – G.Greco (eds.), Studi cumani, 1. Cuma. Il foro, Scavi dell’Università di Napoli Federico II, 2000-2001, Atti della Giornata di Studi, Napoli 22 giugno 2002, Napoli 2007, 177-198.

C.GASPARRI – G.GRECO (eds.), Studi cumani, 1. Cuma. Il foro, Scavi dell’Università di Napoli Federico II, 2000-2001, Atti della Giornata di Studi, Napoli, 22 giugno 2002, Napoli 2007.

A.I.JIMÉNEZ SAN CRISTÓBAL, Un iniziato sotto un tumulo a Cuma, ZPE 161, 2007, 105-114.

G.GRECO – F.MERMATI, Pithecusa, Cuma e la valle del Sarno. Intorno ad un corredo funerario dalla necropoli di San Marzano sul Sarno, in: E.Herring et alii (eds.), Across Frontiers. Etruscans, Greeks, Phoenicians and Cypriots. Studies in honour of David Ridgway and Francesca Romana Serra Ridgway, London 2006, 179-214.

M.MANCINI, Osco aflukad nella defixio Vetter 6, in: D.Caiazza (ed.), Samnitice loqui. Scritti in onore di A.L.Prosdocimi per il premio ‘I Sanniti’, I, Piedimonte Matese 2006, 73-90.

C.RESCIGNO, Pithekoussai e Kyme. Il contesto produttivo e una nuova testa femminile da Kyme, in: I.Edlung-Berry – G.Greco – J.Kenfield (eds.), Deliciae fictiles, 3. Architectural terracottas in ancient Italy. New discoveries and interpretations. Proceedings of the International Conference held at the American Academy, Rome, 7-8 november 2002, Oxford 2006, 268-277.

D.VOLPICELLA, Cuma. Le terme centrali, AION(archeol) 13-14, 2006-2007, 197-200.

J.P.BRUN – P.MUNZI – S.ABELLON, Cumes, MEFRA 117, 2005, 246-359.

G.CAMODECA, Donne e vita cittadina: nuovi dati da Puteoli, Cumae e Nola del I sec.d.C., in: A.Buonopane – F.Cenerini (eds.), Donna e vita cittadina nella documentazione epigrafica, Atti del II Seminario sulla condizione femminile nella documentazione epigrafica, Verona, 25-27 marzo 2004, Faenza 2005, 171-175.

S.DE CARO, La situazione in Campania. Cuma e Napoli, in: ACSMG XLIV, Taranto 2004, Napoli 2005, 643-661.

J.BODEL, The organization of the funerary trade at Puteoli and Cumae, in: S.Panciera (ed.), Libitina e dintorni. Libitina e i luci sepolcrali. Le leges libitinariae campane. Iura sepulcrorum: vecchie e nuove iscrizioni, Atti dell’XI Rencontre franco-italienne su l’épigraphie, Roma, 10-11 maggio 2002, Roma 2004, 147-172.

L.BOVE, Le leges libitinariae e gli appalti pubblici, in: S.Panciera (ed.), Libitina e dintorni. Libitina e i luci sepolcrali. Le leges libitinariae campane. Iura sepulcrorum: vecchie e nuove iscrizioni, Atti dell’XI Rencontre franco-italienne su l’épigraphie, Roma, 10-11 maggio 2002, Roma 2004, 105-118.

S.CASTAGNETTI, La lex Cumana libitinaria nelle sue due redazioni, in: S.Panciera (ed.), Libitina e dintorni. Libitina e i luci sepolcrali. Le leges libitinariae campane. Iura sepulcrorum: vecchie e nuove iscrizioni, Atti dell’XI Rencontre franco-italienne su l’épigraphie, Roma, 10-11 maggio 2002, Roma 2004, 133-146.

H.GALSTERER, Die Begräbnisgesetze von Puteoli und Cumae vor dem Hintergrund der Gerichtsbarkeit in den römischen Städten, in: S.Panciera (ed.), Libitina e dintorni. Libitina e i luci sepolcrali. Le leges libitinariae campane. Iura sepulcrorum: vecchie e nuove iscrizioni, Atti dell’XI Rencontre franco-italienne su l’épigraphie, Roma, 10-11 maggio 2002, Roma 2004, 119-132.

A.G.McKAY, Samnites at Cumae, in: H.Jones (ed.), Samnium. Settlement and cultural change. The Proceedings of the Third E.Togo Salmon Conference on Roman Studies, Providence 2004, 85-101.

S.PANCIERA (ed.), Libitina e dintorni. Libitina e i luci sepolcrali. Le leges libitinariae campane. Iura sepulcrorum: vecchie e nuove iscrizioni, Atti dell’XI Rencontre franco-italienne su l’épigraphie, Roma, 10-11 maggio 2002, Roma 2004.

J.P.BRUN – P.MUNZI, Cumes. Recherches sur les ports, MEFRA 114, 2002, 467-470.

P.CAPUTO, Nuovi documenti in lingua osca da Cuma, Orizzonti 3, 2002[2003], 119-122.

G.CAMODECA, Iscrizioni pubbliche nuove o riedite e monumenti di Cumae, 1. Foro e tempio di Apollo, AION(archeol) 8, 2001, 149-162.

P.CAPUTO, Su un frammento di pittura funeraria di Cuma, in: Studi sull’Italia dei Sanniti, Roma 2000, 74-77.

G.DE BENEDITTIS (ed.), Cumae, Campobasso 2000.

F.FRISONE, Leggi e regolamenti funerari nel mondo greco. I. Le fonti epigrafiche, Galatina 2000.

P.LOMBARDI, Un cratere di famiglia in una tomba cumana, AION(archeol) 7, 2000, 157-162.

L.JANNELLI, Ischia e Cuma, in: E.Greco (ed.), La città greca antica. Istituzioni, società e forme urbane, Roma 1999, 303-327.

F.SCOTTO DI FRECA, Una stele funeraria osca da Cuma, ArchClass 51, 1999-2000, 283-303.

G.VANOTTI, Riti oracolari a Cuma nella tradizione letteraria di IV e III secolo a.C., in: I.Chirassi Colombo – T.Seppilli (eds.), Sibille e linguaggi oracolari. Mito, storia, tradizione, Atti del Convegno, Macerata – Norcia, 20-24 settembre 1994, Pisa 1999, 263-276.

V.BELLELLI, Alcuni vasi etrusco-corinzi da Cuma, Napoli e Pithecusa, SE 64, 1998, 9-42.

P.CAPUTO, Opere idrauliche di età arcaica presso Cuma, in: S.Quilici Gigli (ed.), Uomo acqua e paesaggio, Atti dell’Incontro di Studio sul tema Irregimentazione delle acque e trasformazione del paesaggio antico, S.Maria Capua Vetere, 22-23 novembre 1996, Roma 1997, 331-334.

G.CAMODECA, Iscrizioni nuove o riedite da Puteoli, Cumae, Misenum, AION(archeol) 3, 1996, 161-169.

C.CONIDI, Ipotesi sui tipi e i simboli monetali cumani, in: F.Panvini Rosati (ed.), Ricerche sui materiali e studi tipologici, Roma 1996, 201-222.

A.DE FILIPPIS, Da Lipari a Cuma. Un intinerario fra Sicilia, Eolie e Campania settentrionale, RIA 19-20, 1996-1997, 21-47.

N.LURAGHI, Une tradition historique entre mythe et historiographie: Aristodème de Cumes dans les Antiquités romaines de Denys d’Halicarnasse, in: Les moyens d’expression du pouvoir dans les sociétés anciennes, Leuven 1996, 201-211.

K.LOMAS, Kar[is] Brit[tius]. A reinterpretation of Vetter No.112, Classical Quarterly 45.2, 1995, 481-484.

N.VALENZA MELE, Una nuova tomba dipinta a Cuma e la Legio Linteata, in: L.Breglia Pulci Doria (ed.), L’incidenza dell’antico. Studi in memoria di E.Lepore, Atti del Convegno Internazionale, Anacapri, 24-28 marzo 1991, Napoli 1995, 325-360.

M.PAGANO, Ricerche sulla cinta muraria di Cuma, MEFRA 105, 1993, 847-871.

H.W.HORSNAES, The Campano-Etruscan Necropolis of Arenosola. Examples of Phoenician Influence on Local Pottery and of Possible Imports, HBA 19-20, 1992-1993, 163-183.

G.COLONNA, Nuove prospettive sulla storia etrusca tra Alalia e Cuma, in: Atti del II Congresso Internazionale Etrusco, Firenze, 26 maggio – 2 giugno 1985, Roma 1989, I, 161-176.

F.DURANDO, Gli Eubei di Cuma, Acme 42, 1989, 45-47.

F.C.WOUDHUIZEN, Epigraphic evidence for alien residents of a third kind at Pithecussae, Cumae, Italy, c.750-675 B.C., Talanta 20-21, 1988-1989, 97-108.

A.MELE, Aristodemo, Cuma e il Lazio, in: M.Cristofani (ed.), Etruria e Lazio arcaico, Atti dell’Incontro di studio, Roma, 10-11 novembre 1986, QuadAEI 15, Roma 1987, 155-177.

M.PAGANO, Una proposta di identificazione per il santuario di Demetra sull’acropoli di Cuma, Puteoli 11, 1987, 79-91.

C.ALBORE LIVADIE, Cuma preellenica, in: Napoli antica, Museo Archeologico Nazionale, Napoli, 26 settembre 1985 – 15 aprile 1986, Napoli 1985, 62-75.

D.WILLIAMS, Un’officina di N.Naevius Hilarius a Cuma, ArchClass 34, 1982, 190-195.

G.DE SENSI SESTITO, I Dinomenidi nel basso e medio Tirreno fra Imera e Cuma, MEFRA 93.2, 1981, 617-642.

A.L.PROSDOCIMI, Il meddix deketasio di Nola e il M.X. di Cuma, SE 48, 1980, 437-445.

G.BUCHNER, Cuma nell’VIII secolo a.C. osservata dalla prospettiva di Pithecusa, in: I Campi Flegrei nell’archeologia e nella storia, Atti del Convegno Internazionale, Roma, 4-7 maggio 1976, Roma 1977, 131-148.

S.MAZZARINO, La legge cumana [—] et iis qui in terri[torio —] (AE 1971.89) e altri problemi di storia di Cumae, AAntHung 25, 1977, 447-466.

W.JOHANNOWSKY, Problemi relativi a Cuma arcaica, in: Contribution à l’étude de la société ed de la colonisation eubéennes, Naples 1975, 98-105.

R.F.PAGET, The ancient ports of Cumae, JRS 58, 1968, 152-169.

L.BOVE, Due iscrizioni da Pozzuoli e Cuma, Labeo 13, 1967, 22-48.

L.BOVE, Due nuove iscrizioni di Pozzuoli e Cuma, RAAN 41, 1966, 207-243.

R.M.COOK, Reasons for the foundation of Ischia and Cumae, Historia 11, 1962, 113-114.

A.DEGRASSI, Iscrizione municipale di Cuma, in: ID., Scritti vari di antichità, I, Roma 1962, 473-481.

B.COMBET FARNOUX, Cumes, l’Etrurie et Rome à la fin du Vie siècle et au début du Ve siècle, MEFRA 1957, 7-44.


ELEA-VELIA

M.GALLI, Ritratto romano e memoria greca: il caso della c.d. scuola dei medici di Elea-Velia, in: J.Griesbach (ed.), Polis und Porträt. Standbilder als Medien der öffentlichen Repräsentation in hellenistischen Osten, Wiesbaden 2014, 155-169.

V.GASSNER, Die urbanistische Entwicklung von Elea in Grossgriechenland. Von den Anfängen bis zur Umgestaltung der Stadt im 5. Jh. v. Chr., in: N.Povalehev (ed.), Phanagoreia und darüber hinaus … Festschrift für Vladimir Kuznetsov, Göttingen 2014, 419-460.

L.VECCHIO, Un signaculum in bronzo con iscrizione greca da Velia, in: A.Buonopane – S.Braito – C.Girardi (eds.), Instrumenta inscripta V. Signacula ex aere. Aspetti epigrafici, archeologici, giuridici, prosopografici, collezionistici, Atti del Convegno Internazionale, Verona, 20-21 settembre 2012, Roma 2014, 393-403.

M.PEDRAZZI, La cosidetta terrazza di Zeus a Velia, JÖAI 82, 2013, 305-338.

E.RUSSO ERMOLLI – P.ROMANO – M.R.RUELLO, Human-Environment Interactions in the Southern Tyrrhenian Coastal Area. Hypotheses from Neapolis and Elea-Velia, in: W.V.Harris (ed.), The Ancient Mediterranean Environment between Science and History, Leiden 2013, 213-231.

G.GRECO, Parmenide e Zenone: imagines illustrium nella Velia romana, in: L.Palumbo (ed.), λόγον διδόναι. La filosofia come esercizio del render ragione. Studi in onore di Giovanni Casertano, Napoli 2012, 159-185.

L.CAPPELLETTI, Elea/Velia. Il quadro istituzionale dalle origini al I sec. d.C., Klio 93.1, 2011, 7-22.

L.VECCHIO, Epitaffi da Elea-Velia, MEP 6, 2011, 229-254.

F.WOJAN, The civic bronze coinage of the Eleans. Some preliminary remarks, in: N.Holmes (ed.), Proceedings of the XIV International Numismatic Congress, Glasgow 2009, Glasgow 2011, 497-499.

M.MARTINS MAGALHÃES, Le monete di Sybaris-Thourioi e di Hyele-Elea-Velia nel Museo storico nazionale di Rio di Janeiro, ΠOΛIΣ. Studi interdisciplinari sul mondo antico 3, 2010, 71-96.

H.TRÉZINY, Grecs et indigènes autour de Vélia. Présentation, in: H.Tréziny (ed.), Grecs et indigènes de la Catalogne à la mer Noire, Actes des rencontres du programme européen Ramses III (2006-2008), Paris 2010, 157-158.

L.VECCHIO, Contrassegni alfabetici dalle fortificazioni di Velia, PP 65, 2010, 321-361.

L.VECCHIO, I laterizi bollati di Velia, MEP 12-15, 2009-2012, 63-114.
L’A. propone i risultati preliminari di un progetto più ampio dedicato alla schedatura informatizzata di tutti i bolli laterizi di età ellenistica e romana sinora noti su un campione di alcune migliaia di esemplari. Dall’analisi emerge che quasi tutti i mattoni, tranne due esemplari rotondi, presentano due bolli, uno costante (ΔΗ) e uno variabile costituito da due o più lettere, fino a un max. di 5 [p. 66]. Nel caso di Velia il bollo comprende un antroponimo abbreviato e la sigla ΔΗ, e.g. IG XIV, 2403, 1-29 [p. 67]. Non mancano i confronti magnogreci e siciliani: Canosa (V.MORIZIO, Instrumentum, in: M.Chelotti – V.Morizio – M.Silvestrini (eds.), Le epigrafe romane di Canosa, II, Bari 1990, 45), Cosenza (S.LUPPINO, Indagini archeologiche recenti a Sibari e nella Sibaritide, in: ACSMG 1992, Napoli 1994, 176), Metaponto (F.LO PORTO, Metaponto. Scavi e ricerche archeologiche, NSA 20, 1966, 199), Neapolis (W.JOHANNOWSKY, L’assetto del territorio, in: E.Pozzi (ed.), Napoli antica, Napoli 1985, 333), Pithecusa (E.LEPORE, Per la storia economico-sociale di Neapolis, PP 7, 1952, 313), Petelia (SEG 36, 1986, 921), Taranto (F.FERRANDINI TROISI, Epigrafi mobili del Museo archeologico di Bari, Bari 1992, 35-38), Tortora (F.MOLLO, Archeologia per Tortora: frammenti dal passato. Guida alla mostra di Palazzo Casapesenna, Potenza 2001, 49), Akrai (G.PUGLIESE CARRATELLI, Sillogi delle epigrafi acrensi, in: L.Bernabò Brea (ed.), Akrai, Catania 1956, 159 nr. 16), Caronia (IG XIV 2395, 1), Cefalù (G.SCIBONA, Nota a IG XIV 2395, 7 (Instrumentum publicum calactinum), Kokalos 17, 1971, 21-25), Segesta (B.GAROZZO, Bolli su coppi e embrici, ASNP ser. III, 25, 1995, 1197-1199) e Taormina (IG XIV 2396, 1) [pp. 67-68]. L’abbreviazione ΔΗ, con variante ΔΑ, è variamente interpretata: 1) essa potrebbe riferirsi all’impiego dei laterizi negli edifici pubblici; 2) o suggerire il controllo pubblico della produzione; 3) o indicare la proprietà pubblica della fornace laterizia. A Taranto (F.FERRANDINI TROISI, ibidem) la sigla ΔΑ/ΔΑΤ è sciolta in ΔΑμόσιος Ταραντίνων, come suggerito per i bolli ΔΗΜ rinvenuti ad Ampurias e Taso. In Lucania e nel Bruttium centro-settentrionale, alcuni bolli laterizi presentano l’abbreviazione Ϝε, forse un prenome osco, anche se alcuni considerano il Ϝε/Ϝερεκο di Hipponion il corrispettivo osco delle sigle ΔΗ/ΔΑ [p. 69]. Nel Bruttium meridionale i bolli si basano essenzialmente sull’etnico (e.g. per Tauriani e Mamertini) o su un antroponimo abbreviato (e.g. Oppido Mamertina, P.VISONÀ, Prodotti laterizi, in: L.Costamagna – P.Visonà (eds.), Oppido Mamertina. Ricerche archeologiche nel territorio e in contrada Mella, Roma 1999, 359-361), o scritto per esteso (Hipponion). In Magna Grecia e Sicilia il sistema di bollatura più diffuso consisteva in un nome al nom./gen. (con/senza ἐπί), da riferirsi al magistrato eponimo o al produttore dei laterizi. In altri casi la bollatura riportava l’etnico o il nome di città e/o il nome di una divinità al genitivo e/o l’edificio a cui i materiali erano destinati [pp. 70-71]. A Strongoli/Petelia nel II sec. a.C. il sistema di bollatura prevedeva due antroponimi al genitivo preceduto da ἐπί insieme a due abbreviazioni (Ορ e Ελε), accompagnati dalla sigla ΔΗ (SEG 34, 1984, 1009). Questi antroponimi sono stati variamente interpretati come gentilizi o, con maggiore verosimiglianza, come magistrati eponimi o figuli o proprietari di figlina; il bollo ‘costante’ ΔΗ indica la proprietà pubblica dei laterizi o il controllo della produzione da parte dello stato. Nel complesso la cronologia dei bolli si basa soprattutto su criteri paleografici e sulla datazione dei contesti di rinvenimento [pp. 77-81] e per quanto riguarda Velia essi risalirebbero al periodo III-II sec. a.C., in cui il centro vive la sua massima fioritura. La diffusione del bollo velino oltre i confini cittadini, sembra toccare innanzi tutto i siti costieri e gli immediati dintorni della città [pp. 78-79]. [J. Piccinini]

A.CRISTOFORI, Menecrate di Tralles, un medico greco nella Lucania romana, in: G.De Sensi Sestito (ed.), Medici e malattie in età antica, Atti della giornata di studio sulla medicina antica, Università della Calabria, 26 ottobre 2005, Soveria Mannelli 2008, 71-104.

V.GASSNER, Doni votivi nei santuari di Elea. Cippi, naiskoi e loro contesto, in: G.Greco – B.Ferrara (eds.), Doni agli dei. Il sistema dei doni votivi nei santuari, Atti del Seminario di Studi, Napoli, 21 aprile 2006, Napoli 2008, 141-160.

P.P.NARDELLI, Il problema topografico degli approdi di Velia, Archeologia Aerea 3, 2008, 109-118.

R.CANTILENA, La monetazione di Elea e le vicende storiche della città: limiti e contributi della documentazione numismatica, in: ACSMG XLV, Taranto – Marina di Ascea, Napoli 2006, 423-460.

V.GASSNER, Das Heiligtum der Naiskoi in Velia, in: P.Amann – M.Pedrazzi – H.Taeuber (eds.), Italo – Tusco – Romana, Festschrift für L.Aigner Foresti, Wien 2006, 233-243.

F.GUIZZI, Riflessioni sulle iscrizioni greche di Elea-Velia con la nuova edizione di due epigrafi, Hesperìa 21, 2006, 215-223.

G.LIBERO MANGIERI, La monetazione di Poseidonia-Paestum e Velia nella Collezione Sallusto, BNum 46-47, 2006, 3-289.

A.MELE, L’identità di Elea: da Platone a Strabone, in: ACSMG XLV, Taranto – Marina di Ascea, Napoli 2006, 65-91.

J.-P.MOREL, Un demi-siècle de recherches sur Velia et les Phocéens d’Occident, in: ACSMG XLV, Taranto – Marina di Ascea, Napoli 2006, 23-61.

J.-P.MOREL, Da Marseille à Velia: problèmes phocéens, CRAI 150.4, 2006, 1723-1783.

L.VECCHIO, Un vaso per collirio con iscrizione greca da Velia, PP 61, 2006, 373-387.

L.VECCHIO, La documentazione epigrafica, in: ACSMG XLV, Taranto – Marina di Ascea 2005, Napoli 2006, 365-421.

Velia, Atti del XLV Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto – Marina di Ascea, 21-25 settembre 2005, Napoli 2006.

A.ABENANTE (ed.), Elea-Velia. Scritti antichi, Napoli 2005.

M.BUGNO (ed.), Senofane ed Elea tra Ionia e Magna Grecia, Napoli 2005.

R.CANTILENA, Aspetti della moneta di Elea al tempo di Senofane, in: M.Bugno (ed.), Senofane ed Elea tra Ionia e Magna Grecia, Napoli 2005, 195-203.

G.CASERTANO, Pitagorici ed Eleati, in: M.Bugno (ed.), Senofane ed Elea tra Ionia e Magna Grecia, Napoli 2005, 213-224.

P.CHINI, Velia, Forma Urbis 10, 2005, 8-17.

L.CICALA – A.FIAMMENGHI – L.VECCHIO, Velia. La documentazione archeologica, Pozzuoli 2005.

E.DE MAGISTRIS, Geometria e teoria musicale pitagorica nel progetto di Porta Rosa, in: L.Rossi (ed.), Elea. Il divenire di una cultura, l’essere di un pensiero, Atti del Convegno, Ascea, 23-28 maggio 2000, Vallo della Lucania 2005, 65-73.

G.GRECO, Paestum ed Elea tra Magna Grecia e Roma, in: Atti del XLIV Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 24-28 settembre 2004, Taranto 2005, 577-640.

G.GRECO, Elea. La forma della città, in: M.Bugno (ed.), Senofane ed Elea tra Ionia e Magna Grecia, Napoli 2005, 149-172.

A.MELE, Gli Eleati tra oligarchia e democrazia, in: L.Breglia – M.Lupi (eds.), Da Elea a Samo. Filosofi e politici di fronte all’impero ateniese, Atti del Convegno di Studi, Santa Maria Capua Vetere, 4-5 giugno 2003, Napoli 2005, 9-30.
Fonti sull’attività legislativa svolta ad Elea da Parmenide e Zenone. La nomothesia eleate è anteriore al viaggio dei due filosofi ad Atene nel 450 a.C. ca. e coincide con la riorganizzazione urbanistica della città (480-460 a.C.) e con la coniazione di monete con tipo e leggenda cittadini [p. 9-14]. Eunomia e natura oligarchica e conservatrice della legislazione eleate e massaliota. Fonti sul Pitagorismo di Parmenide e Zenone [p. 14-17]. I valori e le caratteristiche fondamentali delle legislazioni eunomiche/pitagoriche, ad es. rifiuto del lusso e dell’eccesso, preminenza dell’interesse comune, ecc. [p. 18-20]. L’’insegnamento di Zenone ad Atene sullo sfondo delle strette relazioni politico-economiche fra Eleati e Ateniesi. Callia di Calliade e Pitodoro di Isoloco allievi di Zenone e personaggi di spicco nell’ambito della politica occidentale ateniese. Allontanamento di Zenone dall’Atene periclea connesso alla rivolta di Samo (441/440 a.C.) e al ruolo svoltovi dall’amico Melisso [p. 20-24]. Le versioni contrastanti delle fonti in merito alla congiura di Zenone contro il tiranno di Elea, da identificare con Nearco, avvenuta probabilmente nel periodo 426-423 a.C. [p. 25-29]. [L. Cappelletti]

J.-P.MOREL, “Oulis” à Velia: l’hypothèse phocéenne, in: L.Breglia – M.Lupi (eds.), Da Elea a Samo. Filosofi e politici di fronte all’impero ateniese, Atti del Convegno di Studi, Santa Maria Capua Vetere, 4-5 giugno 2003, Napoli 2005, 31-47.

C.TALAMO, Beni di prestigio e homoiotes: Parmenide, in: M.Bugno (ed.), Senofane ed Elea tra Ionia e Magna Grecia, Napoli 2005, 205-211.

L.VECCHIO, Zenone e il problema della tirannide a Elea, in: M.Bugno (ed.), Senofane ed Elea. Tra Ionia e Magna Grecia, Napoli 2005, 241-262.

L.VECCHIO, Menekrates di Tralles oinodotes physikòs, in: B.Brandt – V.Gassner- S.Landstätter (eds.), Synergia. Festschrift für F.Krinzinger, Wien 2005, 367-375.

A.J.DOMINGUEZ MONEDERO, Greek Identity in the Phocaean colonies, in: K.Lomas (ed.), Greek Identity in the Western Mediterranean: Papers in honour of B.Shefton, Leiden – Boston 2004, 429-456.

A.HERMANN, To think like God. Pythagoras and Parmenides. The Origin of Philosophy, Las Vegas 2004.

Y.USTINOVA, Truth Lies at the Bottom of a Cave: Apollo Pholeuterios, the Pholarchs of the Eleats, and Subterranean Oracles, PP 59, 2004, 25-44.
Analysis of the semantic relationship between the 3rd cent. inscription found in Histria (Thracian Black sea coast) attesting the cult of Apollo Pholeuterios and some inscriptions found in Elea (Velia) mentioning the pholarchos, i.e. the head of the Elean philosophical association [p. 25-26]. The word pholeos and its derivates [p. 28-33] are scrutiny to understand both the significance of the epiclesis of the Thracian cult and the role of the head of the medical association in Elea. There is no apparent direct relation between the two, but the key to solve the conundrum is in the significance of the word pholeos “den”, “cave”; consequently the Thracian Apollo is interpreted as the “Apollo of the den”, likely worshipped in a subterranean cavity, and the Pholarchos of Elea might have absorbed some of the Pythagorean tradition, by descending into a pholeos – cave, but also meeting place (as the cryptoporticus found in Elea is metaphorically considered) [p. 40-44]. [J. Piccinini]

L.VECCHIO, Filosofi e medici, Pozzuoli 2004.

A.M.BIRASCHI, Le tradizioni sulla storia elea. Strabone e Pausania, Geographia Antiqua 12, 2003, 81-93.

G.GRECO (ed.), Elea – Velia. Le nuove ricerche, Atti del Convegno di Studi, Napoli, 14 dicembre 2001, Pozzuoli 2003.

L.VECCHIO, Le iscrizioni greche di Velia, Wien 2003.

L.VECCHIO, Eleati a Delo, in: G.Greco (ed.), Elea-Velia. Le nuove ricerche, Atti del Convegno di Studi, Napoli, 14 dicembre 2001, Pozzuoli 2003, 121-150.

L.VECCHIO, Medici e medicina ad Elea-Velia, in: G.Greco (ed.), Elea-Velia. Le nuove ricerche, Atti del Convegno di Studi, Napoli, 14 dicembre 2001, Pozzuoli 2003, 237-269.

R.CANTILENA, Atena con elmo frigio: la documentazione numismatica, in: L’iconografia di Atena con elmo frigio in Italia meridionale, Atti della Giornata di Studi, Fisciano, 12 giugno 1998, Quaderni di Ostraka 5, Napoli 2002, 49-62.

R.CANTILENA, La moneta, Quaderni del Parco Archeologico di Velia, 1, Pozzuoli 2002.

I.GALLO, Spigolature testuali, Eikasmos 13, 2002, 217-220.

K.RUTTER, La monetazione di Velia, in: La monetazione dei Focei in Occidente, Atti XI Convegno CISN, Napoli 1996, Roma 2002, 167-185.

J.P.MOREL, “Oulis”, de Velia à Olbia de Provence et à Marseille, in: I.Berlingò (ed.), Damarato. Studi di antichità classica in onore di Paola Pelagatti, Milano 2001, 336-340.

G.CERRI, Senofane ed Elea (una questione di metodo), QUCC 66.3, 2000, 31-49.
Contro il generale scetticismo della moderna storiografia l’A. propone una rivalutazione delle fonti letterarie su Senofane di Colofone frequentatore di Elea e degli Eleati, iniziatore della scuola filosofica eleatica e maestro di Parmenide. Platone nel Sofista è “testimone” della memoria collettiva della scuola eleatica. Continuità Focea-Elea in ambito cultuale e culturale [p. 33-38]. A proposito di Diog. Laert. 9.21, che cita Sozione (II sec.a.C., a sua volta basatosi su Timeo) a proposito degli studi giovanili di Parmenide presso Senofane, al quale poi preferisce il pitagorico Aminia. Parmenide eroizza post mortem Aminia, al quale attribuisce l’epiteto sacrale-eroico di Diochaites (che quindi non è un patronimico) [p. 39-42]. Il poemetto epico composto, secondo Diog. Laert. 9.20, da Senofane sulla colonizzazione di Elea, dimostra il suo stretto legame con la colonia (che frequentava e della quale forse era diventato cittadino) e la sua conoscenza diretta della più antica storia cittadina [p. 43-44]. In Athen. 2.54 = Xenoph. fr. 22 D.-K. brano in esametri composto da Senofane ad Elea e per i suoi abitanti. Tra i soggiorni occidentali prolungati di Senofane elencati da Diog. Laert. 9.18, oltre a Zancle e Catania, c’era anche Elea, la cui menzione è da ipotizzare e da integrare in lacuna [p. 45-48]. [L. Cappelletti]

E.GRECO, A Rhegion: il poseidoniate, i Focei e la fondazione di Velia, in: M.Gras – E.Greco – P.G.Guzzo (eds.), Nel cuore del Mediterraneo antico: Reggio, Messina e le colonie calcidesi dello Stretto, Roma 2000, 199-206.

J.P.MOREL, Observations sur les cultes de Velia, in: A.Hermary – H.Tréziny (eds.), Les cultes des cités phocéennes, Actes du Colloque International, Aix-en-Provence – Marseille, 4-5 juin 1999, Aix-en-Provence 2000, 33-49.

