Editor: E.A.Panciera

 

 

Testo:

 

Δι̣ί. ὁ δᾶμ[ος τῶν Ἐγεσταίων]

Ἡράκλειον Νύμφωνος Πε̣[—]

ἀρετᾶς ἕνεκα

 

(AMPOLO – ERDAS 2019 = ISegestaG3)

 

 

Traduzione: “A Zeus. Il popolo [dei Segestani] (ha onorato con questa statua) Herakleios, figlio di Nymphon, Pe[- – -], per il suo valore”. (E.A.Panciera)

 

Luogo di ritrovamento: trovata nel 1995-1997 a Segesta, area del bouleuterion, amb. I1

 

Supporto: base di statua in calcarenite (alt. 21 cm; larg. 59 cm; sp. 49 cm)

 

Nr.d’Inventario/Luogo di conservazione: Parco Archeologico di Segesta, Case Barbaro, magazzini, nr. SG 7585, IG 6040

 

Datazione: II secolo a.C. (ISegesta G3)

 

Bibliografia: EDR173186; EDCS-75400004; ISic001679 (con trad. ital. e inglese); M.DE CESARE – M.C.PARRA, Segesta. Area del “bouleuterion” (SAS 3; 1995, 1997), ASNP ser. IV, 6.2, 2001, 417-429, 418 nt. 6 fig. 138 (foto); C. AMPOLO, s.v. Segesta. Fonti epigrafiche. Novità e aggiornamenti dal 2001, in: BTCGI 18, 2010, 522-523; C.AMPOLO – D.ERDAS, Inscriptiones Segestanae. Le iscrizioni greche e latine di Segesta, Pisa 2019, 36, 46, 48, 50-51, 52-53, 82, 112, 233 figg. 10-11 (foto).