Editor: L.Cappelletti

 

Testo:

 

[ὁ δᾶμος] τῶν Ἐγεστα[ίων]

[- – – Ἀ]ρτέμωνος Ν[- – -]

[πρεσ]β̣ύτερον ἀρετᾶ[ς ἕνεκα]

 

(AMPOLO – ERDAS 2019 = ISegesta G5)

 

 

Traduzione: “[Il popolo] dei Segestani (ha onorato con questa statua) [—], figlio di Artemon, N[—], il vecchio, per il suo valore”. (L.Cappelletti)

 

Luogo di ritrovamento: Segesta, trovata nel 2006 presso il lato ovest della grande stoa nord

 

Supporto: frammento di base di statua in calcarenite (alt. 15,5 cm; larg. 25,5 cm; sp. 14,5 cm)

 

Nr.d’Inventario/Luogo di conservazione: Parco Archeologico di Segesta, Case Barbaro, magazzini, nr. SG 13969

 

Datazione: II secolo a.C. (ISegesta G5)

 

Bibliografia: EDR173188; EDCS-75400006; ISic001681 (con trad. ital. e inglese); F.CORDANO, Considerazioni sull’uso greco del terzo nome in Sicilia, in: Atti delle Seconde Giornate Internazionali di Studi sull’area elima, Gibellina, 22 – 26 ottobre 1994, Pisa 1997, 401-413; F.GHINATTI, Le organizzazioni civiche siceliote, Kokalos 46, 2000, 31-73, 59; C.AMPOLO – M.C.PARRA, Lavori pubblici e urbanistica tra storia, epigrafia e archeologia: l’agorà ellenistico-romana di Segesta, in: O.Belvedere – J.Bergemann (eds.), La Sicilia romana: città e territorio tra monumentalizzazione ed economia, crisi e sviluppo, Seminar für die Alumni des Double Degree Göttingen – Palermo, Archäologisches Institut, Universität Göttingen, 25. – 27. November 2017, Studi e Materiali 1, Palermo 2018, 201-224, 210-212; C.AMPOLO – D.ERDAS, Inscriptiones Segestanae. Le iscrizioni greche e latine di Segesta, Pisa 2019, 48, 53, 235 fig. 14 (foto).