G.TOCCO SCIARELLI, I culti di Velia. Scoperte recenti, in: A.Hermary – H.Tréziny (eds.), Les cultes des cités phocéennes, Actes du colloque international, Aix-en-Provence – Marseille, 4-5 juin 1999, Aix-en-Provence 2000, 51-58.

G.TOCCO SCIARELLI, Aspetti del culto in età arcaica ad Elea, in: F.Krinzinger (ed.), Die Ägäis und das westliche Mittelmeer. Beziehungen und Wechselwirkungen 8. bis 5. Jh. v.Chr., Akten des Symposions, Wien, 24-27 März 1999, Wien 2000, 185-192.

H.TRÉZINY, Hyélè ou Athéna sur les monnaies de Vélia, in: A.Hermary – H.Tréziny (eds.), Les cultes des cités phocéennes, Actes du colloque international, Aix-en-Provence – Marseille, 4-5 juin 1999, Aix-en-Provence 2000, 68-85.

M.BATS – H.TRÉZINY, Le città focee, in: E.Greco (ed.), La città greca antica. Istituzioni, società e forme urbane, Roma 1999, 395-412.
Comunanze e differenze in ambito territoriale, abitativo e urbanistico riscontrabili tra i siti focesi esplorati, ossia la madrepatria Focea e le sue colonie, spec. Massalia, Elea, Emporion. Il concetto coniato da R. Martin nel 1973 di “modello foceo” va inteso più correttamente nel senso di città a vocazione commerciale, costruite in funzione del mare e meno interessate allo sfruttamento del territorio agricolo circostante [p. 396-400]. L’organizzazione degli spazi pubblici nei siti focesi è poco nota. Ignota la posizione dell’agora di Focea, ipotetica quella dell’agora di Massalia, di Emporion e di Elea, forse tutte da collocare in prossimità delle rispettive zone portuali [p. 401-405]. [L. Cappelletti]

G.CERRI, Parmenide di Elea. Poema sulla natura. Introduzione, testo, traduzione e note, Milano 1999.

P.EBNER, Velia e la civiltà della Magna Grecia, in: P.Ebner (ed.), Studi sul Cilento, Acciaroli 1999, 213-224.

M.TALIERCIO MENSITIERI, Appunti sulla circolazione delle monete d’argento di Velia e di Neapolis tra la fine del IV e l’inizio del III sec.a.C., Revue Belge de Numismatique et de Sigillographie 145, 1999, 69-82.

G.TOCCO SCIARELLI, Spazi pubblici a Velia: l’agorà o un santuario?, in: F.Krinzinger – G.Tocco (eds.), Neue Forschungen in Velia, Akten des Kongresses “La ricerca archeologica a Velia”, Rom, 1.-2. Juli 1993, Wien 1999, 61-65.

G.CERRI, Boezio, Parmenide ed Ameinias, in: U.Criscuolo – R.Maisano (eds.), Synodia. Studia humanitatis Antonio Garzya septuagenario ab amicis atque discipulis dicata, Napoli 1997, 137-151.

F.DI BELLO, Elea-Velia: polis, zecca e monete di bronzo, Napoli 1997.

M.GIANGIULIO, Atene e l’area tirrenica in età periclea. Forme e ideologie di un rapporto, Ostraka 6, 1997, 323-336.

G.TOCCO SCIARELLI, Il culto di Hera ad Elea, in: J.de la Genière (ed.), Héra. Images, espaces, cultes. Actes du Colloque International, Lille, 29-30 novembre 1993, Naples 1997, 227-234.

C.A.FIAMMENGHI, Schede nrr. 397-400, in: G.Pugliese Carratelli (ed.), I Greci in Occidente, Catalogo della Mostra, Venezia, Palazzo Grassi, marzo – dicembre 1996, Milano 1996, 751-752.

G.GRECO – F.KRINZINGER (eds.), Velia. Studi e ricerche, Modena 1994.

H.TRÉZINY, Les fortifications phocéennes d’Occident. Emporion, Vélia, Marseille, REA 96, 1994, 115-135.

R.MAFFETTONE, Colonizzazione focea e culture indigene della Lucania occidentale, Apollo 8, 1992, 17-42.

R.T.WILLIAMS, The Silver Coinage of Velia, London 1992.

G.CAMASSA, I culti delle poleis italiote, in: G.Galasso – R.Romeo (eds.), Storia del Mezzogiorno, I, 2. Il Mezzogiorno antico, Napoli 1991, 423-495.

A sud di Velia. I. Ricognizioni e ricerche 1982-1988, Taranto 1990.

C.BENCIVENGA TRILLMICH, Elea: problems of the relationship between city and territory, and of urban organization in the Archaic Period, in: J.-P.Descœudres (ed.), Greek Colonists and Native Populations, Proceedings of the First Australian Congress of Classical Archaeology held in honour of Prof. A.D.Trendall, Oxford 1990, 365-371.

M.FABBRI – A.TROTTA, Una scuola-collegio di età augustea. L’insula II di Velia, Roma 1989.

M.M.SASSI, Alla ricerca della filosofia italica. Appunti su Pitagora, Parmenide e l’Orfismo, in: Un secolo di ricerche in Magna Grecia, Atti del XXVIII Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 1988, Taranto 1989, 231-264.

C.TALAMO, Elea e le “buone leggi” di Parmenide, in: I.Gallo (ed.), Momenti di Storia Salernitana nell’antichità, Atti del Convegno Nazionale AICC, Salerno – Fisciano, 12-13 novembre 1988, Napoli 1989, 25-33.

M.GIGANTE, Physikòs, PP 43, 1988, 224.

W.LESZL, Pitagorici ed Eleati, in: G.Pugliese Carratelli (ed.), Magna Grecia. Vita religiosa e cultura letteraria, filosofica e scientifica, Milano 1988, 197-226.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Le scuole mediche, in: G.Pugliese Carratelli (ed.), Magna Grecia. Vita religiosa e cultura letteraria, filosofica e scientifica, Milano 1988, 227-236.

A.SZABÓ, Die Philosophie der Eleaten und die Mathematik der Griechen, PP 43, 1988, 420-445.

G.LIBERO MANGIERI, Velia e la sua monetazione, Lugano 1986.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Nuove note sulla scuola medica di Parmenide a Velia, PP 41, 1986, 108-111.

H.R.BALDUS, Zur en face-Athena des Kleudoros von Velia. Der Lukanersieg Alexanders des Molossers bei Paestum und die velisce Münzprägung, Chiron 15, 1985, 211-233.

P.EBNER, Parmenide medico e scolarca anche nella tradizione alessandrina e araba, Apollo 6, 1985-1988, 269-277 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 225-230; = in: P.EBNER, Velia e la scuola di medicina, Salerno 1997, 53-64].

M.LEIWO, Why Velia survived through the 2nd century BC? Remarks on her economic connections with Delos, Athenaeum 73, 1985, 494-499.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Ancora di Parmenide e della scuola medica di Velia, PP 40, 1985, 34-38.

G.ROCCA SERRA, Parménide et les médicins d’Elée, HSMed 19, 1985, 169-174.

A.ARDOVINO, Velia. Museo Archeologico, in: A.Leone – G.Vitolo (eds.), Guida alla storia di Salerno e della sua provincia, Salerno 1982, 853-856.

L.BERNABÒ BREA, Iscrizioni funerarie di cittadini eleati a Lipari, PP 37, 1982, 371-373.

M.LEIWO, The Mysterious φώλαρχος, Arctos 16, 1982, 45-55.

E.MIRANDA, Nuove iscrizioni sacre di Velia, MEFRA 94.1, 1982, 163-174.

G.SACCO, Φωλευτήριος-Φώλαρχος, RFIC 109, 1981, 36-40.

S.MUSITELLI, Ancora sui ΦΩΛΑΡΧΟΙ di Velia, PP 35, 1980, 241-255.

P.EBNER, Altre epigrafi e monete di Velia, PP 33, 1978, 61-73.

E.GRECO, Velia e Palinuro. Problemi di topografia antica, MEFRA 87, 1975, 81-108.

R.B.HARLOW, Eine Dialektanalyse der koischen Asylieurkunden, Dunedin 1972.

J.BENEDUM – M.MICHLER, Parmenides Uliades und die Medizinschule von Elea, Clio Medica 6, 1971, 295-306.

V.NUTTON, Velia and the School of Salerno, Medical History 15, 1971, 1-11.

A.DE FRANCISCIS, Sculture connesse con la scuola medica di Elea, PP 25, 1970, 267-284.

P.EBNER, Nuove iscrizioni di Velia, PP 25, 1970, 262-267.

M.GUARDUCCI, Nuovi cippi sacri a Velia, PP 25, 1970, 252-261.

E.LEPORE, Strutture della colonizzazione focea in Occidente, PP 25, 1970, 19-55.

V.NUTTON, The Medical School of Velia, PP 25, 1970, 211-225.

V.PANEBIANCO, Momenti e problemi di storia eleate nell’età di Pericle, PP 25, 1970, 55-64 [= ID., Il Mezzogiorno nell’antichità, Salerno 1981, 33-44].

G.PUGLIESE CARRATELLI, Ancora su φώλαρχος, PP 25, 1970, 243-248.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Olympios Kairos, PP 25, 1970, 248-249.

P.J.BICKNELL, Zeno of Elea and the Tyrant Demylus, New Zealand Numismatic Journal 12, 1968, 113-116.

H.JUCKER, Zur Bildnisherme des Parmenides, MH 25, 1968, 181-186.

V.BRACCO, Effosiones Velinae, Latinitas 15, 1967, 145-149.

M.GIGANTE, Parmenide e i medici nelle nuove iscrizioni di Velia, RFIC 95, 1967, 487-490.

M.TIMPANARO CARDINI, Saggio sugli Eleati, SCO 16, 1967, 149-225.

G.CALOGERO, Filosofia e medicina in Parmenide, in: ACSMG V, Taranto 1965, Napoli 1966, 69-71.

P.EBNER, Parmenide medico ΟΥΛΙΑΔΗΣ, Giornale di Metafisica 21, 1966, 103-115 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 195-202; = in: P.EBNER, Velia e la scuola di medicina, Salerno 1997, 35-51].

P.EBNER, Nuove epigrafi di Velia, PP 21, 1966, 337-341.

P.EBNER, Le monete di Velia, PP 21, 1966, 342-366.

S.FERRI, Hyele oppure Vele, SCO 15, 1966, 303-304.

G.GALLO, I bolli sui mattoni di Velia, PP 21, 1966, 366-377.

W.HERMANN, Archäologische Grabungen und Funde im Bereich der Superintendenzen von Apulien, Lucanien, Calabrien und Salerno von 1956 bis 1965, AA 69, 1966, 255-367.

E.LEPORE, Elea e l’eredità di Sibari, PP 21, 1966, 255-279.

D.MUSTI, Fonti per la storia di Velia, PP 12, 1966, 318-335.

M.NAPOLI, L’attività archeologica nelle province di Avellino, Benevento e Salerno, in: ACSMG V, Taranto 1965, Napoli 1966, 193-211.

V.CATALANO, L’Asklepieion di Velia, gli ΟΥΛΙΟΙ ΙΑΤΡΟΙ ΦΩΛΑΡΧΟΙ e l’ΟΥΛΙΑΔΗΣ ΦΥΣΙΚΟΣ, Annali del Pontificio Istituto Superiore di Scienze e Lettere S. Chiara 15-16, 1965-1966, 289-301.

P.EBNER, Athena in una iscrizione di Velia, ArchClass 17, 1965, 306-309.

P.EBNER, Intervento, in: ACSMG IV, Taranto 1964, Taranto 1965, 234-238 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 319-320].

G.PUGLIESE CARRATELLI, ΠΑΡΜΕΝΕΙΔΗΣ ΦΥΣΙΚΟΣ, PP 20, 1965, 306.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Theoi Propylaioi, SCO 14, 1965, 5-10 [= in: G.PUGLIESE CARRATELLI, Scritti sul mondo antico, Napoli 1976, 505-518].

G.PUGLIESE CARRATELLI, Culti e dottrine religiose in Magna Grecia, PP 20, 1965, 5-27 [= in: G.PUGLIESE CARRATELLI, Scritti sul mondo antico, Napoli 1976, 519-546].

P.EBNER, Intervento, in: ACSMG III, Taranto 1963, Taranto 1964, 300-305 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 315-317].

P.EBNER, Perhaps the Ancestor of Europe’s Earliest Medieval School of Medicine, Salerno: an Ancient Medical Centre identified at Velia, Illustrated London News, 31 August 1963 (nr. 6470), 306-307.

G.PUGLIESE CARRATELLI, φώλαρχος, PP 18, 1963, 385-386.

P.EBNER, L’errore di Alalia e la colonizzazione di Velia nel responso delfico, RSS 23, 1962, 3-44 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 111-132].

P.EBNER, Scuole di medicina a Velia e a Salerno, Apollo 2, 1962, 125-136 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 103-110; = in: P.EBNER, Velia e la scuola di medicina, Salerno 1997, 19-33].

P.EBNER, A Velia anche una scuola di medicina?, RSS 22, 1961, 196-198 [= in: P.EBNER, Studi sul Cilento, I, Salerno 1996, 99-101; = in: P.EBNER, Velia e la scuola di medicina, Salerno 1997, 11-17].

A.W.VAN BUREN, News Letter from Rome, AJA 64, 1961, 377-388.

P.C.SESTIERI, Velia, Fasti Archaeologici 15, 1960, 308-309.

P.C.SESTIERI, Greek Elea – Roman Velia, Archaeology 10, 1957, 2-10.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Un decreto di Velia del sec. III a.C., ASCL 24, 1955, 1-7.

P.ELMER, L’evoluzione artistica e l’arte nei tipi monetali di Velia, RIN 5, 1948, 71-83.

H.DIELS, Parmenidea, Hermes 35, 1900, 196-201.
La notizia di Sozione, riportata da Diog. Laer. 9.21, su Aminia, figlio di Diochaite (interpretato qui come patronimico e non come il nome di un altro filosofo) e maestro di Parmenide è attinta da Timeo, che a sua volta si basa su un testo epigrafico commemorativo conservato ad Elea. [L. Cappelletti]


ERACLEA

C.LOPEZ-RENDO RODRÍGUEZ, Servicios publicos en la Tabula Heracleensis, in: A.Murillo Villar – A.Calzada Gónzales – S.Castán Pérez-Gómez (eds.), Homenaje al Profesor Armando Torrent, Madrid 2016, 503-526.

S.SISANI, Il significato del termine Italia nella Tabula Heracleensis e la data di costituzione a provincia della Gallia Cisalpina, Historika 6, 2016, 83-98.

G.ZUCHTRIEGEL, Colonisation and hybridity in Herakleia and its hinterland (southern Italy), 5th-3rd centuries BC, MEFRA 128.1, 2016. http://mefra.revues.org/3326

J.GONZÁLES – J.BERMEJO, Fragmento de texto legal encontrado en la Baetica con parte de un capítulo de la Tabula Heracleensis, Athenaeum 103, 2015, 477-491.

M.DAS GRAÇAS PINTO DE BRITTO, Los Municipios de Italia y España: ley general y ley modelo, Madrid 2014.

F.MARTELLI – E.TOSSANI, Le prime critiche dei Monumenta epigrafici di Veleia e di Eraclea. Polemiche culturali e ideologiche, criteri scientifici, formule ermeneutiche ed approcci epistemologici, in: P.L.Dall’Aglio – C.Franceschelli – L.Maganzani (eds.), Atti del IV Convegno Internazionale di Studi Veleiati, Veleia – Lugagnano Val d’Arda, 20-21 settembre 2013, Bologna 2014, 29-39.

F.MEO – G.ZUCHTRIEGEL (eds.), SIRIS HERAKLEIA POLYCHORON. Città e campagna tra antichità e medioevo, Atti del Convegno, Policoro, 12 luglio 2013, Siris 14, 2014.

G.ZUCHTRIEGEL, Alle origini dell’ellenismo in Magna Grecia: agricoltura, investimento e stratificazione sociale secondo le “Tavole di Eraclea” e l’archeologia del paesaggio, in: F.Meo – G.Zuchtriegel (eds.), SIRIS HERAKLEIA POLYCHORON. Città e campagna tra antichità e medioevo, Atti del Convegno, Policoro, 12 luglio 2013, Siris 14, 2014, 153-171.

A.CABALLOS RUFINO, Referencias a senados municipales en las leyes municipales y coloniales, in: E.Melchor Gil – A.D.Pérez Zurita – J.F.Rodríguez Neila (eds.), Senados municipales y decuriones en el Occidente romano, Sevilla 2013, 35-55.

M.LOMBARDO, Horistài. Osservazioni sull’evidenza a partire dalle Tavole di Eraclea, in: A.Inglese (ed.), Epigrammata, 2. Definire, descrivere, progettare lo spazio. In ricordo di André Laronde, Atti del Convegno di Roma, Roma, 26-27 ottobre 2012, Tivoli 2013, 373-395.

V.GERTL, Il santuario di Demetra ad Eraclea. Offerte votive e aspetti cultuali, in: M.Osanna – G.Zuchtriegel (eds.), AΜΦΙ ΣΙΡΙOΣ ΡOΑΣ. Nuove ricerche su Eraclea e la Siritide, Venosa 2012, 119-142.

L.GIARDINO, Il ruolo del sacro nella fondazione di Eraclea di Lucania e nella definizione del suo impianto urbano. Alcuni spunti di riflessione, in: M.Osanna – G.Zuchtriegel (eds.), AΜΦΙ ΣΙΡΙOΣ ΡOΑΣ. Nuove ricerche su Eraclea e la Siritide, Venosa 2012, 89-118.

A.MASTROCINQUE, La liberazione degli schiavi e i boschi sacri nell’Italia antica, in: A.Pinzone – E.Caliri – R.Arcuri (eds.), Forme di dipendenza nelle società di transizione, Atti del XXXII Convegno Internazionale G.I.R.E.A, Messina, 15-17 maggio 2008, Messina 2012, 131-138.

M.OSANNA, Prima di Eraclea. L’insediamento di età arcaica tra il Sinni e l’Agri, in: M.Osanna – G.Zuchtriegel (eds.), AΜΦΙ ΣΙΡΙOΣ ΡOΑΣ. Nuove ricerche su Eraclea e la Siritide, Venosa 2012, 17-43.

M.OSANNA – G.ZUCHTRIEGEL (eds.), AΜΦΙ ΣΙΡΙOΣ ΡOΑΣ. Nuove ricerche su Eraclea e la Siritide, Venosa 2012.

G.ZUCHTRIEGEL, Potenzialità e sfruttamento agrario della chora di Eraclea, in: M.Osanna – G.Zuchtriegel (eds.), AΜΦΙ ΣΙΡΙOΣ ΡOΑΣ. Nuove ricerche su Eraclea e la Siritide, Venosa 2012, 273-289.

G.ZUCHTRIEGEL, Nella chora: un nuovo progetto di archeologia del paesaggio nel territorio di Eraclea, Siris 12, 2012, 141-156.

M.SILVESTRINI, La crisi di Heraclea di Lucania e l’epigrafia, in: L.Lamoine – C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni (eds.), Gérer les territoires, les patrimoines et les crises. Le quotidien municipal II, Clermont-Ferrand 2012, 329-250.

J.G.WOLF, Bussen, Einkommen und Preise, SDHI 78, 2012, 3-21.

A.D.PÉREZ ZURITA, La edilidad y las élites locales en la Hispania Romana: la proyección de una magistratura de Roma a la administración municipal, Córdoba-Sevilla 2011.

A.BOTTIGLIERI, La tutela dei beni artistici e del decoro urbano, Teoria e Storia del Diritto Privato 3, 2010, 1-28.
Excursus sulla normativa d’età repubblicana ed imperiale in tema di tutela del patrimonio urbanistico ed architettonico delle città in Italia, compresa l’Urbs, e nelle province. Per la città di Roma la normativa più antica in materia è trasmessa nella tavola latina di Eraclea (45-44 a.C.), linn. 20-55 [p. 2-3]. Nella Roma di età imperiale prevale l’interesse alla salvaguardia dei monumenti antichi, e per il controllo della cura urbis si dispone di una gerarchia burocratica, riformata agli inizi del IV sec. d.C., sulla quale ci informa la Notitia Dignitatum (inizi V sec. d.C.). In ambito locale, la lex municipii Tarentini e poi le leges della Baetica, rivelano l’esistenza già a partire dalla prima metà del I sec. a.C. di una normativa diretta a disciplinare gli interventi edilizi nei municipi e nelle colonie [p. 4-5]. Per Roma e per l’Italia contro la demolizione di edifici a scopi speculativi si ebbero i due senatusconsulta, l’Hosidianum ed il Volusianum, trasmessi in CIL X 158 da Ercolano, ora perduta, e in Dig. 18.1.52 (Paul. 54 ad ed.). Si presenta il testo originale, contenuto e scopi del s.c. Hosidianum (44-47 d.C.) [p. 6-11]. Si presenta il testo originale, contenuto e scopi del s.c. Volusianum (56 d.C.) [p. 12-14]. Altra normativa imperiale di fine I-IV sec. d.C. sulla cura e tutela degli edifici in Italia e nelle province e motivazioni economiche, sociali e religiose di tali disposizioni [p. 15-23]. L’ultimo provvedimento in materia, limitato a Roma ed alla disastrosa situazione di degrado edilizio in essa esistente, è una costituzione di Maiorano del 458 d.C. [p. 24-27]. [L. Cappelletti]

L.FORTE – M.SILVESTRINI, La tribù Menenia e Heraclea in Lucania, in: M.Silvestrini (ed.), Le tribù romane, Atti del XVIe Rencontre sur l’épigraphie, Bari, 8-10 ottobre 2009, Bari 2010, 201-206.

L.D’ESPOSITO – G.GALIOTO, Nuove ricerche sui culti di Eraclea. L’area sacra del c.d. Vallo, Siris 9, 2008, 35-57.

A.GIOVANNINI, Die Tabula Heracleensis. Neue Interpretationen und Perspektiven. Teil II: Die lex Iulia municipalis, Chiron 38, 2008, 47-62.

M.OSANNA – L.PRANDI – A.SICILIANO, Eraclea (Culti greci in Occidente. Fonti scritte e documentazione archeologica, II), Città di Castello 2008.

E.LO CASCIO, Il ruolo dei vici e delle regiones nel controllo della popolazione e nell’amministrazione di Roma, in: R.Haensch – J.Heinrichs (eds.), Herrschen und Verwalten. Der Alltag der römischen Administration in der Hohen Kaiserzeit, Köln 2007, 145-159.

B.OTTO, Il santuario di Demetra a Policoro. Gli spazi del culto, le divinità e i rituali, Taranto 2007.

J.E.SPRUIT, De bronzen platen uit Heraclea, in: T.Hoogenboom et alii (eds.), In vele kwaliteiten. Ter gelegenheid van het afscheid van mr. H. van Leeuwen, Utrecht 2007, 19-38.

A.CABALLOS RUFINO – J.M.COLUBI FALCÓ, Referentes genéticos de los estatutos municipales hispanorromanos: la lex municipii Tarentini y la Tabula Heracleensis, in: J.F.Rodríguez Neila – E. Melchor Gil (eds.), Poder central y autonomía municipal: la proyección pública de las élites romanas de Occidente, Córdoba 2006, 17-54.

A.CIARALLO, Il saltus Metapontinus e le tavole di Eraclea, RSP 17, 2006, 139-142.

J.G.WOLF, Imitatio exempli in den römischen Stadtrechten Spaniens, Iura 56, 2006-2007, 1-54.

C.AMPOLO, Le tavole di Eraclea. La scoperta e l’edizione del Mazzocchi, in: S.Settis – M.C.Parra (eds.), Magna Graecia. Archeologia di un sapere, Milano 2005, 88-90.

M.L.LAZZARINI, Tavole di Eraclea. Aspetti storici ed epigrafici, in: S.Settis – M.C.Parra (eds.), Magna Graecia. Archeologia di un sapere, Milano 2005, 91-93.

V.PONTE, La búsqueda de la seguridad y el orden en las calles de Roma, Anuario da Facultade de Dereito da Universidade da Coruña, 9, 2005, 723-738.

A.GIOVANNINI, Die Tabula Heracleensis: Neue Interpretationen und Perspektiven. Teil I: Die frumentationes, Chiron 34, 2004, 187-204.

M.P.PAVESE, Fundus cum vadis et alluvionibus: gli incrementi fluviali fra documenti della prassi e riflessione giurisprudenziale romana, Roma 2004.

M.SPANN, Der Haftungszugriff auf den Schuldner zwischen Personal- und Vermögensvollstreckung: eine exemplarische Untersuchung der geschichtlichen Rechtsquellen ausgehend vom Römischen Recht bis ins 21. Jahrhundert unter besonderer Berücksichtigung bayerischer Quellen, Münster 2004.

F.GRELLE, Ad municipalem, Labeo 49, 2003, 32-48.
Nei passi paralleli della costituzione giustinianea Tanta 8c = Δέδωκεν 8c, contenenti l’indicazione dei temi trattati in Dig. 50, il primo titolo, rispettivamente ad municipales = ὑπέρ τε πολιτῶν, corrisponde a quello della rubrica tripartita ad municipalem et de incolis in Dig. 50.1. In riferimento alla stessa rubrica la riedizione della constitutio Tanta, inserita in Cod.Iust., 1.17.2. 8c riporta invece il titolo pro municipalibus. La Vulgata intitola la rubrica ad municipales et de incolis. Diversi tentativi, intrapresi dal XVI (Poliziano, Budé, Forunier, Cuiacio) al XX secolo, di mettere ordine tra le varianti attestate nella tradizione; prevalente nel complesso l’integrazione ad legem municipalem nelle edizioni di Dig. 50.1 [p. 33-37]. Su queste basi nasce la tesi, formulata da E.Dirksen (1817) e accolta da F.K.von Savigny (1838), secondo cui il testo della Tabula Heracleensis sarebbe stato parte di una legge comiziale voluta da Cesare per disciplinare in modo generale e uniforme l’ordinamento di tutti i municipi; a questa lex municipalis si riferirebbe anche il contenuto della rubrica di Dig. 50.1. Superamento quasi unanime di questa tesi attraverso studi recenti (spec. M.H.Crawford nel 1998), che sostengono invece l’esistenza di una serie di leggi successive disciplinanti in generale determinate materie relative all’assetto dei municipi [p. 38-39]. Sul liber singularis ad municipalem, monografia che, pur comparendo nell’Index Florentinus, con attribuzione a Paolo, in realtà non fu utilizzata per la compilazione di Dig. 50.1 e dei Digesta in assoluto. I passi dei Fragmenta Vaticana 237 e 243, disciplinanti la tutela dativa, costituiscono le uniche evidenze su carattere e contenuto del liber, che l’A. ritiene un repertorio elementare di norme attinenti all’organizzazione municipale o ad alcuni aspetti di essa, riconoscendovi il prodotto di una rielaborazione postclassica, riflessa oltretutto nell’uso sostantivale, raro e tardo (metà IV sec. d.C.), del termine municipalis nel titolo dell’opera, uso estraneo a Paolo, che invece e al pari della restante letteratura giurisprudenziale conosce solo quello aggettivale [p. 41-48]. [L. Cappelletti]

M.VALDÉS GUÍA, El culto a Zeus Eleutherios en época arcaica: liberación de esclavos/dependiendes y constitución de ciudadanías, in: M.Garrido Hory – A.Gonzalès (eds.), Histoire. Espaces et marges de l’Antiquité. Hommages à Monique Clavel-Lévêque, II, Besançon – Paris 2003, 291-324.

G.PIANU, L’agorà di Eraclea Lucana, Roma 2002.

A.M.PRESTIANNI GIALLOMBARDO, L’oracolo di Dodona e le navigazioni adriatiche nei secoli VI-IV a.C., in: L.Braccesi – M.Luni (eds.), I Greci in Adriatico, I, Roma 2002, 123-136.

I.KROPPENBERG, Die Insolvenz im klassischen römischen Recht. Tatbestände und Wirkungen außerhalb des Konkursverfahrens, Köln 2001.

G.GORINI, Gli efori sulle monete di Heraclea Lucaniae, Revue Belge de Numismatique et de Sigillographie 145, 1999, 83-90.

F.COARELLI, Problemi e ipotesi sulla tavole greche di Eraclea, in: E.Greco – M.Bats (eds.), Siritide e Metapontino. Storie di due territori coloniali, Atti dell’Incontro di Studio, Policoro, 31 ottobre – 2 novembre 1991, Napoli 1998, 281-290.

E.GRECO – M.BATS (eds.), Siritide e Metapontino. Storie di due territori coloniali, Atti dell’Incontro di Studio, Policoro, 31 ottobre – 2 novembre 1991, Napoli 1998.

B.ORTEGA VILLARO, Las tablas de Heraclea: traducción y notas, Habis 29, 1998, 51-66.

E.BISPHAM, The end of the Tabula Heracleensis: a poor man’s sanctio?, Epigraphica 59, 1997, 125-156.

A.FORTUNATO, Contributo sulle Tavole di Eraclea: gli ἐποίκια nei terreni di Dioniso, SAL 10, 1997, 303-312.

E.LO CASCIO, Le procedure di recensus dalla tarda Repubblica al tardoantico e il calcolo della popolazione di Roma, in: La Rome impériale: démographie et logistique, Actes de la Table ronde, Rome, 25 mars 1994, Roma 1997, 3-76.

M.NAFISSI, Rapporti fra le poleis e dinamiche interne nelle tradizioni mitico-storiche: Siris-Eraclea e Taranto, in: Mito e storia in Magna Grecia. Atti del XXXVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 4-7 ottobre 1996, Taranto 1997, 305-322.

F.COARELLI, La tavola latina di Heraclea: una proposta, in: Bimillenario della morte di Q.Orazio Flacco, Atti Venosa-Napoli-Roma 1993, Venosa 1994, 109-119.

F.VAN KEUREN, The Coinage of Heraclea Lucaniae, Rome 1994.

S.M.MARENGO, Da Eraclea ad Ancona. Nota a SEG XXVI 1132, Picus 12-13, 1992-1993, 195-204.

G.PIANU, I ferri rinvenuti nel santuario di Demetra in Eraclea di Lucania, AFLPer(class) 15-16, 1991-1993, 59-67.

E.LO CASCIO, Le professiones della Tabula Heracleensis e le procedure del census in età cesariana, Athenaeum 78, 1990, 287-317.

A.J.CULLENS, Professio and decoctio in the Tabula Heracleensis, AHB 3, 1989, 85-90.

G.FORNI, La produttività agraria della Magna Grecia desunta dalle tavole di Eraclea di Lucania (IV sec.a.C.), Firenze – Roma 1989.

G.LURASCHI, Sulla lex Irnitana, SDHI 55, 1989, 349-368.
Riflessioni sugli statuti municipali, specialmente spagnoli, scaturite dall’edizione della lex Irnitana curata da A.D’Ors e pubblicata a Roma nel 1986. Contro l’identificazione della tabula Heracleensis con una lex Iulia municipalis di età cesariana; l’ipotesi migliore sulla natura del testo eracleota sarebbe quella che vede in esso un “centone”, nato dalla fusione di tre leggi diverse e di tre epoche diverse. In realtà una lex Iulia municipalis generalis d’età cesariana o augustea, nel senso di legge-quadro per la municipalizzazione in Italia, non sarebbe mai esistita. Essa come le altre leges – ad es. Cornelia, Petronia, ecc. – citate epigraficamente, avrebbe avuto una portata non generale, ma geograficamente e giuridicamente circoscritta ad un singolo centro o ad un certo numero di centri. La tecnica compositiva della legislazione statutaria locale betica sarebbe consistita nell’aggiunta ad un “canovaccio” di base, antico e tralaticio, di prescrizioni di epoca e provenienza diverse, procedendo ad adattamenti ed all’inserimento di norme peculiari, anche preromane, del singolo municipio per rispondere ad esigenze, prassi e situazioni locali [p. 353-358]. L’alto numero di statuti bronzei prodotti in Spagna sotto Domiziano potrebbe spiegarsi con l’ordine generalizzato da parte dell’Imperatore di incidere ed esporre pubblicamente gli statuti già esistenti ed in vigore da tempo [p. 356]. L’A. è a favore dell’esistenza di una pluralità di leggi municipali “individuali”, promulgate in tempi diversi, per luoghi e per materie diverse. Tendenza spontanea, e mai imposta da Roma, all’uniformità delle disposizioni statutarie locali [p. 359-360]. Le due leges Iuliae che, secondo Gaio, 4, 30 abolirono (con la lex Aebutia) il procedimento per legis actiones, sostituendolo con quello per formulas, andrebbero identificate con le augustee lex Iulia iudiciorum privatorum e lex Iulia iudiciorum publicorum (mentre D’Ors identifica una delle due leggi Iuliae con la lex Iulia municipalis) [p. 361]. L’editto di Vespasiano del 73/74 d.C. non si sarebbe limitato a concedere il ius Latii alla Spagna, ma avrebbe anche impostato la struttura costituzionale di base dei neomunicipi latini. Equiparazione progressiva e sostanziale tra ius Latii e civitas Romana [p. 362-364]. Su singoli capitoli della lex Irnitana. Ad es. capp. 19 e 21, relativi alle magistrature locali. Sul cap. 28 e sull’ammissibilità dei Latini alle legis actiones, di cui la manumissio vindicta era un’applicazione [p. 363-368]. [L. Cappelletti]

C.NICOLET, La Table d’Héraclée et les origines du cadastre romain, in: L’Urbs. Espace urbain et histoire (Ier siècle av. J.-C. – IIIe siècle ap. J.-C.), Actes du Colloque International, Rome 1985, Roma 1987, 1-25.

G.MADDOLI, Manomissioni sacre in Eraclea Lucana (SEG XXX, 1162-1170), PP 41, 1986, 99-107. [= G.MADDOLI, Magna Grecia. Tradizioni, culti e storia, a cura di A.M.Biraschi – M.Nafissi – F.Prontera, Perugia 2013, 231-237.]
L’A. prende in esame alcune tavolette iscritte conservate presso il Museo Nazionale della Siritide di Policoro, che, rinvenute quasi tutte all’interno dell’area sacra di Demetra a est dello stesso Museo, sono state oggetto di una prima pubblicazione da parte di F.GHINATTI (Nuovi efori in epigrafi di Eraclea lucana, in: F.Krinziger – B.Otto – E.Walde-Psenner (eds.), Forschungen und Funde. Festschrift B. Neutsch, Innsbruck 1980, 137-143) e F.SARTORI (Dediche a Demetra in Eraclea lucana, in: ibidem, 401-415). Già ritenute dallo stesso Sartori come dediche di statuette fittili in onore della divinità, le tavolette sono reinterpretate dall’A. alla luce del confronto con i documenti di manomissione sacra della Grecia e dell’Asia Minore, redatti, come gli esemplari di Eraclea, su lamina di bronzo, un materiale utilizzato correntemente per gli atti pubblici e ufficiali. Le tavolette appaiono, infatti, riferibili a donne di condizione servile che avevano ottenuto la propria libertà all’interno del santuario di Eraclea lucana, non è chiaro se in seguito a una vera e propria fuga all’interno di questo o versando una somma di denaro alla divinità, con il più o meno tacito consenso dei loro proprietari e, soprattutto, delle loro proprietarie. [J. Piccinini]

M.LOMBARDO, Antileon tirannicida nelle tradizioni metapontina ed eracleota, Studi di Antichità del Dipartimento di Scienze dell’Antichità dell’Università di Lecce 3, 1982, 189-204.

E.DENIAUX, Civitate donati: Naples, Héraclée, Côme, Ktema 6, 1981, 133-141.
Su Filostrato d’Ascalona, banchiere residente a Delo e cittadino onorario di Napoli, intorno al 100 a.C. Sul poeta A. Licinius Archia di Antiochia, cittadino onorario di Napoli, Reggio, Locri, Taranto ed Eraclea prima del 102 a.C. e residente a Roma. Su L. Manlius Sosis, greco di Catania, cittadino romano e decurione di Napoli [p. 133-135]. La proxenia in Magna Grecia [p. 136]. Sulla lex Plautia Papiria (89 a.C.) e l’adscriptio [p. 137-138]. Sulla lex Vatinia (59 a.C.), Cesare e i 500 Greci di Como [p. 138-139]. [L. Cappelletti]

F.GHINATTI, Nuovi efori in epigrafi di Eraclea Lucana, in: F.Krinzinger – B.Otto – E.Walde-Psenner (eds.), Forschungen und Funde. Festschrift B.Neutsch, Innsbruck 1980, 137-143.

F.SARTORI, Dediche a Demetra in Eraclea Lucana, in: F.Krinzinger – B.Otto – E.Walde-Psenner (eds.), Forschungen und Funde. Festschrift B.Neutsch, Innsbruck 1980, 401-415.

E.LO CASCIO, Mazzocchi e la questione della Tabula Heracleensis, in: Studi Lucani, Galatina 1976, 77-107.

W.SESTON, Aristote et la conception de la loi romaine au temps de Cicéron d’après la lex Heracleensis, in: La filosofia greca e il diritto romano. Colloquio italo-francese, Roma 15-17 aprile 1973, Roma 1976, 7-25. [= ID., Scripta Varia. Mélanges d’histoire romaine, de droit, d’epigraphie et d’histoire du christianisme, Roma 1990, 35-51]

E.LO CASCIO, Praeconium e dissignatio nella Tabula Heracleensis, Helikon 15-16, 1975-1976, 351-371.

A.UGUZZONI – F.GHINATTI, Le tavole greche di Eraclea, Roma 1968.

F.SARTORI, Eraclea di Lucania: profilo storico, in: B.Neutsch (ed.), Archäologische Forschungen in Lukanien II: Herakleiastudien, Heidelberg 1967, 19-95.

H.PFEILER, Die Namen der eponymen Ephoren auf den Stateren von Taras und Herakleia, Jahrbuch für Numismatik 15, 1965, 49-51.

F.SARTORI, Società e diritto nelle tavole greche di Eraclea lucana, A&R 10, 1965, 145-160 [= ID., Dall’Italía all’Italia, I, Padova 1993, 273-288].

A.STAZIO, Contributo allo studio della prima fase della monetazione di Heraclea Lucaniae, AIIN 12-14, 1965-1967, 31-42.

F.DE MARTINO, Nota sulla «lex Iulia municipalis», in: Studi in onore di U.E.Paoli, Firenze 1955, 225-238.

E.SCHÖNBAUER, Die Inschrift von Heraklea: ein Rätsel?, RIDA 1, 1954, 373-434.

E.SCHÖNBAUER, Die Tafel von Heraklea in neuer Beleuchtung, AAWW, phil.-hist. Kl., 89, 1952, 109-132.

A.VON PREMERSTEIN, Die Tafel von Heraklea und die ‘Acta Caesaris’, ZSS 43, 1922, 45-152.

J.ELMORE, Municipia fundana, Transactions and Proceedings of the American Philological Association 47, 1916, 35-42.

J.ELMORE, The professiones of the Heraclean Tablet (lex Iulia municipalis), JRS 5, 1915, 125-137.

E.G.HARDY, The Table of Heraclea and the Lex Iulia Municipalis, JRS 4, 1914, 65-110.

H.LEGRAS, La table latine d’Héraclée, Paris 1907.


ERCOLANO

G.CAMODECA, I consoli degli anni di Nerone nelle Tabulae Herculanenses, ZPE 193, 2015, 272-282.

M.NOTOMISTA, Il santuario di Venere ad Herculaneum. Trasformazioni architettoniche di un’area sacra tra il II sec. a.C. e il 79 d.C., Oebalus 10, 2015, 151-204.

M.CASSIA, “Marchi di fabbrica” a Creta e tituli picti di Ercolano: considerazioni socio-economiche, in: A.Buonopane – S.Braito (eds.), Instrumenta inscripta V. Signacula ex aere. Aspetti epigrafici, archeologici, giuridici, prosopografici, collezionistici, Atti del Convegno Internazionale, Verona, 20-21 settembre 2012, Roma 2014, 459-477.

N.MONTEIX, L’Insula Orientalis IIa d’Herculaneum entre construction publique et transformations privées, in: S.Camporeale – H.Dessales – A.Pizzo (eds.), Arqueología de la construcción, II. Los procesos constructivos en el mundo romano: Italia y provincias orientales, Madrid 2010, 213-232.

N.MONTEIX, Les lieux de métier: boutiques et ateliers d’Herculanum, Rome 2010.

F.PESANDO, Quadratariorum notae Pompeianae. Sigle di cantiere e marche di cava nelle domus vesuviane, Vesuviana 2, 2010, 47-75.

G.CAMODECA, Gli archivi privati di tabulae ceratae e di papiri documentari. Pompei ed Ercolano: case, ambienti e modalità di conservazione, Vesuviana 1, 2009, 17-42.

G.CAMODECA, Delatores, praemia e processo senatorio de maiestate in una inedita Tabula Herculanensis di età neroniana, SDHI 75, 2009, 383-404.

F.PESANDO, Prima della catastrofe: Vespasiano e le città vesuviane, in: F.Coarelli (ed.), Divus Vespasianus. Il bimillenario dei Flavi, Catalogo della Mostra, Milano 2009, 378-385.

G.CAMODECA, Evergeti ad Ercolano. Le iscrizioni di dedica del tempio di Venere, RPAA 81, 2008-9, 47-67.

G.CAMODECA, La popolazione degli ultimi decenni di Ercolano (App.: Nuova edizione degli albi epigrafici), in: M.Borriello (ed.), Ercolano. Tre secoli di scoperte, Catalogo della Mostra Napoli, Museo Archeologico Nazionale 16 ottobre 2008 – 13 aprile 2009, Napoli 2008, 86-103.

G.CAMODECA, Dittici e trittici nella documentazione campana (8 a.C. – 79 d.C.), in: M.David (ed.), Eburnea diptycha: i dittici d’avorio tra antichità e medioevo, Bari 2007, 79-107.

G.CAMODECA, Magistrati municipali e datio tutoris dalla riedizione delle Tabulae Herculanenses, Rend.Pont.Acc.Rom.Arch. 79, 2006-2007, 57-81.

F.PESANDO – M.P.GUIDOBALDI, Gli ozi di Ercole: residenze di lusso a Pompei ed Ercolano, Roma 2006.

R.E.WALLACE, An Introduction to Wall Inscriptions from Pompeii and Herculaneum. Introduction – Inscriptions with Notes – Historical Commentary – Vocabulary, Wauconda Illinois 2005.

F.PESANDO, Appunti sulla cosiddetta Basilica di Ercolano, Cronache Ercolanesi 33, 2003, 331-337.

G.CAMODECA, Per una riedizione dell’archivio ercolanese di L.Venidius Ennychus, Cronache Ercolanesi 32, 2002, 257-280.

G.GUADAGNO, Documenti epigrafici ercolanesi relativi ad un terremoto, in: Archäologie und Seismologie – La Regione Vesuviana dal 62 al 79 d.C. Problemi archeologici e Sismologici, Colloquium Boscoreale, 26-27 Novembre 1993, München 1995, 119-128.

P.G.GUZZO – M.P.GUIDOBALDI (eds.), Nuove ricerche archeologiche nell’area vesuviana (scavi 2003-2006), Atti del Convegno Internazionale, Roma, 1-3 febbraio 2007, Roma 2008.

H.M.HINE, The Date of the Campanian Earthquake. A.D. 62 or A.D. 63 or both?, AntCl 53, 1984, 266-269.


FAGIFULAE (MONTAGANO)

C.RICCI, L.Abullius Dexter di Fagifulae e il suo omonimo di Aesernia. Un nuovo frammento epigrafico e alcune considerazioni, Epigraphica 78, 2016, 169-178.

G.TARASCO, Un cippo gromatico da Oratino (CB), MEFRA 117, 2005, 687-697.

M.BUONOCORE, Spigolature epigrafiche. 3, Epigraphica 71, 2009, 327-359.

M.BUONOCORE, CIL IX, 2553 (Fagifulae): da Mommsen ad oggi, in: M.G.Angeli Bertinelli – A.Donati (eds.), Misurare il tempo/misurare lo spazio, Atti del Colloquio AIEGL – Borghesi 2005, Bertinoro, 20-22 ottobre 2005, Faenza 2006, 567-571.

G.DE BENEDITTIS, Molise. Repertorio delle iscrizioni latine. Fagifulae, Istituto regionale per gli Studi Storici del Molise “V.Cuoco”, III, Campobasso 1997.


FIESOLE

M.DE MARCO, La scoperta di Fiesole antica, in: R.Sabelli (ed.), L’area archeologica di Fiesole. Conservazione della memoria e innovazioni per la fruizione, Firenze 2014, 47-61.

E.M.PETRINI, Il contesto geomorfologico. L’attività estrattiva a Fiesole, in: R.Sabelli (ed.), L’area archeologica di Fiesole. Conservazione della memoria e innovazioni per la fruizione, Firenze 2014, 29-38.

R.SABELLI (ed.), L’area archeologica di Fiesole. Conservazione della memoria e innovazioni per la fruizione, Firenze 2014.

R.CHELLINI, Un’area di passaggio tra l’Etruria tirrenica e l’Etruria adriatica: il territorio fiesolano (IX – III secolo a.C.), Journal fo Ancient Topography 23, 2013[2014], 129-154.

L.LEPORE, Ancora sul tempio etrusco-romano di Fiesole, in: G.Camporeale et alii (eds.), Francesco Nicosia. L’archeologo e il soprintendente. Scritti in memoria, Firenze 2012, 239-246.

P.GIULIERINI, I centri etruschi dall’Arno al Clanis. Fiesole, Arezzo e Cortona, in: P.Bruschetti et alii (eds.), Gli Etruschi dall’Arno al Tevere. Le collezioni del Louvre a Cortona, Mostra, Cortona, MAEC-Museo dell’Accademia Etrusca e della città di Cortona, 5 marzo-3 luglio 2011, Milano 2011, 117-141.

S.BRUNI, Fiesole e la media valle dell’Arno, in: S.Bruni (ed.), Gli Etruschi delle città. Fonti, ricerche e scavi, Roma 2010, 56-61.

M.MARTINELLI, Gli Etruschi tra Firenze, Fiesole e l’agro fiorentino, in: M.Pagni (ed.), Atlante archeologico di Firenze. Indagine storico-archeologica dalla Preistoria all’Alto Medioevo, Firenze 2010, 69-112.

A.MAGGIANI, Gentes etrusche di Fiesole e di Artimino in età ellenistica, in M.C.Bettini (ed.), Etruschi della valle dell’Arno, Signa 2009, 23-43.

S.BRUNI, Volterra e Fiesole nei fenomeni di colonizzazione. Qualche appunto sul caso fiesolano, Annali della fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 15, Roma 2008, 297-339.

C.LETTA, La sors di Fiesole e la fortuna “laica” di Appio Claudio. Un incontro improbabile, Epigraphica 66, 2004, 37-45.

C.AGOSTINI – F.SANTI, La strada Bologna-Fiesole del II secolo a.C. (Flaminia militare). Storia e testimonianze archeologiche di una ricerca sull’Appennino tosco-emiliano, Bologna 2000.

S.BRUNI, Materiali per Fiesole arcaica, AAEC 27, 1995-1996, 123-136.

C.CAGIANELLI, Il tempio etrusco di Fiesole. Due secoli di indagini, AAEC 27, 1995-1996, 11-57.

S.BRUNI, L’altare arcaico del tempio di Fiesole e la tradizione delle “pietre fiesolane”, ArchClass 46, 1994, 47-90.

A.MOSCA, Via Quinctia. La strada romana fra Fiesole e Pisa, 1. Da Firenze a Empoli, Journal of Ancient Topography 2, 1992, 91-108.

G.PACI, Iscrizione tardo-repubblicana di Roma ritrovata al Museo di Fiesole, Epigraphica 38, 1976, 120-125.

C.CAPUTO, I prodromi storici di Faesulae, RAL 26, 1971, 325-340.

U.HAUSMANN, Bildnisse zweier junger Römerinnen in Fiesole, JDAI 74, 1959, 164-202.

G.SAMONATI, Fu veramente Fiesole messa a ferro e fuoco durante il bellum sociale?, GIF 11, 1958, 111-119.


FIRENZE

G.A.CECCONI – C.GABRIELLI, Nuove testimonianze epigrafiche da Florentia imperiale, Epigraphica 75, 2013, 141-152.

C.GABRIELLI, Nuove testimonianze epigrafiche da Florentia, Epigraphica 75, 2013, 404-410.

M.PAGNI (ed.), Atlante archeologico di Firenze. Indagine storico-archeologica dalla Preistoria all’Alto Medioevo, Firenze 2010.

M.PAGNI, Dalla città augustea alla Florentia imperiale, in: M.Pagni (ed.), Atlante archeologico di Firenze. Indagine storico-archeologica dalla Preistoria all’Alto Medioevo, Firenze 2010, 139-202.

E.SCAMPOLI, Firenze, archeologia di una città (secoli I a.C. – XIII d.C.), Firenze 2010.

C.MENGOTTI, Una nuova proposta per l’interpretazione delle divisioni interne della centuriazione di Florentia, in: P.L.Dall’Aglio – G.Rosada (eds.), Sistemi centuriali e opere di assetto agrario tra età romana e primo Medioevo. Aspetti metodologici, ricostruttivi e interpretativi, Atti del Convegno, Borgoricco (Padova) – Lugo (Ravenna), 10-12 settembre 2009, Agri Centuriati 6, 2009[2010], 115-124.

A.ROMUALDI (ed.), Villa Corsini a Castello, Firenze 2009.

V.D’AQUINO – C.BIGAGLI – A.PALCHETTI, Firenze, Borgo de’ Greci. Scavi negli archivi del tribunale, Notiziario della Soprintendenza per i beni archeologici della Toscana 4, 2008, 76-83.

V.D’AQUINO – C.BIGAGLI – A.PALCHETTI, Firenze, Borgo Albizi, palazzo Tornaquinci della Stufa, Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana 4, 2008, 70-75.

M.BUONOCORE, Spigolature epigrafiche. VI: Un duovir a Florentia, Epigraphica 68.1-2, 2006, 247-251.

M.MALAISE, Nova Isiaca Documenta Italiae, in: L.Bricault (ed.), Isis en Occident, Leiden – Boston 2004, 1-68.

S.CORSI (ed.), Casa Buonarroti. La collezione archeologica, Milano 1997.

G.CAPECCHI (ed.), Alle origini di Firenze. Dalla preistoria alla città romana, Firenze 1997.

A.BENVENUTI – F.CARDINI – E.GIANNARELLI (eds.), Le radici cristiane di Firenze, Firenze 1994.

E.MENSI, La fortezza di Firenze e il suo territorio in epoca romana, Firenze 1991.

G.CIAMPOLTRINI, La dedica dell’Iseo di Firenze (CIL XI, 1588 + 7043), SCO 39, 1989, 321-329.

S.BIANCHI – M.IOZZO (eds.), Archeologia e territorio. Ritrovamenti e vie di comunicazione tra Firenze e Fiesole, Firenze 1985.

G.CIAMPOLTRINI, Note sulla colonizzazione augustea nell’Etruria settentrionale, SCO 31, 1981, 41-55.

M.LOPES PEGNA, Firenze dalle origini al Medioevo, Firenze 1974.

C.HARDIE, The Origin and Plan of Roman Florence, JRS 55, 1965, 122-140.

G.MAETZKE, Florentia (Firenze). Regio VIII – Etruria, Spoleto 1941.


FONDI

C.FERRANTE ‒ J.-C.Lacam ‒ D.QUADRINO, Regio I: Fondi, Formia, Minturno, Ponza, Roma 2015.

L.QUILICI ‒ S.QUILICI GIGLI, Fondi: la romanizzazione della città e del territorio, Orizzonti 14, 2013, 51-60.

M.DI FAZIO, La romanizzazione del territorio di Fondi. Nuovi dati dalla “zona di silenzio”, in: C.Corsi ‒ E.Polito (eds.), Dalle sorgenti alla foce. Il bacino del Liri – Garigliano nell’antichità. Culture Contatti Scambi. Atti del Convegno, Frosinone – Formia 10 – 12 novembre 2005, Roma 2010, 189-204.

M.DI FAZIO, “Una bizzarra concatenazione di circostanze”. Mommsen, Fondi e le vicende della tessera hospitalis CIL I, 611, in: F.Mannino ‒ M.Mannino ‒ D.F.Maras (eds.), Theodor Mommsen e il Lazio antico. Giornata di Studi in memoria dell’illustre storico, epigrafista e giurista, Terracina, Sala Valadie, 3 aprile 2004, Roma 2009, 89-104.

G.PESIRI Theodor Mommsen epigrafista e le comunità locali: il caso di Fondi, in: F. Mannino ‒ M.Mannino ‒ D.F.Maras (eds.), Theodor Mommsen e il Lazio antico. Giornata di Studi in memoria dell’illustre storico, epigrafista e giurista, Terracina, Sala Valadie, 3 aprile 2004, Roma 2009, 63-88.

N.CASSIERI ‒ D.QUADRINO, Uno scavo urbano: nuovi elementi per l’urbanistica di Fondi, in: L.Quilici ‒ S.Quilici Gigli (eds.), La forma della città e del territorio – III, Roma 2006, 177-193.

M.DI FAZIO, Fondi ed il suo territorio in età romana: profilo di storia economica e sociale, Oxford 2006.

M.DI FAZIO ‒ M.C.BIELLA, L’abitato in località Pianara (Fondi LT): ipotesi sulla Fondi preromana, Studi etruschi 71, 2005, 55-68.

L.QUILICI, Santuari, ville e mausolei sul percorso della via Appia al valico degli Aurunci, in: L.Quilici ‒ S.Quilici Gigli (eds.), Viabilità e insediamenti nell’Italia antica, Roma 2004, 441-542.

S.QUILICI GIGLI, Circumfuso volitabant milite Volsci. Dinamiche insediative nella zona pontina, in: L.Quilici ‒ S.Quilici Gigli (eds.), Viabilità e insediamenti nell’Italia antica, Roma 2004, 235-275.

N.CASSIERI, Il Ponte Selce di Fondi, Orizzonti 4, 2003, 111-116.

M.DI FAZIO, Una nuova epigrafe di pretoriani da Fondi (LT), Epigraphica 64, 2002, 198-203.

M.DI FAZIO, Nuove acquisizioni di epoca tardo-antica dal territorio di Fondi, in: T.Piscitelli Carpino (ed.), Fondi tra antichità e medioevo, Atti del Convegno, 31 marzo – 1 aprile 2000, Napoli 2002, 71-80.

E.LO CASCIO, Fondi in età romana: aspetti istituzionali, in: T.Piscitelli Carpino (ed.), Fondi tra antichità e medioevo, Atti del Convegno, 31 marzo – 1 aprile 2000, Napoli 2002, 1-17.

A.STORCHI MARINO, Fondi in età romana: società ed economia, in: T.Piscitelli Carpino (ed.), Fondi tra antichità e medioevo, Atti del Convegno, 31 marzo – 1 aprile 2000, Napoli 2002, 19-70.

H.BROISE ‒ X.LAFON, La villa Prato de Sperlonga, Roma 2001.

M.DI FAZIO, Etruschi a Fondi? Un luogo comune storiografico, Annali del Lazio Meridionale 1, 2001, 11-19.

X.LAFON, Les debuts de la ville monumentale: le cas de la villa Prato a Sperlonga, in: S.Ciccone et alii (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. V, Marina di Minturno 2000, 29-35.

R.FREI-STOLBA, Zur tessera hospitalis aus Fundi (CIL I² 611), ZPE 63, 1986, 193-196.

X.LAFON, À propos des villas de la zone de Sperlonga, MEFRA 93, 1981, 297-353.

E.BADIAN, A fundus at Fundi, AJPh 101, 1980, 470-482.

G.PESIRI, Iscrizioni di Fondi e del circondario, Epigraphica 40, 1978, 162-184.

G.PESIRI, Sul sito dell’anfiteatro di Fondi, A&R 23, 1978, 193-195.

G.PESIRI, Amphitheatrum Fundanae civitatis, Athenaeum 55, 1977, 195-199.

E.LISSI CAROMA, Fondi (Latina). Resti di parte di un impianto termale in piazza della Unità, Nsc 25, 1971, 330-363.

C.F.GIULIANI, Fondi, Quaderni dell’Istituto di topografia antica dell’Università di Roma 2, 1966, 71-78.

A.DE SANCTIS ‒ S.AURIGEMMA ‒ A.BIANCHINI, Circeo, Terracina, Fondi 1957.

D.FACCENNA, Statua di vittimario scoperta a Fondi, ArchClass 6, 1954, 23-42.

D.FACCENNA, Fondi. Nuova, parziale sistemazione del Museo Comunale e note sulle epigrafi ivi conservate, Nsc 5, 1951, 123-125 .

D.MUSTILLI, Il busto di Augusto scoperto a Fondi e i problemi dell’iconografia augustea, Memorie della Reale Accademia di archeologia, lettere e belle arti di Napoli 20, 1942, 279-298.

D.MUSTILLI, The bust of Augustus found at Fundi, Vergilius 1, 1938, 35-37.

D.MUSTILLI, Fondi. Sculture scoperte nell’ abitato, Nsc, 1937, 60-74.

G.CONTE-COLINO, Storia di Fondi, Napoli 1901.


FORMIA

C.FERRANTE ‒ J.-C.LACAM ‒ D.QUADRINO, Regio I. Fondi, Formia, Minturno, Ponza, Roma 2015.

N.CASSIERI, Formia. Museo Archeologico Nazionale e Monumenti, Roma 2013.

N.CASSIERI ‒ A.ARNALDI ‒ G.L.GREGORI, Il nuovo magister Augustalis formiano e gli Augustales di Formiae, Hormos n.s. 5, 2013, 11-25.

G.MESOLELLA, La decorazione architettonica di Minturnae, Formiae, Tarracina: l’età augustea e giulio-claudia, Roma 2012.

N.CASSIERI ‒ A.PIRRONE, Scoperta di una villa romana sul litorale di Formia (Latina), in: G.Ghini (ed.), Lazio e Sabina, Atti del Convegno, Sesto Incontro di Studi sul Lazio e la Sabina, Roma, 4 – 6 marzo 2009, Roma 2010, 327-336.

S.CICCONE (ed.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sui giacimenti culturali del Lazio meridionale, VIII. Bimillenario Vitruviano, Formia 1998-2000, Marina di Minturno 2009.

C.CORSI ‒ E.POLITO (eds.) Dalle sorgenti alla foce. Il bacino del Liri – Garigliano nell’antichità. Culture Contatti Scambi, Atti del Convegno, Frosinone – Formia 10 – 12 novembre 2005, Roma 2007.

W.PREHN, Ökonomische Rationalität oder symbolisches Kapital? Zur piscina maritima des L. Domitius Apollinaris in Formia, Hephaistos 25, 2007, 227-241.

S.CICCONE ET ALII (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sui giacimenti culturali del Lazio meridionale, VII. Bimillenario Vitruviano, Formia, 1998-2000, Marina di Minturno 2007.

H.AIGNER, Ein Doppelsitzer aus Formiae, in: F.Beutler ‒ W.Hameter (eds.), Eine ganz normale Inschrift … und ähnliches zum Geburtstag von Ekkehard Weber. Festschrift zum 30. April 2005, Wien 2005, 169-172.

S.QUILICI GIGLI, Circumfuso volitabant milite Volsci. Dinamiche insediative nella zona pontina, in: L.Quilici ‒ S.Quilici Gigli (eds.), Viabilità e insediamenti nell’Italia antica, Roma 2004, 235-275.

A.K.DALBY, Formian wine, in: A.K.Dalby (ed.), Food in the Ancient World from A to Z, London – New York 2003, 150.

S.CICCONE ET ALII (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sui giacimenti culturali del Lazio Meridionale, VI. Bimillenario Vitruviano, Formia 1998-2000, Marina di Minturno 2002.

S.CICCONE ET ALII (eds.), Formianum. Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. V, Marina di Minturno 2000.

S.CICCONE, Tecnica e impiego della muratura poligonale nella genesi urbana di Formiae, in: S.Ciccone et alii (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. V, Marina di Minturno 2000, 61-67.

E.ROMANO (ed.), Formia romana, Pratola Serra 2000.

H.SOLIN, Fortuna a Formia, in: G.Paci (ed.), Ἐπιγραφαί. Miscellanea epigrafica in onore di Lidio Gasperini, Tivoli 2000, 1003-1009.

S.CICCONE ET ALII (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. IV, Marina di Minturno 1998.

S.CICCONE ET ALII (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. III, Marina di Minturno 1996.

H.LAAKSONEN, Ordo et populus Formianus, in: H.Solin (ed.), Studi storico-epigrafici sul Lazio antico, Roma 1996, 129-153.

H.LAAKSONEN, Appunti sulla produzione epigrafica della Formiae romana, in: H.Solin (ed.), Studi storico-epigrafici sul Lazio antico, Roma 1996, 155-186.

A.ARNALDI ET ALII (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. II, Marina di Minturno 1995.

L.GASPERINI, Formiana epigraphica, Miscellanea Greca e Romana 19, Roma 1995, 281-306.

S.CICCONE ET ALII (eds.), Formianum, Atti del Convegno di Studi sull’antico territorio di Formia. 1, Marina di Minturno 1994.

H.LAAKSONEN, Formiae: zur Geschichte einer italischen Landschaft, in: H.Solin ‒ M.Kajava (eds.), Roman eastern policy and other studies in Roman history, Proceedings of a Colloquium at Tvärminne, 2-3 October 1987, Helsinki 1990, 163-174.

W.D.LEBEK, Zum Grabgedicht aus Formiae, ZPE 65, 1986, 65.

H.SOLIN, Ein Grabgedicht aus Formiae, ZPE 65, 1986, 61-64.

M.R.SANZI DI MINO, Testa femminile da Formia: un contributo all’iconografia femminile tardo-repubblicana, ArchClass 38-40, 1986-1988, 82-87.

W.C.MCDERMOTT, Mamurra, eques Formianus, RhM 126, 1983, 292-307.

S.CICCONE, Indicazioni sul Formianum di Cicerone presso l’Appia, in: R.Lefevre (eds.), Il Lazio nell’antichità romana, Roma 1982, 527-538.

M.FUCHS, Ein Bildnis der Kybele aus Formiae, in: B.von Freytag gen. Löringhoff et alii (eds.), Praestant interna. Festschrift für Ulrich Hausmann zum 65. Geburtstag am 13. August 1982, Tübingen 1982, 72-78.

X.LAFON, La voie littorale Sperlonga, Gaeta, Formia, MEFRA 91, 1979, 399-429.
B.Conticello, Antiquarium di Formia, Formia 1978.

L.GASPERINI, Le scoperte epigrafiche sotto S. Erasmo a Formia, in: L.Gasperini (ed.), Scritti storico-epigrafici in memoria di Marcello Zambelli, Roma 1978, 123-165.

M.GUAITOLI, Un tempio di età repubblicana a Formia, in: F.Castagnoli (ed.), Ricognizione archeologica e documentazione cartografica, Roma 1974, 131-141.

F.GIULIANI CAIROLI ‒ M.GUAITOLI, Il ninfeo minore della villa detta di Cicerone a Formia, Römische Mitteilungen 79, 1972, 191-219.

M.ZAMBELLI, Iscrizioni di Formia, Epigraphica 32, 1970, 72-79.

E.BIELEFELD, Zu den Nereiden aus Formia, Römische Mitteilungen 76, 1969, 93-102.

M.ZAMBELLI, Iscrizioni di Formia, Gaeta e Itri, Miscellanea Greca e Romana 2, Roma 1968, 335-378.

A.COLOMBINI, Un edile di Formia costruttore di alcuni edifici cittadini, Athenaeum 44, 1966, 137-141.
P.Ruffel ‒ J.Soubiran, Vitruve ou Mamurra?, Pallas 11, 1962, 123-179.

U.COZZOLI, Formia (Piazza della Vittoria). Dedica a Cecilia Paolina, moglie dell’imperatore Massimino il Trace, NSc 15, 1961, 178-183.

M.ZAMBELLI, Due iscrizioni inedite di Formia, PP 15, 1960, 450-457.

A.DE SANCTIS ‒ S.AURIGEMMA, Gaeta, Formia e Minturno, Roma 1955.

F.TONETTI, Memorie Formiane dei Mamurra, in: C.Galassi Paluzzi (ed.), Istituto di studi romani, Atti del terzo Congresso nazionale di Studi Romani, I, Bologna 1934, 22-25.

S.AURIGEMMA, Ritratto femminile dell’età di Augusto e statue muliebri iconiche scoperte in Formia, BA 10, 1930, 216-233.

G.SPANO, Formia, NSc, 1927, 434-450.

S.AURIGEMMA, Formia, NSc, 1926, 309-325.

S.AURIGEMMA, Recenti scoperte in Formia, BA 1, 1921, 309-335.

C.PASCAL, Formiae, Athenaeum 7, 1919, 153-157.

K.ALLEN, From Rome to Formia on the Track of Horace, Satires I. 5, CJ 12, 1917, 230-246.


FRANCAVILLA MARITTIMA

P.BROCATO (ed.), Studi sulla necropoli di Macchiabate a Francavilla Marittima (CS) e sui territori limitrofi, Roma 2015.

C.COLELLI, La ‘questione Lagaria’ e le ricerche archeologiche a Francavilla Marittima, in: P.Brocato (ed.), Studi sulla necropoli di Macchiabate a Francavilla Marittima (CS) e sui territori limitrofi, Roma 2015, 285-312.

C.COLELLI, Appendice I. Fonti antiche sul Lagaria e sul Cylistarnos, in: P.Brocato (ed.), Studi sulla necropoli di Macchiabate a Francavilla Marittima (CS) e sui territori limitrofi, Roma 2015, 313-315.

M.PAOLETTI, La necropoli enotria di Macchiabate, Lagaria e la ‘dea Sibari’, in: P.Brocato (ed.), Studi sulla necropoli di Macchiabate a Francavilla Marittima (CS) e sui territori limitrofi, Roma 2015, 7-22.

P.G.GUZZO, Da Francavilla Marittima a Pithecusa, in: G.Andreassi – A.Cocchiaro – A.Dell’Aglio (eds.), Vetustis novitatem dare. Temi di antichità e archeologia in ricordo di Grazia Angela Maruggi, Taranto 2013, 81-88.

M.T.GRANESE, “Dare un senso alle cose”. La funzione degli oggetti nei contesti sacri: l’esempio del santuario sul Timpone della Motta di Francavilla Marittima (CS), in: V.Nizzo – L.La Rocca (eds.), Antropologia e archeologia a confronto: rappresentazioni e pratiche del sacro, Atti dell’Incontro Internazionale di Studi, Roma, Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”, 20-21 maggio 2011, Roma 2012, 431-434.

R.PACE, Le donne a Francavilla Marittima (Cosenza) tra mondo indigeno e città greca, MedSec 23, 2011, 177-204.

R.PACE, La dea di Francavilla Marittima e le sue rappresentazioni, in: F.Quantin (ed.), Archéologie des religions antiques. Contributions à l’étude des sanctuaires et de la piété en Méditerranée (Grèce, Italie, Sicile, Espagne), Pau 2011, 103-125.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Due note su Sibari e Francavilla Marittima, RAL 22, 2011, 21-27.

P.ATTEMA, Conflict or coexistence? Remarks on indigenous settlement and Greek colonization in the foothills and hinterland of the Sibaritide (Northern Calabria, Italy), in: P.Guldager Bilde – J.Hjarl Petersen (eds.), Meetings of cultures in the Black Sea Region. Between conflict and coexistence, Aarhus 2008, 67-99.

M.KLEIBRINK MAASKANT, Dalla lana all’acqua. Culto e identità nel santuario di Atena a Lagaria, Francavilla Marittima (zona di Sibari, Calabria), Rossano 2003.

P.ZANCANI MONTUORO, Sibari sul Teutranto, PP 37, 1982, 102-108.

B.GENTILI, La dedica di Kleombrotos di Francavilla Marittima, PP 23, 1968, 222-224.

M.GUARDUCCI, Sulla tabella bronzea iscritta di Francavilla Marittima, RAL 20, 1965, 392-395.

G.PUGLIESE CARRATELLI, La dedica di Kleombrotos e le sigle preposte a nomi in epigrafi italiote, Atti e Memorie della Società di Magna Grecia, VI-VII, 1965-1966, 209-214.


FURFO (BARISCIANO)

M.BUONOCORE, Secundus heredum Albini vilicus. Riflessioni sulle proprietà senatorie in ambiente vestino, in: M.Lombardo – C.Marangio (eds.), Antiquitas. Scritti di storia antica in onore di Salvatore Alessandrì, Galatina 2011, 41-46.

T.STEK, Cult Places and Cultural Change in Republican Italy. A contextual Approach to Religious Aspects of rural Society after the Roman Conquest, Amsterdam 2010.

S.ESTIENNE – O.DE CAZANOVE, Offrandes et amendes dans les sanctuaries du monde romaine à l’époque républicaine, ARG 16, 2009, 5-36.

M.G.GRANINO CECERE, Pecunia sacra e proprietà fondiaria nei santuari dell’Italia centrale. Il contributo dell’epigrafia, ARG 16, 2009, 37-62.

M.G.GRANINO CECERE – G.MENNELLA, Le iscrizioni sacre con la formula LDDD e la gestione dello spazio santuariale da parte delle comunità cittadine in Italia, in: C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni – L.Lamoine (eds.), Le quotidien municipal dans l’Occident romain, Actes du Colloque tenu à Clermont-Ferrand, du 19 au 21 octobre 2007, Clermont-Ferrand 2008, 287-300.

G.L.GREGORI, Il funzionamento delle amministrazioni locali a Brixia e nella res publica Camunnorum, in: C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni – L.Lamoine (eds.), Le quotidien municipal dans l’Occident romain, Actes du Colloque tenu à Clermont-Ferrand, du 19 au 21 octobre 2007, Clermont-Ferrand 2008, 53-65.

M.ABERSON, Le statut de l’offrande: entre pratiques «gauloises» et «romaines» de dédicace des objets, in: J. Dalaison (ed.), Espaces et pouvoirs dans l’Antiquité de l’Anatolie à la Gaule, Hommages à Bernard Rémy, Grenoble 2007, 35-48.

S.SEGENNI, Calendari e vita municipale (Riflessioni su CIL XI 1420-1421), Epigraphica 69, 2007, 99-115.

G.FACCHINETTI, De donis: una proposta per l’interpretazione di due importanti documenti epigrafici, Aquileia Nostra 77, 2006, 105-138.

T.ADAMIK, Temple regulations from Furfo (CIL I2 756), in: H.Solin – M.Leiwo – H.Halla-Aho (eds.), Latin vulgaire/Latin tardif VI, Actes du VIe colloque international sur le latin vulgaire et tardif, Helsinki, 29 août – 2 septembre 2000, Hildesheim 2003, 77-82.

T.ADAMIK, A Furfói Iuppiter Liber-Templom szabályzata (CIL I2, 756), Antik Tanulmányok 46.1-2, 2002, 65-78.

P.CASTILLO PASCUAL, Las propriedades de los dioses: los loca sacra, Iberia. Revista de la Antigüedad 3, 2000, 83-110.

E.GIZZI – M.SPANU – M.VALENTI, Risultati preliminari della ricognizione archeologica nell’area dell’antica Furfo, in: A.Campanelli (ed.), Peltuinum. Antica città sul tratturo, Montana 1996, 26-31.

A.E.GORDON, Illustrated Introduction to Latin Epigraphy, Berkeley 1983.

U.LAFFI, La lex aedis Furfensis, in: E.Campanile (ed.), La cultura italica, Atti del Convegno della Società Italiana di Glottologia, Pisa 19-20 dicembre 1977, Pisa 1978, 121-144 [= ID., Studi di storia romana e di diritto, Roma 2001, 515-544].

G.MARINI, Una statua fittile a Furfo nei Vestini, Geoarcheologia 2, 1973, 55-58.


GELA

L.ABBATE, Iscrizioni greche arcaiche. Analisi delle epigrafi su ceramica dal Thesmophorion e dall’Acropoli di Gela, Roma 2017.

J.DE LA GENIÈRE, Tre problemi da risolvere sull’acropoli di Gela, in: L.Cicala – B.Ferrara (eds.), Kithon Lydios. Studi di storia e archeologia con Giovanna Greco, Quaderni del Centro Studi Magna Grecia 22, Napoli 2017, 515-532.

R.PANVINI, Il complesso emporico arcaico di Gela, in: A.Pontrandolfo – M.Scafuro (eds.), Dialoghi sull’archeologia della Magna Grecia e del Mediterraneo, Atti del I Convegno Internazionale di Studi, Paestum, 7-9 settembre 2016, Paestum 2017, 605-614.

R.PANVINI, Hera e Demetra a Gela. La continuità dei culti, in: L.Cicala – B.Ferrara (eds.), Kithon Lydios. Studi di storia e archeologia con Giovanna Greco, Quaderni del Centro Studi Magna Grecia 22, Napoli 2017, 313-327.

G.ALTERI ‒ E.GIAMPICCOLO, Gela. Le monete della zecca di Gela dal museo archeologico della città e dal Medagliere vaticano, Città del Vaticano 2014.

C.LAMBRUGO, Reconstructing early colonial Identity. Funerary Space in Archaic Gela (Sicily), in: J.M.Alvarez Martínez – T.Nogales Basarrate – I.Rodà de Llanza (eds.), Centro y periferia en el mundo clásico. Centre and periphery in the ancient world. XVIII Congreso Internacional Arqueología Clásica. XVIII International Congress of Classical Archaeology, Mérida, 13-17 mayo 2013, Mérida 2014, 1269-1271.

R.PANVINI, Gela nei decenni dell’occupazione di Camarina. Il nuovo quadro urbanistico ed economico della città alla luce delle recenti acquisizioni, in: E.Giudice – F.Muscolino – G.S.Chiarello (eds.), Aττικoν … κέραμoν. Veder greco a Camarina dal principe di Biscari ai nostri giorni, 3. Atti del convegno internazionale di studi ‘Veder greco a Camarina’, Catania, Vittoria, Camarina, Ragusa, Siracusa, 11-14 giugno 2008, Catania 2014, 93-103.

R.PANVINI, Indigeni e Greci nel retroterra geloo. Caratteri identitari e processi di acculturazione delle comunità sicane, in: J.M.Alvarez Martínez – T.Nogales Basarrate – I.Rodà de Llanza (eds.), Centro y periferia en el mundo clásico. Centre and periphery in the ancient world. XVIII Congreso Internacional Arqueología Clásica. XVIII International Congress of Classical Archaeology, Mérida, 13-17 mayo 2013, Mérida 2014, 377-380.

G.TORELLA, Le fortificazioni indigene della Sicilia centro-meridionale: l’area di influenza Geloa, Rahden/Westfalen 2014.

N.BURKHARDT, Bestattungssitten zwischen Tradition und Modifikation. Kulturelle Austauschprozesse in den griechischen Kolonien in Unteritalien und Sizilien vom 8. bis zum 5. Jh. v. Chr, Wiesbaden 2013.

C.LAMBRUGO, Profumi di argilla: tombe con unguentari corinzi nella necropoli arcaica di Gela, Roma 2013.

L.POLI PALLADINI, Aeschylus at Gela. An integrated approach, Alessandria 2013.

S.VERGER, Aspects des activités des femmes dans le Thesmophorion de Bitalemi, in: S.Verger – L.Pernet (eds.), Une Odyssée gauloise. Parures de femmes à l’origine des premiers échanges entre la Grèce et la Gaule, Arles 2013, 251-255.

S.VERGER, Les inscriptions votives de Bitalemi, in: S.Verger – L.Pernet (eds.), Une Odyssée gauloise. Parures de femmes à l’origine des premiers échanges entre la Grèce et la Gaule, Arles 2013, 250.

S.VERGER, Gestion du métal et pratiques votives dans le Thesmophorion de Bitalemi, in: S.Verger – L.Pernet (eds.), Une Odyssée gauloise. Parures de femmes à l’origine des premiers échanges entre la Grèce et la Gaule, Arles 2013, 256-264.

M.ALBERTOCCHI, «Eugenie» ebbre? Considerazioni su alcune pratiche rituali del Thesmophorion di Bitalemi a Gela, Kernos 25, 2012, 57-74.

M.BARRA BAGNASCO, A proposito di riletture di vecchi scavi: il santuario di Predio Sola a Gela, Orizzonti 13, 2012, 145-150.

J.DE LA GENIÈRE, Lindioi, mito o storia?, in: M.Congiu – C.Miccichè – S.Modeo (eds.), Dal mito alla storia. La Sicilia nell’archaiologhia di Tucidide, Caltanissetta 2012, 99-108.

R.PANVINI, Tra il Gela, l’Himeria e l’Halykos. I Sicani nella tradizione tucididea, in: M.Congiu – C.Miccichè – S.Modeo (eds.), Dal mito alla storia. La Sicilia nell’archaiologhia di Tucidide, Caltanissetta 2012, 217-237.

R.PANVINI, La fondazione di Gela e l’organizzazione degli spazi urbani in età arcaica, in: J.Bergemann (ed.), Griechen in Übersee und der historische Raum, Internationales Kolloquium Universität Göttingen, Archäologisches Institut, 13.-16. Oktober 2010, Leidorf 2012, 71-79.

L.SOLWE, Recenti scoperte a Gela: il sacello suburbano di Piazza Gorizia, in: J.Bergemann (ed.), Griechen in Übersee und der historische Raum, Internationales Kolloquium Universität Göttingen, Archäologisches Institut, 13.-16. Oktober 2010, Leidorf 2012, 81-87.

G.SPAGNOLO, Risorse naturali e approvvigionamento idrico a Gela in età greca, in: A.Calderone (ed.), Cultura e religione delle acque, Atti del Convegno interdisciplinare «Qui fresca l’acqua mormora…» (S. Quasimodo, Sapph. fr. 2,5), Roma 2012, 343-374.

E.TRAMONTANA, Tra Gela e Platani: organizzazione del territorio e dinamiche insediative nella Sicilia centromeridionale dall’età del ferro all’epoca arcaica, in: J.Bergemann (ed.), Griechen in Übersee und der historische Raum, Internationales Kolloquium Universität Göttingen, Archäologisches Institut, 13.-16. Oktober 2010, Leidorf 2012, 149-166.

J.BERGEMANN, Il Gela-Survey. 3000 anni di insediamenti e storia nella Sicilia centro meridionale, Sicilia antiqua 8, 2011, 63-100.

M.CONGIU, L’impianto urbano di età timoleontea a Gela, in: S.Congiu – C.Miccichè – S.Modeo (eds.), Timoleonte e la Sicilia della seconda metà del IV sec. a.C., Atti del VII Convegno di Studi del “Progetto Mesogheia”, Caltanissetta, 22-23 maggio 2010, Caltanissetta 2011, 193-200.

T.ISMAELLI, Archeologia del culto a Gela: il santuario del Predio Sola, Bari 2011.

S.VERGER, Dévotions féminines et bronzes de l’extrême nord dans le «Thesmophorion» de Géla, in: F.Quantin (ed.), Archéologie des religions antiques. Contributions à l’étude des sanctuaires et de la piété en Méditerranée, Pau 2011, 15-76.

J.BERGEMANN, Der Gela-Survey. 3000 Jahre Siedlungsgeschichte in Sizilien, 3. Beilagen und Tafeln, München 2010.

J.BERGEMANN, Der Gela-Survey. 3000 Jahre Siedlungsgeschichte in Sizilien, 2. Fundstellenkatalog, München 2010.

J.BERGEMANN, Der Gela-Survey. 3000 Jahre Siedlungsgeschichte in Sizilien, 1. Text, München 2010.

M.C.CARDETE DEL OLMO, Territorialización de la creencia. El caso Gelo, in: D.Bonanno et alii (eds.), Alleanze e parentele. Le “affinità elettive” nella storiografia sulla Sicilia antica, Atti del convegno internazionale, Palermo, 14-15 aprile 2010, Caltanissetta – Roma 2010, 43-59.

F.GIUDICE – R.PANVINI (eds.), Il greco, il barbaro e la ceramica attica. Immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni, 1, Atti del Convegno Internazionale di Studi, Catania, Caltanissetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, 14-19 maggio 2001, Roma 2010.

R.PANVINI, Le rayonnement des sanctuaires grecs de Géla sur l’arrière pays sicane, in: A.Vauchez ‒ J.De La Genière ‒ J.Leclant (eds.), Les sanctuaires et leur rayonnement dans le monde méditerranéen de l’Antiquité à l’époque moderne, Paris 2010, 39-63.

R.PANVINI, L’emporio greco in località Bosco Littorio, in: R.Panvini – L.Sole (eds.), La Sicilia in età arcaica. Dalle apoikiai al 480 a.C. Contributi dalle recenti indagini archeologiche, Palermo 2009, 179-181.

G.ADORNATO, Delphic enigmas? The Γελας ανασσων, Polyzalos, and the Charioteer Statue, AJA 112, 2008, 29-55.

M.C.CARDETE DEL OLMO, De griegos a siciliotas: la dimensión étnica del congreso de Gela, ASAA III 8, 2008, 153-167.

P.ORLANDINI, Demetra a Gela, in: C.A.Di Stefano (ed.), Demetra. La divinità, i santuari, il culto, la leggenda, Atti del I Congresso Internazionale, Enna, 1-4 luglio 2004, Pisa 2008, 173-186.

R.PANVINI, Il sistema delle offerte nei santuari ctonii dell’acropoli di Gela, in: G.Greco – B.Ferrara (eds.), Doni agli dei. Il sistema dei doni votivi nei santuari, Atti del Seminario di Studi, Napoli 21 aprile 2006, Napoli 2008, 241-255.

R.PANVINI, Le importazioni di alcuni beni di lusso a Gela e nella Sikania, in: M.Congiu – C.Miccichè – S.Modeo (eds.), Greci e Punici in Sicilia tra V e IV secolo a.C., Atti del Convegno di Studi sulla Sicilia Antica, Caltanissetta, 6-7 ottobre 2007, Caltanissetta 2008, 211-220.

L.SOLE, Un ripostiglio di monete puniche dall’abitato di Capo Soprano a Gela, in: M.Congiu – C.Miccichè – S.Modeo (eds.), Greci e Punici in Sicilia tra V e IV secolo a.C., Atti del Convegno di Studi sulla Sicilia Antica, Caltanissetta, 6-7 ottobre 2007, Caltanissetta 2008, 133-148.

M.CONGIU, Evidenze archeologiche di età romana nel territorio di Gela e Butera, in: C.Miccichè – S.Modeo – L.Santagati (eds.), La Sicilia romana tra Repubblica e Alto Impero, Atti del Convegno di Studio, Caltanissetta, 20-21 maggio 2006, Caltanissetta 2007, 135-149.

M.CONGIU, Aspetti geo-topografici e storici del comprensorio gelese. Il caso degli abitati protostorici di Monte Dessueri e di Butera, in: C.Miccichè – S.Modeo – L.Santagati (eds.), Diodoro Siculo e la Sicilia indigena, Atti del Convegno di Studi, Caltanissetta, 21-22 maggio 2005, Palermo 2006, 51-65.

F.GIUDICE – R.PANVINI (eds.), Il greco, il barbaro e la ceramica attica. Immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni, Atti del Convegno Internazionale di Studi, Catania, Caltanissetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, 14-19 maggio 2001, III, Roma 2006.

G.STUPPIA, La tirannide di Ippocrate di Gela tra violenza e consenso, Hormos 8, 2006, 103-114.

M.CACCAMO CALTABIANO, La mistica e il ruolo politico. L’ideologia del cavaliere nell’età delle tirannidi siceliote, in: R.Pera (ed.), L’immaginario del potere. Studi di iconografia monetale, Roma 2005, 1-32.

C.LAMBRUGO, Per la storia di un mondo “minore”. Alabastra e aryballoi corinzi nella necropoli arcaica di Gela: esegesi di un indicatore infantile, Orizzonti 6, 2005, 81-93.

M.C.LENTINI, Baubò a Gela, BABesch 80, 2005, 213-215.

P.ORLANDINI, I santuari ctoni di Gela, in: P.Minà (ed.), Urbanistica e architettura nella Sicilia greca, Catalogo della Mostra, Agrigento, 14 novembre 2004 – 31 ottobre 2005, Palermo 2005, 171-172.

R.PANVINI, Gela, Bosco Littorio, in: P.Minà (ed.), Urbanistica e architettura nella Sicilia greca, Catalogo della Mostra, Agrigento, 14 novembre 2004 – 31 ottobre 2005, Palermo 2005, 103.

E.ZUPPARDO – S.PICCOLO, Terra mater. Sulle sponde del Gela greco, Gela 2005.

R.ARENA, Problemi inerenti alla documentazione epigrafica di Gela ed Agrigento, Acme 56, 2003, 245-250.

G.BASTA DONZELLI, Eschilo a Gela, in: R.Panvini – F.Giudice (eds.), TA ATTIKA. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia, Roma 2003, 95-98.

E.GIUDICE – G.GIUDICE, Atene e la Sicilia nel terzo venticinquennio del V secolo a.C. Processi di scambio e due immagini della Parthenos a Gela e a Camarina, in: F.Giudice – R.Panvini (eds.), Il greco, il barbaro e la ceramica attica. Immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni, 2, Atti del Convegno Internazionale di Studi, Catania, Caltanissetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, 14-19 maggio 2001, Roma 2003, 7-32.

G.GRECO ET ALII, L’incidenza della ceramica attica nei santuari: il caso di Gela, in: R.Panvini – F.Giudice (eds.), TA ATTIKA. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia, Roma 2003, 157-184.

M.C.LENTINI, Gela, in: N.C.Stampolidis (ed.), Sea routes. From Sidon to Huelva. Interconnections in the Mediterranean 16th-6th century BC, Athens 2003, 190-193.

C.MASSERIA, Una piccola storia di insolita devozione: Baubo a Gela, Ostraka 12, 2003, 177-195.

J.R.MERTENS, Vases to and from Gela, in: R.Panvini – F.Giudice (eds.), Ta Attika. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia. Catalogo della mostra, Gela, Siracusa, Rodi 2004, Roma 2003, 193-196.

R.PANVINI, Le ceramiche attiche dall’emporio arcaico di Gela, in: R.Panvini – F.Giudice (eds.), Ta Attika. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia. Catalogo della Mostra, Gela, Siracusa, Rodi 2004, Roma 2003, 215-227.

R.PANVINI – F.GIUDICE (eds.), TA ATTIKA. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia. Catalogo della mostra, Gela, Siracusa, Rodi 2004, Roma 2003.

G.SPAGNOLO, Anfore da trasporto nord-egee in Occidente nel periodo arcaico e classico. L’esempio di Gela, in: G.Fiorentini – M.Caccamo Caltabiano – A.Calderone (eds.), Archeologia del Mediterraneo. Studi in onore di Ernesto De Miro, Roma 2003, 619-641.

M.TORELLI, Le ceramiche a figure rosse di Gela: contributo alla costruzione del profilo culturale di una città, in R.Panvini – F.Giudice (eds.), TA ATTIKA. Veder greco a Gela. Ceramiche attiche figurate dall’antica colonia, Roma 2003, 99-144.

R.M.BONACASA CARRA – R.PANVINI (eds.), La Sicilia centro-meridionale tra il II e il VI secolo d.C., Catalogo della mostra, Caltanissetta – Gela, Aprile – Dicembre 1997, Caltanissetta 2002.

G.FIORENTINI, L’età dionigiana a Gela e Agrigento, in: N.Bonacasa – L.Braccesi – E.De Miro (eds.), La Sicilia dei due Dionisî, Atti della settimana di studio, Agrigento, 24-28 febbraio 1999, Roma 2002, 147-167.

T.FISHER-HANSEN, Reflections on Native Settlements in the Dominions of Gela and Akragas – as Seen from the Perspective of the Copenhagen Polis Centre, in: T.Heine Nielsen (ed.), Even More Studies in the Ancient Greek Polis, Papers from the Copenhagen Polis Centre 6, Stuttgart 2002, 125-186.

F.LONGO, Gela, in: L.Cerchiai ‒ L.Jannelli ‒ F.Longo (eds.), Città greche della Magna Grecia e della Sicilia, Venezia 2002, 224-229.

E.PERUZZI, Epigrafe pitagorica da Gela, PP 57, 2002, 384-386.

L.SOLE, Museo Archeologico regionale di Gela: sequestri di monete da Gela e il suo territorio, AIIN 49, 2002, 285-320.

S.AMATO, Dal congresso di Gela alla pace di Nicia, Archivio Storico Siracusano 15, 2001, 7-40.

M.CACCAMO CALTABIANO – S.GARRAFFO (eds.), Moneta come, moneta perché? Introduzione al Monetiere di Gela, Gela 2001.

J.DE LA GENIÈRE, Ξένοι en Sicile dans la première moitié du Ve siècle: (Diod. XI, 72,3), REG 114, 2001, 24-36.

E.DE MIRO, Siracusa, Gela, Akragas nel periodo dionigiano: fonti storiche e nuovi dati archeologici, in: S.Bianchetti (ed.), Ποίκιλμα. Studi in onore di Michele R. Cataudella in occasione del 60° compleanno, La Spezia 2001, 361-367.

M.M.MORCIANO, Gela. Osservazioni sulla tecnica costruttiva delle fortificazioni di Capo Soprano, Rivista di Topografia Antica 11, 2001, 115-154.

R.PANVINI, La nave greca arcaica di Gela (e primi dati sul secondo relitto greco), Caltanissetta 2001.

A.PASQUIER (ed.), Les autels archaiques de Gela: une decouverte exceptionnelle en Sicile, Musee du Louvre, Salle de Diane, 25 septembre-17 decembre 2001, Caltanissetta 2001.

A.RIZZO, Licata. Finziade o Gela?, Caltanissetta 2001.

S.AMATO, La politica anticorinzia e antisiracusana di Atene nello scacchiere ionico fino alla pace di Gela, 424 a.C., Archivio Storico Siracusano 14, 2000, 5-83.

M.BELL III, Camarina e Morgantina al Congresso di Gela, in: A.Di Vita (ed), Un ponte fra l’Italia e la Grecia, Atti del Simposio in onore di Antonino Di Vita, Ragusa, 13-15 febbraio 1998, Padova 2000, 291-297.

M.CASTOLDI, Arte ionica a Gela. Il contributo della pittura, in: F.Krinzinger (ed.), Die Ägäis und das westliche Mittelmeer. Beziehungen und Wechselwirkungen 8. bis 5. Jh. v.Chr., Akten des Symposions (Wien, 24. bis 27. März 1999), Wien 2000, 245-249.

J.G.DEVOTO, Dionysios and Himilkon at Gela, AHB 14, 2000, 14-21.

L.G.LOPRESTI, Gela e l’entroterra tra il VII e VI secolo a.C., Kokalos 46, 2000, 365-380.

G.MAFODDA, Transazioni economiche e relazioni diplomatiche tra Roma e Gela al tempo della tirannide di Gelone, Kokalos 46, 2000, 253-259.

D.MERTENS, Gela. Nota sulle mura di Capo Soprano, in: I.Berlingò et alii (eds.), Damarato. Studi di antichità classica offerti a Paola Pelagatti, Milano 2000, 320-323.

G.MILLINO, La caduta delle tirannidi ad Agrigento, Gela e Imera, Hesperìa 12. Studi sulla grecità di Occidente, Roma 2000, 235-256.

C.RACCUIA, Iscrizioni dall’acropoli di Gela. L’apporto dell’epigrafia alle istituzioni di Gela arcaica, Kokalos 46, 2000, 319-325.

C.RACCUIA, Gela antica: storia, economia, istituzioni, Messina 2000.

E.ZAMBON, Finzia, i Mamertini e la seconda distruzione di Gela, Studi sulla grecità di Occidente, Hesperìa 12, Roma 2000, 303-308.

P.ANELLO, La storia di Gela antica, Kokalos 45, 1999, 385-408.

A.M.ARDOVINO, Sistemi demetriaci nell’Occidente greco. I casi di Gela e Paestum, in: M.Castoldi (ed.), Koinà. Miscellanea di studi archeologici in onore di Piero Orlandini, Milano 1999, 169-187.

A.CUTRONI TUSA, Considerazioni numismatiche, Kokalos 45, 1999, 413-426.

L.G.LOPRESTI, La morte di Cleandro e gli esordi della tirannide di Ippocrate a Gela, Kokalos 45, 1999, 293-299.

Per servire alla storia di Gela, Atti del Colloquio, 23 ottobre 1998, Kokalos 45, 1999, 381-554.

M.PETRUZZELLA, La stasis a Gela in età arcaica e la figura dello ierofante Telines, Kokalos 45, 1999, 500-507.

M.PIZZO, Sulla ceramica più antica di Gela e la topografia della città, in: M.Castoldi (ed.), Koinà. Miscellanea di studi archeologici in onore di Piero Orlandini, Milano 1999, 157-168.

F.P.RIZZO, Per una ricerca sul “dopo Gela”, Kokalos 45, 1999, 409-411.

R.SAMMARTANO, Le tradizioni letterarie sulla fondazione di Gela e il problema di «Lindioi», Kokalos 45, 1999, 471-499.

M.CASTOLDI, Le antefisse dipinte di Gela. Contributo allo studio della pittura siceliota arcaica. Scavi a Gela. Campagne 1951-1961, 1973-1975, Milano 1998.

J.HEIDEN, Zum frühklassischen Athenatempel von Gela, Römische Mitteilungen 105, 1998, 329-340.

R.PANVINI (ed.), Gela. Il Museo archeologico. Catalogo, Caltanissetta 1998.

D.ADAMESTEANU, Gela. Scavi ed evidenze archeologiche, in: D.Adamesteanu et alii (ed.), Omaggio a Gela, Milano 1997, 71-87.

D.ADAMESTEANU ET ALII, Omaggio a Gela, Milano 1997.

R.PANVINI, ΓELAS. Storia e archeologia dell’antica Gela, Torino 1996.

P.GRIFFO, Le fortificazioni di Capo Soprano. Rassegna dei miei scritti ad esse relative dal 1948 al 1987, Roma 1995.

R.ARENA, Le iscrizioni antiche di Gela e Agrigento. Problemi di lettura, Acme 48, 1994, 5-14.

N.LURAGHI ‒ M.ZORAT, Gelone, Enesidemo e la presa di Gela: proposta di restituzione in Aristot. Rhet. 1 12, 1373a23, MH 51, 1994, 67-72.

G.MAFODDA, Cleandro e la genesi della tirannide a Gela, Messana 19, 1994, 65-74.

C.RACCUIA, Greci e anellenici nella fondazione di Gela: il contributo delle fonti letterarie, Messana 19, 1994, 75-85.

S.AMATA, Gela ‒ Piazza Calvario, giugno‒luglio 1992, Kokalos 39-40, 1993-1994, 867-871.

A.CARBÈ, Circolazione monetale a Gela. I rinvenimenti negli scavi dell’ex scalo ferroviario, 1984-85, 1987, Quaderni di Archeologia 8, 1993, 51-59.

R.ARENA, Iscrizioni greche arcaiche di Sicilia e Magna Grecia, II. Iscrizioni di Gela e Agrigento, Milano 1992.

S.BERGER, Revolution and Society in Greek Sicily and Southern Italy, Stuttgart 1992.

G.FIORENTINI, Da Agrigento a Gela, in: L.Braccesi ‒ E.De Miro (eds.), Agrigento e la Sicilia greca. Atti della settimana di studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992, 121-131.

C.RACCUIA, La fondazione di Gela, Kokalos 38, 1992, 273-302.

F.SARTORI, Agrigento, Gela e Siracusa: tre tirannidi contro il barbaro, in L.Braccesi ‒ E.De Miro (eds.), Agrigento e la Sicilia greca, Atti della settimana di studio, Agrigento, 2-8 maggio 1988, Roma 1992, 77-93.

G.SPAGNOLO, Recenti scavi nell’area della vecchia stazione di Gela, Quaderni dell’Istituto di Archeologia della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Messina 6, 1991, 55-70.

S.STUCCHI, Il monumento per la vittoria pitica del Γελας ανασσων Polizalo, ArchClass 42, 1990, 55-86.

R.VAN COMPERNOLLE, Il regime democratico a Gela nel V secolo a. C., in: Studia Bruxellensia, Leuven 1990, 193-201.

T.VAN COMPERNOLLE, Architecture et tyrannie: à propos de la datation des temples A, B, C, E et I d’Agrigente, du temple C de Géla, de l’Athènaion dorique de Syracuse et du temple dite de la Victoire ò Himère, AC 58, 1989, 44-70.

A.CUTRONI TUSA, Considerazioni sulla monetazione gelese di IV secolo a.C., RIN 90, 1988, 19-26.

E.DE MIRO, Coroplastica geloa del VI e V sec. a.C., in: Hestiasis. Studi di tarda antichità offerti a Salvatore Calderone, Messina 1988, 387-396.

J.P.UHLENBROCK, The Terracotta protomai from Gela: a discussion of local style in archaic Sicily, Rome 1988.

M.DREHER, La dissoluzione della polis di Leontini dopo la pace di Gela (424 a.C.), ASNP 16, 1986, 639-660.

G.FIORENTINI, Gela: la città antica e il suo territorio. Il museo, Palermo 1985.

F.GIUDICE, Gela e il commercio attico verso l’Etruria nel primo quarto del V sec. a.C., SE 53, 1985, 115-139.

G.FIORENTINI ‒ E.DE MIRO, Gela proto-arcaica: dati topografici, archeologici e cronologici, ASAA 61, 1983, 53-106.

F.CORDANO, Note per la storia di Gela, Miscellanea Greca e Romana 8, 1982, 45-56.

M.T.MANNI PIRAINO, Nuove iscrizioni dall’acropoli di Gela, V, in: M.J.Fontana ‒ F.P.Rizzo ‒ M.T.Manni Piraino (eds.), Φιλίας χάριν. Miscellanea di studi classici in onore di Eugenio Manni, Roma 1980, 1765-1832.

G.K.JENKINS,The fifth century bronze coins of Gela and Kamarina, in: Le origini della monetazione di bronzo in Sicilia e in Magna Grecia. Atti del VI Convegno del Centro internazionale di studi numismatici, Napoli, 17-22 aprile 1977, Roma 1979, 181-189.

E.DE MIRO ‒ G.FIORENTINI, Gela nell’VIII e VII secolo a.C., Cronache di Archeologia e di Storia dell’Arte 17, 1978, 90-99.

E.DE MIRO – G.FIORENTINI, Gela. Scavi dell’acropoli 1973-1975, Kokalos 22-23, 1976-1977, 430-448.

C.BOEHRINGER, Die barbarisierten Münzen von Akragas, Gela, Leontinoi und Syrakus im 5. Jahrhundert v. Chr., in: Le emissioni dei centri siculi fino all’epoca di Timoleonte e i loro rapporti con la monetazione delle colonie greche di Sicilia, Atti del IV Convegno del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 9-14 aprile 1973, Roma 1975, 157-190.

C.NAVARRA, E Gela e Katagela, MDAI(R) 82, 1975, 21-82.

E.DE MIRO, Influenze cretesi nei santuari ctoni dell’area geloo-agrigentina, in: Antichità cretesi. Studi in onore di Doro Levi, II, Catania 1974, 202-207.

N.G.L.HAMMOND, The particular and the universal in the speeches in Thucydides, with special reference to that of Hermocrates at Gela, in: A.P.Stadter (ed.), The speeches in Thucydides. A collection of original studies with a bibliography, Chapel Hill 1973, 49-59.

A.P.MILLER, Studies in Early Sicilian Epigraphy. An Opisthographic Lead Tablet, Ann Arbor 1973.

C.CARITÀ, La topografia di Gela antica ovvero le origini della città di Licata, Bologna 1972.

D.ASHERI, Note on the resettlement of Gela under Timoleon, Historia 19, 1970, 618-623.
The A. deals with the resettlement of Gela under Timoleon in ca. 337 BC, recorded firstly in Plut. Tim. 35.2, where can be found the participation of old Geloan citizens and new settlers from Ceos – as part of the mixing strategy which was typical of Timoleon’s policy, e.g. in the case of Syracuse [p. 618]. The A. discusses therefore the numbers of the settlers and recalls the new prosperity brought by the resettlement [pp. 618-619], then he dwells on the presence of Ceans settlers, which was put in doubt by E. Pais: according to him, the reading in Plutarch’s passage ἐκ Κέω should be turned in ἐκ Κῶ (from Kos), since the name of the leader of the settlers, Gorgos, was common in Kos but unknown in Ceos, while there are some evidence of close relations between Gela and some Koan noble families [p. 619]. On the contrary, the A. notices that the name Gorgos is attested also in some Ionian islands, beyond the fact that the relations of Gela with Kos are not more relevant than those with Ceos [pp. 619-620]. Nevertheless, the A. recalls a document which definitely confirms Pais’ suggestions, i.e. a decree of 242 BC, SEG XII 380, regarding the asylia granted from the Geloans residing in Phintias to the Coans, who are said, according to the restitution of the text, to have been synoikistai of Gela and to be syggenes and oikistai. For this reason the A. disagrees with J. Seibert and its defense of the reading ἐκ Κέω in Plutarch’s text [p. 620]. The A. tries then to explain the use of the term synoikistes in the Geloan decree, by considering the use in our sources of synoikistes and synktistes: in his opinion, the interchangeability between the two words could have occurred in Hellenistic times, while in the Classical period the role of συνκτίστης concerned many different kinds of participants in joint foundations [pp. 620-622]. So, in SEG XII 380 synoikistes can be considered as synktistes, and Cos considered as a “joint-metropolis”, but it raises the problem of establishing if the Coans were synoikistai (co-founders) or oikistai (full-founders): after having summarized the list of the various founders of Gela, the A. concludes that in 242 BC there should have been 3 full-oikistai, Antiphemus, Timoleon and Phintias, and 2 associate-synoikistai, the Cretans and the Coans. So, the problematic presence of καθὰ καὶ τοὺς ἂλλους οἰκιστάς in SEG XII 380, l. 23 would mean that at the civic feasts the Geloans invoked the Coans among the synoikistai next to the name of the oikistai [pp. 622-623]. [F. Reali]

C.FARINA, Monete di Gela del Civico Gabinetto Numismatico, Notizie dal Chiostro del Monastero maggiore. Rassegna di studi del Civico Museo Archeologico e del Civico Gabinetto Numismatico di Milano, 5-6, 1970, 11-17.

G.K.JENKINS, The Coinage of Gela, Berlin 1970.

J.P.KESTEMAN, Les ancêtres de Gélon, AC 39, 1970, 395-413.

G.CAPUTO, L’anamnesi precoloniale nella storia più antica di Gela e Agrigento, in: E.De Miro – L.Godart – A.Sacconi (eds.), Atti e memorie dei I Congresso Internazionale di Miceneologia, Roma, 27 settembre-3 ottobre 1967, Roma 1968, 1169-1175.

P.ORLANDINI, Gela. Topografia dei santuari e documentazione archeologica dei culti, RIA 15, 1968, 20-66.

P.ORLANDINI, Diffusione del culto di Demetra e Kore in Sicilia, Kokalos 14-15, 1968-1969, 334-338.

G.UGGERI, Gela, Finzia e l’Alico nella battaglia del 249 a.C., PP 23, 1968, 120-131.

L.VON MATT ‒ P. GRIFFO, Gela. The ancient Greeks in Sicily, Greenwich 1968.

P.ORLANDINI, Gela. Nuove scoperte nel Thesmophorion di Bitalemi, Kokalos 13, 1967, 177-179.

G.UGGERI, La battaglia di Gela del 405 a.C. secondo Diodoro e le risultanze topografiche, SIFC 39, 1967, 252-259.

P.ORLANDINI, Lo scavo del Thesmophorion di Bitalemi e il culto delle divinità ctonie a Gela, Kokalos 12, 1966, 8-35.

G.K.JENKINS, The coinage of Gela in the period of the tyrants, in: Congresso Internazionale di Numismatica, Roma, 11-16 settembre 1961, Roma 1965, 131-134.

P.ORLANDINI, Nuovi graffiti rinvenuti a Gela e nel territorio di Caltanissetta, RAL 20, 1965, 454-460.

G.NAVARRA, Città sicane, sicule e greche nella zona di Gela, Palermo 1964.

L.VON MATT ‒ P.GRIFFO, Gela. Schicksal einer griechischen Stadt Siziliens, Würzburg 1964.

P.ORLANDINI, Il villaggio preistorico di Manfria, presso Gela, Palermo 1962.

P.ORLANDINI, L’espansione di Gela nella Sicilia centro-meridionale, Kokalos 8, 1962, 69-120.

P.ORLANDINI, Una precisazione cronologia sulla comparsa delle monete puniche a Gela e nel suo retroterra, AIIN 9-11, 1962-1964, 49-52.

P.ORLANDINI ‒ D.ADAMESTEANU, Gela. L’acropoli di Gela, NSA, 1962, 340-408.

P.ORLANDINI, La terza campagna di scavo sull’acropoli di Gela, Kokalos 7, 1961, 137-144.

P.ORLANDINI ‒ D.ADAMESTEANU, Gela. Nuovi scavi, NSA, 1960, 67-246.

D.ADAMESTEANU, Le iscrizioni false di Licata e di Gela, in: Atti del III Congresso Internazionale di Epigrafia greca e latina, Roma, 4-8 settembre 1957, Roma 1959, 425-434.

D.ADAMESTEANU, L’opera di Timoleonte nella Sicilia centromeridionale vista attraverso gli scavi e le scoperte archeologiche, Kokalos 4, 1958, 31-40.

P.GRIFFO, Sulle orme della civiltà gelese. Scavi e scoperte nell’antica Gela e nei territori della sua espansione, Agrigento 1958.

D.ADAMESTEANU, Nouvelles fouilles à Géla et dans l’arrière – pays, RA 49, 1957, 20.

R.BATTAGLIA, Eschilo e il teatro greco di Gela, Archivio storico per la Sicilia Orientale 10, 1957, 168-173.

P.ORLANDINI, Tipologia e cronologia del materiale archeologico di Gela dalla nuova fondazione di Timoleonte all’età di Ierone II, ArchClass 9, 1957, 44-74.

P.ORLANDINI, Noterelle epigrafiche da Gela, Kokalos 3, 1957, 94-97.

R.VAN COMPERNOLLE, Les Deinoménides et le culte de Déméter et Korè à Géla, in: Hommages à W. Deonna, Berchem ‒ Bruxelles 1957, 474-479.

D.ADAMESTEANU, Osservazioni sulla battaglia di Gela del 405 a.C., Kokalos 2, 1956, 142-146.

P.ORLANDINI, Storia e topografia di Gela dal 405 al 282 a.C. alla luce delle nuove scoperte archeologiche, Kokalos 2, 1956, 158-176.

H.WENTKER, Die Ktisis von Gela bei Thukydides, Römische Mitteilungen 63, 1956, 129-139.

S.BATTAGLIA, L’immane Gela, Gela 1954.

P.ORLANDINI, Due graffiti vascolari relativi al culto di Hera a Gela, RAL VIII 9, 1954, 454-457.

P.GRIFFO, Attività archeologica a Gela. Gli scavi delle fortificazioni greche in località Capo Soprano, Agrigento 1953.

P.ORLANDINI, Nuovi vasi del “Pittore di Pan” a Gela, ArchClass 5, 1953, 34-38.

P.GRIFFO, Gela preistorica ed ellenica, Agrigento 1949.

O.PRESTI, Il teatro greco di Gela e la tomba di Eschilo, Gela 1932.


GRAVISCA

L.FIORINI, Gravisca tra età classica ed ellenistica. La fine dell’emporio, in: A.Ancillotti – A.Calderini – R.Massarelli (eds.), Forme e strutture della religione nell’Italia mediana antica / Forms and Structures of Religion in Ancient Central Italy, Atti del III Convegno dell’Istituto di Ricerche e Documentazione sugli antichi Umbri (IRDAU), Perugia – Gubbio, 21-25 settembre 2011, Roma 2016, 315-328.

F.BOITANI, Gravisca in luce. Cinquant’anni di ricerche, in: L.Mercuri – L.Fiorini (eds.), Il mare che univa. Gravisca santuario mediterraneo, Catalogo della Mostra, Museo Archeologico Nazionale di Civitavecchia, 20 giugno – 20 luglio 2014, Roma 2014, 15-18.

L.FIORINI, Gli dei di Gravisca, in: L.Mercuri – L.Fiorini (eds.), Il mare che univa. Gravisca santuario mediterraneo, Catalogo della Mostra, Museo Archeologico Nazionale di Civitavecchia, 20 giugno – 20 luglio 2014, Roma 2014, 57-63.

L.FIORINI, Storie dal santuario, in: L.Mercuri – L.Fiorini (eds.), Il mare che univa. Gravisca santuario mediterraneo, Catalogo della Mostra, Museo Archeologico Nazionale di Civitavecchia, 20 giugno – 20 luglio 2014, Roma 2014, 31-39.

M.L.HAACK, Le fer et le feu. Enquête sur l’economie du sanctuaire étrusque de Gravisca, in: D.Frère – L.Hugot (eds.), Étrusques. Les plus heureux des hommes. Études offerts au Professeur Jean-René Jannot, Rennes 2014, 199-209.

C.MASSERIA, Tra Eros e Thanatos. La sirena di Gravisca, in: L.Mercuri – L.Fiorini (eds.), Il mare che univa. Gravisca santuario mediterraneo, Catalogo della Mostra, Museo Archeologico Nazionale di Civitavecchia, 20 giugno – 20 luglio 2014, Roma 2014, 65-66.

L.MERCURI – L.FIORINI (eds.), Il mare che univa. Gravisca santuario mediterraneo, Catalogo della Mostra, Museo Archeologico nazionale di Civitavecchia, 20 giugno – 20 luglio 2014, Roma 2014.

C.ANTONETTI – S.DE VIDO – L.DRAGO TROCCOLI, Lithoi, Semata, Anathemata. Connotare lo spazio sacro: contesti esemplari tra Grecia ed Etruria, in: A.Inglese (ed.), Epigrammata, 2. Definire, descrivere, progettare lo spazio. In ricordo di André Laronde, Atti del Convegno di Roma, Roma, 26-27 ottobre 2012, Tivoli 2013, 1-37.

D.DEMETRIOU, Negotiating identity in the Ancient Mediterranean. The Archaic and Classical Greek multiethnic emporia, Cambridge 2012.

M.TORELLI, Le adonie di Gravisca, in: A.Sciarma (ed.), Σημαινειν. Significare. Scritti vari di ermeneutica archeologica, Pisa 2012, 29-56.

L.FIORINI – S.FORTUNELLI, Si depongano le armi. Offerte rituali di armi dal santuario settentrionale di Gravisca, in: C.Masseria – D.Loscalzo (eds.), Miti di guerra, riti di pace. La guerra e la pace. Un confronto interdisciplinare. Atti del Convegno, Torgiano – Perugia, 4-6 maggio 2009, Bari 2011, 39-50.

L.FIORINI – M.TORELLI, Quarant’anni di ricerche a Gravisca, in: L.B.Van der Meer (ed.), Material aspects of Etruscan religion, Proceedings of the International Colloquium, Leiden, 29-30 may 2008, Leuven 2010, 29-49.

F.GAMBACORTA, Ripostiglio di Gravisca (Tarquinia, VT), 1969. Monete romane imperiali. Ripostigli monetali in Italia. Documentazione dei complessi, Tarquinia 2009.

F.BOITANI, Gravisca. Profilo storico-topografico, in: M.Torelli – A.M.Moretti Sgubini (eds.), Etruschi. Le antiche metropoli del Lazio, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 21 ottobre 2008 – 6 gennaio 2009, Milano 2008, 148-153.

F.FIORINI, Il santuario dei mercanti greci e le feste di Adone a Gravisca, in: M.Torelli – A.M.Moretti Sgubini (eds.), Etruschi. Le antiche metropoli del Lazio, Catalogo della Mostra, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 21 ottobre 2008 – 6 gennaio 2009, Milano 2008, 154-161.

F.FIORINI, Le sanctuaire de Gravisca, Les Dossiers d’archéologie 322, 2007, 108-111.

L.FIORINI – M.TORELLI, La fusione, Afrodite e l’emporion, Facta. A Journal of Roman material culture 1, 2007, 75-106.

S.FORTUNELLI, Il deposito votivo del santuario settentrionale, Bari 2007.

M.L.HAACK, Phocéens et Samiens à Gravisca, BABesch 82, 2007, 29-40.

L.FIORINI, Ceramiche attiche a Gravisca. Imports models e scelta di un mercato specializzato, in: F.Giudice – R.Panvini (eds.), Il greco, il barbaro e la ceramica attica. Immaginario del diverso, processi di scambio e autorappresentazione degli indigeni, vol. 3, Atti del Convegno Internazionale di Studi, Catania, Caltanissetta, Gela, Camarina, Vittoria, Siracusa, 14-19 maggio 2001, Roma 2006, 65-74.

M.TORELLI, Due ritratti greci, una villa marittima e le coste di Gravisca, in: M.Bonghi Jovino (ed.), Tarquinia e le civiltà del Mediterraneo, Convegno Internazionale, Milano, 22-24 giugno 2004, Milano 2006, 347-369.

L.FIORINI, Gravisca. Scavi nel santuario greco. Topografia generale e storia del santuario. Analisi dei contesti e delle stratigrafie, Bari 2005.

F.COLIVICCHI, Gravisca: scavi nel santuario greco, 16. I materiali minori, Bari 2004.

M.TORELLI, Un dono per gli dei: kantharoi e gigantomachie. A proposito di un kantharos a figure nere da Gravisca, in: K.Lomas (ed.), Greek Identity in the Western Mediterranean. Papers in honour of B.Shefton, Leiden – Boston 2004, 211-228.

M.TORELLI, Quali Greci a Gravisca?, Annali della Fondazione per il Museo ‘Claudio Faina’ vol. 11, Roma 2004, 297-339.

A.JOHNSTON – M.PANDOLFINI, Gravisca. Scavi nel santuario greco, 15. Le iscrizioni, Bari 2000.

M.TORELLI, Riflessioni a margine dell’emporion di Gravisca, Pact. Revue du Groupe européen d’études pour les techniques physiques, chimiques et mathématiques appliquées à l’archéologie 20, 1998, 181-188.

M.TORELLI, Per la definizione del commercio greco-orientale: il caso di Gravisca, PP 37, 1982, 304-325.


GRUMENTO

A.BUONOPANE, I magistrati della colonia di Grumentum (Italia, regio III): aspetti e problemi, in: S.Segenni – M.Bellomo (eds.), Epigrafia e politica. Il contributo della documentazione epigrafica allo studio delle dinamiche politiche nel mondo romano, Milano 2017, 119-146.

A.BUONOPANE, Un anonimo praetor IIvir quinquiens di Grumentum (Italia, regio III) in CIL X, 218, Epigraphica 78, 2016, 399-402.

M.P.GARGANO – A.BUONOPANE, I magistri Mercuriales Augustales e gli Augustales Mercuriales di Grumentum: alcune osservazioni in base a una nuova iscrizione rinvenuta nella villa romana di Baricelle di Marsicovetere (Potenza), in: A.Mastrocinque – C.M.Marchetti – R.Scavone (eds.), Grumentum and Roman Cities in Southern Italy, Oxford 2016, 311-317.

A.MASTROCINQUE – C.M.MARCHETTI – R.SCAVONE (eds.), Grumentum and Roman Cities in Southern Italy, Oxford 2016.

F.TARLANO, Le aree interne della Basilicata meridionale tra mondo lucano e romanizzazione. L’alta valle dell’Agri, in: P.L.Dall’Aglio – C.Franceschelli – L.Maganzani (eds.), Atti del IV Convegno Internazionale di Studi Veleiati, Veleia – Lugagnano Val D’Arda, 20-21 settembre 2013, Bologna 2014, 285-298.

D.CALOMINO, Il quadro dei ritrovamenti monetali a Grumentum, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumento e il suo territorio nell’antichità, Oxford 2013, 213-222.

D.COTTICA – E.TOMASELLA, Alcune riflessioni sugli approvvigionamenti del centro urbano tra età repubblicana ed età imperiale alla luce dei reperti anforici del foro, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumento e il suo territorio nell’antichità, Oxford 2013, 103-112.

I.JACOBS, Il contributo belga alla missione italiana di Grumentum, Forma Urbis 19, 2013, 40-45.

A.MASTROCINQUE (ed.), Grumento e il suo territorio nell’antichità, Oxford 2013.

M.SACCHETTA, L’acquedotto romano di Grumentum, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumento e il suo territorio nell’antichità, Oxford 2013, 199-212.

M.L.CALDELLI – M.F.PETRACCIA – C.RICCI, Praesidia Urbis et Italiae. I mestieri della tutela e della sicurezza, in: C.Wolff (ed.), Le métier du soldat dans le monde romain. Actes du cinquième Congrès de Lyon (23-25 septembre 2010), Lyon 2012, 285-299.

H.DI GIUSEPPE, Hannibal’s legacy and black glaze ware in Lucania, in: F.Colivicchi (ed.), Local cultures of South Italy and Sicily in the Late Republican Period. Between Hellenism and Rome, Portsmouth 2011, 57-76.

V.FALASCA, Grumentum. Colonia romana, Lagonegro 2011.

M.SACCHETTA, Il territorio di Grumentum attraverso l’analisi delle fonti storiche locali, in: F.Tarlano (ed.), Il territorio grumentino e la valle dell’Agri nell’antichità, Atti della Giornata di Studi, Grumento Nova (Potenza), 25 aprile 2009, Bologna 2010, 133-143.

F.TARLANO (ed.), Il territorio grumentino e la valle dell’Agri nell’antichità, Atti della Giornata di Studi, Grumento Nova (Potenza), 25 aprile 2009, Bologna 2010.

S.BASCHIROTTO, Grumentum. Storia delle ricerche, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 9-19.

D.CALOMINO, Le monete del foro di Grumentum e la circolazione monetale nell’abitato, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 38-62.

L.CAMERLENGO – F.SORIANO, Grumento. Storia di una colonia romana nell’alta valle d’Agri, Forma Urbis 14, 2009, 15-22.

H.DI GIUSEPPE – G.RICCI, L’angolo nord-occidentale del foro di Grumentum. Una proposta interpretativa, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 137-161.

M.GUALTIERI, La romanizzazione del territorio. Grumentum e l’alta val d’Agri nel contesto della Lucania romana, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 217-233.

S.MARASTONI, Il mundus di Grumentum?, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 234-250.

A.MASTROCINQUE (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009.

A.MASTROCINQUE, Grumentum. Nuove ricerche, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 251-256.

M.L.NAVA, Grumentum. Gli scavi del portico, della basilica e della fontana del foro, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 257-272.

L.SPERTI, Un togato velato capite da Grumentum, in: A.Mastrocinque (ed.), Grumentum romana, Atti del Convegno di Studi, Grumento Nova (Potenza), Salone del Castello Sanseverino, 28-29 giugno 2008, Moliterno 2009, 315-321.

A.BUONOPANE, Le iscrizioni romane di Grumentum: rivisitazioni e novità da scavi e studi recenti, Rend. Pont. Acc. Rom. Arch. 79, 2007, 315-342.

A.MASTROCINQUE, Giulio Cesare e la fondazione della colonia di Grumentum, Klio 89, 2007, 118-124.

A.BUONOPANE, Le iscrizioni romane di Grumentum. Rivisitazioni e novità da scavi e studi recenti, RPAA 79, 2006-2007, 315-342.

A.MASTROCINQUE, Grumentum di Lucania, Archeologia Viva 25, 2006, 32-39.

T.PERRETTI, La dea Mefite tra Potentia e Grumentum (Italia, III Regio), in: F.Betrán Lloris (ed.), Antiqua iunìora. En torno al Mediterráneo en la Antigüedad, Zaragoza 2004, 53-65.

S.DE VINCENZO, Un complesso rurale di età repubblicana nel territorio di Grumentum. La fattoria in località Valloni, Siris 4, 2003, 23-62.

A.ZSCHÄTZSCH, Eine neue Inschrift der republikanischen Zeit aus Grumentum, ZPE 141, 2002, 292-294.

A.CAPANO, La distribuzione dell’acqua nell’antica Grumentum, in: M.L.Nava (ed.), Archeologia dell’acqua in Basilicata, Lavello 1999, 167-174.

M.MUNZI, Un grammatico greco a Grumentum. Società e cultura in un centro della Lucania, ArchClass 45, 1993, 375-387.

L.GIARDINO, L’abitato di Grumentum in età repubblicana. Problemi storici e topografici, in: M.Salvatore (ed.), Basilicata. L’espansionismo romano nel sud-est d’Italia. Il quadro archeologico, Atti del Convegno, Venosa, 23-25 aprile 1987, Venosa 1990, 125-157.

P.BOTTINI, Grumento Nova (Potenza), SE 52, 1984, 472-473.

R.CORCHIA, Torso di fanciullo da Grumentum. Un Arpocrate?, AION(archeol) 5, 1983, 103-108.

L.GIARDINO, La viabilità nel territorio di Grumentum in età repubblicana ed imperiale, in: Studi in onore di Dinu Adamesteanu, Galatina 1983, 195-217.

M.GUARDUCCI, In margine alle “Corone d’oro”. Armento e Grumentum, Epigraphica 37, 1975, 209-212.

A.DONATI, Coh(ors) I Morinor(um) et Cersiacor(um), Epigraphica 33, 1971, 70-74.


GUBBIO

L.CENCIAIOLI – R.BORSELLINI – E.PELLEGRINI, Le Tavole Eugubine tra territorio e musealizzazione. Progetti di valorizzazione, in: A.Ancillotti – A.Calderini – R.Massarelli (eds.), Forme e strutture della religione nell’Italia mediana antica / Forms and Structures of Religion in Ancient Central Italy, Atti del III Convegno dell’Istituto di Ricerche e Documentazione sugli antichi Umbri (IRDAU), Perugia – Gubbio, 21-25 settembre 2011, Roma 2016, 155-182.

P.VITELLOZZI, La formula defissoria nel testo delle Tabulae Iguvinae (VIb 60, VIIa 49), in: A.Ancillotti – A.Calderini – R.Massarelli (eds.), Forme e strutture della religione nell’Italia mediana antica / Forms and Structures of Religion in Ancient Central Italy, Atti del III Convegno dell’Istituto di Ricerche e Documentazione sugli antichi Umbri (IRDAU), Perugia – Gubbio, 21-25 settembre 2011, Roma 2016, 649-660.

A.L.PROSDOCIMI, Le Tavole Iguvine. 2. Preliminari per l’interpretazione. La testualità: fatti e metodi, I-III, Firenze 2015.

D.MANCONI, Gubbio, Todi, Spoleto, Spello. Realtà umbre a confronto, in: O.Paoletti – M.C.Bettini (eds.), Gli Umbri in età preromana, Atti del XXVII Convegno di Studi Etruschi ed Italici, Perugia – Gubbio – Urbino, 27-31 ottobre 2009, Pisa – Roma 2014, 123-155.

M.TORELLI, L’urbanistica di Iguvium, la Porta Vehia e le Tavole Iguvine, in: R.M.Cid López – E.García Fernández (eds.), Debita Verba. Estudios en homenaje al Profesor Julio Mangas Manjarrés, Oviedo 2013, 135-153.

J.-C.LACAM, La gourmandise des dieux: les gâteaux sacrés des tables de Gubbio (IIIe – IIe s. av. J.-C.), MEFRA 124.2, 2012, 551-576.

S.STODDART – L.CECCARELLI – D.REDHOUSE, Before the frontier. Gubbio and its landscape before the state, in: N.Negroni Catacchio (ed.), Preistoria e protostoria in Etruria. L’Etruria dal paleolitico al Primo Ferro. Lo stato delle ricerche, Atti del Decimo Incontro di Studi, Valentano (VT) – Pitigliano (Gr), 10-12 settembre 2010, Milano 2012, 677-687.

G.CIFANI – S.STODDART, Tra Perugia e Gubbio. Archeologia di un paesaggio di frontiera, Bollettino di Archeologia 2, 2011, 212-215.

E.DUPRAZ, Osservazioni sulla coesione testuale nei rituali umbri: il caso delle Tavole I e IIa, in: G.Rocca (ed.), Le lingue dell’Italia antica. Iscrizioni, testi, grammatica. Die Sprachen Altitaliens. Inschriften, Texte, Grammatik. In memoriam Helmut Rix (1926-2004), Atti del Convegno Internazionale, Milano, 7-8 marzo 2011, Άλεξάνδρεια – Alessandria 5, 2011, 49-91.

L.FIORINI, Un nuovo santuario extraurbano a Gubbio. Il tempio in loc. Caipicchi (Nogna), Ostraka 20, 2011, 39-47.

J.C.LACAM, Le “prêtre danseur” de Gubbio. Etude ombrienne (IIIe – IIe s. av. J.-C.), RHR 228, 2011, 5-26.

P.CASTELLI – S.GERUZZI (eds.), Prima e dopo le Tavole Eugubine. Falsi e copie fra tradizione antiquaria e rivisitazioni dell’antico, Pisa – Roma 2010.

M.P.MARCHESE, Una copia lignea delle Tavole di Gubbio, in: P.Castelli – S.Geruzzi (eds.), Prima e dopo le Tavole Eugubine. Falsi e copie fra tradizione antiquaria e rivisitazioni dell’antico, Pisa – Roma 2010, 155-168.

S.SISANI, Gubbio: nuove riflessioni sulla forma urbana, ArchClass 61, 2010, 75-134.

S.STODDART, Changing views of the Gubbio landscape, in: P.Fontaine (ed.), L’Etrurie et l’Ombrie avant Rome. Cité et territoire, Actes du Colloque International, Louvain-la-Neuve, 13-14 février 2004, Bruxelles – Rome 2010, 211-218.

M.WEISS, Language and ritual in Sabellic Italy. The ritual complex of the third and fourth Tabulae Iguvinae, Leiden – Boston 2010.

S.SISANI, Umbrorum gens antiquissima Italiae. Studi sulla società e le istituzioni dell’Umbria preromana, Perugia 2009.

M.CANTE, Una porta romana a Gubbio, in: D.Manconi (ed.), Gubbio. Scavi e nuove ricerche, 1. Gli ultimi rinvenimenti, Città di Castello 2008, 35-50.

D.MANCONI (ed.), Gubbio. Scavi e nuove ricerche, 1. Gli ultimi rinvenimenti, Città di Castello 2008.

M.CASAGRANDE, Per uno studio delle monete di Gubbio, AIIN 53, 2007, 81-114.

M.L.PORZIO GERNIA, La pax divina. Tra storia e preistoria linguistica. La testimonianza delle tavole di Gubbio, Alessandria 2007.

A.L.PROSDOCIMI, Etnici e nome nelle Tavole Iguvine, AnnFondFaina 8, 2001, 31-77.

S.SISANI, Tuta Ikuvina. Sviluppo e ideologia della forma urbana a Gubbio, Roma 2001.

G.BRADLEY, Tribes, States and Cities in central Italy, in: E.Herring – K.Lomas (eds.), The emergence of state identities in Italy in the first millennium BC, London 2000, 109-129.

L.PEDRONI, Un’officina monetaria romana proprio a Gubbio?, AHB 12, 1998, 101-105.

A.ANCILOTTI – R.CERRI, Le tavole di Gubbio e la civiltà degli Umbri, Perugia 1996.

M.MATTEINI CHIARI (ed.), Museo Comunale di Gubbio. Materiali archeologici, Perugia 1995.

F.CATALLI – A.COLIVICCHI – M.MUNZI, Museo Comunale di Gubbio. Monete, Perugia 1994.

C.ARMENI – C.FALCUCCI, Museo comunale di Gubbio: incisioni, Perugia 1993.

F.CATALLI, Monetazione preromana in Umbria: le zecche di Tuder ed Iguvium, in: F.Roncalli (ed.), Gens antiquissima Italiae. Antichità dell’Umbria a Budapest e Cracovia, Catalogo della Mostra, Budapest, 4 agosto – 17 settembre 1989, Cracovia, 9 novembre 1989 – 7 gennaio 1990, Perugia 1989, 140-143.

M.CIPOLLONE, Gubbio (Perugia). Officina ceramica di età imperiale in località Vittorina. Campagna di scavo 1983, NSA 38-39, 1984-1985, 95-167.

A.SCALEGGI – D.MANCONI – A.TUFANI, Un monumento romano a Gubbio. Lettura, tentativo di identificazione, restauro, AFLPer(class) 22, 1984-1985, 207-225.

D.MANCONI – F.SCHIPPA, Scavi e scoperte. Gubbio (PG), SE 51, 1983, 456-457.

A.L.PROSDOCIMI, Lega e tributo nelle tavole di Gubbio IIb e Vb 8-18, PP 38, 1983, 359-385.

A.L.PROSDOCIMI, Questura italica e questura romana. I cvestur farariur “questori del farro” di Mevania e gli homonus duir puri far eiscurent “i due uomini che faranno la questua del farro” di Gubbio, AIV 113, 1983-1984, 169-190.

M.BERGAMINI, Gubbio, nuovi scavi a via degli Ortacci. La ceramica aretina, AFLPer 6.1, 1982-1983, 103-159.

P.BRACONI – D.MANCONI, Gubbio, nuovi scavi a via degli Ortacci, AFLPer 6.1, 1982-1983, 79-102.

P.CIUFERRI ET ALII, Ikuvium, Iguvio, Iulia Iguvia, Inginum, Bobio, Agobbio, Eugubium, Uguvio, Gubbio, Perugia 1982.

C.BRUSCHETTI, Una singolare edizione delle Tavole di Gubbio, Cortona 1981.

G.DEVOTO, Le tavole di Gubbio, Firenze 1977.

F.COSTANTINI, Ipotesi sulla topografia dell’antica Gubbio, AATC 35, 1970, 51-73.

F.NUTI, La colonia Iulia Eugubia e un passo del “Bellum
civile”
, A&R 8, 1963, 62-65.

J.W.POULTNEY, The Bronze Tables of Iguvium, Baltimore 1959.

P.G.SCARDIGLI, Studi sulla III e IV tavola di Gubbio, SE 26, 1958, 155-184.

P.G.SCARDIGLI, Studi sulla III e IV tavola di Gubbio, SE 25, 1957, 267-301.


ISERNIA

C.RICCI, L.Abullius Dexter di Fagifulae e il suo omonimo di Aesernia. Un nuovo frammento epigrafico e alcune considerazioni, Epigraphica 78, 2016, 169-178.

P.ROCCO – F.D’ORAZIO, Nuovi bolli su ceramica a vernice nera da
Isernia
, Considerazioni di Storia ed Archeologia 6, 2013, 71-73.

M.P.MARCHESE, Aesernia. Appunti per un’etimologia, in: D.F.Maras (ed.), Corollari. Scritti di antichità etrusche e italiche in omaggio all’opera di Giovanni Colonna, Pisa 2011, 206-209.

M.BUONOCORE, Comunicazione di un passato non ancora
trascorso. Due esempi di propaganda municipale ad Aesernia romana
, in: M.G.Angeli Bertinelli – A.Donati (eds.), La comunicazione nella storia antica. Fantasia e realtà, Atti del III Incontro Internazionale di storia antica, Genova, 23-24 novembre 2006, Roma 2008, 153-168.

M.BUONOCORE, Classi dirigenti ad Aesernia romana, in: H.Solin (ed.), Le epigrafi della Valle di Comino, Atti del terzo Convegno epigrafico cominese, San Donato Val di Comino, 27 maggio 2006, Cassino 2007, 11-36.

M.PAGANO, Rinvenimento di un’iscrizione funeraria romana, Conoscenze. Rivista semestrale della Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Molise 1, 2004, 78.

M.BUONOCORE, Molise. Repertorio delle iscrizioni latine. Aesernia V.2, Campobasso 2003.

G.DE BENEDITTIS – M.MATTEINI CHIARI – C.TERZANI, Aesernia: il territorio e la città, Campobasso 1999.

C.TERZANI, L’ambiente latino. Isernia, in: L.Del Tutto Palma (ed.), La tavola di Agnone nel contesto italico, Atti del Convegno di Studio, Agnone, 13-15 aprile 1994, Firenze 1996, 147-153.

M.BUONOCORE, Aesernina, Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia 64, 1991-1992, 128-151.

V.CASTELLANI, La struttura sotterranea dell’antico acquedotto
di Aesernia (Isernia)
, Rivista di Topografia Antica 1, 1991, 113-128.

G.D’HENRY, La romanizzazione del Sannio nel II e I secolo a.C. , in: La Romanisation du Samnium aux IIe et Ier siècles av.J.-C., Actes du Colloque, Naples 4-5 nov. 1988, Paris-Naples 1991, 9-19.

M.BUONOCORE, Un’iscrizione latina inedita da S. Pietro Avellana (Isernia) pertinente al municipium di Aufidena, Archivio Storico Molisano 7, 1983-1984, 125-133.

F.VALENTE, Isernia. Origine e crescita di una città, Campobasso 1982.

A.VITI, Res publica Aeserninorum, Isernia 1982.

P.FLOBERT, A propos de l’inscription d’Isernia (CIL IX 2689), in: Mélanges de littérature et d’épigraphie latines, d’histoire ancienne et d’archéologie. Hommage à la mémoire de Pierre Wuilleumier, Paris 1980, 121-128.

S.DIEBNER, Aesernia – Venafrum. Untersuchungen zu den römischen Steindenkmälern zweier Landstädte Mittelitaliens, Roma 1979.

A.PASQUALINI, Isernia, in: U.Cardarelli (ed.), Studi di urbanistica antica, Roma 1966, 79-84.


IUVANUM (MONTENERODOMO)

G.BRADLEY ET ALII, Iuvanum Survey Projekt. Report and results, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 11-30.

P.DOMENICUCCI, Epigrafia e teatro. Genesi di una pièce
iuvanense
, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 213-214.

G.IACULLI, Ancora sull’iscrizione pavimentale del foro di Iuvanum, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 213-214, 81-91.

S.LA PENNA, Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela e valorizzazione. Stato dell’arte, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 5-9.

S.LA PENNA – A.FAUSTOFERRI (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013.

D.LIVERATORE, Dal santuario italico al monastero medievale di
Santa Maria dello Spineto. Ricerche archeologiche presso l’antica Trebula (Quaderi, CH)
, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 117-146.

A.MUCCIANTE, Iuvanum. Gli scavi nel settore occidentale del foro, Area 1, campagne di scavo 2007-2008. Rinvenimento di un gruzzolo di IV secolo, possibili implicazioni archeosismologiche e breve nota preliminare sulla ceramica dipinta tarda di Iuvanum, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 99-116.

R.PAPI, Iuvanum e gli insediamenti fortificati del territorio carricino, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 59-80.

P.PORENA, Novità epigrafiche da Iuvanum, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 3-98.

C.TAMBURRINO – E.DI VALERIO – S.TORELLO DI NINO, Montenerodomo (CH). Nuovi dati dal territorio di Iuvanum, in: S.La Penna – A.Faustoferri (eds.), Iuvanum tra Sangro e Aventino. Ricerca, tutela, valorizzazione, Atti del Convegno Internazionale in ricordo di Walter Pellegrini, Montenerodomo (CH), 30-31 maggio 2008, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 3, 2011, Chieti 2013, 400-407.

M.BUONOCORE, Spigolature epigrafiche, V, Epigraphica 73, 2011, 323-324.

P.PORENA, Iscrizione sepolcrale inedita di un medico da Iuvanum, Epigraphica 72, 2010, 111-127.

R.TUTERI ET ALII, Dall’urbanizzazione premunicipale alla città romana, Quaderni di Archeologia d’Abruzzo 2, 2010, 27-64.

M.BUONOCORE, Iuvanum: la ricerca epigrafica da Mommsen ad oggi, in: C.Marangio – G.Laudizi (eds.), Παλαιὰ Φιλία. Studi di topografia antica in onore di G.Uggeri, Galatina 2009, 261-270.

S.LA PENNA – L.TULIPANI – P.STAFFILANI, Iuvanum. L’area archeologica, Sulmona 2006.

L.DELLA VALLE DI MONTICELLI, Iuvanum. Alcune considerazioni sul sistema viario, in: E.Fabbricotti (ed.), Iuvanum, Atti del Convegno di Studi, Chieti, Maggio 1983, Chieti 1990, 91-93.

E.FABBRICOTTI (ed.), Iuvanum, Atti del Convegno di Studi, Chieti, Maggio 1983, Chieti 1990.

G.FIRPO, Linee di storia iuvanense tra IV e I secolo a.C., in: E.Fabbricotti (ed.), Iuvanum, Atti del Convegno di Studi, Chieti, Maggio 1983, Chieti 1990, 35-49.

G.PACI, Il materiale epigrafico iuvanense e il suo contributo alla storia del municipio, in: E.Fabbricotti (ed.), Iuvanum, Atti del Convegno di Studi, Chieti, Maggio 1983, Chieti 1990, 51-75.


LANCIANO

M.CITRINI, Lanciano colonia greca, Rivista Abruzzese 64.4, 2011, 362-364.

F.CARABBA, Storia antica di Lanciano. Dalle origini alla conquista normanna (1060). Notizie storiche di luoghi, enti ecclesiastici e pii in epoca cristiana, Lanciano 2010.

M.VIGLIETTI, The ports of Anxanum (Abruzzo, Central Italy),
in: Ç.Özkan Aygün (ed.), SOMA 2007, Proceedings of the XI Symposium on Mediterranean Archaeology, Istanbul, 24-29 april 2007, Oxford 2009, 408-410.

A.R.STAFFA, Nuove acquisizioni dal territorio di Lanciano
(Abruzzo, CH)
, in: A.Comella – S.Mele (eds.), Depositi votivi e culti dell’Italia antica dall’età arcaica a quella tardo-repubblicana, Atti del Convegno di Studi, Perugia, 1-4 giugno 2000, Bari 2005, 411-426.

M.BUONOCORE, Novità epigrafiche dall’Abruzzo, in: M.G.Angeli Bertinelli – A.Donati (eds.), Epigrafia di confine. Confine dell’epigrafia, Atti del Colloquio AIEGL – Borghesi 2003, Bologna 2004, 281-320.

F.CARABBA, Scavi archeologici a Lanciano e ricomparsa di antiche lapidi, Rivista Abruzzese 57.2, 2004, 147-154.

A.R.STAFFA, L’Abruzzo costiero. Viabilità, insediamenti, strutture portuali ed assetto del territorio fra antichità ed alto medioevo, Lanciano 2002.

R.ODOARDI – A.R.STAFFA, Lanciano (CH), piazza Plebiscito: nota preliminare sugli scavi archeologici 1993-94, Archeologia Medievale 21, 1994, 287-298.


LAOS

F.MURANO, Le tabellae defixionum osche, Pisa-Roma 2013.

M.H.CRAWFORD (ed.), Imagines Italicae: a corpus of Italic inscriptions, I-III, London 2011.

G.F.LA TORRE, Reflections on the Lucanians and Bruttians in Calabria between Hannibal and the principate. Coloniae, civitates foederatae, municipia, in: F.Colivicchi (ed.), Local cultures of South Italy and Sicily in the late Republican period. Between Hellenism and Rome, Portsmouth 2011, 139-159.

F.MURANO, Verbi e formule di defissione nelle laminette di maledizione osche, Quaderni del Dipartimento di Linguistica – Università di Firenze 20, 2010, 51-76.

B.MOLITERNI, Laos. Fiume e città nella “Geografia” di Strabone, ASCL 74, 2007, 5-29.

F.MURANO, Proposta per una diversa successione del testo della defixio di Marcellina, SE 72, 2006[2007], 349-352.

M.BUGNO, La cronologia dei primi incusi di Laos in Magna Grecia, in: M.Bugno – C.Masseria (eds.), Il mondo enotrio tra VI e V secolo a.C., Atti dei Seminari napoletani (1996-1998), Napoli 2001, 145-147.

E.GRECO, Sul popolamento antico nella bassa valle del Laos, in: G.F.La Torre – A.Colicelli (eds.), Nella terra degli Enotri, Atti del Convegno di Studi, Tortora, 18-19 aprile 1998, Paestum 2000, 87-89.

E.GRECO – G.F.LA TORRE, Blanda, Laos, Cerillae: guida archeologica dell’alto Tirreno cosentino, Cosenza 1999.

G.F.LA TORRE, Blanda, Lavinium, Cerillae, Clampetia, Tempsa: Lucania et Bruttium I, Forma Italiae 38, Firenze 1999.

G.F.LA TORRE, Enotri e Lucani nel territorio di Laos. Le genti indigene della Lucania meridionale tirrenica tra la fine del VI e gli inizi del IV sec. a.C., in: M.Barra Bagnasco – E.De Miro – A.Pinzone (eds.), Magna Grecia e Sicilia. Stato degli studi e prospettive di ricerca, Atti dell’Incontro di Studi, Messina, 2-4 dicembre 1996, Messina 1999, 131-143.

M.BUGNO, L’inizio della monetazione arcaica di Laos in Magna Grecia, AIIN 44, 1997, 281-287.

E.GRECO, Laos, colonia di Sibari, in: K.Mannino – F.D’Andria (eds.), Ricerche sulla casa in Magna Grecia e Sicilia, Atti del Colloquio, Lecce, 23-24 giugno 1992, Galatina 1996, 127-132.

G.F.LA TORRE, Laos, in: M.Cipriani – F.Longo – M.Viscione (eds.), I Greci in Occidente. Poseidonia e i Lucani. Paestum, Catalogo della Mostra, Museo Archeologico Nazionale, Napoli, 27 aprile 1996, Napoli 1996, 109-111.

E.GRECO, Sul confine tra Lucani e Brettii: Laos, città e territorio dal VI al III secolo a.C., in: G.De Sensi Sestito (ed.), I Brettii, I: Cultura, lingua e documentazione storico-archeologica, Atti del I corso seminariale IRACEB, Rossano, 20-26 febbraio 1992, Soveria Mannelli 1995, 255-258.

E.CAMPANILE, Note sulla defixio di Marcellina, SE 58, 1993, 371-378.

G.F.LA TORRE, La “Sibaritide tirrenica” in età arcaica, in: ACSMG XXXII, Taranto – Sibari 1992, Taranto 1993, 179-202.

P.POCCETTI, La tabella defixionis da Laos: premessa, AION(ling) 15, 1993, 111-112.

P.POCCETTI, La tabella defixionis da Laos: rilettura e riflessioni dopo un dibattito, AION(ling) 15, 1993, 151-190.

E.GRECO – P.G.GUZZO (eds.), Laos II. La tomba a camera di Marcellina, Taranto 1992.

G.PUGLIESE CARRATELLI, Gli oggetti in metallo. La defixio, in: E.Greco – P.G.Guzzo (eds.), Laos II. La tomba a camera di Marcellina, Taranto 1992, 17-19.

R.CANTILENA, Rinvenimento di un’officina monetale a Laos. Problemi di circolazione e di produzione monetaria, in: E.Greco – S.Luppino – A.Schnapp (eds.), Laos I. Scavi a Marcellina 1973-1985, Taranto 1989, 25-41.

E.GRECO – S.LUPPINO – A.SCHNAPP (eds.), Laos I. Scavi a Marcellina 1973-1985, Taranto 1989.

C.SABATTINI, Diodoro, Turi, gli Italioti e la battaglia di Laos (390-389 a.C.), RSA 17-18 , 1987-1988[1989], 7-37.

P.G.GUZZO, Per lo studio del territorio di Laos, BA 68, 1983, 57-66.

R.PIEROBON, Strabone VI, 1, 1 (C 253) e la tradizione su Laos fino alla battaglia del 389 a.C., ASCL 49, 1982, 71-95.

E.ESPOSITO, Laos. Una città della Magna Grecia, Cosenza 1978.

V.PANEBIANCO, Laos, Lavinion, Mercurion e l’origine anatolico-ausonia dei Bretti e dei Lucani, PP 26, 1971, 313-322.

V.PANEBIANCO, Il problema storico di Laos-Lavinion, Klearchos 12, 1970, 99-107.


LARINO

E.LIPPOLIS ET ALII, Larino: ricerche nell’area del Foro, Scienze dell’Antichità 21.1, 2015, 69-100.

E.DUPRAZ, Über eine oskische Inschrift aus Larinum, Graecolatina et Orientalia 35-36, 2014, 103-112.

E.C.ROBINSON, Local Power Networks at Larinum before and after its Integration into the Roman State, in: L.Bombardieri et alii (eds.), SOMA 2012. Identity and Connectivity, Proceedings of the 16th Symposium on Mediterranean Archaeology, Florence, 1-3 march 2012, Oxford 2013, 887-894.

E.C.ROBINSON – T.SIRONEN, A new inscription in Oscan from Larinum. Decisive evidence in favor of a local cult of Mars and Mater (Deum?), ZPE 185, 2013, 251-261.

N.STELLUTI, Una nuova testimonianza sull’antico culto di
Marte a Larino
, ArcheoMolise 14, 2013, 18-21.

L.CALIÒ – A.LEPONE – E.LIPPOLIS, Larinum. Lo sviluppo dell’area forense e della città, in: G.De Marinis et alii (eds.), I Processi formativi ed evolutivi della città in area adriatica, Oxford 2012, 165-196.

E.C.ROBINSON, A Localized Approach to the Study of Integration and Identity in Southern Italy, in: S.T.Roselaar (ed.), Processes of Integration and Identity Formation in the Roman Republic, Leiden 2012, 247-272.

L.CALIÒ – A.LEPONE – E.LIPPOLIS, Larinum. The development of the forum area, in: F.Colivicchi (ed.), Local cultures of South Italy and Sicily in the Late Republican period: between Hellenism and Rome, Portsmouth 2011, 77-111.

A.PARMA, Due iscrizioni senatorie da Larinum, in: F.M.D’Ippolito (ed.), Φιλία. Scritti per Gennaro Franciosi, III, Napoli 2007, 1989-2007.
Dedica su lastra calcarea (AnnEp 1966, 74; fig. 1 p. 1991) posta dalla colonia Romulensis al consul (nel 5 d.C.) e septemvir epulonum C. Vibius C.f. Postumus, appartenente all’importante famiglia dei Vibii, originari di Larinum. La colonia va identificata con la città di Hispalis in Baetica, conquistata e ridenominata da Cesare (colonia Iulia Romulensis); il personaggio è lo stesso menzionato – e apostrofato come praetor e proconsul – in un’altra dedica, di poco anteriore, da Larino posta da municipes et incolae (CIL IX 730; fig. 2, p. 1991). Proconsul Baeticae forse nel 3 d.C., dopo essere stato praetor; legatus di Tiberio in Illiria nel 6-12 d.C.; nel 9 d.C. ca. entra nel collegio sacerdotale dei septemviri epulonum. Nel periodo 12-16 d.C. ca. proconsole in Asia. La massima fase di ascesa e affermazione dei Vibii larinati nella politica e nella società dell’Urbe si colloca in età augustea-tiberiana, poi se ne perdono le tracce [pp. 1989-1995]. Riedizione della dedica (AnnEp 1995, 355; fig. 3 p. 2006) a C. Iulius M.f. Volt(inia) Proculus, incisa su lastra marmorea molto frammentaria rinvenuta nell’anfiteatro di Larino nel 1989/1990. Inizio della carriera di Proculus, rampollo di famiglia senatoria forse originaria della Gallia Narbonense, in età domizianea, culmine sotto Traiano – più volte legatus (Siria, Gallia), cos. suff. 109, quindecemvir – il quale però lo manda in esilio (post 113 d.C.); torna in auge sotto Adriano, spec. rivestendo l’importante carica di consularis, iudex e comes imperiale (cfr. Fronto, Epist. 2.7.19; CIL II2 7, 776 dalla Baetica). L’iterazione del consolato attestata nell’epigrafe larinate potrebbe riferirsi ad un secondo consolato suffetto oppure ad un consolato ordinario (forse nel 134 d.C.). La lastra iscritta, per il suo luogo di ritrovamento e le grandi dimensioni, era forse parte del piedistallo marmoreo di una statua onoraria su biga. L’honos bigae riservato a Proculus dai Larinati potrebbe interpretarsi come una ricompensa per dei ludi gladiatori, forse connessi a restauri dell’anfiteatro locale, entrambi finanziati dall’onorato [pp. 1995-2007]. [L. Cappelletti]

C.RICCI, Gladiatori e attori nella Roma giulio-claudia. Studi sul senatoconsulto di Larino, Milano 2006.

F.NASTI, Un nuovo carme epigrafico da Larino (Regio II) sul tema della libertà, Epigraphica 60, 1998, 242-253.

P.MOREAU, I Martiales di Larino e le difficoltà d’integrazione nella città romana, in: N.Stelluti (ed.), Pro Cluentio, di Marco Tullio Cicerone, Atti del Convegno Nazionale, Larino, 4-5 dicembre 1992, Larino 1997, 129-140.

N.STELLUTI, Epigrafi di Larinum e della bassa Frentania, I: il repertorio. II: studi sul senatus consultum di Larinum, Campobasso 1997.

M.SILVESTRINI, Dalla nobilitas municipale all’ordine senatorio. Esempi da Larino e da Venosa, CCG 7, 1996, 270 – 282.

G.DE BENEDITTIS – A.DI NIRO (eds.), L’anfiteatro di Larinum. Iscrizioni, monete, sepolture, Campobasso 1995.

V.GIUFFRÈ, Altre notazioni esegetiche sul senatoconsulto c.d. di Larino, SDHI 61, 1995, 795-801.

E.DE FELICE, Forma Italiae, 36. Larinum, Firenze 1994.

M.BUONOCORE, Il senatus consultum così detto di Larino. Nuove proposte, Panorami 4, 1992, 293-307.

R.CANTILENA, Le emissioni monetali di Larino e dei Frentani, in: S.Capini (ed.), Samnium. Archeologia del Molise, Roma 1991, 141-148.

W.D.LEBEK, Das SC der Tabula Larinas: Rittermusterung und andere Probleme, ZPE 85, 1991, 41-70.

W.D.LEBEK, Standeswürde und Berufsverbot unter Tiberius. Das SC der Tabula Larinas, ZPE 81, 1990, 37-58.

G.DE BENEDITTIS, Larinum e la “Daunia settentrionale”, Athenaeum 65, 1987, 516-521.

G.D’AURIA – P.SGROIA, I rinvenimenti monetali di Larino. Notizia preliminare, Conoscenze 3, 1986, 95-99.

A.DI NIRO, Aspetti affini alla cultura daunia nel territorio costiero a nord del Gargano (Larino e Termoli), in: A.Neppi Modona (ed.), La civiltà dei Dauni nel quadro del mondo italico, Atti del XIII Convegno di studi etruschi ed italici, Manfredonia, 21-27 giugno 1980, Firenze 1984, 35-43.

F.HINARD, La proscription de 82 et les Italiens, in: M.Cébeillac-Gervasoni (ed.), Les “bourgeoisies” municipales italiennes aux IIe et Ier siècles av.J.-C., Colloque Internationaux, Naples, 7-10 décembre 1981, Centre J.Bérard, Paris-Naples 1983, 325-331.

B.LEVICK, The Senatus Consultum from Larinum, JRS 73, 1983, 97-115.

P.MOREAU, Structures de parenté et d’alliance à Larinum d’après le pro Cluentio, in: M.Cébeillac-Gervasoni (ed.), Les “bourgeoisies” municipales italiennes aux IIe et Ier siècles av.J.-C., Colloque Internationaux, Naples, 7-10 décembre 1981, Centre J.Bérard, Paris-Naples 1983, 99-123.

S.CAPINI, Larino: il santuario ellenistico, in: Sannio: Pentri e Frentani dal VI al I sec. a.C., Catalogo della Mostra, Museo Archeologico Nazionale, Napoli, dicembre 1981 – gennaio 1982, Napoli 1982, 87-88.

A.DI NIRO, Larino: la città ellenistica e romana, in: Sannio: Pentri e Frentani dal VI al I sec. a.C., Isernia, Museo Nazionale, ottobre – dicembre 1980, Roma 1980, 286-306.

V.GIUFFRÈ, Un senatoconsulto ritrovato: il “Sc. de matronarum lenocinio coercendo”, AAN 91, 1980, 7-49.

M.D’AVINO, Da Larino a Marzano e a Liveri. Attraverso due
notizie di Cicerone
, Antiqua 4, 1979, 27-32.

M.MALAVOLTA, A proposito del nuovo s.c. da Larino, Miscellanea Greca e Romana VI, 1978, 347-382.

M.R.TORELLI, Una nuova iscrizione di Silla da Larino, Athenaeum 51, 1973, 336-354.

O.FREDA, Epigrafi inedite di Larino, Contributi dell’Istituto di filologia classica, Sezione di storia antica, Università Cattolica del Sacro Cuore Milano 1, 1963, 237-254.


LENTINI

W.FISCHER-BOSSERT, Leontinoi, Selinus, Katane. Zwei Überprägungen, in: L.Sole – S.Tusa (eds.), Nomismata. Studi in numismatica offerti ad Aldina Cutroni Tusa per il suo novantatreesimo compleanno, Ragusa 2016, 107-123.

M.FRASCA, Interazione tra Greci e Indigeni nella Sicilia orientale Il caso Leontinoi, Forum Romanum Belgicum, Article 13.4, 2016.

M.FRASCA, Leontinoi, città dei Calcidesi in Sicilia, Incontri – La Sicilia e l’altrove 4.14, Gennaio-Marzo 2016, 9-12.

M.FRASCA, Nuovi dati sulle fortificazioni greche di Leontinoi, in: F.Serra (ed.), Sicilia Antiqua, XIII, Studi in memoria di Giacomo Manganaro, Pisa – Roma 2016, 105-110.

T.MÉSZÁROS, Atene, Segesta e Leontinoi, in: Mare Nostrum. Studia Iberica, Italica, Graeca, Atti del Convegno Internazionale „Byzanz und das Abendland – Byzante et l’Occident“, III, 24-25 november 2014, Antiquitas Byzantium Renascentia 17, Budapest 2015, 94-103.

M.FRASCA, Tucidide e l’archaiologhìa di Leontinoi, in: M.Congiu – C.Miccichè – S.Modeo (eds.), Dal mito alla storia. La Sicilia nell’archaiologhia di Tucidide, Caltanissetta 2012, 135-148.

M.FRASCA, Siculi e Greci sui colli di Leontinoi: un aggiornamento, in: F.Berlinzani (ed.), Convivenze etniche, scontri e contatti di culture in Sicilia e Magna Grecia, Atti del Seminario di Studi, Università degli Studi di Milano, 23-24 novembre 2009, Aristonothos. Scritti per il Mediterraneo antico 7, 2012, Trento 2012, 175-193.

M.MUSUMECI, Leontinoi tra IV e III secolo a.C., Archivio Storico Siracusano 46, 2011, 389-423.

G.CARDILLO, Foceas, il porto di Leontinoi, Agorà 34, 2010.

M.L.LAZZARINI, Lamina bronzea iscritta da Leontinoi: Note onomastiche, in: R.W.V.Catling – F.Marchand (eds.), Onomatologos: Studies in Greek personal names presented to Elaine Matthews, Oxford 2010, 280-284.

G.MADDOLI, La παλαιὰ συμμαχία fra Atene e Leontini nel quadro della politica occidentale ateniese, Klio 92.1, 2010, 34-41.

M.FRASCA, Leontinoi. Archeologia di una colonia greca, Roma 2009.

F.VALENTI, Leontinoi. Storia della città. Dalla preistoria alla fine dell’Impero Romano, Palermo 2007.

R.M.ALBANESE PROCELLI, Bucchero etrusco da Leontinoi, in: R.Gigli (ed.), Megalai Nesoi. Studi dedicati a Giovanni Rizza per il suo ottantesimo compleanno, Studi e Materiali di Archeologia Mediterranea. 3, Catania 2005, 313-316.

M.CAFFI, Il porto fluviale di Lentini, in: M.Frasca (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004, 71-77.

E.FELICI – G.BUSCEMI FELICI, Cave costiere nel territorio di Leontini, in: M.Frasca (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004, 27-49.

M.FRASCA (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004.

M.FRASCA, La porta verso i campi detti leontini, in: M.Frasca (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004, 87-99.

G.MANGANARO, Anagrafe di Leontinoi nel V secolo (A proposito di una tavoletta bronzea dedicatoria di V sec. a.C.), ZPE 149, 2004, 55-68.

G.RIZZA, La ricerca archeologica a Lentini. Contributi e prospettivi, in: M.Frasca (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004, 81-88.

S.RIZZA, Un sistema informativo archeologico per Lentini, in: M.Frasca (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004, 123-139.

S.SCERRA, Leontini. La città, il grano e i vasi nella prima metà IV secolo a.C., in: M.Frasca (ed.), Leontini. Il mare, il fiume, la città, Catania 2004, 145-149.

G.RIZZA, La liberazione di Hera in un vaso attico di Lentini, in: G.Fiorentini – M.Caltabiano – A.Calderone (eds.), Archeologia del Mediterraneo. Studi in onore di Ernesto De Miro, Roma 2003, 579-589.

S.PAFUMI, Leontinoi. Schede storico-topografiche in: A.Tullio (ed.), Itinerari archeologici in Sicilia, Palermo 2002, 233-241.

S.RIZZA, Studi sulle fortificazioni greche di Leontini, con appendici di G.Biondi e A.Montironi, Studi e Materiali di Archeologia Greca. 7, Catania 2000.

F.VALENTI, Note preliminari sulla topografia di Lentini dalla conquista romana all’età Tardo Antica, Sicilia Archeologica 32, 1999, 169-180.

C.BOEHRINGER, Zur Münzgeschichte von Leontinoi in klassischer Zeit, in: R.Ashton et alii (eds.), Studies in Greek Numismatics in Memory of Martin Jessop Price, London 1998, 43-53.

B.BASILE, Leontinoi (Lentini, Siracusa), in: A.M.Bietti Sestieri – M.C.Lentini – G.Voza (eds.), Guide archeologiche. Preistoria e protostoria in Italia, 12. Sicilia settentrionale ed Isole Eolie, Forlì 1996, 383-418.

A.C.CASSIO, Da Elea a Hipponion e Leontinoi: Lingua di Parmenide e testi epigrafici, ZPE 113, 1996, 14-20.

S.FISICARO, Insediamenti rurali di età romana nel territorio a Nord dell’antica Lentini, Aitna 2, 1996 121-122.

C.GULA, Storia di Leontinoi. Dalle origini alla conquista romana, Catania 1995.

G.VANOTTI, Leontini nel V secolo, città di profughi, in: M.Sordi (ed.), Coercizione e mobilità umana nel mondo antico, CISA 21, Milano 1995, 89-106.

R.SAMMARTANO, Tradizioni ecistiche e rapporti greco-siculi: le fondazioni di Leontini e di Megara Hyblaea, Seia 11, 1994, 47-93.

F.VALENTI, Insediamenti della prima età del bronzo nel territorio di Lentini, Aitna 1, 1994, 7-8.

A.MONTIRONI, Una tomba da Leontini e la cronologia delle lekythoi Pagenstecher, Cronache di Archeologia 31, 1992, 61-66.

F.VALENTI, Lestrigonia. Insediamenti preistorici nel territorio dell’antica Leontini, Catania 1992.

S.CATALDI, Tucidide e l’antica alleanza di Atene con gli “alleati dei Leontini”, Sileno 14, 1988, 181-197.

M.FRASCA – F.SGALAMBRO, Un trentennio di indagini nel territorio di Lentini antica, Lentini 1988.

G.RIZZA, Alfio Sgalambro e l’archeologia di Leontini, in: M.Frasca – F.Sgalambro (eds.), Un trentennio di indagini nel territorio di Lentini antica, Lentini 1988, 15-21.

U.SPIGO, L’attività della Sopraintendenza Archeologica a Lentini negli anni 1977-1985, in: M.Frasca – F.Sgalambro (eds.), Un trentennio di indagini nel territorio di Lentini antica, Lentini 1988, 23-39.

M.FRASCA, Leontini. Necropoli di Piscitello. Campagna di scavi 1977-1978, Cronache di Archeologia 21, 1982, 37-66.

G.RIZZA, Leontini e Katane nell’VIII e nel VII secolo a.C., ASAA 59, 1981, 313-317.

M.GIUFFRIDA, Leontini, Catane e Nasso dalla I spedizione ateniese al 403, in: Φιλίας χάριν. Miscellanea di studi classici in onore di Eugenio Manni, Roma 1980, 1137-1156.

G.RIZZA, Osservazioni sull’architettura e sull’impianto urbano di Leontini in età arcaica, Cronache di Archeologia 19, 1980, 115-130.

C.BOEHRINGER, Die frühen Bronzemünzen von Leontinoi und Katane, in: Le origini della monetazione di bronzo in Sicilia e Magna Grecia, Atti del VI Convegno del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 17-22 aprile 1977, Roma 1979, 145-176.

T.E.WICK, Athens’ Alliance with Rhegion and Leontinoi, Historia 25, 1976, 288–304.

S.LAGONA, Nuove esplorazioni nella necropoli della “Cava S.Aloe” nel territorio di Lentini, Cronache di Archeologia 14-15, 1975-76, 51-148.

C.BOEHRINGER, Die barbarisierten Münzen von Akragas, Gela, Leontinoi und Syrakus im 5. Jahrhundert v. Chr., in: Le emissioni dei centri siculi fino all’epoca di Timoleonte e i loro rapporti con la monetazione delle colonie greche di Sicilia, Atti del IV Convegno del Centro Internazionale di Studi Numismatici, Napoli, 9-14 aprile 1973, Roma 1975, 157-190.

E.RUSCHENBUSCH, Die Verträge Athens mit Leontinoi und Rhegion von Jahre 433/2 v. Chr., ZPE 19, 1975, 225-232.

S.LAGONA, Leontini, Magna Graecia 8, 3-4, 1973, 17.

S.LAGONA, La collezione Santapaola nel Museo Archeologico di Lentini, Catania 1973.

S.CIANCIO, Leontinoi. Lentini, Roma 1967.

P.R.FRANKE, Leontinische phygades in Chalkis?, AA 1966, 395-407.

S.PISANO BAUDO, Storia di Lentini antica e moderna, Lentini 1965.

S.CIANCIO, Due problemi su Leontinoi (Lentini): Origine del nome; la porta settentrionale, Noto 1964.

G.RIZZA, Stipe votiva sul colle di Metapiccola a Lentini, BA 48, 1963, 342-347.

P.E.ARIAS, Cratere a calice di Lentini Cronache di Archeologia 1, 1962, 36-42.

G.RIZZA, Precisazione sulla cronologia del primo strato della necropoli di Leontini, ArchClass 11, 1959, 78-86.

H.CHANTRAINE, Syrakus und Leontinoi. Ein numismatisch-historischer Beitrag zur älteren westgriechischen Tyrannis, JNG 8, 1957, 7-19.

G.RIZZA, Leontini. Scavi e ricerche degli anni 1954-1955, BA 42, 1957, 63-73.

P.ORLANDINI, Sulla cronologia del primo strato della necropoli di Leontini, ArchClass 8, 1956, 210-211.

D.ADAMESTEANU, Lentini. Scavo nell’area sacra della città di Leontini, NSA 1956, 402-414.

S.CIANCIO – C.LO PRESTI, Lentini. Urbs nobilissima. Monografia. Guida, Lentini 1954.

G.RIZZA, Scavi e ricerche nella città di Leontini negli anni 1951-1953, BA 39, 1954, 69-73.

S.CIANCIO, Leontini. Problemi di archeologia e topografia, Lentini 1951.

G.RIZZA, Gli scavi di Leontini ed il problema della topografia della città, SicGymn n.s. 4, 1951, 190-198.

G.RIZZA, Originalità e coerenza di una nuova pubblicazione su Leontini, SicGymn n.s. 4, 1951, 1-4.

G.RIZZA, Statuetta lentinese di personaggio seduto, SicGymn n.s. 2, 1949, 98-103.

G.RIZZA, Note di topografia lentinese, SicGymn n.s. 2, 1949, 276-284.

B.D.MERITT, The Athenian Alliances with Rhegion and Leontinoi, CQ 40, 1946, 85-91.

E.ZEVI, Il Cratere di Leontini con scena di commedia, Memorie Pontificia Accademia Romana di Archeologia s. 2, 4, 1943, 39-52.

P.GRIFFO, Lentini. Campagna topografica e scavi in località varie, BA 3, 1941, 212-213.

E.BOEHRINGER, Leontinoi. Kunst und Geschichte einer griechischen Stadt Siziliens, AA 1940, 611.

S.ACCAME, L’alleanza di Atene con Leontini e Reggio, RFIC 63, 1935, 73-75.

P.ORSI, Vasi di Leontini: contributo all’archeologia di quella città, RIA 2, 1930, 149-177.

P.ORSI, Scavi di Leontini-Lentini, ASMG 3, 1930, 3-39.

S.SBOTO, Una moneta d’oro inedita di Leontini, RIN 34, 1921, 65-66.

P.ORSI, Sepolcri di transizione dalla civiltà sicula alla greca, II. Necropoli di Ossini fra Lentini e Militella, MDAI(R) 24, 1909, 59-99.

P.ORSI, Torso efebico di Leontini, Monumenti Antichi 18, 1907, 169-174.

P.ORSI, Lentini. Torso efebico arcaico, NSA 1904, 369-370.

P.ORSI, Siculi e Greci in Leontinoi, MDAI(R) 15, 1900, 62-68.

H.WINNEFELD, Altgriechische Bronzebecken aus Leontini, Berlin 1899.

S.PISANO BAUDO, Storia di Lentini antica e moderna, Lentini 1898.

G.COLUMBA, Contributi alla storia dell’elemento calcidico d’Occidente. Archeologia di Leontini, Archivio Storico Siciliano 16, 1891, 71-143.

G.FIORELLI, XX. Lentini – Rapporto del. prof. F. Saverio Cavallari, NSA, 1887, 301-304.

I.SCHUBRING, Sizilische Studien. Die Landschaft des Menas und Erikes nebst Leontini, Zeitschrift der Gesellschaft für Erdkunde 9, 1874, 365-387.


LITERNUM (GIUGLIANO)

C.FERONE, Cenni storici, topografici e archeologici su alcune città della Campania. Calatia, Volturnum, Acerra, Liternum, in: A.Russi – S.Faizza – A.Zumbo (eds.), Opuscola, 2. Scritti sulla Campania dall’antichità ai giorni nostri, San Severo 2013, 107-112.

G.CAMODECA, Liternum, Supplementa Italica 25, 2010, 11-70.

P.GARGIULO, La Via Domitiana antica nel territorio di Liternum, in: F.Sirano (ed.), In Itinere. Ricerche di archeologia in Campania, Atti del I e del II ciclo di conferenze di ricerca archeologica nell’Alto Casertano, Cava dei Tirreni 2007, 299-317.

G.GUADAGNO, Gli Augustali di Misenum (e di Liternum), in: M.Mayer i Olivé – G.Baratta – A.Guzmán Almagro (eds.), XII Congressus internationalis epigraphiae Graecae et Latinae. Provinciae imperii Romani inscriptionibus descriptae, Barcelona, 3-8 septembris 2002, Barcelona 2007, 661-673.

A.PARMA, Un’inedita iscrizione su mensa per il collegio degli Augustali di Liternum, in: E.Lo Cascio – G.D.Merola (eds.), Forme di aggregazione nel mondo romano, Bari 2007, 153-165.

G.CAMODECA, Studi Liternini. Le iscrizioni nel CIL e Liternum Colonia imperiale, AION(archeol) 9-10, 2002-2003, 283-292.

A.DE CARLO, Dediche imperiali da Liternum. A Traiano, Restitutor Italiae, del 113 – 116 e a Caracalla del 211 – 212, AION(archeol) 9-10, 2002-2003, 293-305.

P.GARGIULO, Il territorio di Liternum, in: G.Franciosi (ed.), Ager Campanus, Atti del Convegno Internazionale “La storia dell’ager Campanus, i problemi della limitatio e sua lettura attuale”, Real sito di S. Leucio, 8-9 giugno 2001, Napoli 2002, 203-208.

A.TORTORIELLO, Dedica da Liternum al Cesare Salonino del 258 – 260, AION(archeol) 9-10, 2002-2003, 307-311.

G.CAMODECA, Albi degli Augustales di Liternum della seconda
metà del II secolo
, AION(archeol) 8, 2001, 163-182.

R.ADINOLFI, Liternum, Bollettino Flegreo 1993, 11-23.


LOCRI

F.CAIRNS, Hellenistic Epigram: Contexts of Exploration, Cambridge 2016.

J.ZURBACH, Confiscation, conquête et colonisation dans les cités grecques, MEFRA 127.2, 2015, http://mefra.revues.org/2857

M.ALLASIA, Storia politica di Locri Epizefiri tra V e IV secolo. Il passaggio da oligarchia a democrazia, Dissertazione, Università degli Studi di Torino, a.a. 2014-2015.

G.CORDIANO (ed.), Tra Rhegion e Lokroi Epizephyrioi: un quindicennio di ricerche topografico-archeologiche tra Palizzi e Capo Bruzzano, Atti del seminario di studi, Bova Marina, 24 settembre 2011, Pisa 2014.

R.SCHENAL PILEGGI, I Pinakes di Locri Epizefiri. Nuova edizione, Reggio Calabria 2014.

L.DEL MONACO, Iscrizioni greche d’Italia. Locri, Roma 2013.

G.SQUILLACE, Tra Grecia e Magna Grecia: le dottrine mediche di Filistione di Locri, in: G.De Sensi Sestito (ed.), La Calabria nel Mediterraneo. Flussi di persone, idee e risorse, Atti del Convegno di Studi, Rende, 3-5 giugno 2013, Soveria Mannelli 2013, 69-82.

R.AGOSTINO (ed.), Il Parco Archeologico di Locri Epizefiri, Reggio Calabria 2012.

A.BELLA, Il canto delle vergini locresi. La musica a Locri Epizefiri nelle fonti scritte e nella documentazione archeologica (secoli VI-III a.C.), Pisa 2012.

L.BETTARINI, Testo e lingua nei documenti con ΕΦΕΣΙΑ ΓΡΑΜΜΑΤΑ, ZPE 183, 2012, 111-128.

L.DEL MONACO, Una lex sacra da Locri Epizefirii, in: G.Bevilacqua – S.Campanelli (eds.), Ἀρετῆς ἕνεκεν καὶ σοφίας. Un omaggio a Paola Lombardi, Giornata di studio – Roma, 28 ottobre 2010, Roma 2012, 31-42.

L.DEL MONACO, Ασκι Κατασκι. Ephesia grammata da Locri Epizefirii, ZPE 183, 2012, 129-139.

L.CERCHIAI – M.MENICHETTI, Aiace e Cassandra nella tradizione locrese, in: L.Breglia – A.Moleti – M.L.Napolitano (eds.), Ethne, identità e tradizioni: la “terza” Grecia e l’Occidente, I, Atti del Convegno Internazionale, Napoli, 26-28 gennaio 2011, Pisa 2011, 373-382.

L.DEL MONACO, Ancora sulla lex sacra dal tempio di casa Marafioti a Locri Epizefirii, in: L.Breglia – A.Moleti – M.L.Napolitano (eds.), Ethne, identità e tradizioni: la “terza” Grecia e l’Occidente, I, Atti del Convegno Internazionale, Napoli, 26-28 gennaio 2011, Pisa 2011, 415-430.

P.GRANDINETTI, Donne eminenti fra Grecia e Magna Grecia, in: G.De Sensi Sestito – M.Intrieri (eds.), Sulla rotta per la Sicilia: l’Epiro, Corcira e l’Occidente, Pisa 2011, 497-510.

E.GRILLO, Locri Epizefiri: terrecotte architettoniche inedite dal santuario di Marasà, Quaderni di Archeologia 1, 2011, 105-128.

M.L.LAZZARINI, Locri, le Locridi, le colonie: una messa a punto, in: G.De Sensi Sestito – M.Intrieri (eds.), Sulla rotta per la Sicilia: l’Epiro, Corcira e l’Occidente, Pisa 2011, 487-496.

M.NOCITA, I Locresi e i loro coloni fuori dalla Magna Grecia, in: L.Breglia – A.Moleti – M.L.Napolitano (eds.), Ethne, identità e tradizioni: la “terza” Grecia e l’Occidente, I, Atti del Convegno Internazionale, Napoli, 26-28 gennaio 2011, Pisa 2011, 399-414.

R.SCHENAL PILEGGI, I pinakes di Locri Epizefiri, Reggio Calabria 2011.

I.D’ANGELO, La politica espansionistica di Locri Epizefirii negli anni compresi fra il 477 e il 467 a.C.: la versione locrese della conquista di Temesa (Strab. VI 1, 5 C 255), Polis 3, 2010, 27-34.

I.D’ANGELO, Locri Epizefirii e Dionigi I di Siracusa, Aevum 84, 2010, 41-60.
The author discusses in detail about Dionysius I of Syracuse’s double marriage, with Doris of Locris and Aristomache of Syracuse [pp. 41-45]. The ancient sources mentioning the fact claim that both marriages took place at the same time and, consequently, the descendants of the two women had the same importance in the lineage. A few other sources, literary (Diod.) and epigraphic (Tod 133), on the contrary, affirm that the first marriage was that with Doris, who assigned certain privileges to her native region, Locris [pp. 46-50]. The contrasts between Dionysius I and the Italiotes are also treated through the analysis of the literary evidence (Diod., Strabo, Dion. Halic., etc.). [J. Piccinini]

L.DEL MONACO, Olympieion e zecca a Locri Epizefiri, ArchCl 61, 2010, 417-428.

L.DEL MONACO, Riflessioni in margine all’organizzazione civica di Locri Epizefirii, in: C.Antonetti (ed.), Lo spazio ionico e le comunità della Grecia nord-occidentale: territorio, società, istituzioni, Atti del Convegno Internazionale, Venezia, 7-9 gennaio 2010, Pisa 2010, 461-476.

D.ELIA, Locri Epizefiri, VI. Nelle case di Ade. La necropoli in contrada Lucifero. Nuovi documenti, Alessandria 2010.

P.GRANDINETTI, Cultualità, pitagorismo e prestigio sociale: il ruolo delle donne a Locri Epizefirii, in: C.Antonetti (ed.), Lo spazio ionico e le comunità della Grecia nord-occidentale: territorio, società, istituzioni, Atti del Convegno Internazionale, Venezia, 7-9 gennaio 2010, Pisa 2010, 477-490.

L.LEPORE – P.TURI (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010.

L.PIETRAGNOLI, I probouloi nel pensiero politico e nella pratica istituzionale: un tentativo di sintesi, in: C.Antonetti (ed.), Lo spazio ionico e le comunità della Grecia nord-occidentale: territorio, società, istituzioni, Atti del Convegno Internazionale, Venezia, 7-9 gennaio 2010, Pisa 2010, 245-256.

M.RUBINICH, Locri Epizefiri. Resti di un’officina metallurgica nell’area del santuario di Marasà, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 389-398.

C.SABBIONE, Nuovi dati e riflessioni sull’organizzazione urbana a Locri Epizefiri, in: L.Lepore – P.Turi (eds.), Caulonia tra Crotone e Locri, Atti del Convegno Internazionale, Firenze, 30 maggio – 1 giugno 2007, Firenze 2010, 307-330.

S.SERRANÒ (ed.), Locri antica e Gerace. Itinerari archeologici e culturali, Reggio Calabria 2010.

A.FILOCAMO, Locri Epizefiri. L’archivio di Zeus e la monetazione, MEP 12-15, 2009-2012, 109-143.

J.LOSEHAND, Votum (publicum) intermissum: Bemerkungen zur “sakralen Prostitution” in Lokroi Epizephyrioi, in: T.S.Scheer (ed.), Tempelprostitution im Altertum. Fakten und Fiktionen, Berlin 2009, 267-292.

G.CAPRIOTTI VITTOZZI, Elementi di tradizione egizia nella documentazione di Locri, in: M.Intrieri – S.Ribichini (eds.), Fenici e Italici, Cartagine e la Magna Grecia. Popoli a contatto, culture a confronto, Atti del Convegno Internazionale, Cosenza, 27-28 maggio 2008, Rivista di Studi Fenici 36, 1-2, 2008[2011], 109-128.

M.A.TUELLER, Look Who’s Talking. Innovations in voice and identity in Hellenistic epigram, Leuven – Paris 2008.

A.J.DOMINGUEZ, Fear of Enslavement and Sacred Slavery as Mechanisms of Social Control among the Ancient Locrians, in: A.Serghidou (ed.), Fear of Slaves – Fear of Enslavement in the Ancient Mediterranean / Peur de l’esclave – Peur de l’esclavage en Méditerranée ancienne (Discours, représentations, pratiques), Actes du XXIXe Colloque du Group International de Recherche sur l’Eslavage dans l’Antiquité (GIREA), Rethymnon, 4-7 Novembre 2004, Besançon 2007, 405-422.

D.FALCONE, Da Locri Epizefiri a Gerace. Nuovi dati sull’evoluzione topografica di un centro della Calabria meridionale dall’età greca all’età normanna, in: P.Radici Colace – A.Zumbo (eds.), Atti del Convegno Itinerari Basiliani, Messina, 24-25 marzo 2006, Napoli 2006, 93-112.

A.FILOCAMO, Il basileus delle Tavole di Locri. Le contraddizioni dell’ipotesi di Dionisio II, MEP 9, 2006, 67-74.

M.GONZÁLEZ GONZÁLEZ, Nóside de Locris y su obra, Madrid 2006.

M.RUBINICH, Stranieri e non cittadini nei santuari di Locri Epizefiri e delle sue subcolonie, in: A.Naso (ed.), Stranieri e non cittadini nei santuari greci, Atti del Convegno Internazionale, Udine, 20-22 novembre 2003, Firenze 2006, 396-409.

M.BARRA BAGNASCO, Locri Epizefiri nell’età dei pinakes. Documenti dalla città, Orizzonti 6, 2005, 11-24.

M.BARRA BAGNASCO, Locri Epizefiri tra i due Dionigi, in: R.Gigli (ed.), Mεγαλαι νησoι. Studi dedicati a Giovanni Rizza per il suo ottantesimo compleanno, II, Palermo 2005, 79-89.

L.CAPPELLETTI, Il ruolo di donne e schiavi alle origini di città e stati in Magna Grecia, in: F.Beutler-W.Hameter (eds.), “Eine ganz normale Inschrift”… und Ähnliches zum Geburtstag von E.Weber, Festschrift zum 30.April 2005 (Althistorisch-Epigraphische Studien Band 5), Wien 2005, 25-33.

V.GHEZZI, I Locresi e la legge del laccio, Dike 8, 2005, 101-113.
Differenze fra la versione di Polibio (12.16) e quella di Demostene (Adv. Timocr. 139-141) in merito alla norma locrese del laccio ed al suo campo di applicazione. Pro e contro la storicità della figura di Zaleuco [pp. 101-104]. Sulla discussa cronologia della legislazione locrese [p. 103]. Ruolo degli arconti locresi prima e dopo la riforma democratica del 347 a.C. [pp. 107-113] Competenze del cosmopoli locrese [pp. 109-110]. Composizione dei Mille e sue funzioni nella sfera giudiziaria [pp. 110-111]. [L. Cappelletti]

C.SABBIONE, Tra Magna Grecia e Roma: testimonianze archeologiche a Locri tra il III e il I sec.a.C., in: Atti del XLIV Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 24-28 settembre 2004, Napoli 2005, 479-503.

M.B.SKINNER, Nossis Thêlyglôssos. The private text and the public book, in: E.Green (ed.), Women Poets in Ancient Greece and Rome, Norman OK 2005, 112-138.

V.GHEZZI, I tiranni siracusani e le vergini locresi, PP 59, 2004, 321-360.

B.MacLACHLAN, Kollyra’s Curse, MEP 9-10, 2004-2005, 249-256.

M.P.PAVESE, Fundus cum vadis et alluvionibus: gli incrementi fluviali fra documenti della prassi e riflessione giurisprudenziale romana, Roma 2004.

B.CURRIE, Euthymos di Locri: uno studio sull’eroizzazione nel periodo classico, Polis 1, 2003, 85-102.

J.M.REDFIELD, The Locrian Maidens. Love and Death in Greek Italy, Princeton 2003.

I.D’ANGELO, L’attacco reggino del 477 a.C. contro Locri e l’intervento di Ierone, Aevum 76, 2002, 9-15.

I.D’ANGELO, La tradizione letteraria sul soggiorno locrese di Dionigi II: un frammento sconosciuto di Timeo (Strab. VI 1, 8, C 259), RIL 136.1, 2002, 177-191.

I.D’ANGELO, Le tavolette di Locri e il regnum di Dionigi II, Aevum 75, 2001, 9-24.

F.GHINATTI, Di nuovo sulle tabelle dell’Olympieion locrese, in: E.Cantarella – G.Thür (eds.), Symposion 1997, Vorträge zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte, Altafiumara, 8.-14. September 1997, Köln 2001, 175-207.

G.CORDIANO, La fine della ierodulia femminile a Temesa magno-greca nella propaganda dei Locresi Epizefirii, Arys 3, 2000, 115-127.

D.JORDAN, Three Texts from Lokroi Epizephyrioi, ZPE 130, 2000, 95-103.

F.COSTABILE, Defixiones da Locri Epizefiri. Nuovi dati sui culti, sulla storia e sulle istituzioni, MEP 2, 1999, 23-76.

G.RAGONE, La doulèia delle vergini locresi ad Ilio, in: F.Reduzzi Merola – A.Storchi Marino (eds.), Femmes-esclaves. Modèles d’interprétation anthropologique, économique, juridique, Atti del XXI Colloquio GIREA, Lacco Ameno – Ischia, 27-29 ottobre 1994, Napoli 1999, 163-235.

L.BOWMAN, Nossis, Sappho and Hellenistic Poetry, Ramus 27.1, 1998, 39-59.

L.DEL MONACO, Tab. 35 (+ 36 + 37) dell’Olympieion di Locri Epizefirii, AIIN 45, 1998, 297-305.

F.GHINATTI, Cronologia e rotazione dei fatarchi nelle tabelle di Locri Epizefiri, MEP 1, 1998, 55-77.

K.J.GUTZWILLER, Poetic Garlands. Hellenistic Epigrams in Context, Berkeley 1998.

L.ZUNINO, Scrivere la legge orale, interpretare la legge scritta: i “nomoi” di Zaleuco, QS 47, 1998, 151-159.

G.BOETTO, Ceppi litici “sacri” e culti aniconici a Metaponto e Locri, Archeologia Subacquea 2, 1997, 51-64.

L.D’AMORE, Breve nota ad una defixio greca da Locri Epizefiri, ZPE 117, 1997, 95-98.

L.DEL MONACO, Le tavole di Locri sono 37. Un nuovo attacco tra le tabb. 35, 36, 37, RFIC 125, 1997, 129-149.

V.DE NITTIS – T.CRESCENZI – F.COSTABILE, L’architettura samia di Occidente dalla cava al tempio. Siracusa, Locri, Caulonia, Soveria Mannelli 1997.

K.J.GUTZWILLER, Genre Development and Gendered Voices in Erinna and Nossis, in: Y.Prins – M.Shreiber (eds.), Dwelling in Possibility: Women Poets and Critics on Poetry, Ithaca NY 1997, 202-222.

M.MARI, Tributo a Ilio e prostituzione sacra: storia e riflessi sociali di due riti femminili locresi, RCCM 39.2, 1997, 131-177.

A.GENTILE, Linee di tendenza e innovazione nella politica estera di Micito di Reggio, AFLB 39, 1996, 37-72.

G.MADDOLI, La dedica degli Ipponiati a Olimpia (SEG XI 1211) e il suo contesto storico, in: L.Breglia Pulci Doria (ed.), L’incidenza dell’antico. Studi in memoria di Ettore Lepore, II, Napoli 1996, 193-202 [= in: G.MADDOLI, Magna Grecia. Tradizioni, culti, storia, a cura di A.M.Biraschi – M.Nafissi – F.Prontera, Perugia 2013, 265-272].
L’A. prende in esame i problemi di restituzione testuale, storici e cronologici della dedica degli Ipponiati a Olimpia che, incisa su uno scudo bronzeo di tipo beotico, celebra la vittoria da questi riportata sui Crotoniati assieme ai Medmei e ai Locresi (SEG XI, 1950, nr. 1211). L’integrazione del testo, che presenta interessanti impronte osche, e i caratteri epigrafici dello stesso consentono di datare l’iscrizione ad un momento successivo alla battaglia di Imera (480 a.C.), quando Locri e le sue sub-colonie risultano alleate dei Dinomenidi, allora impegnati in un tentativo di espansione verso il Tirreno meridionale e centrale, trovando un naturale antagonista proprio in Crotone, oltre che nelle comunità etrusche meridionali. L’A. propone come datazione più attendibile della dedica il 475 a.C. (se non già l’anno precedente), nel contesto degli attacchi locresi (condotti a partire dalle colonie tirreniche, Ipponio in primis) contro gli avamposti tirrenici di Crotone, e degli intensi rapporti che l’ambito locrese intratteneva allora con Olimpia, sottolineati dalle vittorie di Eutimo nei giochi olimpici. [J. Piccinini]

G.RAGONE, Il millennio delle vergini locresi, in: B.Virgilio (ed.), Studi ellenistici, VIII, PIsa – Roma 1996, 7-95.

C.ANTONETTI, Le tavole di Locri: nuovi contributi al dibattito storico, Ostraka 4.2, 1995, 351-363.

L.BOFFO, Ancora una volta sugli “archivi” nel mondo greco: conservazione e “pubblicazione” epigrafica, Athenaeum 83, 1995, 121-123.

G.CORDIANO, Espansione territoriale e politica colonizzatrice a Rhegion (ed a Locri Epizefiri) fra VI e V sec.a.C., Kokalos 41, 1995, 79-121.

B.C.MacLACHLAN, Love, War and the Goddess in Fifth-Century Locri, AncW 26.2, 1995, 205-223.

M.AMELOTTI – L.MIGLIARDI ZINGALE, Dalle tabelle bronzee di Locri alle tavolette cerate di Pozzuoli, in: G.Thür (ed.), Symposion 1993, Vorträge zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte, Graz-Andritz, 12.-16.September 1993, Köln-Weimar-Wien 1994, 241-249.

F.COSTABILE, L’archivio dell’Olympieion di Locri Epizefiri, Estudis Castellonences 6, 1994-1995, 413-429.

S.LINK, Zur archaischen Gesetzgebung in Katane und im epizephyrischen Lokroi, in: H.-J.Gehrke (ed.), Rechtskodifizierung und soziale Normen im interkulturellen Vergleich, Tübingen 1994, 165-177.

C.NERI, Erinna in Eronda, Eikasmos 5, 1994, 221-232.

F.GHINATTI, Autenticazione e alienazione di simboli, Sileno 19, 1993, 57-69.

D.P.GUARNERI, Zaleuco legislatore locrese, Vivarium Scyllacense, Anno IV n.1, Giugno 1993, 31-40.

F.MOSINO, Da Ibico reggino a Nosside locrese, QUCC 45, 1993, 43-45.

O.SPECCHIA, Nosside, Rudiae 5, 1993, 5-33.

F.COSTABILE (ed.), Polis ed Olympieion a Locri Epizefiri. Costituzione, economia e finanze di una città della Magna Grecia. Editio altera e traduzione delle tabelle locresi, Soveria Mannelli 1992.

M.GIRONE, Note su due magistrature di Locri Epizefiri, AFLB 35-36, 1992-1993, 261-269.

S.LINK, Die Gesetzgebung des Zaleukos im epizephyrischen Lokroi, Klio 74, 1992, 11-24.

R.VAN COMPERNOLLE, Lo stanziamento di apoikoi greci presso Capo Zefirio (Capo Bruzzano) nell’ultimo terzo dell’VIII secolo a.C., ASNP 22.3, 1992, 761-780.

L.DEL MONACO, Breve nota attorno alla coronide di tab. 23 del corpus locrese, Klearchos 34-35, 1991-1992, 91-95.

S.LINK, Das Siedlungsgesetz aus Westlokris (Bronze Pappadakis; I.G. IX 1, Fasc.3, Nr.609 = Meiggs – Lewis 13), ZPE 87, 1991, 65-77.

M.BUONOCORE, Tradizione ed evoluzione grafico-formale dell’epigrafia greca d’età romana nell’area di Regium-Locri, in: Miscellanea in onore di P.M.Petta, Bollettino della Badia Greca di Grottaferrata 45, 1991[1992], 229-254.

P.L.FURIANI, Intimità e socialità in Nosside di Locri, in: F.De Martino (ed.), Rose di Pieria, Bari 1991, 176-195.

N.LURAGHI, In margine alla tradizione sulla metropoli dei Locresi Epizefiri, Historia 40, 1991, 143-159.

M.C.PARRA – P.E.ARIAS, s.v. Locri, in: BTCGI IX, Pisa – Roma 1991, 191-249.

F.COSTABILE, POLITEIA ed OIKONOMIA a Locri Epizefiri, in: G.Nenci – G.Thür (eds.), Symposion 1988, Vorträge zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte, Siena – Pisa, 6.-8. Juni 1988, Köln 1990, 193-200.

O.LONGO, Nosside, Reggio Calabria 1990.

M.B.SKINNER, Sapphic Nossis, Arethusa 22, 1989, 5-18.

G.CORDIANO, I rapporti politici tra Locri Epizefiri e Reggio nel VI sec.a.C. alla luce di Arist. Rh. 1349b-1395a [= Stesichorus fr. 281b Page], RIL 122, 1988, 39-47.

L.MIGEOTTE, Sur les rapports financiers entre le sanctuaire et la cité de Locres, in: D.Knoepfler (ed.), Comptes et inventaires dans la cité grecque, Actes du colloque international d’épigraphie tenu à Neuchâtel du 23 au 26 septembre 1986 en l’honneur de J.Tréheux, Neuchâtel – Genève 1988, 191-203.

M.BUONOCORE, Locri, Supplementa Italica 3, 1987, 11-36.

L.PICCIRILLI, Servio Danielino e i nomoi locresi, RhM 130, 1987, 93-97.

M.B.SKINNER, Greek women and metronymic. A note on an epigram by Nossis, AHB 1, 1987, 39-42.

G.CAMASSA, Il “pastorato” di Zaleuco, Athenaeum 64, 1986, 139-145.

J.DE LA GENIÈRE, Un ex voto locrese a Delfi?, ASNP 16, 1986, 395-409.

C.SOURVINOU INWOOD, Due protettrici della donna a Locri Epizefirii: Persefone e Afrodite, in: G.Arrigoni (ed.), Le donne in Grecia, Roma-Bari 1985, 203-221.

L.PICCIRILLI, Dall’anomia all’eunomia, in: Sodalitas. Scritti in onore di A.Guarino, III, Napoli 1984, 1033-1034.

L.SANTI AMANTINI, Ancora sulla prostituzione sacra a Locri Epizefirii, Miscellanea Greca e Romana 9, 1984, 39-62.

M.GIANGIULIO, Locri, Sparta, Crotone e le tradizioni leggendarie intorno alla battaglia della Sagra, MEFRA 95, 1983, 473-521.

L.CERCHIAI, Sesso e classi di età nelle necropoli greche di Locri Epizefiri, in: G.Gnoli – J.-P.Vernant (eds.), La mort, les morts dans les sociétés anciennes, Cambridge – Paris 1982, 289-298.

C.SABBIONE, Le aree di colonizzazione di Crotone e Locri Epizefiri nell’VIII e VII sec.a.C., ASAA 60, 1982, 251-299.

R.VAN COMPERNOLLE, Gründung und frühe Gesetzgebung in Lokroi Epizephyrioi, in: M.L.Lazzarini – R.Van Compernolle (eds.), Probleme des archaischen Griechenlands, Konstanz 1982, 21-39.

E.DEGANI, Nosside, Giornale Filologico Ferrarese 4, 1981, 43-52.

M.GIGANTE, Il manifesto poetico di Nosside, in: V.Ussani et alii (eds.), Letterature comparate. Studi in onore di Ettore Paratore, I, Bologna 1981, 243-245.

L.MORETTI, Epigramma greco da Locri Epizefiri, in: Letterature comparate. Problemi e metodo. Studi in onore di Ettore Paratore, Bologna 1981, 257-261.

R.VAN COMPERNOLLE, La législation aristocratique de Locres Épizéphyrienne, dite législation de Zaleukos, AC 50, 1981, 759-769.

F.COSTABILE, ARCHONTES e BASILEUS a Locri Epizefiri, PP 35, 1980, 104-122.

Locri Epizefirii, Atti del XVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 1976, Napoli 1980.

D.MUSTI (ed.), Le Tavole di Locri, Atti del Colloquio sugli aspetti politici, economici, cultuali e linguistici dei testi dell’archivio locrese, Napoli, 26-27 aprile 1977, Roma 1979.

D.MUSTI, Strutture cittadine e funzione del santuario, in: D.Musti (ed.), Le Tavole di Locri, Atti del Colloquio sugli aspetti politici, economici, cultuali e linguistici dei testi dell’archivio locrese, Napoli, 26-27 aprile 1977, Roma 1979, 209-247.

F.CORDANO, Leggi e legislatori calcidesi, MGR 6, 1978, 89-98.
Datazione, contenuto e diffusione della legislazione attribuita a Caronda e adottata in poleis siceliote e italiote (Reggio) [pp. 90-95]. Su Androdamas e altri legislatori di Reggio [pp. 91-93 e 96]. Contenuto di alcune norme vigenti a Locri Epizefiri [pp. 95-97]. [L. Cappelletti]

L.WOODBURY, The Gratitude of the Locrian Maiden: Pindar, Pyth. 2.18-20, TAPhA 108, 1978, 285-299.

Locri Epizefirii, Atti del XVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 3-8 ottobre 1976, Napoli 1977.

D.MUSTI, Problemi della storia di Locri Epizefiri, in: Atti del XVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto 1976, Napoli 1977, 23-146.

D.MUSTI, Considerazioni sul problema della prostituzione sacra locrese, Magna Graecia 12, 1977, 1-22.

F.COSTABILE, Municipium Locrensium. Istituzioni ed organizzazione sociale di Locri Romana (attraverso il corpus delle iscrizioni latine di Locri), Napoli 1976.

M.GIGANTE, Le Tavole di Locri, PP 31, 1976, 417-432.

R.VAN COMPERNOLLE, Le tradizioni sulla fondazione e sulla storia arcaica di Locri Epizefiri e la propaganda politica alla fine del V e nel IV sec.a.C., ASNP 6.2, 1976, 329-400.

D.BRIQUEL, Tarente, Locres, les Scythes, Théra, Rome: précédents antiques au thème de l’amant de Lady Chatterley?, MEFRA 86, 1974, 673-705.

R.PANUCCIO, Per una nuova collocazione cronologica di alcune delle tavolette bronzee di Locri Epizefiri, RIL 108, 1974, 105-120.

C.SOURVINOU INWOOD, The votum of 477/476 and the foundation legend of Locri Epizephyrii, CQ 24.2, 1974, 186-198.

C.SOURVINOU INWOOD, The Boston relief and the religion of Locri Epizephyrii, JHS 94, 1974, 126-137.

I.CAZZANIGA, Nosside, nome aristocratico per la poetessa di Locri?, ASNP 2, 1972, 173-176.

A.DE FRANCISCIS, Stato e società in Locri Epizefirii. L’archivio dell’Olympieion locrese, Napoli 1972.

C.GALLAVOTTI, L’epigramma biografico di Nosside come esempio di critica testuale, in: Studi filologici e storici in onore di Vittorio De Falco, Napoli 1971, 241-250.

M.GUARDUCCI, Cibele in un’epigrafe arcaica di Locri Epizefiri, Klio 52, 1970, 133-138.

S.PEMBROKE, Locres et Tarente: le rôle des femmes dans la fondation de deux colonies grecques, Annales(ESC) 25, 1970, 1240-1267.

P.VIDAL NAQUET, Esclavage et gynécocratie dans la tradition, le mythe, l’utopie, in: Recherches sur les structures sociales dans l’Antiquité classique, Colloque du CNRS, Caen, 25-26 avril 1969, Paris 1970, 63-80.

G.MADDOLI, Pitagora a Locri in Dicearco: un aneddoto di ortodossia politica pitagorica, Annali della Facoltà di Lettere dell’Università di Lecce 5, 1969-1971, 53-62 [= in: G.MADDOLI, Magna Grecia. Tradizioni, culti, storia, a cura di A.M.Biraschi – M.Nafissi – F.Prontera, Perugia 2013, 239-244].
L’A. analizza la tradizione relativa alla prima fase delle persecuzioni antipitagoriche, di cui siamo informati tramite Dicearco in Porfirio (VP 56). Il problema verte sul tentativo di Pitagora, in fuga da Crotone, di essere accolto a Locri, dopo essere stato cacciato da Caulonia e prima di essere respinto anche da Taranto. La notizia ha suscitato più di una perplessità, in quanto non si capirebbe per quale ragione Pitagora avrebbe cercato di trovare ospitalità a Locri, città retta da un governo aristocratico, come lo era del resto Crotone, da cui era stato appunto allontanato. In realtà, secondo quanto riportato da Aristosseno (frr. 33-41), gli insegnamenti di Pitagora prescrivevano che i giovani dovessero rispettare e osservare senza riserve le leggi della città, e non si capisce – osserva l’A. – la ragione dietro il rifiuto di ospitalità opposto al filosofo da città che, rette da aristocrazie, non dovevano essere insensibili alle implicazioni etiche, politiche e sociali della sua predicazione, di indubbia connotazione aristocratica e conservatrice. L’A. propone di attribuire la tradizione alla cerchia pitagorica di una polis magnogreca (forse, anche se non necessariamente, la stessa Locri). Elaborata tra la seconda metà del V e gli inizi del IV sec. a.C., in un momento di avvicendamenti costituzionali nelle città magnogreche, la tradizione avrebbe avuto un valore didattico, volto a dimostrare l’assoluta intangibilità delle istituzioni politiche, anche di quelle aristocratiche, che la predicazione pitagorica, sebbene connotata in senso conservatore, avrebbe potuto comunque mettere in discussione. L’aneddoto sarebbe dunque esemplificativo di un pitagorismo magnogreco ormai ridotto ad una precettistica legalistica e formale del tutto avulsa dalle sue originarie motivazioni etiche e dottrinali. [J. Piccinini]

C.VENTURINI, La repressione degli abusi dei magistrati romani ai danni delle popolazioni soggette fino alla lex Calpurnia del 149 a.C., BIDR 72, 1969, 19-87.

B.VIRGILIO, I πρόξενοι testimoni in alcuni documenti epigrafici di Magna Grecia, BIDR 11, 1969, 9-17 [= ID., Epigrafia e storiografia. Studi di Storia Antica, I, Pisa 1988, 13-22].

F.MOSINO, Nosside e Leonida, Klearchos 9, 1967, 183-186.

D.ASHERI, Distribuzioni di terre e legislazione agraria nella Locride occidentale, JJP 15, 1965, 313-328.

A.DE FRANCISCIS, L’archivio del tempio di Zeus a Locri, Klearchos 7, 1965, 21-36.

A.DE FRANCISCIS, L’archivio del tempio di Zeus a Locri, Klearchos 6, 1964, 73-95.

D.ASHERI, Laws of Inheritance, Distribution of Land and Political Constitutions in Ancient Greece, Historia 12, 1963, 1-21.

A.DE FRANCISCIS, L’archivio del tempio di Zeus a Locri, Klearchos 4, 1962, 66-83.

A.DE FRANCISCIS, L’archivio del tempio di Zeus a Locri, Klearchos 3, 1961, 17-41.

E.BARILLARO, Il porto di Locri Epizephyrii, Corigliano Calabro 1959.

P.ZANCANI MONTUORO, La teogamia di Locri Epizefiri, in: Atti del I Congresso storico calabrese, Cosenza, 15-19 settembre 1954, Roma 1957, 29-54.

L.LERAT, Les Locriens de l’Ovest, II. Histoire, institutions, prosopographie, Paris 1952.

F.SBORDONE, Le pergamene vaticane “de eligendis magistratibus”, PP 3, 1948, 280-291.

W.ALY, Fragmentum Vaticanum de eligendis magistratibus, Città del Vaticano 1943.

M.MÜHL, Die Gesetze des Zaleukos und Charondas, Klio 22, 1929, 105-124; 432-463.

V.CASAGRANDI, Caulonia e i suoi rapporti con Crotone e con Locri, Archivio storico della Sicilia orientale, 1920, 419-429.


LUCERA

M.CHELOTTI, Rilettura di CIL, IX 801 (Luceria), in: M.L.Caldelli – G.L.Gregori (eds.), Epigrafia e ordine senatorio 30 anni dopo, Actes de la XIXe Rencontre franco-italienne sur l’épigraphie du monde romain, tenu à Rome du 21 au 23 mars 2013, I-II, Roma 2014, 659-666.

M.L.MARCHI, Le colonie di Luceria e Venusia. Dinamiche insediative, urbanizzazione e assetti agrari, in: T.D.Stek – J.Pelgrom (eds.), Roman Republican Colonization. New Perspectives from Archaeology and Ancient History, Roma 2014, 233-253.

M.L.MARCHI, Deduzioni coloniali e interventi urbani di età augustea nella Regio II (Apulia et Calabria), Paideia 68, 2013, 327-347.

M.SILVESTRINI, Aspetti istituzionali e sociali delle colonie latine dell’Apulia e Calabria, in: M.Chelotti – M.Silvestrini (eds.), Epigrafia e territorio, politica e società. Temi di antichità romane, IX, Bari 2013, 171-191.

M.CHELOTTI, Controversia confinaria da Luceria, in: L.Lamoine – C.Berrendonner – M.Cébeillac Gervasoni (eds.), Gérer les territoires, les patrimoines et les crises. Le quotidien municipal II, Clermont-Ferrand 2012, 147-161.

L.FINOCCHIETTI, Luceria. Su alcune questioni di topografia storica del territorio, CCG 23, 2012, 7-36.

M.L.MARCHI, Villaggi, fattorie e ville. Tracce del popolamento antico nel territorio di Luceria, Archeologia Aerea 4-5, 2011, 185-190.

V.RUSSI, Viabilità e insediamenti in età romana fra Lucera e il Sannio, ASP 63, 2010, 7-27.

M.ABERSON, Le statut de l’offrande: entre pratiques «gauloises» et «romaines» de dédicace des objets, in: J. Dalaison (ed.), Espaces et pouvoirs dans l’Antiquité de l’Anatolie à la Gaule, Hommages à Bernard Rémy, Grenoble 2007, 35-48.

V.MORIZIO, Lutatii Catuli in Daunia. Una importante famiglia romana a Luceria, in: G.Paci (ed.), Contributi all’epigrafia d’età augustea, Actes de la XIIIe Rencontre franco-italienne sur l’epigraphie du monde romain, Macerata, 9-11 settembre 2005, Tivoli 2007, 443-454.

M.CHELOTTI, Note su alcune iscrizioni di Luceria, in: M.Silvestrini – T.Spagnuolo Vigorita – G. Volpe (eds.), Studi in onore di F.Grelle, Bari 2006, 61-65.

L.FINOCCHIETTI, Il territorio della Puglia tra centri indigeni, colonie e municipi romani, Archaeologiae 4, 2006, 11-163.

V.MORIZIO, I Neratii nel territorio lucerino: ancora una testimonianza, in: M.Silvestrini – T.Spagnuolo Vigorita – G. Volpe (eds.), Studi in onore di F.Grelle, Bari 2006, 165-168.

A.PARMA, Un nuovo decreto decurionale di Luceria del 327 d.C., in: M.Silvestrini – T.Spagnuolo Vigorita – G. Volpe (eds.), Studi in onore di F.Grelle, Bari 2006, 201-214.

M.CHELOTTI, Contributo per il Supplemento al CIL IX. Luceria II, in: G.Paci (ed.), Epigrafia e territorio. Politica e società, VII, Bari 2004, 99-113.

A.PETITO, Vicissitudini di un’epigrafe (CIL IX, 782 = I2 401), ZPE 147, 2004, 217-224.

D.MORLACCO, Antica viabilità di Lucera, ASP 56, 2003, 231-240.

J.-D.RODRÍGUEZ MARTÍN, Vollstreckungsprozess ohne Urteil im römischen Recht (Kommentar zur Lex Luci Lucerini), in: B.Feldner et alii (eds.), Ad Fontes. Europäisches Forum Junger Rechtshistorikerinnen und Rechtshistoriker, Wien 2001, Frankfurt am Main 2002, 319-331.
Sul procedimento esecutivo della manus iniectio pro iudicato contemplato nella lex epigrafica CIL I2, 401 = IX 782 = ILLRP 504 della colonia latina di Luceria (fondata nel 315/314 a.C.), per la quale l’A. accetta la cronologia di II sec. a.C. Si ripercorrono criticamente le differenti opinioni moderne sulla natura dell’istituto stesso, se esso in quanto pro iudicato e pertanto non necessitando di un processo e della pronuncia di una sentenza, rappresentasse un progresso o un regresso rispetto alla restante procedura processuale romana delle legis actiones [pp. 320-326]. Si evidenzia il fatto che nella lex di Luceria la manus iniectio pro iudicato trova applicazione – in base ad una previsione di legge romana o latina, forse più antica del testo che la tramanda – non nel campo privatistico di originaria appartenenza, ma pubblicistico, poiché l’interesse da tutelare è pubblico, l’attivazione del procedimento spetta a chiunque della cittadinanza, e in sostituzione del cittadino è il magistrato ad intervenire. Le ragioni della scomparsa del mezzo esecutivo diretto della manus iniectio azionato da un privato a tutela di interessi pubblici sono da imputare da un lato all’affermarsi ed al sostituirsi nel II sec.a.C. del processo formulare, dall’altro a ragioni sociali denunciate già per il III sec.a.C. da Plauto, Pers. 53-76 a proposito del redditizio “mestiere” dei quadruplatori [pp. 327-331]. [L. Cappelletti]

G.ALTRUI – A.COLUCCELLI (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001.

M.CHELOTTI, Contributo per il Supplemento al CIL IX. Luceria I, in: G.Paci (ed.), Epigrafia e territorio. Politica e società, VI, Bari 2001, 7-41.

M.C.D’ERCOLE, Lucera repubblica e il santuario di Athena Ilias, in: G.Altrui – A.Coluccelli (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001, 73-100.

R.DI BATTISTA, Ipotesi di localizzazione del teatro romano di Lucera attraverso la stratificazione urbana, in: G.Altrui – A.Coluccelli (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001, 133-150.

M.MAZZEI, Lucera in età preromana e romana. L’area urbana alla luce dei dati archeologici. Contributo preliminare, in: G.Altrui – A.Coluccelli (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001, 15-49.

E.PERUZZI, Il latino di Lucera (CIL I3 , 401), PP 56, 2001, 229-256.

F.ROSSI, Un’epigrafe inedita dall’ager lucerinus, in: G.Altrui – A.Coluccelli (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001, 106-109.

A.RUSSI, “Lanae prope nobilem tonsae Luceriam”, in: G.Altrui – A.Coluccelli (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001, 101-105.

G.VOLPE, Note per una storia del territorio di Lucera in età romana, in: G.Altrui – A.Coluccelli (eds.), Lucera antica. L’età preromana e romana, Atti del IV Convegno di Studi Storici, Lucera, 15 gennaio 1993, Lucera 2001, 51-72.

M.MARINCOLA, I Dauni e le origini di Ardea, Lucera, Roma, Roma 2000.

M.CHELOTTI, Iscrizioni monumentali latine di Venosa e Lucera, in: M.Pani (ed.), Epigrafia e territorio. Politica e società. Temi di antichità romane, 5, Bari 1999, 17-36.

M.CHELOTTI, La società in età romana attraverso la documentazione epigrafica (secc. I a.C. – III d.C.), in: E.Antonacci (ed.), Lucera. Topografia storica, archeologia, arte, Bari 1999, 71-77.

M.MAZZEI, Lucera, in: A.Gravina (ed.), Atti del 17° Convegno Nazionale sulla preistoria, protostoria, storia della Daunia, La Daunia romana. Città e territorio dalla romanizzazione all’età imperiale, San Severo, 6-8 dicembre 1996, San Severo 1999, 129-134.

M.CHELOTTI, La gens Neratia a Lucera, Taras 16, 1996, 161-165.

F.ROSSI, Un’epigrafe inedita dall’ager Lucerinus, in: A.Dell’Era – A.Russi (eds.), Vir bonus, docendi peritus. Omaggio dell’Università dell’Aquila a Giovanni Garuti, San Severo 1996, 127-138.

M.SILVESTRINI, Epigraphica. Testi inediti dell’agro di Lucera e un nuovo miliare di Massenzio della via Herculia, in: C.Stella – A.Valvo (eds.), Studi in onore di Albino Garzetti, Brescia 1996, 431-462.

E.TODISCO, Veterani a Lucera, in: G.Paci (ed.), Epigrafia e territorio. Politica e società, IV, Bari 1996, 163-187.

R.LAZZERONI, L’iscrizione di Lucera (CIL I2 401) fra osco e latino, in: R.B.Finazzi – P.Tornaghi (eds.), Lingue e culture in contatto nel mondo antico e altomedievale, Atti del VII Convegno di linguisti, Milano, 10-12 settembre 1992, Brescia 1993, 161-170 [= R.LAZZERONI, Scritti scelti, Pisa 1997, 331-344].

D.MANACORDA, La centuriazione di Lucera, in: Profili della Daunia antica. VII Ciclo di conferenze sulle più recenti campagne di scavo, Foggia 1992, 49-66.

R.LAZZERONI, Osco e latino nella lex sacra di Lucera fra competenza linguistica e valutazione metalinguistica, SSL 31, 1991, 95-111.
Sulle tracce molto significative del sostrato osco-italico nel testo latino epigrafico CIL I2, 401 = IX 782 = ILLRP 504 della colonia latina di Luceria, fondata nel 315/314 a.C. L’A. prende in considerazione le forme verbali fundatid, proiecitad e parentatid, che sono da ritenere congiuntivi latini formati con la sostituzione al morfema latino –ss– del morfema –tt- del congiuntivo perfetto osco [pp. 95-101]. L’A. si esprime a sfavore della lettura di R. Wallace (Glotta, 66, 1988), che nell’epigrafe lucerina individua oltre alle tre forme verbali anche altri oschismi – macisteratus, stircus, ium, loucarid – e ritiene questi elementi il prodotto di un apprendimento imperfetto del latino da parte di parlanti osco, i quali avrebbero trasferito in esso tratti della loro madrelingua. Secondo l’A. invece gli oschismi non sarebbero tali, ma forme latine arcaiche e rustiche/extraurbane/dialettali. In particolare le tre forme verbali sarebbero forme osche latinizzate che si motivano come “iperarcaismi di formule arcaizzanti” [pp. 102-109]. Sull’abbondare di arcaismi e dialettismi/rusticismi nella lingua delle iscrizioni giuridiche ed ufficiali romano-latine sino alla metà del I sec. a.C. [pp. 106-107]. Per la datazione dell’epigrafe si propone la fine del II sec. a.C. – inizi I sec.a.C. [pp. 110-111]. [L. Cappelletti]

M.MAZZEI, Indigeni e Romani nella Daunia settentrionale, in: J.Mertens (ed.), Comunità indigene e problemi della romanizzazione nell’Italia centro-meridionale, IV-III secolo a.C., Actes du Colloque international, Rome, 1er-3 février 1990, Bruxelles 1991, 109-124.

A.RUSSI, Attività giudiziaria ed edilizia pubblica a Luceria al tempo di Valentiniano I e Valente, Miscellanea Greca e Romana 16, 1991, 299-322.

M.C.D’ERCOLE, La stipe votiva del Belvedere a Lucera, Roma 1990.

D.MORLACCO, Le mura e le porte di Lucera, ASP 40, 1987, 171-196.

A.RUSSI, Una nuova iscrizione tardoantica da Luceria, Studi Tardoantichi 3, 1987, 247-267.

J.BODEL, Graveyards and Groves. A Study of the lex Lucerina, AJAH 11, 1986[1994], 1-133.

M.TORELLI, Aspetti storico-archeologici della romanizzazione della Daunia, in: A.Neppi Modona (ed.), La civiltà dei Dauni nel quadro del mondo italico, Atti del XIII Convegno di Studi Etruschi e Italici, Manfredonia 21-27 giugno 1980, Firenze 1984, 325-336.

M.BALICE, Iscrizione latine di Lucera, ASP 34, 1981, 3-39.

G.SUSINI, Maccius o Accius a Lucera (CIL IX, 828): una questione plautina, Studi Romagnoli 25, 1974, 291-293.

F.DE MARTINO, I «quadruplatores» nel Persa di Plauto, Labeo 1, 1955, 32-48.
Secondo l’A. in Plaut. Pers. 62-76 è riflesso lo stato del diritto romano e non ci sono trasposizioni e riferimenti al diritto attico [pp. 32-37]. Su origine e significato del termine quadruplator, che si spiega nell’ambito della storia delle azioni penali popolari: esse potevano essere intentate da qualsiasi cittadino, il quale in origine era il solo a trarre profitto dalla pena pecuniaria prevista, che quindi non andava in alcuno modo a vantaggio delll’erario pubblico [pp. 37-43]. La lex di Luceria CIL I2, 401 = IX 782 = ILLRP 504, da datare secondo l’A. nel III sec. a.C., la quale concede a chiunque la manus iniectio pro iudicato contro colui che avesse violato le norme di diritto latino (ma uniformi a quelle romane) fissate nel testo a tutela di un luogo pubblico, costituisce una delle più antiche attestazioni di azioni penali popolari promosse da privati a tutela di interessi pubblici e rese esecutive sia mediante l’uso della manus iniectio pro iudicato, coincidente con la damnatio, sia mediante multe irrogate dal magistrato [pp. 45-47]. [L. Cappelletti]